Ayman al-Zawahiri -Ayman al-Zawahiri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Ayman al-Zawahiri
أيمن الظواهري
Ritratto di Ayman al-Zawahiri.JPG
al-Zawahri nel 2001
2° Emiro Generale di Al-Qaeda
In carica
dal 16 giugno 2011 al 31 luglio 2022
Preceduto da Osama bin Laden
Vice Emiro di Al-Qaeda
In carica
1988–2011
Preceduto da Posizione creata
seguito da Nasir al-Wuhayshi
Emiro della Jihad islamica egiziana
In carica
1991–1998
Preceduto da Muhammad abd-al-Salam Faraj
seguito da Posizione sciolta (fusa con Al-Qaeda)
Dati personali
Nato
Ayman Mohammed Rabie al-Zawahiri

( 19-06-1951 )19 giugno 1951
Giza, Regno d'Egitto
Morto 31 luglio 2022 (2022-07-31)(71 anni)
Kabul, Afghanistan
Causa di morte Colpo di droni
Coniuge/i
Azza Ahmed
( m. 1978; morto 2001 )
  • Umaima Hassan
Figli 7
Alma Mater Università del Cairo
Occupazione Chirurgo
Carriera militare
Fedeltà
Anni di servizio 1980–2022
Rango Generale Emiro di Al-Qaeda
Battaglie/guerre

Ayman Mohammed Rabie al-Zawahiri (19 giugno 1951-31 luglio 2022) è stato un terrorista e medico di origine egiziana che ha servito come secondo emiro di al-Qaeda dal 16 giugno 2011 fino alla sua morte.

Al-Zawahiri si è laureato all'Università del Cairo con una laurea in medicina e un master in chirurgia ed è stato chirurgo di professione. Divenne una figura di spicco nella Jihad islamica egiziana, un'organizzazione islamista egiziana, e alla fine raggiunse il grado di emiro. Fu imprigionato dal 1981 al 1984 per il suo ruolo nell'assassinio del presidente egiziano Anwar Sadat . Le sue azioni contro il governo egiziano, inclusa la pianificazione dell'attacco del 1995 all'ambasciata egiziana in Pakistan, lo hanno portato a essere condannato a morte in contumacia durante il processo " Rimpatriati dall'Albania " del 1999 .

Stretto collaboratore del leader di al-Qaeda Osama bin Laden, al-Zawahiri ha avuto un'influenza significativa sulle operazioni del gruppo. Al-Zawahiri era ricercato rispettivamente dagli Stati Uniti e dalle Nazioni Unite per il suo ruolo negli attentati alle ambasciate statunitensi del 1998 in Kenya e Tanzania e negli attentati di Bali del 2002 . Ha fuso la Jihad islamica egiziana con al-Qaeda nel 2001 ed è diventato formalmente vice di bin Laden nel 2004. È succeduto a bin Laden come leader di al-Qaeda dopo la morte di bin Laden nel 2011. Nel maggio 2011, gli Stati Uniti hanno annunciato una taglia di 25 milioni di dollari per informazioni portando alla sua cattura.

Il 31 luglio 2022, al-Zawahiri è stato ucciso in un attacco di droni statunitensi in Afghanistan.

Vita privata

Primi anni di vita

Ayman al-Zawahiri è nato il 19 giugno 1951 a Giza, nell'allora Regno d'Egitto, da Mohammed Rabie al-Zawahiri e Umayma Azzam.

Il New York Times nel 2001 ha descritto al-Zawahiri come proveniente da "una famiglia prospera e prestigiosa che gli conferisce un pedigree saldamente radicato sia nella religione che nella politica". I genitori di Al-Zawahiri provenivano entrambi da famiglie benestanti. Il padre di Al-Zawahiri, Mohammed Rabie al-Zawahiri, proveniva da una numerosa famiglia di medici e studiosi di Kafr Ash Sheikh Dhawahri, Sharqia, in cui uno dei suoi nonni era lo sceicco Muhammad al-Ahmadi al-Zawahiri (1887–1944) che era il 34° Grande Imam di al-Azhar . Mohammed Rabie divenne chirurgo e professore di farmacia all'Università del Cairo . La madre di Ayman Al-Zawahiri, Umayma Azzam, proveniva da un clan ricco e politicamente attivo, la figlia di Abdel-Wahhab Azzam, uno studioso di lettere che ha servito come presidente dell'Università del Cairo, fondatore e rettore inaugurale della King Saud University (la prima università in Arabia Saudita ) nonché ambasciatore in Pakistan, mentre suo fratello era Azzam Pasha, segretario generale fondatore della Lega Araba (1945-1952). Per parte materna un altro parente era Salem Azzam, intellettuale e attivista islamista, per un tempo segretario generale del Consiglio islamico d'Europa con sede a Londra. La ricca e prestigiosa famiglia è anche legata alla tribù degli Harbi del Mar Rosso a Zawahir, una cittadina dell'Arabia Saudita, situata nel Badr . Ha anche un legame materno con la casa di Saud : Muna, figlia di Azzam Pasha (suo prozio materno), è sposata con Mohammed bin Faisal Al Saud, figlio del defunto re Faisal .

Ayman Al-Zawahiri ha detto di provare un profondo affetto per sua madre. Suo fratello, Mahfouz Azzam, è diventato un modello per lui da adolescente. Ha un fratello minore, Muhammad al-Zawahiri, e una sorella gemella, Heba Mohamed al-Zawahiri. Heba divenne professore di oncologia medica presso il National Cancer Institute, Università del Cairo . Ha descritto suo fratello come "silenzioso e timido". Muhammad è stato condannato con l'accusa di aver subito un addestramento militare in Albania nel 1998. È stato arrestato negli Emirati Arabi Uniti nel 1999 e condannato a morte nel 1999 dopo essere stato estradato in Egitto. È stato trattenuto nella prigione di Tora al Cairo come detenuto politico. Funzionari della sicurezza hanno affermato che era il capo del Comitato d'azione speciale della Jihad islamica, che ha organizzato operazioni terroristiche. Dopo la rivolta popolare egiziana nella primavera del 2011, il 17 marzo 2011, è stato rilasciato dal carcere dal Consiglio supremo delle forze armate, il governo ad interim dell'Egitto. Il suo avvocato ha detto di essere stato trattenuto per estorcere informazioni su suo fratello Ayman al-Zawahiri. Il 20 marzo 2011 è stato nuovamente arrestato. Il 17 agosto 2013, le autorità egiziane hanno arrestato Muhammad al-Zawahiri nella sua casa di Giza . È stato assolto nel 2017.

