Industria automobilistica in Giappone -Automotive industry in Japan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Toyota Corolla di prima generazione (1966), la linea di auto più venduta al mondo di tutti i tempi; nella sua 12a generazione a partire dal 2018

L' industria automobilistica in Giappone è una delle industrie più importanti e più grandi del mondo. Il Giappone è stato tra i primi tre paesi con la maggior parte delle auto prodotte dagli anni '60, superando la Germania. L' industria automobilisticain Giappone è cresciuto rapidamente dagli anni '70 agli anni '90 (quando era orientato sia all'uso interno che all'esportazione mondiale) e negli anni '80 e '90 ha superato gli Stati Uniti come leader della produzione con un massimo di 13 milioni di auto all'anno prodotte e esportazioni significative. Dopo il massiccio aumento della Cina negli anni 2000 e la produzione fluttuante negli Stati Uniti, il Giappone è attualmente il terzo produttore automobilistico al mondo con una produzione annua di 9,9 milioni di automobili nel 2012. Gli investimenti giapponesi hanno contribuito a far crescere l'industria automobilistica in molti paesi negli ultimi pochi decenni.

I conglomerati commerciali giapponesi iniziarono a costruire le loro prime automobili tra la metà e la fine degli anni '10. Le aziende sono riuscite a farlo progettando i propri camion (il mercato delle autovetture in Giappone all'epoca era piccolo) o collaborando con un marchio europeo per produrre e vendere le proprie auto in Giappone su licenza. Esempi di questo sono la collaborazione di Isuzu con Wolseley Motors (Regno Unito), Nissan che collabora con la casa automobilistica britannica Austin e la Mitsubishi Model A, basata sulla Fiat Tipo 3. La domanda di autocarri domestici è stata notevolmente aumentata dall'aumento dell'esercito giapponese prima La seconda guerra mondiale, costringendo molti produttori giapponesi a uscire dai loro gusci e progettare i propri veicoli. Negli anni '70 il Giappone è stato il pioniere nell'uso della robotica nella produzione di veicoli.

Il paese ospita numerose aziende che producono automobili, veicoli da costruzione, motocicli, fuoristrada e motori. I produttori automobilistici giapponesi includono Toyota, Honda, Daihatsu, Nissan, Suzuki, Mazda, Mitsubishi, Subaru, Isuzu, Kawasaki, Yamaha e Mitsuoka . Infiniti, Acura e Lexus sono marchi di lusso di Nissan, Honda e Toyota.

Le auto progettate in Giappone hanno vinto molte volte i premi European Car of the Year, International Car of the Year e World Car of the Year . I veicoli giapponesi hanno avuto un'influenza mondiale e non hanno più lo stigma che avevano negli anni '50 e '60 quando sono emersi per la prima volta a livello internazionale, a causa dell'attenzione dedicata al continuo miglioramento dei prodotti e dei processi guidato da Toyota, nonché all'uso della tecnica dei Cinque Perché e l'adozione anticipata della metodologia Lean Six Sigma . Le auto giapponesi sono anche costruite in conformità con le normative sulle dimensioni del governo giapponese e la cilindrata del motore è ulteriormente regolata dalle normative sugli scaglioni di tassazione stradale, che interessano anche tutte le auto importate vendute in Giappone.

Storia

Nei primi anni

Nel 1904, Torao Yamaha produsse il primo autobus di fabbricazione nazionale, alimentato da un motore a vapore. Nel 1907, Komanosuke Uchiyama produsse la Takuri, la prima vettura con motore a benzina interamente giapponese. La Kunisue Automobile Works costruì la Kunisue nel 1910 e l'anno successivo produsse la Tokyo in collaborazione con Tokyo Motor Vehicles Ltd. Nel 1911 fu fondata la Kaishinsha Motorcar Works e in seguito iniziò a produrre un'auto chiamata DAT. Nel 1920, Jitsuyo Jidosha Seizo Co., fondata da William R. Gorham, iniziò a costruire il Gorham e successivamente il Lila. L'azienda si è fusa con Kaishinsha nel 1926 per formare la DAT Automobile Manufacturing Co. (che in seguito si è evoluta in Nissan Motors ). Dal 1924 al 1927, Hakuyosha Ironworks Ltd. costruì l' Otomo . Toyota, un produttore tessile, iniziò a costruire automobili nel 1936. La maggior parte dei primi veicoli, tuttavia, erano camion prodotti con sussidi militari. Isuzu, Yanmar e Daihatsu inizialmente si sono concentrati sullo sviluppo di motori diesel .

