Battaglia dei Romani -Battle of Romani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Battaglia dei Romani
Parte del teatro mediorientale della prima guerra mondiale
8° Cavallo Leggero Romani.jpg
8° Reggimento Cavalli Leggeri a Romani
Data 3–5 agosto 1916
Posizione
A est del Canale di Suez e a nord della
penisola di Ismailia Sinai, Egitto
Risultato Vittoria dell'Impero Britannico
belligeranti

impero britannico

Impero ottomano Impero tedesco Austria-Ungheria

Comandanti e leader
Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda Archibald Murray Herbert Alexander Lawrence Harry Chauvel
Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda
Australia
Impero tedesco Friedrich Freiherr Kress von Kressenstein
Unità coinvolte
1a brigata di cavalli leggeri della divisione a cavallo di Anzac 2a brigata di cavalli
leggeri
52a divisione (pianura)
3a divisione
Pascià I
cammelli ottomani
Battaglione di mitragliatrici
Forza
14.000 16.000
Vittime e perdite
1.130 9.200 di cui 4.000 prigionieri

La battaglia dei Romani fu l'ultimo attacco di terra delle potenze centrali sul Canale di Suez all'inizio della campagna del Sinai e della Palestina durante la prima guerra mondiale . La battaglia fu combattuta tra il 3 e il 5 agosto 1916 vicino alla città egiziana di Romani e al sito dell'antica Pelusium nella penisola del Sinai, 23 miglia (37 km) a est del Canale di Suez. Questa vittoria della 52a divisione (di pianura) e della divisione a cavallo Anzac della forza di spedizione egiziana (EEF) su una forza congiunta ottomana e tedesca, che aveva marciato attraverso il Sinai, segnò la fine della campagna di difesa del canale di Suez, anche conosciuta come Offensive zur Eroberung des Suezkanals e İkinci Kanal Harekâtı, iniziata il 26 gennaio 1915.

Questa vittoria dell'Impero britannico assicurò la sicurezza del Canale di Suez dagli attacchi di terra e pose fine ai piani delle potenze centrali di interrompere il traffico attraverso il canale ottenendo il controllo degli approcci settentrionali strategicamente importanti ad esso. L'inseguimento da parte della divisione a cavallo di Anzac, che terminò a Bir el Abd il 12 agosto, diede inizio alla campagna del Sinai e della Palestina. Successivamente la Divisione a cavallo di Anzac supportata dalla Brigata Imperiale dei Cammelli era all'offensiva, inseguendo l'esercito tedesco e ottomano per molte miglia attraverso la penisola del Sinai, invertendo nel modo più enfatico la sconfitta subita a Katia tre mesi prima.

Dalla fine di aprile 1916, dopo che una forza ottomana a guida tedesca attaccò la fanteria britannica a Katia , le forze dell'Impero britannico nella regione inizialmente raddoppiarono da una brigata a due e poi crebbero con la stessa rapidità con cui le infrastrutture in via di sviluppo potevano supportarle. La costruzione della ferrovia e di un oleodotto permise presto a una divisione di fanteria di unirsi alle brigate di cavalli leggeri e fucili a cavallo a Romani. Durante la calura estiva, dalla loro base a Romani venivano effettuati regolari pattugliamenti a cavallo e ricognizioni, mentre la fanteria costruiva un'ampia serie di ridotte difensive. Il 19 luglio è stata segnalata l'avanzata di una grande forza tedesca, austriaca e ottomana attraverso il Sinai settentrionale. Dal 20 luglio fino all'inizio della battaglia, la 1a e la 2a brigata di cavalli leggeri australiani, a turno, si spinsero in avanti per combattere la colonna ostile che avanzava.