Gioventù

Secondo quanto riferito, Ayman al-Zawahiri era un giovane studioso. Eccelleva a scuola, amava la poesia e "odiava gli sport violenti", che riteneva "disumani". Al-Zawahiri ha studiato medicina all'Università del Cairo e si è laureato nel 1974 con gayyid giddan, o più o meno alla pari con un voto di "B" nel sistema di classificazione americano. In seguito, ha servito dal 1974 al 1978 come chirurgo nell'esercito egiziano, dopodiché ha fondato una clinica vicino ai suoi genitori a Maadi . Nel 1978 ha conseguito anche un master in chirurgia. Parlava arabo, inglese e francese.

Al-Zawahiri ha partecipato all'attivismo giovanile da studente. Divenne sia piuttosto pio che politico, sotto l'influenza di suo zio Mahfouz Azzam e del conferenziere Mostafa Kamel Wasfi. Sayyid Qutb predicò che per restaurare l'Islam e liberare i musulmani, doveva essere sviluppata un'avanguardia di veri musulmani che si modellasse sui Compagni originali del Profeta . Ayman al-Zawahiri è stato influenzato dalle opinioni manichee di Qutb sulla teologia islamica e sulla storia islamica .

Cella sotterranea

All'età di 15 anni, al-Zawahiri aveva formato una cellula clandestina con l'obiettivo di rovesciare il governo e stabilire uno stato islamista. L'anno successivo il governo egiziano ha giustiziato Sayyid Qutb per cospirazione . Dopo l'esecuzione, al-Zawahiri, insieme ad altri quattro studenti delle scuole superiori, ha contribuito a formare una "cellula sotterranea dedita al rovesciamento del governo e alla creazione di uno stato islamista". Fu in questa tenera età che al-Zawahiri sviluppò una missione nella vita, "mettere in atto la visione di Qutb ". La sua cellula alla fine si è fusa con altre per formare al-Jihad o Jihad islamica egiziana .

Matrimoni e figli

Ayman al-Zawahiri è stato sposato almeno quattro volte. Le sue mogli includono Azza Ahmed Nowari e Umaima Hassan.

Nel 1978, al-Zawahiri sposò la sua prima moglie, Azza Ahmed Nowari, una studentessa dell'Università del Cairo che studiava filosofia. Il loro matrimonio, che si è tenuto al Continental Hotel in Opera Square, è stato molto conservatore, con aree separate per uomini e donne e senza musica, fotografie o allegria in generale. Molti anni dopo, quando gli Stati Uniti attaccarono l'Afghanistan in seguito agli attacchi dell'11 settembre nell'ottobre 2001, Azza apparentemente non aveva idea che al-Zawahiri fosse stato presumibilmente un emiro (comandante) jihadista nell'ultimo decennio.

Al-Zawahiri e sua moglie, Azza, hanno avuto quattro figlie, Fatima (nata nel 1981), Umayma (nata nel 1983), Nabila (nata nel 1986) e Khadiga (nata nel 1987), e un figlio, Mohammed (nato anche lui nel 1987; il fratello gemello di Khadiga), che era un "ragazzo delicato e educato" e "l'animale domestico delle sue sorelle maggiori", soggetto a prese in giro e bullismo in un ambiente tradizionalmente maschile, che preferiva "stare a casa e aiutare i suoi madre." Nel 1997, dieci anni dopo la nascita di Maometto, Azza diede alla luce la loro quinta figlia, Aisha, affetta dalla sindrome di Down . Nel febbraio 2004, Abu Zubaydah è stato sottoposto a waterboarding e successivamente ha dichiarato che Abu Turab Al-Urduni aveva sposato una delle figlie di al-Zawahiri.

La prima moglie di Ayman al-Zawahiri, Azza, e due dei loro sei figli, Mohammad e Aisha, sono stati uccisi in un attacco aereo in Afghanistan da parte delle forze statunitensi alla fine di dicembre 2001, in seguito agli attacchi dell'11 settembre agli Stati Uniti dopo un bombardamento aereo americano di un talebano- edificio controllato a Gardez, Azza è stato bloccato sotto le macerie del tetto di una pensione. Preoccupata per la sua modestia, "rifiutò di essere scavata" perché "gli uomini avrebbero visto la sua faccia" e morì per le ferite riportate il giorno successivo. Anche suo figlio, Mohammad, è stato ucciso a titolo definitivo nella stessa casa. Sua figlia di quattro anni con sindrome di Down, Aisha, non era stata ferita dai bombardamenti, ma era morta per l'esposizione nella fredda notte mentre i soccorritori afgani cercavano di salvare Azza.

Nella prima metà del 2005, una delle tre mogli sopravvissute di Al-Zawahiri ha dato alla luce una figlia, di nome Nawwar.

Nel giugno 2012, una delle quattro mogli di al-Zawahiri, Umaima Hassan, ha rilasciato una dichiarazione su Internet congratulandosi per il ruolo svolto dalle donne musulmane nella Primavera araba . È anche nota per aver scritto un volantino in cui spiegava il ruolo delle donne nella jihad.

Carriera medica

Nel 1981, Ayman al-Zawahiri si recò a Peshawar, in Pakistan, dove lavorò in un ospedale della Mezzaluna Rossa curando i rifugiati feriti. Lì fece amicizia con Ahmed Khadr e i due condivisero una serie di conversazioni sulla necessità del governo islamico e sui bisogni del popolo afghano.

Ayman al-Zawahiri ha lavorato come chirurgo. Nel 1985, al-Zawahiri si recò in Arabia Saudita sull'Hajj e rimase per un anno a praticare la medicina a Gedda . In quanto chirurgo qualificato, quando la sua organizzazione si è fusa con al-Qaeda di bin Laden, è diventato il consulente personale e medico di bin Laden . Aveva incontrato bin Laden per la prima volta a Jeddah nel 1986. Secondo altre fonti, si sarebbero incontrati per la prima volta nel 1986 in un ospedale di Peshawar.

Nel 1993, al-Zawahiri si è recato negli Stati Uniti, dove si è rivolto a diverse moschee della California con il suo pseudonimo di Abdul Mu'iz, facendo affidamento sulle sue credenziali della Mezzaluna Rossa del Kuwait per raccogliere fondi per i bambini afgani che erano stati feriti dalle mine sovietiche —ha raccolto solo $ 2000.