La Mitsubishi Model A è stata prodotta nel 1917

Le auto costruite in Giappone prima della seconda guerra mondiale tendevano ad essere basate su modelli europei o americani. La Mitsubishi Model A del 1917 era basata sul design Fiat A3-3. (Questo modello era considerato la prima auto prodotta in serie in Giappone, con 22 unità prodotte.) Negli anni '30, le auto di Nissan Motors erano basate sui modelli Austin 7 e Graham-Paige, mentre il modello Toyota AA era basato su il flusso d' aria Chrysler . Ohta costruì automobili negli anni '30 sulla base di modelli Ford, mentre Chiyoda e Sumida, un predecessore di Isuzu, costruirono automobili che ricordavano i prodotti General Motors Pontiac del 1935 e LaSalle degli anni '30 .

La produzione di automobili delle aziende giapponesi stava lottando, nonostante gli sforzi di investimento del governo giapponese. Il terremoto del Grande Kantō del 1923 devastò la maggior parte delle nascenti infrastrutture del Giappone e la produzione di camion e attrezzature per l'edilizia trasse vantaggio dagli sforzi di recupero. Yanase & Co., Ltd. (株式会社ヤナセ Yanase Kabushiki gaisha ) era un importatore di automobili di fabbricazione americana in Giappone e ha contribuito agli sforzi di ripristino di emergenza importando camion GMC e attrezzature per l'edilizia. Portando prodotti americani, i produttori giapponesi sono stati in grado di esaminare i veicoli importati e sviluppare i propri prodotti.

I trasporti e la mobilitazione all'inizio del 1900 furono in gran parte monopolizzati dal Ministero delle Ferrovie del governo giapponese e le compagnie automobilistiche private emersero per modernizzare ulteriormente le infrastrutture di trasporto.

Dal 1925 fino all'inizio della seconda guerra mondiale, Ford e GM avevano fabbriche nel paese e dominavano il mercato giapponese. La Ford Motor Company del Giappone è stata fondata nel 1925 e uno stabilimento di produzione è stato istituito a Yokohama. La General Motors stabilì le sue attività a Osaka nel 1927. Chrysler arrivò anche in Giappone e fondò Kyoritsu Motors. Tra il 1925 e il 1936, le filiali giapponesi delle tre grandi case automobilistiche degli Stati Uniti hanno prodotto un totale di 208.967 veicoli, rispetto al totale dei produttori nazionali di 12.127 veicoli. Nel 1936, il governo giapponese approvò la legge sull'industria manifatturiera automobilistica, che aveva lo scopo di promuovere l'industria automobilistica nazionale e ridurre la concorrenza straniera; ironia della sorte, questo ha fermato l'innovativo stabilimento Ford integrato a Yokohama, sul modello di Dagenham in Inghilterra e destinato a servire il mercato asiatico, che avrebbe affermato il Giappone come uno dei principali esportatori. Invece nel 1939, i produttori stranieri erano stati costretti a lasciare il Giappone. Sotto la direzione del governo imperiale giapponese, gli sforzi di produzione di veicoli alle prime armi furono reindirizzati alla produzione di autocarri pesanti a causa della seconda guerra sino-giapponese e l' Isuzu TX fu il risultato di tre società giapponesi che unirono gli sforzi per produrre un veicolo pesante standardizzato di livello militare camion di servizio.

Durante la seconda guerra mondiale, Toyota, Nissan, Isuzu e Kurogane costruirono camion e motociclette per l' esercito imperiale giapponese, con Kurogane che introdusse la prima auto a quattro ruote motrici prodotta in serie al mondo, chiamata Kurogane Type 95 nel 1936. Per il primo decennio dopo la seconda guerra mondiale, la produzione di automobili era limitata e fino al 1966 la maggior parte della produzione consisteva in camion (compresi i veicoli a tre ruote). Successivamente le autovetture hanno dominato il mercato. Anche i modelli di auto giapponesi continuarono a imitare o derivare da modelli europei e americani. Le esportazioni erano molto limitate negli anni '50, raggiungendo solo il 3,1% della produzione totale di autovetture del decennio.