Nella notte tra il 3 e il 4 agosto la forza in avanzamento, inclusa la formazione tedesca Pascià I e la 3a divisione di fanteria ottomana, lanciò un attacco da Katia ai rom. Le truppe avanzate si impegnarono rapidamente con lo schermo istituito dalla 1a brigata di cavalli leggeri (divisione a cavallo Anzac). Durante aspri combattimenti prima dell'alba del 4 agosto, i cavalieri leggeri australiani furono costretti a ritirarsi lentamente. Alla luce del giorno la loro linea fu rinforzata dalla 2a Brigata di cavalli leggeri e verso metà mattinata la 5a Brigata a cavallo e la Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda si unirono alla battaglia. Insieme, queste quattro brigate della Divisione a cavallo Anzac riuscirono a contenere e dirigere le determinate forze tedesche e ottomane nella sabbia profonda. Qui entrarono nel raggio della 52a divisione (di pianura) fortemente trincerata che difendeva i rom e la ferrovia. La resistenza coordinata di tutte queste formazioni EEF, la sabbia profonda, il caldo e la sete hanno prevalso e l'avanzata tedesca, austriaca e ottomana è stata frenata. Sebbene la forza d'attacco abbia combattuto duramente per mantenere le sue posizioni la mattina successiva, al calar della notte erano state respinte al punto di partenza a Katia. La forza in ritirata è stata inseguita dalla divisione a cavallo Anzac tra il 6 e il 9 agosto, durante la quale le forze ottomane e tedesche hanno combattuto una serie di forti azioni di retroguardia contro l'avanzata del cavallo leggero australiano, della fanteria britannica e delle brigate di fucili a cavallo della Nuova Zelanda. L'inseguimento terminò il 12 agosto, quando le forze tedesche e ottomane abbandonarono la loro base a Bir el Abd e si ritirarono a El Arish .

Sfondo

Mappa della penisola egiziana del Sinai (Bi'r ar Rummanah è Romani e Al Qantjarah è Kantara).

All'inizio della prima guerra mondiale la polizia egiziana che controllava la penisola del Sinai si era ritirata, lasciando l'area in gran parte priva di protezione. Nel febbraio 1915 una forza tedesca e ottomana attaccò senza successo il Canale di Suez. Le forze minori ottomane e beduine che operavano attraverso il Sinai continuarono a minacciare il canale da marzo durante la campagna di Gallipoli fino a giugno, quando praticamente cessarono fino all'autunno. Nel frattempo, gli imperi tedesco e ottomano hanno sostenuto una rivolta dei Senussi (un gruppo politico-religioso) sulla frontiera occidentale dell'Egitto iniziata nel novembre 1915.

Nel febbraio 1916, tuttavia, non c'era alcun segno apparente di alcuna attività militare insolita nello stesso Sinai, quando gli inglesi iniziarono la costruzione del primo tratto di 25 miglia (40 km) di uno standard di 4 piedi e 8 pollici (1,42 m) ferrovia a scartamento ridotto e oleodotto da Kantara a Romani e Katia. Gli aerei da ricognizione del Royal Flying Corps e gli idrovolanti del Royal Naval Air Service hanno trovato solo piccole forze ottomane sparse nella regione del Sinai e nessun segno di una grande concentrazione di truppe nella Palestina meridionale.

Entro la fine di marzo o l'inizio di aprile, la presenza britannica nel Sinai stava crescendo; Erano state posate 16 miglia (26 km) di binari, compresi i binari di raccordo. Tra il 21 marzo e l'11 aprile le sorgenti d'acqua a Wady Um Muksheib, Moya Harab e Jifjafa lungo la rotta centrale del Sinai dalla Palestina meridionale sono state distrutte. Nel 1915 erano stati utilizzati dal gruppo centrale di circa 6.000-7.000 soldati ottomani che si mossero attraverso il deserto del Sinai per attaccare il Canale di Suez a Ismailia. Senza questi pozzi e cisterne, il percorso centrale non potrebbe più essere utilizzato da grandi forze.

La forza d'incursione del generale tedesco Friedrich Freiherr Kress von Kressenstein si vendicò di questa crescente presenza britannica attaccando la 5a Brigata a cavallo ampiamente dispersa il 23 aprile, la domenica di Pasqua e anche il giorno di San Giorgio, quando gli yeomanry furono sorpresi e sopraffatti a Katia e Oghratina a est di Romani . La brigata Yeomanry a cavallo era stata inviata a guardia dell'oleodotto e della ferrovia mentre si estendevano oltre la protezione delle difese del Canale di Suez nel deserto verso i Romani.

