Tour de France Femmes 2022 -2022 Tour de France Femmes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Tour de France Femme 2022
2022 UCI Women's World Tour, gara 16 di 23
Mappa del percorso che mostra le tappe del Tour de France Femmes 2022, con le località di partenza e arrivo
Percorso del Tour de France Femmes 2022
Dettagli della gara
Date 24–31 luglio 2022
Fasi 8
Distanza 1.033,6 km (642,2 mi)
Tempo vincente 26h 55' 44"
Risultati
Vincitore Annemiek van Vleuten ( NED ) ( Team Movistar )
Secondo Demi Vollering ( NED ) ( SD Worx )
Terzo Katarzyna Niewiadoma ( POL ) ( Canyon-SRAM )

Punti Marianne Vos ( NED ) ( Team Jumbo-Visma )
Montagne Demi Vollering ( NED ) ( SD Worx )
Gioventù Shirin van Anrooij ( NED ) ( Trek-Segafredo )
Combattività Marianne Vos ( NED ) ( Team Jumbo-Visma )
Squadra Canyon-SRAM
2023

Il Tour de France Femmes 2022 (ufficialmente Tour de France Femmes avec Zwift ) è stata la prima edizione del Tour de France Femmes, uno dei due grandi giri del ciclismo femminile . La gara si è svolta dal 24 al 31 luglio 2022 ed è stato il 16° evento dell'UCI Women's World Tour 2022 .

La gara ha seguito anni di campagna da parte del gruppo professionistico femminile per una gara equivalente al Tour de France maschile, dopo che tentativi storici sono falliti a causa di difficoltà finanziarie, copertura mediatica limitata e problemi con i marchi. La gara è stata organizzata dalla Amaury Sport Organisation (ASO), che organizza anche il Tour de France maschile.

La gara è stata vinta da Annemiek van Vleuten del Movistar Team . All'inizio della gara, van Vleuten ha sofferto di un bug di stomaco, che le ha fatto perdere quasi un minuto ad alcuni dei suoi rivali per la maglia gialla . Alla fine è stata in grado di riprendersi quando la gara ha raggiunto le montagne. Nella settima tappa, van Vleuten ha attaccato sulla prima salita, prima di guidare da solo per gli ultimi 60 chilometri (37 miglia) per vincere la tappa per più di tre minuti, passando alla maglia gialla nel processo. Ha confermato la sua vittoria vincendo la sua seconda tappa consecutiva il giorno successivo, che è finita in cima a La Super Planche des Belles Filles . Il secondo posto è andato a Demi Vollering dell'SD Worx, che è arrivata seconda dietro a van Vleuten in entrambe le tappe di montagna consolidando il suo posto nella classifica generale (GC). Il podio è stato completato da Katarzyna Niewiadoma di Canyon–SRAM . Ha ottenuto una prestazione costante durante le prime sei tappe, guadagnando tempo su alcune delle sue rivali per il podio prima di finire tra le prime cinque in entrambe le tappe di montagna per sigillare il suo posto sul podio.

Nelle altre classifiche della gara, Marianne Vos del Team Jumbo–Visma ha vinto la classifica a punti. Ha concluso tra i primi cinque in ciascuna delle prime sei fasi, ottenendo due vittorie di tappa nel processo. Vos ha anche tenuto la maglia gialla dalla seconda alla sesta fase. Oltre a finire secondo in classifica generale, Vollering ha anche vinto la maglia a pois come vincitore della classifica Queen of the Mountains (QoM). Shirin van Anrooij di Trek–Segafredo ha preso la maglia bianca come vincitrice della classifica dei giovani, che è stata assegnata al miglior pilota della classifica generale di età inferiore ai 23 anni. Canyon–SRAM ha vinto la classifica a squadre come la squadra con il totale più basso tempo tra i loro tre corridori meglio piazzati. Vos ha anche vinto il premio super-combattimento da aggiungere alla sua maglia verde e due vittorie di tappa.

Nel complesso, la gara è stata molto apprezzata dal pubblico, dai media, dai team e dai corridori, con un grande pubblico e un'elevata audience televisiva. Come primo Tour de France ufficiale femminile dal 1989, la gara ha goduto di una notevole copertura mediatica in tutto il mondo. Il direttore di gara Marion Rousse ha notato che c'è spazio per miglioramenti nelle edizioni future e nel ciclismo femminile più in generale.