Dal 1960 ad oggi

Negli anni '60 i produttori giapponesi iniziarono a competere frontalmente sul mercato interno, modello per modello. Ciò è stato esemplificato dalla "guerra CB" tra le berline compatte più popolari chiamate Toyota Corona e Nissan Bluebird . Sebbene ciò inizialmente portasse vantaggi per i consumatori, in breve tempo le spese di ricerca e sviluppo aumentarono e altre società offrirono berline compatte concorrenti di Mazda, Subaru, Isuzu, Daihatsu e Mitsubishi. Verso la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90 le case automobilistiche giapponesi erano entrate in una fase di "Hyper-design" e "Hyper-equipment"; una corsa agli armamenti che porta a prodotti meno competitivi sebbene realizzati in modo altamente efficiente.

Durante gli anni '60, le case automobilistiche giapponesi lanciarono uno stuolo di nuove auto kei nel loro mercato interno; scooter e motociclette rimasero dominanti, con vendite di 1,47 milioni nel 1960 contro sole 36.000 auto kei . Queste minuscole automobili di solito montavano motori molto piccoli (sotto i 360 cc, ma a volte erano dotati di motori fino a 600 cc per l'esportazione) per mantenere le tasse molto più basse rispetto alle auto più grandi. La persona media in Giappone era ora in grado di permettersi un'automobile, il che ha aumentato notevolmente le vendite e ha fatto ripartire l'industria automobilistica verso quella che è oggi. La prima di questa nuova era, lanciata proprio nel 1958, fu la Subaru 360 . Era conosciuto come il "Lady Beetle", paragonando il suo significato al Maggiolino Volkswagen in Germania . Altri modelli significativi furono Suzuki Fronte, Daihatsu Fellow Max, Mitsubishi Minica, Mazda Carol e Honda N360 .

I keis erano automobilistici molto minimalisti, tuttavia, troppo piccoli per l'uso della maggior parte delle auto familiari. Il segmento delle auto economiche più popolare negli anni Sessanta era la classe 700-800 cc, incarnata dalla Toyota Publica, dalla Mitsubishi Colt 800 e dall'originale Mazda Familia . Entro la fine degli anni Sessanta, tuttavia, queste auto (spesso a due tempi) furono sostituite da auto da un litro complete con motori a quattro tempi, una mossa guidata dalla Sunny del 1966 di Nissan . Tutti gli altri produttori hanno rapidamente seguito l'esempio, ad eccezione della Toyota che ha equipaggiato la sua Corolla con un motore da 1,1 litri: i 100 cc in più sono stati pesantemente pubblicizzati nella pubblicità del periodo. Queste piccole auto familiari hanno preso una quota sempre più grande di un mercato già in espansione. Tutti i veicoli venduti in Giappone sono stati tassati annualmente in base alle dimensioni esterne e alla cilindrata del motore. Lo stabiliva una legge del 1950 che stabiliva gli scaglioni di imposta su due classificazioni; regolazioni dimensionali e cilindrata del motore . Le tasse erano una considerazione primaria su quali veicoli fossero selezionati dai consumatori giapponesi e guidavano i produttori sul tipo di veicoli che il mercato avrebbe acquistato.

Espansione delle esportazioni

Mazda Cosmo 110S, 1967, una delle prime due auto prodotte in serie con motore rotativo Wankel

Le esportazioni di autovetture sono aumentate di quasi duecento volte negli anni Sessanta rispetto al decennio precedente e ora hanno raggiunto il 17,0% della produzione totale. Questo però, era ancora solo l'inizio. La domanda interna in rapido aumento e l'espansione delle case automobilistiche giapponesi nei mercati esteri negli anni '70 hanno ulteriormente accelerato la crescita. Gli effetti dell'embargo petrolifero arabo del 1973 hanno accelerato le esportazioni di veicoli insieme al tasso di cambio dello yen giapponese rispetto al dollaro USA, alla sterlina britannica e al marco tedesco della Germania occidentale. Le esportazioni di autovetture sono passate da 100.000 nel 1965 a 1.827.000 nel 1975. La produzione di automobili in Giappone ha continuato ad aumentare rapidamente dopo gli anni '70, quando Mitsubishi (come veicoli Dodge ) e Honda hanno iniziato a vendere i loro veicoli negli Stati Uniti. Ancora più marchi arrivarono in America e all'estero durante gli anni '70 e negli anni '80 i produttori giapponesi stavano guadagnando un punto d'appoggio importante negli Stati Uniti e nei mercati mondiali.