In risposta a questo attacco, la presenza dell'Impero britannico nella regione raddoppiò. Il giorno successivo la Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda e la 2a Brigata di cavalli leggeri che avevano servito smontati durante la campagna di Gallipoli, della Divisione a cavallo Anzac del maggiore generale australiano Harry Chauvel rioccuparono l'area di Katia incontrastata.

Preludio

Il 24 aprile, il giorno dopo la Katia e l'Oghratina, Chauvel, comandante della divisione a cavallo Anzac, fu posto al comando di tutte le truppe avanzate: la 2a brigata di cavalli leggeri e le brigate di fucili a cavallo della Nuova Zelanda a Romani e una divisione di fanteria; il 52° (pianura) a Dueidar. La fanteria si spostò verso i Romani tra l'11 maggio e il 4 giugno 1916.

Posa della ferrovia attraverso il deserto del Sinai.

La costruzione della ferrovia e dell'oleodotto non era stata molto colpita dai combattimenti del 23 aprile e il 29 aprile quattro treni al giorno viaggiavano regolarmente verso la stazione ferroviaria, presidiata dalla compagnia ferroviaria n. 276, ed è stata aperta la linea principale per Romani il 19 maggio. Una seconda linea ferroviaria a scartamento normale da Romani a Mahamdiyah sulla costa mediterranea è stata completata entro il 9 giugno. Tuttavia, le condizioni a terra erano estreme; dopo la metà di maggio e in particolare da metà giugno a fine luglio, il caldo nel deserto del Sinai è variato da estremo a feroce, quando ci si poteva aspettare che le temperature si aggirassero intorno ai 51 °C (123 ° F) in l'ombra. Il caldo terribile non era così grave come le tempeste di sabbia di Khamsin che soffiano una volta ogni 50 giorni per un periodo compreso tra poche ore e diversi giorni; l'aria si trasforma in una foschia di particelle di sabbia galleggianti scagliate da un vento forte e caldo da sud.

Durante questi mesi di mezza estate non furono eseguite importanti operazioni di terra, poiché le guarnigioni ottomane nel Sinai erano sparse e fuori dalla portata delle forze britanniche. Ma il pattugliamento e la ricognizione costanti sono stati effettuati da Romani a Ogratina, a Bir el Abd e il 16 maggio a Bir Bayud, 19 miglia (31 km) a sud-est di Romani, il 31 maggio a Bir Salmana 22 miglia (35 km) a est a nord-est di Romani dalla Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda, quando percorsero 100 chilometri (62 miglia) in 36 ore. Queste pattuglie si sono concentrate in un'area di grande importanza strategica per le grandi formazioni militari che desiderano spostarsi attraverso il Sinai lungo la rotta settentrionale. Qui l'acqua era liberamente disponibile in una vasta area di oasi che si estende da Dueidar, 15 miglia (24 km) da Kantara sul Canale di Suez, lungo il Darb es Sultani (l'antica via delle carovane), a Salmana 52 miglia (84 km) di distanza .

Tra il 10 e il 14 giugno, l'ultima fonte d'acqua sulla rotta centrale attraverso la penisola del Sinai è stata distrutta dalla colonna di Mukhsheib. Questa colonna, composta da ingegneri e unità della 3a Brigata di cavalli leggeri, del Bikaner Camel Corps e dell'Egyptian Camel Transport Corps, ha drenato 5.000.000 di galloni USA (19.000.000 l; 4.200.000 imp gal) di acqua da piscine e cisterne nel Wadi Mukhsheib e sigillata le cisterne. Questa azione ha effettivamente ristretto l'area in cui ci si poteva aspettare offensive ottomane alla rotta costiera o settentrionale attraverso la penisola del Sinai.