Squadre

Alla gara hanno partecipato 24 squadre. Tutti i 14 UCI Women's WorldTeams sono stati automaticamente invitati. Sono state raggiunte da 10 squadre continentali femminili UCI: le tre migliori squadre continentali femminili UCI 2021 ( Ceratizit – WNT Pro Cycling, Parkhotel Valkenburg e Valcar – Travel & Service ) hanno ricevuto un invito automatico e le altre sette squadre sono state selezionate da Amaury Sport Organization (ASO), gli organizzatori del Tour. Le squadre sono state annunciate il 30 marzo 2021. 144 corridori hanno iniziato la gara, di 25 nazionalità, con la percentuale più alta degli olandesi (20% del gruppo).

UCI Women's WorldTeams

Squadre continentali femminili UCI

Percorso e tappe

Nell'ottobre 2021 il percorso è stato annunciato dal direttore di gara Marion Rousse . Comprendeva otto tappe in otto giorni di gare (poiché non c'era giorno di riposo come nelle gare a tappe più lunghe), per un totale di 1.033 chilometri (642 miglia). La gara è iniziata con una tappa sugli Champs-Élysées, lo stesso giorno in cui si è concluso il tour maschile . Il percorso includeva tratti di ghiaia nei vigneti della Champagne, tappe nelle montagne dei Vosgi (inclusa la più lunga, tappa 5, di 175,6 km (109,1 mi)) e un arrivo in vetta a La Super Planche des Belles Filles . Il percorso è stato accolto favorevolmente dal gruppo di professionisti e da attivisti come Kathryn Bertine . Anche la durata complessiva dell'evento è stata accolta con accordo, con alcune squadre che hanno notato che "non hanno ancora lo staff o i numeri ... per un evento di tre settimane".

Il percorso stesso richiedeva una deroga da parte dell'Union Cycliste Internationale, poiché le gare del WorldTour femminile hanno una lunghezza massima della tappa di 160 chilometri (99 miglia) e una durata massima della gara di sei giorni. Queste restrizioni sono state criticate dal gruppo di professionisti e dagli attivisti come "sessiste".

Caratteristiche sceniche
Palcoscenico Data Corso Distanza Tipo Vincitore
1 24 luglio Parigi ( Tour Eiffel ) agli Champs-Élysées 81,6 km (50,7 mi) Palcoscenico piatto Lorena Wiebes ( NED )
2 25 luglio Meaux a Provins 136,4 km (84,8 mi) Fase collinare Marianne Vos ( NED )
3 26 luglio Reims a Épernay 133,6 km (83,0 mi) Fase collinare Cecilie Uttrup Ludwig ( DEN )
4 27 luglio Troyes a Bar-sur-Aube 126,8 km (78,8 mi) Tappa di media montagna Marlen Reusser ( SUI )
5 28 luglio Da Bar-le-Duc a Saint-Dié-des-Vosges 175,6 km (109,1 mi) Palcoscenico piatto Lorena Wiebes ( NED )
6 29 luglio Saint-Dié-des-Vosges a Rosheim 129,2 km (80,3 miglia) Fase collinare Marianne Vos ( NED )
7 30 luglio Selestat a Le Markstein 127,1 km (79,0 mi) Fase di montagna Annemiek van Vleuten ( NED )
8 31 luglio Esca per La Super Planche des Belles Filles 123,3 km (76,6 miglia) Fase di montagna Annemiek van Vleuten ( NED )
Totale 1.033,6 km (642,2 mi)

Panoramica della gara

Prima della gara, Annemiek van Vleuten, Elisa Longo Borghini, Ashleigh Moolman, Cecilie Uttrup Ludwig, Marta Cavalli e Katarzyna Niewiadoma sono stati tutti nominati come favoriti pre-gara per la classifica generale, con Lorena Wiebes ed Elisa Balsamo in testa alla classifica a punti. Il field di 144 è stato descritto come "pieno di talento", con la partecipazione dei primi 28 corridori della classifica UCI.

La copertura mediatica prima dell'evento è stata molto positiva, definendo la gara un "momento storico per il ciclismo femminile" e un "cambio di gioco". Tuttavia, ci sono state alcune critiche riguardo al montepremi di 250.000 euro (rispetto ai 2,2 milioni di euro per la gara maschile). I corridori della Cyclists Alliance (un'unione che rappresenta il gruppo femminile) hanno affermato che la copertura televisiva in diretta per le gare era la loro priorità più grande, piuttosto che un premio in denaro. L'ASO, l'organizzatore della gara, ha notato che il montepremi era maggiore delle gare maschili di lunghezza simile, come il Critérium du Dauphiné .