Attività militante

Complotti di assassinio

Egitto

Nel 1981, Al-Zawahiri fu uno delle centinaia di arresti a seguito dell'assassinio del presidente Anwar Sadat . Inizialmente, il piano è stato fatto deragliare quando le autorità sono state allertate del piano di Al-Jihad mediante l'arresto di un agente che trasportava informazioni cruciali, nel febbraio 1981. Il presidente Sadat ha ordinato il rastrellamento di oltre 1.500 persone, inclusi molti membri di Al-Jihad, ma ha mancato un cellula dell'esercito guidato dal tenente Khalid Islambouli, che riuscì ad assassinare Sadat durante una parata militare quell'ottobre. Il suo avvocato, Montasser el-Zayat, ha detto che al-Zawahiri è stato torturato in prigione.

Nel suo libro, Al-Zawahiri come lo conoscevo, Al-Zayat sostiene che sotto tortura da parte della polizia egiziana, in seguito al suo arresto in connessione con l'omicidio di Sadat nel 1981, Al-Zawahiri ha rivelato il nascondiglio di Essam al-Qamari, un membro chiave della cellula Maadi di al-Jihad, che ha portato all '"arresto e all'eventuale esecuzione" di Al-Qamari. È stato rilasciato dal carcere nel 1984.

Nel 1993, il legame di al-Zawahiri e della Jihad islamica egiziana ( EIJ ) con l'Iran potrebbe aver portato a un attentato suicida in un attentato alla vita del ministro dell'Interno egiziano Hasan al-Alfi, l'uomo a capo dello sforzo per annullare la campagna di omicidi islamisti in Egitto. Fallì, così come il tentativo di assassinare il primo ministro egiziano Atef Sidqi tre mesi dopo. L'attentato all'auto di Sidqi ha ferito 21 egiziani e ucciso una studentessa, Shayma Abdel-Halim. Sono seguiti due anni di uccisioni da parte di un altro gruppo islamista, al-Gama'a al-Islamiyya, che aveva ucciso oltre 200 persone. Il suo funerale è diventato uno spettacolo pubblico, con la sua bara portata per le strade del Cairo e la folla che gridava: "Il terrorismo è nemico di Dio!" La polizia ha arrestato altri 280 membri di al-Jihad e ne ha giustiziati sei.

Per il loro ruolo di primo piano negli attacchi del governo anti-egiziano negli anni '90, al-Zawahiri e suo fratello Muhammad al-Zawahiri sono stati condannati a morte nel caso egiziano del 1999 dei rimpatriati dall'Albania .

Pakistan

L'attacco del 1995 all'ambasciata egiziana a Islamabad, in Pakistan, è stato compiuto dalla Jihad islamica egiziana sotto la guida di al-Zawahiri, ma Bin Laden aveva disapprovato l'operazione. Il bombardamento ha alienato il Pakistan, che era "la rotta migliore per l'Afghanistan".

Nel luglio 2007, Al-Zawahiri ha fornito le indicazioni per l' assedio di Lal Masjid, nome in codice Operazione Silenzio. Questa è stata la prima volta confermata in cui Al-Zawahiri ha intrapreso iniziative militanti contro il governo pakistano e guidava militanti islamici contro lo Stato del Pakistan. Le truppe dell'esercito pakistano e il gruppo di servizi speciali che prendono il controllo della Lal Masjid ("Moschea rossa") a Islamabad hanno trovato lettere di al-Zawahiri che indirizzavano i militanti islamici Abdul Rashid Ghazi e Abdul Aziz Ghazi, che gestivano la moschea e l'adiacente madrasa . Questo conflitto ha provocato 100 morti.

Il 27 dicembre 2007, al-Zawahiri è stato anche implicato nell'assassinio dell'ex primo ministro pakistano Benazir Bhutto .

Sudan

Nel 1994, i figli di Ahmad Salama Mabruk e Mohammed Sharaf furono giustiziati sotto la guida di al-Zawahiri per aver tradito la Jihad islamica egiziana ; ai militanti fu ordinato di lasciare il Sudan.

stati Uniti

Nel 1998, Ayman al-Zawahiri è stato indicato come incriminato negli Stati Uniti per il suo ruolo negli attentati all'ambasciata statunitense del 1998 : una serie di attacchi il 7 agosto 1998, in cui centinaia di persone sono state uccise in esplosioni simultanee di autobombe al Ambasciate degli Stati Uniti nelle principali città dell'Africa orientale di Dar es Salaam, in Tanzania, e Nairobi, in Kenya.

Nel 2000, l' attentato alla USS Cole ha incoraggiato diversi membri ad andarsene. Mohammed Atef è fuggito a Kandahar, al-Zawahiri a Kabul e anche Bin Laden è fuggito a Kabul, unendosi in seguito ad Atef quando si è reso conto che non erano in arrivo attacchi di rappresaglia americani.

Il 10 ottobre 2001, al-Zawahiri è apparso nell'elenco iniziale dei 22 terroristi più ricercati del Federal Bureau of Investigation degli Stati Uniti, che è stato rilasciato al pubblico dal presidente degli Stati Uniti George W. Bush . All'inizio di novembre 2001, il governo talebano ha annunciato che gli stavano conferendo la cittadinanza afgana ufficiale, così come Bin Laden, Mohammed Atef, Saif al-Adl e Shaykh Asim Abdulrahman .

Organizzazioni

Jihad islamica egiziana

Al-Zawahiri iniziò a ricostituire la Jihad islamica egiziana (EIJ) insieme ad altri militanti in esilio.

A Peshwar, si pensava che al-Zawahiri si fosse radicalizzato da altri membri di Al-Jihad, abbandonando la sua vecchia strategia di un rapido colpo di stato per cambiare la società dall'alto e abbracciando l'idea del takfir . Nel 1991, l'EIJ ha rotto con al-Zumur e al-Zawahiri ha afferrato "le redini del potere" per diventare il leader dell'EIJ.

Ayman al-Zawahiri era in precedenza il secondo e ultimo " emiro " della Jihad islamica egiziana, dopo essere succeduto ad Abbud al-Zumar in quest'ultimo ruolo quando le autorità egiziane hanno condannato al-Zumar all'ergastolo . Alla fine Ayman al-Zawahiri divenne uno dei principali organizzatori e reclutatori della Jihad islamica egiziana . La speranza di Al-Zawahiri era quella di reclutare ufficiali militari e accumulare armi, aspettando il momento giusto per lanciare "un completo rovesciamento dell'ordine esistente". Il capo stratega di Al-Jihad era Aboud al-Zumar, un colonnello dell'intelligence militare il cui piano era uccidere i principali leader del paese, catturare il quartier generale dell'esercito e della sicurezza dello Stato, l'edificio della centrale telefonica e, naturalmente, la radio e la costruzione della televisione, dove sarebbe poi andata in onda la notizia della rivoluzione islamica, scatenando – si aspettava – “una rivolta popolare contro l'autorità laica in tutto il Paese”.