All'inizio degli anni '70, i produttori di elettronica giapponesi iniziarono a produrre circuiti integrati (CI), microprocessori e microcontrollori per l'industria automobilistica, inclusi circuiti integrati e microcontrollori per l'intrattenimento in auto, tergicristalli automatici, serrature elettroniche, cruscotto e controllo del motore. L'industria automobilistica giapponese ha ampiamente adottato i circuiti integrati anni prima dell'industria automobilistica americana.

Le auto giapponesi sono diventate popolari tra gli acquirenti britannici all'inizio degli anni '70, con le auto targate Datsun di Nissan (il marchio Nissan non è stato utilizzato sui modelli registrati britannici fino al 1983) si sono rivelate particolarmente popolari e si sono guadagnate una reputazione in Gran Bretagna per la loro affidabilità e bassi costi di gestione, sebbene ruggine era un grosso problema. Le esportazioni hanno avuto un tale successo che le auto giapponesi sono state considerate una grave minaccia per molte industrie automobilistiche nazionali, come l'Italia, la Francia, il Regno Unito e gli Stati Uniti. Le quote di importazione sono state imposte in diversi paesi, limitando le vendite di auto di fabbricazione giapponese al 3% del mercato complessivo in Francia e all'1,5% in Italia. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, il governo giapponese ha subito pressioni per accettare quote annuali di esportazione a partire dal 1981. In altri paesi, come il Regno Unito, gli importatori giapponesi hanno stipulato accordi tra gentiluomini per limitare le importazioni nel tentativo di prevenire quote ufficiali più rigorose. Di conseguenza, i produttori giapponesi hanno ampliato la produzione locale di automobili, stabilendo stabilimenti in tutto il Nord America e in Europa, sfruttando anche stabilimenti già realizzati in paesi terzi non coperti dalle quote. Così, Daihatsu Charades di fabbricazione sudafricana furono vendute in Italia e un certo numero di Mitsubishi di fabbricazione australiana trovarono la loro strada verso il Nord America e l'Europa.

Leader mondiale

Con i produttori giapponesi che hanno prodotto automobili molto convenienti, affidabili e popolari negli anni '90, il Giappone è diventato la più grande nazione produttrice di automobili al mondo nel 2000. Tuttavia, la sua quota di mercato è leggermente diminuita negli ultimi anni, in particolare a causa della vecchia e nuova concorrenza del sud Corea, Cina e India . Tuttavia, l'industria automobilistica giapponese continua a prosperare, la sua quota di mercato è nuovamente aumentata e nel primo trimestre del 2008 Toyota ha superato la General Motors americana diventando la più grande casa automobilistica del mondo. Oggi, il Giappone è il terzo mercato automobilistico più grande (sotto gli Stati Uniti e la Cina ) ed è il secondo produttore di automobili al mondo con le sue auto di marca tra le più utilizzate a livello internazionale. L'esportazione di automobili rimane una delle esportazioni più redditizie del Paese ed è una pietra angolare del piano di ripresa dell'ultima crisi economica. Nel 2019 il Giappone è stato il secondo esportatore di automobili al mondo .

