Azione di fallimento -Action of Faial

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Azione di Fallimento
Parte della guerra anglo-spagnola
Ilha do Faial vista da Madalena do Pico, ilha do Pico, Azzorre, Portogallo.JPG
Faial Island, al largo della quale l'azione è stata combattuta
Data 22–23 giugno 1594
Posizione
Al largo dell'isola di Faial, Azzorre, Oceano Atlantico
Risultato vittoria inglese
belligeranti

Spagna Unione Iberica

Inghilterra Inghilterra
Comandanti e leader
Francisco de Melo Canaveado Conte di Cumberland
Forza
1 caracca da 2.000 tonnellate,
700 uomini
3 galeoni da 250–300 tonnellate
420 marinai
Vittime e perdite
1 caracca distrutta
600 morti o feriti
13 sopravvissuti/catturati
60 morti o feriti (35 morti in un'esplosione)

L' azione di Faial o la battaglia dell'isola di Faial fu uno scontro navale che ebbe luogo il 22-23 giugno 1594 durante la guerra anglo-spagnola in cui la grande e ricca caracca portoghese da 2.000 tonnellate Cinco Chagas fu distrutta da una flotta inglese dopo un lungo e aspra battaglia al largo dell'isola di Faial nelle Azzorre . La caracca, che si dice fosse una delle più ricche mai salpate dalle Indie, andò perduta in un'esplosione che negò le ricchezze agli inglesi, oltre che ai portoghesi e agli spagnoli.

Sfondo

In virtù dell'Unione iberica, il Trattato anglo-portoghese del 1373 era sospeso e, poiché la guerra anglo-spagnola era ancora in corso, la navigazione portoghese era un obiettivo equo per la marina e i corsari inglesi . Alla fine del 1593 il conte di Cumberland, sperando di capitalizzare il successo della cattura della Madre de Deus ; preparò a proprie spese tre navi da 250 a 300 tonnellate, con due ponti di artiglieria ciascuno e un totale di 420 marinai e soldati. Questi erano il Royal Exchange, di proprietà di London Merchants, William Holliday, Thomas Cordell e William Garraway e di cui George Cave era capitano, il Mayflower -Vice ammiraglio al comando di William Anthony, e il Sampson, sotto Nicholas Downton . C'era anche un pinnace di supporto, il Violet .

George Clifford, 3° Conte di Cumberland

Il 6 aprile 1594 salparono da Plymouth, diretti alle Azzorre . Durante il viaggio vagarono per le coste del Portogallo e della Spagna, catturando un certo numero di navi. Al largo di Viana do Castelo, in Portogallo, una barca da 28 tonnellate è stata catturata mentre si dirigeva verso l'Angola portoghese . Vicino alle isole di Berlengas furono prese altre tre caravelle portoghesi e spagnole, una delle quali aveva dodici mozziconi di vino spagnolo e un'altra una piccola cassa d'argento. Questi furono rimandati in Inghilterra con equipaggi premiati a bordo della Violet mentre il resto della flotta continuò verso le Azzorre. Speravano di evitare la flotta spagnola di Alonso de Bazán che era alla ricerca di Cumberland, dopo la sua incapacità di intercettarlo due anni prima.

Il 22 giugno 1594, mentre si avvicinavano all'isola di Faial, il Mayflower vide presto una grande vela avvicinarsi e si rese conto che si trattava di un'enorme caracca portoghese.

La caracca era la Cinco Chagas ( "Cinque ferite" ) ed era una caracca di trentadue cannoni da 2000 tonnellate che era partita da Goa diretta in Portogallo nel 1593, sotto il comando di Francisco de Mello, uno dei "più grandi naufraghi che fossero mai stati in il Carreira, carico di grandi ricchezze e pietre preziose e tutto il meglio dell'India".