Maktab al-Khadamat

A Peshawar, prese contatto con Osama bin Laden, che gestiva una base per mujaheddin chiamata Maktab al-Khadamat (MAK); fondata dallo sceicco palestinese Abdullah Yusuf Azzam . La posizione radicale di al-Zawahiri e degli altri militanti di Al-Jihad li ha messi in contrasto con lo sceicco Azzam, con il quale hanno gareggiato per le risorse finanziarie di bin Laden. Al-Zawahiri aveva due passaporti falsi, uno svizzero a nome di Amin Uthman e uno olandese a nome di Mohmud Hifnawi.

Il giornalista britannico Jason Burke ha scritto: "Al-Zawahiri ha condotto la propria operazione durante la guerra afgana, portando e addestrando volontari dal Medio Oriente. Alcuni dei 500 milioni di dollari che la CIA ha versato in Afghanistan hanno raggiunto il suo gruppo".

L'ex agente dell'FBI Ali Soufan ha menzionato nel suo libro The Black Banners che Ayman al-Zawahiri è sospettato di aver ordinato l'assassinio di Azzam nel 1989.

Al Qaeda

Questa immagine del 2001 utilizzata dall'FBI mostra Ayman al-Zawahiri a Khost, in Afghanistan.

Secondo quanto riferito da un ex membro di al-Qaeda, al-Zawahiri ha lavorato nell'organizzazione di al-Qaeda sin dal suo inizio ed era un membro anziano del consiglio della shura del gruppo . È stato spesso descritto come un "tenente" di Osama bin Laden, sebbene il biografo scelto da bin Laden lo abbia definito il "vero cervello" di al-Qaeda.

Il 23 febbraio 1998, al-Zawahiri ha emesso una fatwa congiunta con Osama bin Laden dal titolo " Fronte islamico mondiale contro ebrei e crociati ". Si pensa che Al-Zawahiri, non bin Laden, sia stato il vero autore della fatwa.

Bin Laden e al-Zawahiri hanno organizzato un congresso di al-Qaeda il 24 giugno 1998. Una settimana prima dell'inizio della conferenza, un gruppo di ben armati assistenti di al-Zawahiri era partito in jeep in direzione di Herat. Seguendo le istruzioni del loro patrono, nella città di Koh-i-Doshakh, incontrarono tre uomini sconosciuti dall'aspetto slavo che erano arrivati ​​dalla Russia attraverso l'Iran. Dopo il loro arrivo a Kandahar, si sono separati. Uno dei russi è stato scortato direttamente ad al-Zawahiri e non ha partecipato alla conferenza. L' intelligence militare occidentale è riuscita ad acquisire fotografie di lui, ma è scomparso per sei anni. Secondo Axis Globe, nel 2004, quando il Qatar e gli Stati Uniti hanno indagato sui funzionari dell'ambasciata russa che gli Emirati Arabi Uniti avevano arrestato in relazione all'omicidio di Zelimkhan Yandarbiyev in Qatar, il software del computer ha stabilito con precisione che un uomo che si era recato all'ambasciata russa a Doha è stata la stessa che ha visitato al-Zawahiri prima della conferenza di Al-Qaeda.

Al-Zawahiri è stato posto sotto sanzioni internazionali nel 1999 dal Comitato per le sanzioni di Al-Qaeda e talebani delle Nazioni Unite come membro del gruppo salafita -jihadista al-Qaeda .

Nel giugno 2001, al-Zawahiri ha formalmente fuso la Jihad islamica egiziana in al-Qaeda.

Alla fine del 2001 è stato sequestrato un computer rubato da un ufficio utilizzato da al-Qaeda subito dopo la caduta di Kabul a novembre. Questo computer è stato utilizzato principalmente da al-Zawahri e conteneva la lettera con una richiesta di intervista per Ahmad Shah Massoud . I giornalisti che hanno condotto l'intervista hanno assassinato Massoud il 9 settembre 2001.

Emersione come comandante in capo di al-Qaeda

Alla fine del 2004 bin Laden nominò ufficialmente al-Zawahiri suo vice. Il 30 aprile 2009, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha riferito che al-Zawahiri era emerso come comandante operativo e strategico di al-Qaeda e che Osama bin Laden era ora solo la figura ideologica dell'organizzazione. Dopo la morte di bin Laden nel 2011, un alto funzionario dell'intelligence statunitense ha affermato che le informazioni raccolte nel raid hanno mostrato che bin Laden è rimasto profondamente coinvolto nella pianificazione: "Questo complesso (dove fu ucciso bin Laden) ad Abbottabad era un centro di comando e controllo attivo per il leader di al-Qaeda. Era attivo nella pianificazione operativa e nel guidare le decisioni tattiche all'interno di al-Qaeda".

Dopo la morte di bin Laden, l'ex vice consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti per la lotta al terrorismo Juan Zarate ha affermato che al-Zawahiri avrebbe "chiaramente assunto il ruolo di leadership" di al-Qaeda. Un alto funzionario dell'amministrazione statunitense ha affermato che sebbene al-Zawahiri fosse probabilmente il prossimo leader di al-Qaeda, la sua autorità non era "universalmente accettata" tra i seguaci di al-Qaeda, in particolare nella regione del Golfo. Zarate ha detto che al-Zawahiri era più controverso e meno carismatico di bin Laden. Rashad Mohammad Ismail (alias "Abu Al-Fida"), un membro di spicco di al-Qaeda nella penisola arabica, ha affermato che al-Zawahiri era il miglior candidato.

Si dice che Hamid Mir abbia affermato di ritenere che Ayman al-Zawahiri fosse il capo operativo di al-Qaeda e che "[h]e è la persona che può fare le cose accadute l'11 settembre". Pochi giorni dopo gli attacchi, il nome di al-Zawahiri fu presentato come il secondo in comando di bin Laden, con rapporti che suggerivano che rappresentasse "un nemico degli Stati Uniti più formidabile di bin Laden".

Appuntamento formale

Al-Zawahiri è diventato il leader di al-Qaeda in seguito all'uccisione di Osama bin Laden il 2 maggio 2011 . La sua successione a quel ruolo è stata annunciata su molti dei loro siti web il 16 giugno 2011. Lo stesso giorno, al-Qaeda ha rinnovato la sua posizione secondo cui Israele era uno stato illegittimo e che non avrebbe accettato alcun compromesso sulla Palestina .