Fasi iniziali

Vincitrice delle tappe 2 e 6, Marianne Vos

Si è svolta all'inizio dello stesso giorno della tappa finale del Tour maschile, la tappa 1 della gara è iniziata sotto la Torre Eiffel a Parigi, prima che i corridori affrontassero otto giri di un circuito intorno agli Champs-Élysées . In uno sprint, Lorena Wiebes ( Team DSM ) ha superato Marianne Vos ( Jumbo–Visma ) conquistando la prima maglia gialla della gara, così come la maglia verde della classifica a punti. La tappa 2 a Provins è stata segnata da più incidenti negli ultimi 30 chilometri (19 miglia), con Marta Cavalli ( FDJ Suez Futuroscope ), una delle favorite per la maglia gialla, che ha dovuto abbandonare la gara di conseguenza. Anche un'altra favorita pre-gara, Annemiek van Vleuten ( Movistar Team ), è arrivata sul punto di abbandonare la gara dopo aver sofferto di un mal di stomaco e non essere stata in grado di mangiare o bere. In finale, Vos ha superato un piccolo gruppo per prendere le maglie gialloverdi.

La fase 3 si è svolta su terreno ondulato, con un anello finale a Épernay . Sulla Côte de Mutigny, il gruppo si è diviso con un gruppo selezionato di sette corridori contenente la maggior parte dei contendenti della classifica generale (GC) che sono partiti in testa. Sulla ripida salita finale al traguardo, Cecilie Uttrup Ludwig ( FDJ Suez Futuroscope ) ha superato il gruppo per prendere la tappa, con la classifica QoM ora guidata da Femke Gerritse ( Parkhotel Valkenburg) .

La tappa 4 a Bar-sur-Aube è stata un'altra tappa collinare, ma ha coinvolto anche quattro settori di ghiaia ( chemin blanc ) nella metà finale della tappa. Diversi corridori tra cui Katarzyna Niewiadoma ( Canyon–SRAM ), Elisa Longo Borghini ( Trek–Segafredo ), Uttrup Ludwig e van Vleuten hanno subito forature e altri meccanici, ma la maggior parte di loro è riuscita a rientrare nel gruppo e non perdere tempo. Tuttavia, Mavi García ( UAE Team ADQ ) è stata investita dall'auto della sua stessa squadra mentre inseguiva un meccanico, facendole perdere un minuto e mezzo. Con circa 23 chilometri (14 miglia) rimanenti, Marlen Reusser ( SD Worx ) ha attaccato, cavalcando da solo per vincere la tappa di quasi un minuto e mezzo.

Proseguendo verso est attraverso la Francia, la tappa 5 fino a Saint-Dié-des-Vosges è stata la più lunga del calendario del Women's WorldTour con una lunghezza di 175,6 chilometri (109,1 miglia). Con circa 45 chilometri (28 miglia) rimasti, un incidente nel gruppo ha abbattuto diversi corridori, con Emma Norsgaard ( Movistar Team ) che ha dovuto abbandonare. Nello sprint finale, Wiebes ha ottenuto la sua seconda vittoria di tappa su Balsamo e Vos. In classifica generale, Vos ha mantenuto la maglia gialla, estendendo il suo vantaggio a 20 secondi grazie ai secondi bonus. La tappa 6 a Rosheim è stata una tappa collinare, con quattro salite classificate e un'altra salita con secondi bonus in cima. Durante la discesa della penultima salita, un piccolo gruppo composto da Wiebes e Lotte Kopecky (SD Worx) è caduto durante la discesa, con tutte le persone coinvolte che hanno terminato la tappa. La fuga iniziale è stata catturata negli ultimi chilometri, con la vittoria di tappa che si è ridotta a uno sprint di gruppo. Vos ha superato Marta Bastianelli ( UAE Team ADQ ) e Kopecky vincendo la sua seconda tappa della gara. In classifica generale, Vos ha esteso il suo vantaggio grazie ai dieci secondi bonus guadagnati per la vittoria di tappa mentre la gara si dirigeva verso le montagne.

Fasi di montagna

Annemiek van Vleuten sul suo attacco da solista per la maglia gialla nella fase 7

Le tappe 7 e 8 si sono svolte sulle montagne dei Vosgi a Grand Est, con cinque salite di categoria 1 nei due giorni e due arrivi in ​​vetta.