Sequenza temporale

  • 1907 - Viene fondata Hatsudoki Seizo Co., Ltd.
  • 1911 - Viene fondata la Kaishinsha Motorcar Works
  • 1917 - 1a vettura di Mitsubishi Motors
  • 1917 - Viene fondata la Nippon Internal Combustion Engine Co. Ltd. (integrata in Nissan )
  • 1918 - La prima auto di Isuzu
  • 1920-1925 - Gorham/Lila - Viene fondata la produzione automobilistica (fusa in Datsun )
  • 1924-1927 - Otomo costruito presso l'Hakuyosha Ironworks a Tokyo
  • 1931 - Mazda-Go - di Toyo Kogyo corp, poi Mazda
  • 1934-1957 - Ohta inizia la produzione di automobili
  • 1936 - Kurogane Type 95 viene prodotta la prima automobile a quattro ruote motrici al mondo
  • 1936 - La prima auto di Toyota ( Toyota AA )
  • 1952-1966 - Prince Motor Company (integrata in Nissan)
  • 1953-1967 - Hino Motors avvia la produzione di automobili (fusa in Toyota)
  • 1954 - La prima auto di Subaru ( Subaru P-1 )
  • 1955 - La prima vettura di Suzuki ( Suzulight )
  • 1957 - La prima auto di Daihatsu ( Daihatsu Midget )
  • 1963 - La prima auto di serie Honda ( Honda S500 )
  • 1966 - Viene presentata una delle auto più vendute di tutti i tempi, la Toyota Corolla ; Nissan apre il suo primo stabilimento di produzione nordamericano a Cuernavaca, in Messico, come Nissan Mexicana
  • 1967 - Viene fondata la Japan Automobile Manufacturers Association (JAMA).
  • 1967 - Mazda Cosmo 110S è stata una delle prime due auto prodotte in serie con motore rotativo Wankel
  • 1977 - Restrizioni volontarie all'esportazione limitano le esportazioni nel Regno Unito per cinque anni; l'accordo è stato rinnovato fino al 1999
  • 1980 - Il Giappone ha superato gli Stati Uniti ed è diventato il primo produttore di automobili; Nissan USA apre la strada per il suo stabilimento di produzione di Smirne, nel Tennessee
  • 1981 - Restrizioni volontarie all'esportazione da maggio limitano le esportazioni negli Stati Uniti a 1,68 milioni di auto all'anno; ridondante nel 1990 poiché la produzione all'interno degli Stati Uniti sostituisce le esportazioni dirette; politiche simili in diversi paesi dell'UE
  • 1982 - Honda Accord diventa la prima vettura giapponese costruita negli Stati Uniti presso lo stabilimento di produzione Honda di Marysville, Ohio
  • 1982 - Mitsuoka 1a vettura (navetta BUBU 50)
  • 1983 - Holden e Nissan formano una joint venture in Australia; Nissan Sunny (Sentra) assemblata presso lo stabilimento Nissan di Smirne, Tennessee
  • 1984 - Toyota apre NUMMI, il primo stabilimento in joint venture negli Stati Uniti con General Motors
  • 1986 - Acura viene lanciata negli Stati Uniti da Honda
  • 1988 - Daihatsu entra negli Stati Uniti facendo la prima volta che tutti e nove i produttori giapponesi sono presenti; Toyota Camry diventa la terza vettura giapponese prodotta nello stabilimento di assemblaggio Toyota di Erlanger, Kentucky
  • 1989 - La Lexus viene lanciata negli Stati Uniti da Toyota
  • 1989 - Infiniti viene lanciata negli Stati Uniti da Nissan
  • 1989 - Viene fondata la United Australian Automobile Industries (UAAI) in Australia come joint venture tra Toyota e Holden
  • 1991 - Mazda HR-X è stata una delle prime auto a idrogeno (combinata con rotativa Wankel)
  • 1994 - Il Giappone cedette agli Stati Uniti il ​​ritorno alla produzione automobilistica
  • 1996 - La joint venture UAAI viene sciolta
  • 1997 - La Toyota Prius è stata la prima auto ibrida prodotta in serie
  • 2003 - La Scion viene lanciata dalla Toyota
  • 2004 - Scandalo di copertura dei difetti di Mitsubishi
  • 2006 - Il Giappone ha superato gli Stati Uniti ed è diventato nuovamente il primo produttore di automobili
  • 2008 - Toyota ha superato la General Motors diventando la più grande casa automobilistica del mondo
  • 2009 - Il Giappone è stato superato dalla Cina ed è diventato il secondo nella produzione automobilistica
  • 2010 - 2009–2010 Richiami di veicoli Toyota
  • 2011 - Il terremoto di Tohoku colpisce la produzione.

Statistiche

Volumi di produzione per produttore

I seguenti sono i volumi di produzione di veicoli per i produttori di veicoli giapponesi, secondo la Japan Automobile Manufacturers Association (JAMA).