Il resto della flotta era composto dal Santo Alberto e dalla Nossa Senhora da Nazareth . Tuttavia il Santo Alberto e il Nazareth avevano avuto perdite fatali e si erano arenati sulle coste del Mozambico . I Cinco Chagas presero a bordo quel carico in diamanti e altre gemme preziose che era stato recuperato dalle due navi perdute, così come i loro 400 passeggeri e membri dell'equipaggio, di cui 230 schiavi . Tra loro c'erano anche due VIP : Nuno Velho Pereira, l'ex governatore coloniale del Mozambico, e Dom Braz Correia, il capitano della flotta di ritorno dalle Indie. I Chaga fecero scalo a Luanda, nell'Angola portoghese, per rifornimenti, dove presero a bordo più schiavi che costituivano più bocche da sfamare. Quando i Chagas raggiunsero le Azzorre, la malattia aveva reclamato quasi la metà del complemento, molti dei quali erano donne e bambini, e gran parte del cibo era già stato gettato in mare per alleggerire la nave durante le tempeste al largo del Sud Africa . La caracca tentò di raggiungere l'isola di Corvo per ricostituire queste vettovaglie perdute, ma i venti contrari glielo proibirono, e così virò verso Faial. Subito dopo, tuttavia, le vedette di Chagas avvistarono le navi inglesi e si prepararono alla battaglia.

Battaglia

A mezzogiorno tutte e quattro le navi si scambiarono bordate e raffiche di moschetti in una battaglia che durò quasi un giorno intero. Le navi inglesi tentarono di salire a bordo della Cinco Chagas ma furono respinte dal numero maggiore di portoghesi. Poiché le vittime aumentavano su entrambi i lati, i ponti della caracca erano ingombra di morti e feriti.

La battaglia continuò con gli inglesi che tentarono di salire a bordo della nave tre volte. Tutti e tre i tentativi, tuttavia, furono respinti dai portoghesi, combattendo coraggiosamente sapendo che le ricchezze erano troppo grandi per essere perse. Il capitano della Mayflower George Cave è stato ucciso, il che ha scoraggiato i suoi uomini dall'attaccare. L'equipaggio della Sampson fu respinto con perdite e i combattimenti continuarono per diverse ore con le quattro navi ormeggiate l'una all'altra. Poco dopo, le altre due navi, avendo perso la speranza di dominare Chagas, andarono alla deriva e Nicholas Downton fu gravemente ferito e William Antony in seguito fu ferito a morte.

Tipica caracca portoghese durante la maggior parte del XVI secolo. Alla fine del XVI secolo, il Cinco Chagas era già diverso da questo design.

Tuttavia, dopo aver notato che Cinco Chagas non aveva cannoni a poppa, con un'abile manovra gli inglesi tornarono all'attacco concentrando il fuoco sul pannello di poppa della nave portoghese. La Royal Exchange ha effettuato un altro attacco di abbordaggio questa volta riuscendo a trasportare la nave dopo aspri combattimenti. Mentre erano in corso pesanti combattimenti corpo a corpo, un incendio era scoppiato su un telone durante lo scambio di fuoco e si era poi propagato ulteriormente al sartiame e agli alberi. L'incendio non poteva essere spento perché i cecchini a bordo delle navi inglesi stavano prendendo i portoghesi uno per uno mentre cercavano di manovrare le pompe.

Secondo l'unico resoconto di un testimone oculare disponibile, scritto da Melchior Estácio do Amaral nel 1604:

il mare era viola di sangue che gocciolava dagli ombrinali, i ponti erano ingombra di morti e il fuoco infuriava in alcune parti delle navi, e l'aria così piena di fumo che, non solo a volte non potevamo vederci ma non potevamo riconoscersi.

Vedendo il fuoco diffondersi fuori controllo e con gli inglesi che prendevano il sopravvento, i portoghesi decisero di abbandonare la nave, afferrando tutto ciò che poteva galleggiare. Allo stesso tempo gli inglesi vennero tra loro su alcune barche armate e iniziarono a sparare oa lanciare in acqua i portoghesi indifesi. Divenne evidente che le uniche persone a cui era stato risparmiato questo macello erano donne che si stavano spogliando dei vestiti, "nella speranza della pietà degli inglesi". Tuttavia una signora, Dona Isabel Pereira, il cui defunto marito Diogo de Melo Coutinho era stato capitano- maggiore e Tanadar-mor di Ceylon, e la figlia sedicenne Dona Luisa de Melo Coutinho, rifiutarono fermamente di spogliarsi per i corsari e, legandosi insieme con una fascia di San Francesco (cioè il cordone che un frate francescano avrebbe legato intorno alla vita), andarono dalla parte opposta della nave rispetto agli inglesi, e saltarono in mare. Furono sepolti a Faial dove i loro cadaveri furono portati a riva, ancora legati insieme, il giorno successivo.