La tappa 7 aveva 3.000 metri (9.800 piedi) di arrampicata verticale incluso il Grand Ballon ed era considerata la tappa regina della gara. Sulla prima salita della giornata, Vos in maglia gialla è stato eliminato, assicurandosi che la maglia gialla sarebbe passata di mano alla fine della giornata. Nel frattempo, Wiebes ha abbandonato la gara, in seguito al suo incidente nella fase 6. Con 86 chilometri (53 miglia) ancora da percorrere, la gara è esplosa quando van Vleuten ha lanciato un attacco al Petit Ballon, con solo Demi Vollering ( SD Worx ) in grado di seguirlo la sua mossa. Dietro di loro si formò un gruppo di inseguimenti con la maggior parte degli altri contendenti del GC . Sulla seconda salita della giornata, il Col du Platzerwasel, van Vleuten ha lasciato Vollering a un chilometro dalla cima. Sulla salita finale del Grand Ballon, il vantaggio di van Vleuten su Vollering è aumentato a quasi quattro minuti. Van Vleuten ha perso un po' di tempo contro Vollering nella sezione finale del plateau, ma ha comunque vinto la tappa dominante, 3' 26" davanti a Vollering, che ha preso la maglia a pois come leader della classifica QoM . In GC, Van Vleuten ha conquistato la maglia gialla, più di tre minuti di vantaggio su Vollering mentre Katarzyna Niewiadoma ( Canyon–SRAM ) ha completato il podio a quattro minuti e mezzo di ritardo. Nonostante abbia perso la maglia gialla, Vos ha continuato a detenere la maglia verde.

Piloti sulla tappa 8 a Plancher-les-Mines

La tappa 8 è stata la seconda tappa di montagna del Tour, con tre salite classificate. La salita finale a La Super Planche des Belles Filles era lunga 7 chilometri (4,3 miglia) con una media dell'8,7%. Proprio come la tappa 7 dell'edizione maschile, l'ultimo chilometro presentava un tratto di ghiaia esteso con pendenze fino al 24%. Sulla prima salita non era stata stabilita alcuna pausa e Vollering è stata in grado di prendere il massimo dei punti per aumentare il suo vantaggio nella classifica QoM . A 57 chilometri (35 miglia) dalla fine, la maillot jaune, van Vleuten ha subito un intervento meccanico. SD Worx e Trek–Segafredo hanno presto alzato il ritmo nel gruppo, con van Vleuten costretto a inseguire uno svantaggio di quasi un minuto. Dopo un po', van Vleuten alla fine è tornato al gruppo proprio ai piedi della seconda salita, il Ballon d'Alsace. Durante la salita, van Vleuten ha apportato altri quattro cambi di bici, ma ogni volta è tornata rapidamente al gruppo. Sulla salita finale a La Super Planche des Belles Filles, van Vleuten ha attaccato dal gruppo a 6 chilometri (3,7 miglia) dalla fine. Ha superato i resti della fuga mentre Vollering è andato all'inseguimento del leader della corsa. Proprio come il giorno precedente, dietro il duo si è formato un gruppo di inseguitori di contendenti al GC . Van Vleuten ha gradualmente esteso il suo vantaggio su Vollering verso il traguardo mentre ha ottenuto la sua seconda vittoria di tappa consecutiva, sigillando il titolo del Tour nel processo. Vollering ha chiuso con 30 secondi di svantaggio confermando anche la sua vittoria nella classifica QoM .

Riepilogo

Annemiek van Vleuten con la maglia gialla (al centro), Marianne Vos con la maglia verde (a destra) e Demi Vollering con la maglia a pois (a sinistra)

Nella classifica generale finale, Annemiek van Vleuten ( Movistar Team ) ha vinto il Tour de France Femmes con un vantaggio su Demi Vollering ( SD Worx ) di quasi quattro minuti mentre Katarzyna Niewiadoma è stata terza a oltre sei minuti e mezzo di svantaggio. Vollering ha vinto la classifica delle montagne mentre Marianne Vos ( Team Jumbo–Visma ) e Shirin van Anrooij (Trek–Segafredo) hanno vinto rispettivamente la classifica a punti e quella giovani. La classifica a squadre è stata vinta da Canyon-SRAM come la squadra con il tempo complessivo più basso tra i tre corridori meglio piazzati, mentre il premio per la super-combattibilità è stato vinto da Marianne Vos. Su 144 partenti, 109 hanno terminato l'evento.