Vagoni passeggeri
Produttore 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2022
Toyota 3.849.353 3.631.146 2.543.715 2.993.714 2.473.546 3.170.000 261.759
Nissan 982.870 1.095.661 780.495 1.008.160 1.004.666 1.035.726 38.648
Honda 1.288.577 1.230.621 812.298 941.558 687.948 996.832 71.721
Suzuki 1.061.767 1.059.456 758.057 915.391 811.689 896.781 84.227
Mazda 952.290 1.038.725 693.598 893.323 798.060 830.294 62.810
Daihatsu 648.289 641.322 551.275 534.586 479.956 633.887 79.671
Subaru 403.428 460.515 357.276 437.443 366.518 551.812 38.298
Mitsubishi 758.038 770.667 365.447 586.187 536.142 448.598 39.070
Altro 25 30 0 0 0 0 -
Totale 9.944.637 9.928.143 6.862.161 8.310.362 7.158.525 8.554.219 676.204
Camion
Produttore 2007 2008 2009
Toyota 291.008 271.544 178.954
Suzuki 156.530 158.779 150.245
Daihatsu 138.312 151.935 132.980
Isuzu 236.619 250.692 118.033
Nissan 188.788 189.005 109.601
Mitsubishi 88.045 83.276 61.083
Ciao 101.909 101.037 62.197
Subaru 72.422 64.401 51.123
Mitsubishi Fuso 131.055 115.573 49.485
Honda 43.268 33.760 28.626
Mazda 43.221 39.965 23.577
Camion UD 44.398 45.983 18.652
Altro 2.445 2.449 545
Totale 1.538.020 1.508.399 985.101
Autobus
Produttore 2007 2008 2009
Toyota 85.776 109.698 69.605
Mitsubishi Fuso 10.225 10.611 4.982
Nissan 7.422 8.416 4.479
Ciao 4.984 5.179 4.473
Isuzu 3.668 3.221 2.077
Camion UD 1.595 1.977 1.179
Totale 113.670 139.102 86.795