Quando l'incendio divenne completamente fuori controllo, gli inglesi decisero di licenziarsi dai Chagas e "lavorarono furiosamente per disimpegnare le loro navi". La caracca bruciò per tutta la notte fino a poco dopo l'alba, quando le fiamme raggiunsero la polveriera nella sua stiva inferiore, che conteneva "il suo poulder che era il più basso essendo 60 barili" che accendendosi, "la soffiò all'esterno, così che la maggior parte della nave nuotava in alcune parti sopra l'acqua"

L'esplosione è stata enorme, uccidendo centinaia di portoghesi tra cui uomini, donne e bambini; quasi 35 inglesi erano ancora a bordo quando la nave esplose. La maggior parte furono uccise sul colpo e la battaglia si concluse con la perdita totale del Chagas e del suo carico.

Conseguenze

L'equipaggio ha afferrato tutti i resti galleggianti che erano di qualsiasi utilità, che si sono rivelati poco, e gli inglesi hanno iniziato a raccogliere eventuali sopravvissuti, di cui c'erano solo tredici su 600 portoghesi. Gli inglesi navigarono più a ovest nella speranza di ricchi guadagni, e due settimane dopo incontrarono un'altra caracca, la San Fellipe . Con pesanti perdite già dovute a malattie e con ufficiali feriti o uccisi, rifornimenti in esaurimento e una tempesta che li costringeva a separarsi, Cumberland decise di non ingaggiare la caracca e tornò a casa.

Il carico di Cinco Chagas (insieme al carico recuperato dalle altre due navi) valeva ben oltre 2.000.000 di ducati, e inoltre c'erano ventidue scrigni di diamanti, rubini e perle stimati per un valore di 15 dollari USA– 20 miliardi entro il 2017 valori. I prigionieri che furono salvati dissero ai loro rapitori che la resa era stata impossibile poiché le ricchezze lo erano per il re di Spagna e Portogallo e che il capitano, essendo molto favorevole al re, al suo ritorno sarebbe stato nominato viceré nelle Indie.

Con la distruzione dei Chagas, Cumberland dovette accertarsi che ai portoghesi e agli spagnoli fosse stata negata qualsiasi ricchezza a bordo. Evitò con successo i tentativi della marina spagnola di trovarlo. Alonso de Bazán non riuscì a intercettare Cumberland in parte perché sperava di proteggere la flotta del tesoro dell'India occidentale che era ancora nei Caraibi . Anche un'altra flotta guidata da don Antonio De Urquiola non riuscì a trovare gli inglesi, nonostante si trovasse nella stessa zona quando a settembre fecero ritorno a casa oltre Capo St. Vincent.

La flotta arrivò a Portsmouth il 28 agosto e le navi furono perquisite a fondo quando arrivarono dalle truppe del Queens, una conseguenza del furto di massa alla Madre de Deus due anni prima. Dom Nuno Velho Pereira e Dom Braz Correia erano sopravvissuti all'esplosione del Chagas e furono portati a terra come prigionieri, dove il conte li trattò bene e li intrattenne per un anno intero come suoi ospiti. Furono poi riscattati per 2500 ducati ciascuno; Pereira ha pagato entrambi per aver fatto guadagnare alla spedizione di Cumberland del 1594 almeno una ricompensa. Con questi soldi il conte decise quindi di finanziare e costruire una nuova nave più grande, piuttosto che prendere in prestito dalla regina; la nuova nave fu varata nel 1595 e fu battezzata dalla Regina Flagello della Malizia .

Eredità

Secondo l' ambasciatore veneziano in Spagna, era la nave più ricca mai salpata dalle Indie orientali.

Le stime sulla posizione del Cinco Chagas suggeriscono che si trovi in ​​mari profondi oltre un miglio nell'Oceano Atlantico diciotto miglia a sud del canale tra l' isola di Pico e Faial insieme al suo prezioso carico di diamanti e gemme. Il relitto è stato cercato dai cacciatori di tesori ma non sono stati trovati segni in parte a causa della profondità.

Riferimenti

Citazioni
Bibliografia