L'annuncio ritardato ha portato alcuni analisti a ipotizzare che ci fosse una lite all'interno di al-Qaeda: "Non suggerisce un vasto serbatoio di buona volontà accumulata per lui", ha detto un famoso giornalista alla CNN . Sia il segretario alla Difesa americano Robert Gates che il presidente del capo di stato maggiore congiunto Mike Mullen sostengono che il ritardo non ha segnalato alcun tipo di controversia all'interno di al-Qaeda, e Mullen ha ribadito le minacce di morte statunitensi nei confronti di al-Zawahiri. Secondo i funzionari statunitensi all'interno dell'amministrazione Obama e Robert Gates, al-Zawahiri troverebbe difficile la leadership poiché, sebbene intelligente, gli manca l'esperienza di combattimento e il carisma di Osama bin Laden .

Attività in Iran

Al-Zawahiri avrebbe lavorato con la Repubblica islamica dell'Iran per conto di al-Qaeda. L'autore Lawrence Wright riferisce che l'agente dell'EIJ Ali Mohammed "ha detto all'FBI che al-Jihad aveva pianificato un colpo di stato in Egitto nel 1990". Al-Zawahiri aveva studiato la rivoluzione islamica islamista del 1979 e "cercava formazione dagli iraniani" su come duplicare la loro impresa contro il governo egiziano.

Ha offerto all'Iran informazioni su un piano del governo egiziano per prendere d'assalto diverse isole del Golfo Persico che rivendicano sia l'Iran che gli Emirati Arabi Uniti. Secondo Mohammed, in cambio di queste informazioni, il governo iraniano ha pagato ad al-Zawahiri 2 milioni di dollari e ha aiutato a formare membri di al-Jihad in un tentativo di colpo di stato che non ha mai avuto luogo.

In pubblico, al-Zawahiri ha denunciato duramente il governo iraniano. Nel dicembre 2007, ha detto: "Abbiamo scoperto che l'Iran collaborava con l'America nelle sue invasioni dell'Afghanistan e dell'Iraq". Negli stessi videomessaggi, inoltre, rimprovera l'Iran per "aver ripetuto la ridicola battuta secondo cui al-Qaeda e i talebani sono agenti dell'America", prima di riprodurre un video clip in cui l' ayatollah Rafsanjani afferma: "In Afghanistan erano presenti in L'Afghanistan, a causa di Al-Qaida; e i talebani, che hanno creato i talebani? L'America è quella che ha creato i talebani e gli amici dell'America nella regione sono quelli che hanno finanziato e armato i talebani".

Le critiche di Al-Zawahiri al governo iraniano continuano quando afferma:

Nonostante la ripetizione da parte dell'Iran dello slogan "Morte all'America, morte a Israele", non abbiamo sentito nemmeno una Fatwa da un'autorità sciita, in Iran o altrove, invocare la Jihad contro gli americani in Iraq e Afghanistan.

Al-Zawahiri ha affermato che "l'Iran ha accoltellato la schiena della nazione islamica con un coltello".

Nell'aprile 2008, al-Zawahiri ha incolpato i media statali iraniani e Al-Manar per aver perpetuato la "menzogna" secondo cui "non ci sono eroi tra i sunniti che possono ferire l'America come nessun altro ha fatto nella storia" per screditare Al Qaeda Rete. Al-Zawahiri si riferiva ad alcune teorie del complotto dell'11 settembre secondo cui Al Qaeda non era responsabile degli attacchi dell'11 settembre.

Nel settimo anniversario degli attacchi dell'11 settembre 2001, al-Zawahiri ha pubblicato un nastro di 90 minuti in cui ha fatto esplodere "il guardiano dei musulmani a Teheran" per aver riconosciuto "i due governi mercenari " in Iraq e Afghanistan.

Attività in Russia

Ad un certo punto nel 1994, si diceva che al-Zawahiri fosse "diventato un fantasma ", ma si pensa che abbia viaggiato molto in "Svizzera e Sarajevo ". Un passaporto falso che stava usando mostra che ha viaggiato in Malesia, Taiwan, Singapore e Hong Kong.

Il 1° dicembre 1996, Ahmad Salama Mabruk e Mahmud Hisham al-Hennawi – entrambi con passaporti falsi – accompagnarono al-Zawahiri in un viaggio in Cecenia, dove speravano di ristabilire il vacillante Jihad. Il loro leader viaggiava sotto lo pseudonimo di Abdullah Imam Mohammed Amin e scambiava le sue credenziali mediche con la legittimità. Il gruppo ha cambiato veicolo tre volte, ma è stato arrestato poche ore dopo l'ingresso in territorio russo e ha trascorso cinque mesi in una prigione di Makhachkala in attesa del processo. Il trio si è dichiarato innocente, mantenendo il travestimento mentre altri membri di al-Jihad di Bavari-C hanno inviato alle autorità russe richieste di clemenza per i loro colleghi "mercanti" che erano stati arrestati ingiustamente. Il membro del parlamento russo Nadyr Khachiliev ha fatto eco alle richieste di un rapido rilascio mentre i membri di al-Jihad Ibrahim Eidarous e Tharwat Salah Shehata si sono recati in Daghestan per chiedere il loro rilascio. Shehata ha ricevuto il permesso di visitare i prigionieri. Si ritiene che abbia contrabbandato loro $ 3000, che sono stati successivamente confiscati, e che abbia consegnato loro una lettera che i russi non si sono preoccupati di tradurre. Nell'aprile 1997 il trio è stato condannato a sei mesi, successivamente rilasciato un mese dopo e fuggito senza pagare al loro avvocato nominato dal tribunale Abulkhalik Abdusalamov la sua parcella legale di $ 1.800, citando "povertà". Shehata fu mandato in Cecenia dove incontrò Ibn Khattab .

Ci sono stati dubbi sulla vera natura dell'incontro di al-Zawahiri con i russi nel 1996. Lo studioso della Jamestown Foundation Evgenii Novikov ha affermato che sembra improbabile che i russi non sarebbero stati in grado di determinare chi fosse, dato il ben addestrato russo Gli arabisti e gli atti sospetti dei musulmani che attraversano illegalmente i confini con più false identità arabe e documenti crittografati. L'ex ufficiale dei servizi segreti dell'FSB assassinato Alexander Litvinenko ha affermato, tra le altre cose, che durante questo periodo al-Zawahiri è stato addestrato dall'FSB e che non era l'unico collegamento tra al-Qaeda e l'FSB. L'ex ufficiale del KGB, commentatore e scrittore di Voice of America Konstantin Preobrazhenskiy ha sostenuto l'affermazione di Litvinenko. Ha detto che Litvinenko "era responsabile di garantire la segretezza dell'arrivo di Al-Zawahiri in Russia, che è stato addestrato da istruttori dell'FSB in Daghestan, nel Caucaso settentrionale, nel periodo 1996-1997".