Classifica vendite

Auto normali

I 10 modelli di automobili più venduti in Giappone per targa (esclusi i veicoli kei e i veicoli commerciali), 1990–2021
Fonte:
Anno Modelli e Classifica
10°
1990 Toyota Corolla Toyota Mark II Corona Toyota Toyota Carina Toyota Corona Nissan Sunny Honda Civic Mazda Familia Stella Toyota Toyota velocista
1991 Toyota Corolla Toyota Mark II Honda Civic Corona Toyota Toyota Carina Nissan Sunny Toyota Corona Stella Toyota Toyota velocista Nissan Bluebird
1992 Toyota Corolla Toyota Mark II Corona Toyota Honda Civic Nissan Sunny Stella Toyota Toyota Carina Toyota Corona Nissan marzo Toyota velocista
1993 Toyota Corolla Toyota Mark II Nissan marzo Nissan Sunny Corona Toyota Honda Civic Stella Toyota Stima Toyota Toyota velocista Toyota Carina
1994 Toyota Corolla Toyota Mark II Nissan marzo Honda Civic Corona Toyota Nissan Sunny Stima Toyota Stella Toyota Toyota Carina Toyota velocista
1995 Toyota Corolla Nissan marzo Corona Toyota Honda Odissea Toyota Mark II Honda Civic Stima Toyota Nissan Sunny Stella Toyota Toyota velocista
1996 Toyota Corolla Corona Toyota Nissan marzo Stella Toyota Toyota Mark II Honda Odissea Honda CR-V Stima Toyota Nissan Sunny Eredità Subaru
1997 Toyota Corolla Nissan marzo Toyota Mark II Stella Toyota Honda Stepwgn Corona Toyota Toyota Ipsum Stima Toyota Mazda Demio Honda Odissea
1998 Toyota Corolla Cubo Nissan Mazda Demio Nissan marzo Stella Toyota Honda Stepwgn Toyota Mark II Corona Toyota Mitsubishi Carro Grandis Nissan Sunny
1999 Toyota Corolla Toyota Vitz Honda Stepwgn Corona Toyota Mazda Demio Cubo Nissan Toyota Mark II Eredità Subaru Nissan marzo Toyota Town Ace Noah
2000 Toyota Corolla Toyota Vitz Stima Toyota Honda Odissea Toyota FunCargo Corona Toyota Toyota bB Cubo Nissan Honda Stepwgn Mazda Demio
2001 Toyota Corolla Toyota Vitz Flusso Honda Stima Toyota Honda Stepwgn Honda Fit Corona Toyota Cubo Nissan Honda Odissea Toyota FunCargo
2002 Honda Fit Toyota Corolla Nissan marzo Toyota I Toyota Vitz Toyota Noè Stima Toyota Toyota Voxy Cubo Nissan Honda Mobilio
2003 Toyota Corolla Honda Fit Desiderio Toyota Cubo Nissan Nissan marzo Toyota I Mazda Demio Toyota Noè Toyota Alphard Stima Toyota
2004 Toyota Corolla Honda Fit Cubo Nissan Desiderio Toyota Corona Toyota Nissan marzo Honda Odissea Toyota I Toyota Alphard Toyota Noè
2005 Toyota Corolla Toyota Vitz Honda Fit Nissan Tiida Nota Nissan Desiderio Toyota Honda Stepwgn Toyota Passo Toyota Alphard Corona Toyota
2006 Toyota Corolla Toyota Vitz Honda Fit Stima Toyota Nissan Serena Honda Stepwgn Desiderio Toyota Toyota Ractis Toyota Passo Corona Toyota
2007 Toyota Corolla Toyota Vitz Honda Fit Toyota Passo Nissan Serena Stima Toyota Toyota Voxy Mazda Demio Nissan Tiida Toyota Noè
2008 Honda Fit Toyota Corolla Toyota Vitz Corona Toyota Toyota Prius Nissan Serena Toyota Passo Toyota Voxy Nissan Tiida Mazda Demio
2009 Toyota Vitz Honda Fit Toyota Vitz Toyota Passo Intuizione Honda Toyota Corolla Honda liberata Nissan Serena Toyota Voxy Nota Nissan
2010 Toyota Prius Honda Fit Toyota Vitz Toyota Corolla Honda liberata Toyota Passo Honda Stepwgn Nissan Serena Toyota Voxy Nota Nissan
2011 Toyota Prius Honda Fit Toyota Vitz Nissan Serena Toyota Corolla Honda liberata Mazda Demio Toyota Ractis Toyota Passo Nissan marzo
2012 Toyota Prius Toyota Acqua Honda Fit Honda liberata Toyota Vitz Nissan Serena Nota Nissan Toyota Corolla Honda Stepwgn Toyota Vellfire
2013 Toyota Acqua Toyota Prius Honda Fit Nota Nissan Toyota Corolla Nissan Serena Toyota Vitz Corona Toyota Honda liberata Honda Stepwgn
2014 Toyota Acqua Honda Fit Toyota Prius Toyota Corolla Toyota Voxy Nota Nissan Honda Vezel Toyota Vitz Nissan Serena Toyota Noè
2015 Toyota Acqua Toyota Prius Honda Fit Toyota Corolla Nota Nissan Toyota Voxy Toyota Vitz Mazda Demio Honda Vezel Toyota Sierra
2016 Toyota Prius Toyota Acqua Toyota Sierra Honda Fit Nota Nissan Toyota Voxy Toyota Corolla Honda Vezel Nissan Serena Toyota Vitz
2017 Toyota Prius Nota Nissan Toyota Acqua Toyota C-HR Honda liberata Honda Fit Toyota Sierra Toyota Vitz Toyota Voxy Nissan Serena
2018 Nota Nissan Toyota Acqua Toyota Prius Nissan Serena Toyota Sierra Toyota Voxy Honda Fit Toyota Corolla Toyota Vitz Toyota spazioso
2019 Toyota Prius Nota Nissan Toyota Sierra Toyota Corolla Toyota Acqua Nissan Serena Toyota spazioso Toyota Voxy Honda liberata Toyota Vitz
2020 Toyota Yaris Toyota Raize Toyota Corolla Honda Fit Toyota Alphard Toyota spazioso Honda liberata Toyota Sierra Nota Nissan Toyota Voxy
2021 Toyota Yaris Toyota spazioso Toyota Corolla Toyota Alphard Nota Nissan Toyota Raize Toyota Harrier Toyota Acqua Toyota Voxy Honda liberata
10°
Vedi anche : I modelli più venduti in