La copertura mediatica mondiale ha elogiato l'evento, con la CNN che ha definito la gara una "rinascita" e Cycling Weekly ha affermato che la gara è stata un "grande passo per lo sport femminile". Il direttore di gara Marion Rousse ha dichiarato che "è un vero e proprio Tour de France, con la carovana, la folla, i cartelli, le bandiere" e la co-fondatrice di Le Tour Entier Kathryn Bertine affermando che si trattava di una "edizione meravigliosa". I corridori hanno anche elogiato l'evento, con Katarzyna Niewiadoma che ha notato che è stata una delle gare più difficili a cui ha preso parte il gruppo femminile, e la quarta classificata assoluta Juliette Labous ( Team DSM ) ha spiegato di essere rimasta sorpresa dalla grande folla, affermando "L'ho fatto Non mi aspettavo così tanto, sapevo che ci sarebbero state molte persone ma non mi aspettavo così tanto".

Sono stati discussi anche i futuri miglioramenti della gara, tra cui l'aumento dei corridori in ogni squadra, più giorni di gare (tra cui una cronometro individuale e tappe sulle Alpi o sui Pirenei ) e una maggiore sponsorizzazione. È stato anche notato che era ancora necessario del lavoro per migliorare la profondità competitiva e il "modello economico" del gruppo femminile.

Leadership di classificazione

Classificazione leadership per stadio
Palcoscenico Vincitore Classificazione generale
Maglia gialla.svg
Classifica a punti
Maglia verde.svg
Classificazione delle montagne
Jersey a pois.svg
Classifica giovani corridori
Jersey bianco.svg
Classifica a squadre
Maglia gialla numero.svg
Premio alla combattività
Maglia rossa numero.svg
1 Lorena Wiebes Lorena Wiebes Lorena Wiebes Femke Markus Maike van der Duin Canyon-SRAM Gladys Verhulst
2 Marianne Vos Marianne Vos Marianne Vos Maike van der Duin
3 Cecilie Uttrup Ludwig Femke Gerritse Julie De Wilde Alena Amaliiusik
4 Marlen Reusser SD Worx Marlen Reusser
5 Lorena Wiebes Vittoria Berteau
6 Marianne Vos Julia Borgström Marie Le Net
7 Annemiek van Vleuten Annemiek van Vleuten Demi Vollering Shirin van Anrooij Canyon-SRAM Annemiek van Vleuten
8 Annemiek van Vleuten Mavi Garcia
Finale Annemiek van Vleuten Marianne Vos Demi Vollering Shirin van Anrooij Canyon-SRAM Marianne Vos

Classifica finale

Leggenda
Maglia gialla.svg Denota il leader della classifica generale Jersey a pois.svg Denota il leader della classifica Montagne
Maglia verde.svg Denota il leader della classifica a punti Jersey bianco.svg Denota il leader della classifica Young rider (under 23).
Maglia gialla numero.svg Indica il leader della classifica a squadre Maglia rossa numero.svg Denota il vincitore del premio Combativity

Classificazione generale

Classifica generale finale (1–10)
Rango Cavaliere Squadra Volta
1 Annemiek van Vleuten ( NED ) Maglia gialla.svg Squadra Movistar 26h 55' 44"
2 Demi Vollering ( NED ) Jersey a pois.svg SD Worx + 3' 48"
3 Katarzyna Niewiadoma ( POL ) Maglia gialla numero.svg Canyon-SRAM + 6' 35"
4 Juliette Labous ( FRA ) Squadra DSM + 7' 28"
5 Silvia Persico ( ITA ) Valcar–Viaggi e servizi + 8' 00"
6 Elisa Longo Borghini ( ITA ) Trek-Segafredo + 8' 26"
7 Cecilie Uttrup Ludwig ( DEN ) FDJ Suez Futuroscope + 8' 59"
8 Évita Muzic ( FRA ) FDJ Suez Futuroscope + 13' 54"
9 Veronica Ewers ( Stati Uniti ) EF Education–Tibco–SVB + 15' 05"
10 Mavi Garcia ( ESP ) Squadra degli Emirati Arabi Uniti ADQ + 15' 15"