Attività in Egitto

Al-Zawahiri è stato condannato per spaccio di armi e ha ricevuto una condanna a tre anni, che ha completato nel 1984, poco dopo la sua condanna.

Al-Zawahiri ha appreso di una " Iniziativa di nonviolenza " organizzata in Egitto per porre fine alla campagna terroristica che aveva ucciso centinaia di persone e la conseguente repressione del governo che aveva imprigionato migliaia di persone. Al-Zawahiri si oppose con rabbia a questa "resa" in lettere al quotidiano londinese Al-Sharq al-Awsat . Insieme ai membri di al-Gama'a al-Islamiyya, ha contribuito a organizzare un massiccio attacco ai turisti al tempio di Hatshepsut per sabotare l'iniziativa provocando la repressione del governo .

L'attacco da parte di sei uomini in uniforme della polizia è riuscito a mitragliare e uccidere a colpi di arma da fuoco 58 turisti stranieri e quattro egiziani, tra cui "un bambino britannico di cinque anni e quattro coppie giapponesi in luna di miele", e ha devastato l'industria turistica egiziana per un certo numero di anni. Tuttavia, la reazione egiziana non è stata quella sperata da al-Zawahiri. L'attacco ha così sbalordito e fatto arrabbiare la società egiziana che gli islamisti hanno negato la responsabilità. Al-Zawahiri ha incolpato la polizia per l'omicidio, ma ha anche ritenuto i turisti responsabili della propria morte per essere venuti in Egitto,

Il popolo egiziano considera la presenza di questi turisti stranieri un'aggressione contro i musulmani e l'Egitto... I giovani stanno dicendo che questo è il nostro paese e non un posto per scherzare e divertirsi, specialmente per te.

Al-Zawahiri è stato condannato a morte in contumacia nel 1999 da un tribunale militare egiziano .

Attività e luogo dopo gli attacchi dell'11 settembre

Nel dicembre 2001, al-Zawahiri ha pubblicato un libro intitolato Fursan Taht Rayat al Nabi ( Cavalieri sotto lo stendardo del profeta ) che delineava le ideologie di al-Qaeda. Sono state pubblicate traduzioni in inglese di questo libro; estratti sono disponibili online.

...Il secondo potere dipende solo da Dio, quindi dalla sua ampia popolarità e alleanza con altri movimenti jihadisti in tutta la nazione islamica, dalla Cecenia a nord alla Somalia a sud e dal "Turkestan orientale a est al Marocco a ovest .

... Cerca vendetta contro i capi della banda dell'incredulità globale, gli Stati Uniti, la Russia e Israele. Richiede il prezzo del sangue per i martiri, il dolore delle madri, gli orfani privati, i prigionieri sofferenti e i tormenti di coloro che sono torturati ovunque nelle terre islamiche, dal Turkistan nell'est all'Andalusia.

...Ha anche offerto ai giovani mujahidin musulmani - arabi, pakistani, turchi e musulmani dell'Asia centrale e orientale - una grande opportunità per conoscersi nella terra della jihad afgana attraverso il loro cameratismo contro i nemici della Islam.

Osama bin Laden siede con il suo consigliere al-Zawahiri durante un'intervista con il giornalista pakistano Hamid Mir, nel novembre 2001.

Dopo l' invasione americana dell'Afghanistan, non si sapeva dove si trovasse al-Zawahiri, ma generalmente si pensava che si trovasse nel Pakistan tribale. Sebbene abbia pubblicato frequentemente video di se stesso, al-Zawahiri non è apparso insieme a bin Laden in nessuno di essi dopo il 2003. Nel 2003 si diceva che fosse in arresto in Iran, anche se in seguito si è scoperto che questo era falso.

Il 13 gennaio 2006, la Central Intelligence Agency, aiutata dall'ISI pachistano, ha lanciato un attacco aereo su Damadola, un villaggio pakistano vicino al confine afghano dove credevano si trovasse al-Zawahiri. L'attacco aereo avrebbe dovuto uccidere al-Zawahiri e questo è stato riportato nelle notizie internazionali nei giorni successivi. Molte vittime dell'attacco aereo sono state sepolte senza essere identificate. Funzionari anonimi del governo degli Stati Uniti hanno affermato che alcuni terroristi sono stati uccisi e il governo dell'area tribale Bajaur ha confermato che almeno quattro terroristi erano morti. Le proteste antiamericane sono scoppiate in tutto il Paese e il governo pakistano ha condannato l'attacco degli Stati Uniti e la perdita di vite innocenti .

Il 1 agosto 2008, CBS News ha riferito di aver ottenuto una copia di una lettera intercettata datata 29 luglio 2008, da fonti anonime in Pakistan, che richiedeva urgentemente un medico per curare al-Zawahiri. La lettera indicava che al-Zawahiri era stato gravemente ferito in un attacco missilistico statunitense al villaggio di Azam Warsak nel Waziristan meridionale il 28 luglio, che avrebbe ucciso anche l'esperto di esplosivi di al Qaeda Abu Khabab al-Masri . Il 2 agosto 2008 il portavoce talebano Mehsud Maulvi Umar ha dichiarato all'Associated Press che il rapporto sull'infortunio di al-Zawahiri era falso.

All'inizio di settembre 2008, l'esercito pakistano ha affermato di aver "quasi" catturato al-Zawahiri dopo aver ricevuto informazioni che lui e sua moglie erano nell'Agenzia Mohmand, nel nord-ovest del Pakistan. Dopo aver perquisito la zona, i funzionari non lo hanno trovato.

In due video pubblicati su siti web jihadisti nel 2012, al-Zawahiri ha invitato i musulmani a "catturare" cittadini stranieri per sfruttare il rilascio di Omar Abdel-Rahman, la mente dell'attentato al World Trade Center del 1993 . Nei video, al-Zawahiri ha citato il successo del rapimento dell'ebreo americano Warren Weinstein nel 2011 come precedente per ulteriori rapimenti. Al-Zawahiri ha anche chiesto l'istituzione della legge della Sharia in Egitto e ha messo in dubbio le opinioni dell'allora presidente dell'Egitto Mohamed Morsi .

Nel giugno 2013, al-Zawahiri ha arbitrato contro la fusione dello Stato islamico dell'Iraq con il siriano Jabhat al-Nusra nello Stato islamico dell'Iraq e del Levante, come dichiarato ad aprile da Abu Bakr al-Baghdadi . Abu Mohammad al-Julani, leader del Fronte al-Nusra, ha affermato la fedeltà del gruppo ad al-Qaeda e ad al-Zawahiri.