Auto Kei

Le 10 auto kei più vendute in Giappone per targa (esclusi i veicoli commerciali kei), 2005–2021
Anno Modelli e Classifica
10°
2005 Suzuki Wagon R Movimento Daihatsu Suzuki Alto Vita Honda Daihatsu Mira Daihatsu Tanto Mitsubishi eK Nissan Moco Honda Questo è Suzuki Kei
2006 Suzuki Wagon R Movimento Daihatsu Suzuki Alto Daihatsu Tanto Vita Honda Daihatsu Mira Honda Zest Mitsubishi eK Nissan Moco Suzuki MR Wagon
2007 Suzuki Wagon R Movimento Daihatsu Daihatsu Tanto Daihatsu Mira Vita Honda Suzuki Alto Nissan Moco Mitsubishi eK Subaru Stella Honda Zest
2008 Suzuki Wagon R Movimento Daihatsu Daihatsu Tanto Vita Honda Daihatsu Mira Tavolozza Suzuki Suzuki Alto Nissan Moco Mitsubishi eK Subaru Stella
2009 Suzuki Wagon R Movimento Daihatsu Daihatsu Tanto Daihatsu Mira Suzuki Alto Tavolozza Suzuki Vita Honda Nissan Roox Honda Zest Nissan Moco
2010 Suzuki Wagon R Daihatsu Tanto Movimento Daihatsu Suzuki Alto Daihatsu Mira Tavolozza Suzuki Vita Honda Nissan Moco Nissan Roox Honda Zest
2011 Suzuki Wagon R Movimento Daihatsu Daihatsu Tanto Daihatsu Mira Suzuki Alto Vita Honda Nissan Moco Tavolozza Suzuki Nissan Roox Mitsubishi eK
2012 Daihatsu Mira Honda N-Box Suzuki Wagon R Daihatsu Tanto Movimento Daihatsu Suzuki Alto Nissan Moco Tavolozza Suzuki Nissan Roox Vita Honda
2013 Honda N-Box Movimento Daihatsu Suzuki Wagon R Daihatsu Mira Daihatsu Tanto Suzuki Alto Honda N-Uno Suzuki Spazia Nissan Dayz Nissan Moco
2014 Daihatsu Tanto Honda N-Box Suzuki Wagon R Nissan Dayz Honda N-WGN Daihatsu Mira Movimento Daihatsu Suzuki Spazia Suzuki Alto Suzuki Hustler
2015 Honda N-Box Daihatsu Tanto Nissan Dayz Movimento Daihatsu Suzuki Alto Suzuki Wagon R Honda N-WGN Suzuki Hustler Daihatsu Mira Suzuki Spazia
2016 Honda N-Box Movimento Daihatsu Nissan Dayz Daihatsu Tanto Suzuki Alto Honda N-WGN Suzuki Hustler Suzuki Spazia Daihatsu Mira Suzuki Wagon R
2017 Honda N-Box Movimento Daihatsu Daihatsu Tanto Nissan Dayz Suzuki Wagon R Suzuki Spazia Daihatsu Mira Suzuki Alto Honda N-WGN Suzuki Hustler
2018 Honda N-Box Suzuki Spazia Nissan Dayz Daihatsu Tanto Movimento Daihatsu Daihatsu Mira Suzuki Wagon R Suzuki Hustler Suzuki Alto Honda N-WGN
2019 Honda N-Box Daihatsu Tanto Suzuki Spazia Nissan Dayz Movimento Daihatsu Daihatsu Mira Suzuki Wagon R Suzuki Alto Suzuki Hustler Mitsubishi eK
2020 Honda N-Box Suzuki Spazia Daihatsu Tanto Movimento Daihatsu Nissan Dayz Suzuki Hustler Daihatsu Mira Nissan Roox Honda N-WGN Suzuki Wagon R
2021 Honda N-Box Suzuki Spazia Daihatsu Tanto Movimento Daihatsu Nissan Roox Suzuki Hustler Suzuki Wagon R Daihatsu Mira Daihatsu Taft Suzuki Alto
10°
Vedi anche : I modelli più venduti in

Guarda anche

Appunti

Riferimenti

Ulteriori letture

Video

link esterno