Classifica a punti

Classifica finale a punti (1–10)
Rango Cavaliere Squadra Punti
1 Marianne Vos ( NED ) Maglia verde.svg Maglia rossa numero.svg Team Jumbo-Visma 272
2 Lotte Kopecky ( BEL ) SD Worx 174
3 Maria Giulia Confalonieri ( ITA ) Ceratizit – WNT Pro Cycling 127
4 Silvia Persico ( ITA ) Valcar–Viaggi e servizi 106
5 Demi Vollering ( NED ) Jersey a pois.svg SD Worx 104
6 Elisa Longo Borghini ( ITA ) Trek-Segafredo 104
7 Katarzyna Niewiadoma ( POL ) Maglia gialla numero.svg Canyon-SRAM 97
8 Elisa Balsamo ( ITA ) Trek-Segafredo 85
9 Cecilie Uttrup Ludwig ( DEN ) FDJ Suez Futuroscope 77
10 Annemiek van Vleuten ( NED ) Maglia gialla.svg Squadra Movistar 76

Classificazione delle montagne

Classifica finale delle montagne (1–10)
Rango Cavaliere Squadra Punti
1 Demi Vollering ( NED ) Jersey a pois.svg SD Worx 42
2 Annemiek van Vleuten ( NED ) Maglia gialla.svg Squadra Movistar 38
3 Katarzyna Niewiadoma ( POL ) Maglia gialla numero.svg Canyon-SRAM 15
4 Elisa Longo Borghini ( ITA ) Trek-Segafredo 14
5 Mavi Garcia ( ESP ) Squadra degli Emirati Arabi Uniti ADQ 11
6 Pauliena Rooijakkers ( NED ) Maglia gialla numero.svg Canyon-SRAM 11
7 Grace Brown ( AUS ) FDJ Suez Futuroscope 10
8 Femke Gerritse ( NED ) Parkhotel Valkenburg 9
9 Silvia Persico ( ITA ) Valcar–Viaggi e servizi 8
10 Juliette Labous ( FRA ) Squadra DSM 6

Classifica giovani corridori

Classifica finale giovani corridori (1–10)
Rango Cavaliere Squadra Volta
1 Shirin van Anrooij ( NED ) Jersey bianco.svg Trek-Segafredo 27h 21' 34"
2 Mischa Bredewold ( NED ) Parkhotel Valkenburg + 5' 41"
3 Julia Borgström ( SW ) AG Assicurazioni – NXTG + 16' 43"
4 Vittoria Guazzini ( ITA ) FDJ Suez Futuroscope + 23' 48"
5 Marie Le Net ( FRA ) FDJ Suez Futuroscope + 27' 35"
6 Julie De Wilde ( BEL ) Plantur-Pura + 28' 14"
7 Pfeiffer Georgi ( GBR ) Squadra DSM + 31' 54"
8 Magdeleine Vallieres ( CAN ) EF Education–Tibco–SVB + 38' 29"
9 Henrietta Christie ( NZL ) Salute alimentata dall'uomo + 35' 14"
10 Vittoria Berteau ( FRA ) Cofidi + 38' 54"

Classifica a squadre

Classifica finale a squadre (1–10)
Rango Squadra Volta
1 Canyon-SRAM Maglia gialla numero.svg 81h 27' 09"
2 FDJ Suez Futuroscope + 14' 19"
3 Trek-Segafredo + 24' 34"
4 SD Worx + 32' 09"
5 Squadra Movistar + 33' 24"
6 Team BikeExchange–Jayco + 52' 32"
7 Squadra DSM + 54' 59"
8 Team Jumbo-Visma + 58' 00"
9 Squadra degli Emirati Arabi Uniti ADQ + 1h 00' 59"
10 EF Education–Tibco–SVB + 1h 15' 37"

Trasmissione

Grandi folle hanno salutato il Tour

La copertura televisiva in diretta è stata fornita da France Télévisions in collaborazione con l' European Broadcasting Union . Ci sono state oltre 22 ore di copertura in diretta sugli 8 palchi, con alcuni spettatori che hanno chiesto che la copertura televisiva in diretta fosse ampliata per comprendere l'intera lunghezza del palco. La gara è stata trasmessa in tutto il mondo, anche su Peacock della NBC negli Stati Uniti, su Eurosport in tutta Europa e da una varietà di emittenti nazionali come France 3, RTVE e SBS .

Dopo l'evento, le emittenti hanno riportato cifre di ascolto elevate. In Francia, France 3 ha registrato una media di 2,25 milioni di spettatori nelle otto fasi (una quota di ascolto del 26%) e un picco di 5,1 milioni di spettatori nella parte finale della fase 8 (una quota di ascolto del 45%). Questo è poco meno della metà del pubblico del tour maschile. Nei Paesi Bassi, nelle ore di punta è stata segnalata una quota di ascolto del 45%. Eurosport ha registrato una portata di oltre 14 milioni in tutta Europa.

Riferimenti

link esterno