Membri dell'Australian Flying Corps nel 1916

A maggio, aerei ottomani hanno attaccato il Canale di Suez due volte, sganciando bombe su Port Said. Gli aerei britannici hanno bombardato la città e l'aerodromo di El Arish il 18 maggio e il 18 giugno e il 22 maggio hanno bombardato tutti i campi ottomani su un fronte di 45 miglia (72 km) parallelo al canale. Entro la metà di giugno, lo squadrone australiano n. 1, Australian Flying Corps, aveva iniziato il servizio attivo, con il volo "B" a Suez che eseguiva la ricognizione. Il 9 luglio, il volo "A" era di stanza a Sherika nell'Alto Egitto, con il volo "C" basato a Kantara.

Forza tedesca e ottomana

All'inizio di luglio, si stimava che ci fossero almeno 28.000 soldati ottomani nell'area di GazaBeersheba, nella Palestina meridionale, e che poco prima dell'inizio della battaglia a Romani c'erano 3.000 soldati a Oghratina, non lontano da Katia, altri 6.000 alla base avanzata di Bir el Abd, a est di Oghratina, da 2.000 a 3.000 a Bir Bayud a sud-est, e altri 2.000 a Bir el Mazar, a circa 42 miglia (68 km) a est, non lontano da El Arish.

Romani e dintorni, 1916
(Lago Serbonico noto anche come Laguna di Bardawil)

La quarta armata di Kress von Kressenstein era composta dai tre reggimenti della 3a divisione di fanteria (anatolica), il 31 °, 32 ° e 39 ° reggimento di fanteria, per un totale di 16.000 uomini, di cui da 11.000 a 11.873 combattenti, forze ausiliarie arabe; e un reggimento del Camel Corps. Le stime delle loro armi vanno da 3.293 a 12.000 fucili, da 38 a 56 mitragliatrici e da due a cinque sezioni di cannoni antiaerei ; hanno anche schierato quattro batterie di artiglieria pesante e cannoni da montagna (30 pezzi di artiglieria) e la formazione Pasha I. Quasi 5.000 cammelli e 1.750 cavalli accompagnarono l'avanzata.

La formazione Pascià I con una forza di razione di circa 16.000, era composta da personale e materiale per un battaglione di mitragliatrici di otto compagnie con quattro cannoni ciascuna con autisti ottomani, cinque gruppi antiaerei, il 60 ° battaglione di artiglieria pesante composto da una batteria di due Cannoni da 100 mm, una batteria di quattro obici da 150 mm e due batterie di obici da 210 mm (due cannoni in ciascuna batteria). Gli ufficiali, i sottufficiali ei "numeri di punta" di questo battaglione di artiglieria erano tedeschi; il resto erano personale dell'esercito ottomano. Inoltre Pasha I includeva anche due compagnie di mortai da trincea, il 300° distaccamento di volo, il distaccamento Wireless, tre compagnie ferroviarie e due ospedali da campo. L'Austria ha fornito due batterie di obici da montagna di sei cannoni ciascuna. Ad eccezione dei due obici da 210 mm, dei mortai da trincea e del personale ferroviario, il resto del Pascià I prese parte all'avanzata verso i Romani.

Il 300th Flight Detachment fornì uno squadrone per la ricognizione aerea e aumentò il numero di aerei disponibili per supportare l'avanzata attraverso il Sinai. Questi velivoli Pasha I erano più veloci ed efficaci degli aerei britannici "irrimediabilmente surclassati" e furono in grado di mantenere la superiorità aerea sul campo di battaglia.

È anche possibile che l'81° Reggimento della 27a Divisione sia avanzato a Bir el Abd e abbia preso parte alla difesa di quel luogo.

Gli obiettivi dell'avanzata tedesca, austriaca e ottomana erano catturare i Rom e quindi stabilire una posizione fortemente trincerata di fronte a Kantara, da cui la loro artiglieria pesante sarebbe stata entro il raggio del Canale di Suez. La forza d'attacco si radunò nell'impero ottomano meridionale a Shellal, a nord-ovest di Beersheba, e partì per il Sinai il 9 luglio; raggiunsero Bir el Abd e Ogratina dieci giorni dopo.

forze britanniche

Il generale Sir Archibald Murray, comandante delle forze dell'Impero britannico in Egitto, ha formato la forza di spedizione egiziana (EEF) a marzo unendo la forza in Egitto, che aveva protetto l'Egitto dall'inizio della guerra, con la forza di spedizione mediterranea che aveva combattuto a Gallipoli . Il ruolo di questa nuova forza era sia quello di difendere il protettorato britannico d'Egitto sia di fornire rinforzi per il fronte occidentale . Murray aveva il suo quartier generale al Cairo per affrontare meglio le sue molteplici responsabilità, sebbene fosse a Ismailia durante la battaglia per i Rom.