Nel settembre 2015, al-Zawahiri ha esortato lo Stato Islamico (ISIL) a smettere di combattere il Fronte al-Nusra, l'affiliato ufficiale di al-Qaeda in Siria, e a unirsi a tutti gli altri jihadisti contro la presunta alleanza tra America, Russia, Europa, sciiti e Iran, e il regime alawita di Bashar al-Assad .

Ayman al-Zawahiri ha rilasciato una dichiarazione a sostegno della jihad nello Xinjiang contro i cinesi, nel Caucaso contro i russi e nominando la Somalia, lo Yemen, la Siria, l'Iraq e l'Afghanistan come campi di battaglia. al-Zawahiri ha approvato "il jihad per liberare ogni intervallo di terra dai musulmani che è stato usurpato e violato, da Kashgar all'Andalusia , e dal Caucaso alla Somalia e all'Africa centrale". Gli uiguri abitano Kashgar, la città menzionata da al-Zawahiri. In un'altra dichiarazione ha detto: "I miei fratelli mujaheddin in tutti i luoghi e di tutti i gruppi ... affrontiamo l'aggressione da parte di America, Europa e Russia ... quindi spetta a noi stare insieme come uno dal Turkestan orientale al Marocco". Nel 2015, il Partito islamico del Turkistan (Movimento islamico del Turkistan orientale) ha pubblicato un'immagine che mostra i leader di Al Qaeda Ayman al-Zawahiri e Osama Bin Laden che si incontrano con Hasan Mahsum .

Il movimento per l'indipendenza degli uiguri del Turkestan orientale è stato approvato nel nono rilascio della serie "Primavera islamica" da Al-Zawahiri. Al-Zawahiri ha confermato che la guerra in Afghanistan dopo l'11 settembre includeva la partecipazione degli uiguri e che i jihadisti come Zarwaqi, Bin Ladin e l'uiguro Hasan Mahsum avevano trovato rifugio insieme in Afghanistan sotto il dominio dei talebani. I combattenti uiguri sono stati elogiati da al-Zawahiri, prima che un partito islamico del Turkistan eseguisse un attentato a Bishkek il 30 agosto. I jihadisti uiguri sono stati acclamati da Ayman al-Zawahiri.

Doğu Türkistan Bülteni Haber Ajansı ha riferito che il Partito islamico uiguro del Turkistan è stato elogiato da Abu Qatada insieme ad Abdul Razzaq al Mahdi, Maqdisi, Muhaysini e al-Zawahiri.

Abu Muhammad al-Maqdisi e Abu Qatada sono stati citati da Muhaysini. Osama bin Laden e al-Zawahiri furono lodati da Muhaysini.

Il programma Rewards for Justice del Dipartimento di Stato americano ha offerto una ricompensa fino a 25 milioni di dollari per informazioni sulla posizione di al-Zawahiri.

Il 31 luglio 2022, al-Zawahiri è stato ucciso in un attacco statunitense a Kabul, in Afghanistan. Si diceva che si trovasse nell'area tribale del Pakistan o all'interno dell'Afghanistan. La sua morte è considerata il più grande colpo per il gruppo terroristico da quando Osama Bin Laden è stato ucciso nel 2011. Altri hanno descritto la sua morte come "anticlimatica per la scomparsa di Al Qaeda", affermando che "le sue mosse mentre il leader del gruppo in diminuzione sono state osservate più da analisti che da jihadisti" al momento della sua morte.

Visualizzazioni

islamismo

Come leader della Jihad islamica egiziana, al-Zawahiri concepiva l'islamismo in Egitto come un movimento rivoluzionario di combattenti eroici a cui le masse si sarebbero unite sulla scia delle loro vittorie. Il movimento è stato per lo più un fallimento, inclusa la sua schiacciante sconfitta e soppressione da parte del governo egiziano in seguito all'assassinio di Anwar Sadat . La rivolta popolare immaginata da al-Zawahiri non si è mai verificata e alcuni leader islamisti hanno accettato di cessare il fuoco con il governo. Dopo questi eventi, al-Zawahiri si è unito ad Al-Qaeda, che aveva obiettivi di portata internazionale ed era incentrato sul conflitto con gli Stati Uniti piuttosto che sul conflitto localizzato in corso con il regime laico in Egitto.

Lealtà e inimicizia

In un lungo trattato intitolato "Lealtà e inimicizia", ​​al-Zawahiri ha affermato che i musulmani devono essere sempre leali all'Islam e gli uni agli altri, mentre odiano o evitano tutto e tutti al di fuori dell'Islam.

Combattenti femminili

Al-Zawahiri ha affermato in un'intervista dell'aprile 2008 che il gruppo non ha donne combattenti e che il ruolo di una donna è limitato alla cura delle case e dei bambini dei combattenti di al-Qaeda. Ciò ha portato a un dibattito sul ruolo delle donne mujahid come Sajida Mubarak Atrous al-Rishawi .

iraniani

Nel 2008 ha affermato che i " persiani " sono nemici degli arabi e che l'Iran ha collaborato con gli Stati Uniti durante l' occupazione dell'Iraq .

Attività promozionali

Al-Zawahiri ha attribuito la massima importanza all'ottenimento del sostegno pubblico e a questo proposito ha castigato Abu Musab al-Zarqawi : "In assenza di questo sostegno popolare, il movimento dei mujahid islamici sarebbe schiacciato nell'ombra".