Con l'occupazione dei Romani, l'area divenne parte del Settore Settentrionale o n. 3 delle difese del Canale di Suez, che originariamente si estendeva lungo il canale da Ferdan a Port Said. Altri due settori raggruppavano le forze di difesa lungo i tratti centro-meridionali del Canale; Il n. 2, il settore centrale, si estendeva a sud da Ferdan al quartier generale di Ismailia e poi a Kabrit, dove il settore n. 1 o meridionale si estendeva da Kabrit a Suez.

Aerodromo di Ismailia con velivolo biposto BE 2C fuori dagli hangar

Murray riteneva molto improbabile che un attacco si sarebbe verificato in un luogo diverso dal settore settentrionale e quindi era pronto a ridurre al minimo le truppe nei settori n. 1 e 2. Decise di non rafforzare le sue quattro brigate di fanteria, ma di aumentare la potenza di fuoco disponibile contro i Rom salendo la 160a e la 161a compagnia di mitragliatrici della 53a (gallese) e della 54a (East Anglian) Divisione . Ordinò anche la concentrazione di una piccola colonna mobile composta dall'11a Light Horse, la City of London Yeomanry (meno uno squadrone ciascuno) con la 4a, 6a e 9a compagnia dell'Imperial Camel Brigade nel settore n. 2. Calcolò che l'intera forza difensiva, compreso il trasporto di cammelli necessario per consentire alla fanteria della 42a divisione (Lancashire orientale) di avanzare nel deserto, sarebbe stata completamente equipaggiata ei cammelli assemblati entro il 3 agosto. Circa 10.000 cammelli egiziani del Corpo di trasporto di cammelli si sono concentrati a Romani prima della battaglia. I monitori britannici nel Mar Mediterraneo al largo di Mahamdiyah si misero in posizione per bombardare la forza ottomana radunata, mentre un treno corazzato a Kantara era pronto ad assistere la difesa del fianco destro e tutti gli aerei disponibili erano in attesa a Ismailia, Kantara, Port Said e romani.

Area Romani quando la ferrovia raggiunse la collina di Canterbury

Il maggiore generale HA Lawrence comandava la sezione n. 3 delle difese del canale e, come parte di quelle difese, la posizione rom era comandata da Lawrence, che aveva il suo quartier generale a Kantara. Di stanza a Kantara c'erano la fanteria della 42a divisione, una brigata di fanteria della 53a divisione (gallese) con 36 cannoni e la 3a brigata di cavalli leggeri, distaccata dalla divisione a cavallo Anzac. Lawrence trasferì due battaglioni di fanteria della 42a divisione dalle difese del canale della sezione n. 2 a Kantara e il 20 luglio inviò la fanteria della 158a brigata (gallese del nord) della 53a divisione (gallese) a Romani.

Gli schieramenti del 3 agosto su e vicino al campo di battaglia erano i seguenti:

  • a Hill 70, 12 miglia (19 km) a sud-ovest di Romani, la Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda (meno il reggimento di fucili a cavallo di Wellington, ma con il 5 ° reggimento di cavalli leggeri della 2a brigata di cavalli leggeri, temporaneamente assegnato), comandata da Edward Chaytor, e la 5a Brigata a cavallo, sotto il comando diretto di Lawrence, fu raggiunta sulla ferrovia dalla fanteria nella 126a Brigata (Lancashire orientale) (42a Divisione). Insieme al 5 ° reggimento di cavalli leggeri, assegnato alla Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda a Dueidar, a est della collina 70, questa forza doveva fermare o ritardare l'attacco di von Kressenstein se avesse tentato di aggirare i romani e avanzare direttamente verso il Canale di Suez,
  • alla collina 40, un po' più a sud-ovest della collina 70, la fanteria della 125a brigata (Lancashire Fusiliers) e della 127a brigata (Manchester) (42a divisione) erano anche sulla linea ferroviaria alla stazione di Gilban,
  • la Colonna Mobile aveva sede nel Sinai alla fine della ferrovia di El Ferdan, mentre la 3a Brigata di cavalli leggeri era a Ballybunion, sempre nel Sinai alla fine della ferrovia di Ballah.
  • La forza di Romani, responsabile della sua difesa all'inizio della battaglia, era composta da fanteria della 52a divisione britannica (di pianura), comandata dal maggiore generale WEB Smith, e dalla divisione a cavallo Anzac comandata da Chauvel (meno la 3a brigata di cavalli leggeri). La 1a e la 2a brigata di cavalli leggeri, (meno il 5o reggimento di cavalli leggeri, ma con il reggimento di fucili a cavallo Wellington della Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda attaccato) erano comandate rispettivamente dai tenenti colonnelli JB H Meredith e JR Royston .

Sviluppo delle posizioni difensive

Difese rom al calar della notte 3 agosto 1916

La fanteria della 52a divisione (di pianura) si unì alle due brigate a cavallo a Romani tra l'11 maggio e il 4 giugno, quando lo sviluppo della ferrovia rese possibile il trasporto e il rifornimento di un così gran numero di soldati. La fanteria occupava una posizione difensiva nota come Wellington Ridge, di fronte a un groviglio di dune di sabbia. L'area prediligeva la difesa; le dune di sabbia, che si estendono per circa 9,7 km nell'entroterra, coprivano un'area di 78 km 2, compresa, a sud di Romani, la rotta settentrionale da El Arish. Ai margini meridionali e sudorientali, una serie di dune di sabbia mobile con strette stradine in pendenza portava a un altopiano di sabbia soffice e profonda.

La 52a divisione (di pianura) sviluppò una forte posizione difensiva a Romani che aveva il fianco sinistro sul Mar Mediterraneo, qui furono costruite una serie di ridotte che correvano verso sud da Mahamdiyah lungo la linea di alte colline di sabbia a circa 7 miglia (11 km) fino a un duna conosciuta come Katib Gannit alta 100 piedi (30 m). Questa linea di colline di sabbia, che erano abbastanza alte da poter vedere l'oasi di Katia, segnava il bordo orientale di un'area di sabbia molto morbida e mobile oltre la quale c'erano dune più basse e sabbia più dura dove il movimento sia della fanteria che delle forze a cavallo era considerevolmente più facile. Tra la costa all'estremità occidentale della laguna di Bardawil e Katib Gannit (il principale punto tattico sulle pendici orientali delle alture dei Romani), la fanteria costruì una linea di 12 ridotte a circa 750 iarde (690 m) di distanza, con una seconda serie di ridotte a copertura della stazione ferroviaria Romani e la destra della postazione difensiva che curvava come un gancio verso ovest, poi verso nord. Furono costruiti un totale di 18 ridotte, che una volta completamente presidiate contenevano da 40 a 170 fucili ciascuna, con pistole Lewis e una media di due mitragliatrici Vickers assegnate a ciascuna posizione; erano ben cablati sul lato destro di ciascuna delle posizioni, sebbene non ci fosse alcun filo tra le ridotte. Questa linea difensiva era supportata dall'artiglieria.

Particolare della mappa dei rom che mostra le difese

La minaccia di un attacco ottomano al Canale di Suez era stata presa in considerazione da Lawrence in consultazione con i suoi comandanti di divisione e una seconda area difensiva fu sviluppata per rispondere alle loro preoccupazioni. I loro piani tenevano conto della possibilità che un esercito ottomano a Katia si muovesse per attaccare i Rom o seguisse la vecchia rotta delle carovane per assaltare la collina 70 e Dueidar sulla strada per il Canale di Suez. Qualsiasi tentativo di aggirare i rom sul fianco destro sarebbe aperto all'attacco della guarnigione, che potrebbe inviare fanteria e truppe a cavallo sul terreno duro della pianura a sud-ovest. La Brigata di fucilieri a cavallo della Nuova Zelanda era di stanza sulla collina 70 alla fine di giugno e il 5 ° reggimento di cavalli leggeri a Dueidar per impedire a una tale forza ottomana di raggiungere il Canale di Suez.