Messaggi video e audio

anni 2000

  • 4 agosto 2005: al-Zawahiri pubblica una dichiarazione televisiva in cui incolpa l'ex primo ministro britannico Tony Blair e la politica estera del suo governo per gli attentati di Londra del luglio 2005 .
  • 1 settembre 2005: al-Jazeera trasmette un videomessaggio di Mohammed Sidique Khan, uno degli attentatori della metropolitana di Londra . Il suo messaggio è seguito da un altro messaggio di al-Zawahiri, che incolpa ancora Tony Blair per gli attentati del 7/7.
  • 19 settembre 2005: al-Zawahiri rivendica la responsabilità degli attentati di Londra e respinge gli sforzi degli Stati Uniti in Afghanistan.
  • 3 aprile 2008: al-Zawahiri ha affermato che al-Qaeda non uccide innocenti e che il suo [ex] leader Osama bin Laden è sano. Le domande ponevano le sue opinioni sull'Egitto e sull'Iraq, così come su Hamas .
  • 22 aprile 2008: un'intervista audio in cui, tra gli altri argomenti, al-Zawahiri attacca l'Iran sciita e Hezbollah per aver accusato gli attacchi dell'11 settembre contro Israele, screditando così al-Qaeda.
  • Nel 7° anniversario degli attacchi dell'11 settembre 2001, al-Zawahiri ha rilasciato un nastro di 90 minuti, in cui ha fatto esplodere "il guardiano dei musulmani a Teheran " per "i due governi mercenari" in Iraq e Afghanistan .
  • 7 gennaio 2009: viene rilasciato un messaggio audio, in cui al-Zawahiri giura vendetta per l'assalto aereo e terrestre di Israele a Gaza e definisce le azioni dello Stato ebraico contro i militanti di Hamas "un regalo" del presidente eletto degli Stati Uniti Barack Obama per la recente rivolta del conflitto in Gaza.
  • 4 ottobre 2009: il New York Times ha riferito che al-Zawahiri aveva affermato che la Libia aveva torturato a morte Ibn Al Sheikh Al Libi . Al Libi era una fonte chiave che la Presidenza di George W. Bush aveva affermato che l'Iraq aveva fornito addestramento ad al-Qaeda sulle armi di distruzione di massa irachene .
  • 14 dicembre 2009: in una registrazione audio rilasciata il 14 dicembre 2009, al-Zawahiri ha rinnovato gli appelli a stabilire uno stato islamico in Israele e ha esortato i suoi seguaci a "cercare la jihad contro gli ebrei" e i loro sostenitori. Ha anche chiesto la jihad contro l'America e l'Occidente e ha etichettato il presidente egiziano Hosni Mubarak, il re Abdullah II di Giordania e il re Abdullah bin Abdulaziz dell'Arabia Saudita come i "fratelli di Satana".

anni 2010

  • 8 giugno 2011: al-Zawahiri ha pubblicato il suo primo video dall'uccisione di Osama bin Laden, lodando bin Laden e avvertendo gli Stati Uniti di attacchi di rappresaglia, ma senza rivendicare la leadership di al-Qaeda.
  • 3 settembre 2014: in un video di 55 minuti, al-Zawahiri ha annunciato la formazione di una nuova ala chiamata al-Qaeda nel subcontinente indiano (AQIS), che avrebbe condotto la jihad "per liberare la sua terra, per ripristinare la sua sovranità, e per far rivivere il suo Califfato". La reazione tra i musulmani in India alla formazione della nuova ala è stata di furia.
  • Marzo 2018: al-Zawahiri pubblica un video intitolato "L'America è il primo nemico dei musulmani", in cui difende i Fratelli musulmani e afferma che gli Stati Uniti stanno "lavorando con l'Arabia Saudita per formare imam e riscrivere i libri di testo religiosi". Questo è il suo sesto video nel 2018. Si riferisce al licenziamento di Rex Tillerson da Segretario di Stato americano nell'amministrazione Trump .
  • 11 settembre 2019: al-Zawahiri pubblica un video di propaganda del 18° anniversario dell'11 settembre intitolato "And They Shall Continue to Fight You" attraverso il media di al-Qaeda As Sahab. Al-Zawahiri condanna gli studiosi islamici che hanno condannato al-Qaeda per gli attacchi dell'11 settembre e continua a invocare la jihad nei confronti di Israele e Palestina. Le clip di Donald Trump e Benjamin Netanyahu sono state distanziate nel video.

anni 2020

Domande e risposte in linea

A metà dicembre 2007, i portavoce di al-Zawahiri hanno annunciato l'intenzione di un'"intervista aperta" su una manciata di siti web islamici. Gli amministratori di quattro noti siti web jihadisti sono stati autorizzati a raccogliere e inoltrare domande, "non modificate", si impegnano e "indipendentemente dal fatto che siano favorevoli o contrari" ad al-Qaeda, che verrebbero inoltrate ad al-Zawahiri il 16 gennaio al-Zawahiri ha risposto alle domande più avanti nel 2008; tra le cose che ha detto c'era che al-Qaeda non ha ucciso innocenti e che al-Qaeda si sarebbe mossa per prendere di mira Israele "dopo aver espulso l'occupante dall'Iraq ".

Pubblicazioni

Morte

Il presidente Biden rilascia osservazioni confermando che l'esercito americano ha eseguito un'uccisione mirata di al-Zawahiri.

Al-Zawahiri è stato ucciso il 31 luglio 2022, poco dopo le 6:00 ora locale, in un attacco di droni mattutino condotto dalla Central Intelligence Agency degli Stati Uniti nell'elegante quartiere Sherpur di Kabul, secondo quanto riferito in una casa di proprietà di un alto aiutante a Sirajuddin Haqqani, un alto funzionario del governo talebano .

In una dichiarazione ai giornalisti, un alto funzionario dell'amministrazione ha affermato che "durante il fine settimana, gli Stati Uniti hanno condotto un'operazione antiterrorismo contro un importante obiettivo di Al Qaeda in Afghanistan. L'operazione ha avuto successo e non ci sono state vittime civili". Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha negato la responsabilità dell'attacco, mentre il Comando Centrale degli Stati Uniti ha rifiutato di commentare. La sera del 1 agosto, ritardato di due giorni per consentire un'adeguata verifica del successo dell'operazione, il presidente Joe Biden ha annunciato alla Casa Bianca che la comunità di intelligence degli Stati Uniti aveva localizzato al-Zawahiri mentre si trasferiva nel centro di Kabul all'inizio del 2022 e che il presidente Biden aveva autorizzato l'operazione una settimana prima. Biden ha anche affermato che l'operazione non ha danneggiato alcun membro della famiglia di al-Zawahiri o altri civili .

Secondo fonti del governo statunitense, Al-Zawahiri è stato ucciso dai missili Hellfire lanciati da un drone. Fonti di stampa hanno ipotizzato che i missili potrebbero essere stati missili R9X Hellfire, progettati per uccidere per impatto e con lame invece dell'esplosione per evitare vittime indesiderate.

Guarda anche

Note e riferimenti

Note esplicative

Citazioni

Lavori citati

Riferimenti generali

  • al-Zawahiri, Ayman, L'absolution, Milelli, Villepreux, ISBN 978-2-916590-05-9 (traduzione francese dell'ultimo libro di Al-Zawahiri).
  • Ibrahim, Raymond (2007), The Al Qaeda Reader, Broadway Books, ISBN 978-0-7679-2262-3 .
  • Kepel, Gilles; & Jean-Pierre Milelli (2010), Al Qaeda nelle sue stesse parole, Harvard University Press, Cambridge e Londra, ISBN 978-0-674-02804-3 .
  • Mansfield, Laura (2006), Le sue stesse parole: una traduzione degli scritti del dottor Ayman Al Zawahiri, Lulu Pub.

link esterno

Dichiarazioni e interviste

Articoli