Pattuglie Light Horse prima della battaglia

Accampati alla collina 70 tra Dueidar e Kantara con linee di cavallo ombreggiate e intrecci di filo spinato

Il pattugliamento attivo da parte delle truppe a cavallo continuò per tutto il periodo precedente la battaglia, ma all'inizio di luglio non c'erano indicazioni di un'imminente ripresa delle ostilità. La guarnigione ottomana più vicina di 2.000 uomini era a Bir el Mazar 42 miglia (68 km) a est di Romani e il 9 luglio una pattuglia trovò Bir Salmana non occupata. Tuttavia, l'attività aerea notevolmente aumentata nell'area rom iniziò intorno al 17 luglio, quando gli aerei tedeschi più veloci e in grado di arrampicarsi meglio stabilirono rapidamente la superiorità sugli aerei britannici. Ma non potevano impedire agli aerei britannici di continuare a ricognire il paese a est e il 19 luglio un aereo britannico, con il generale di brigata EWC Chaytor (comandante della Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda) in qualità di osservatore, scoprì una forza ottomana di circa 2.500 a Bir Bayud. Una forza leggermente più piccola è stata rilevata a Gameil e un'altra forza di dimensioni simili è stata trovata a Bir el Abd con circa 6.000 cammelli visti nei campi o in movimento tra Bir el Abd e Bir Salmana. La mattina successiva, 3.000 uomini furono trovati trincerati a Mageibra, con un deposito anticipato per rifornimenti e provviste a Bir el Abd. Una piccola forza fu avvistata fino all'oasi di Oghratina, che il giorno successivo, il 21 luglio, era cresciuta fino a 2.000 uomini.

Il 20 luglio, la 2a Brigata di cavalli leggeri con due cannoni montati su rotaie pedonali della Batteria Ayrshire ha manifestato contro Oghratina, catturando diversi prigionieri, e dando inizio a una serie di pattuglie che, insieme alla 1a Brigata di cavalli leggeri, hanno continuato fino alla vigilia di battaglia. Ogni giorno fino al 3 agosto, queste due brigate si alternavano a cavallo dalla loro base a Romani verso Katia verso le 02:00 e bivaccavano fino all'alba, momento in cui avanzavano su un ampio fronte fino a quando non veniva provocato il fuoco tedesco o ottomano. Se la posizione nemica era debole, il cavallo leggero si spingeva in avanti, e se iniziava un contrattacco, la brigata si ritirava lentamente, per poi tornare al campo a Romani al calar della notte. Il giorno successivo, l'altra brigata effettuò manovre simili in direzione di Katia e dell'avanzata delle colonne ottomane, raccogliendo le pattuglie ufficiali che erano state lasciate fuori durante la notte per monitorare i movimenti nemici. Durante questo periodo, uno dei tanti scontri si verificò il 28 luglio a Hod Um Ugba, a 5 miglia (8,0 km) dalla linea britannica. Due squadroni del Wellington Mounted Rifle Regiment, comandato dal tenente colonnello W. Meldrum, effettuarono un assalto alla baionetta, supportati da diverse mitragliatrici e due cannoni da 18 libbre. Hanno cacciato gli ottomani dall'Hod, lasciando 16 morti e prendendo otto prigionieri dal 31 ° reggimento di fanteria ottomano.

Leggero 18 libbre con ruote di sabbia (ped-rail). Difese del Canale di Suez 1916

La tattica del pattugliamento in avanti continuo ebbe un tale successo che ogni mossa della forza in avanzamento era nota ai difensori, ma i cavalieri leggeri erano sostanzialmente in inferiorità numerica e non potevano fermare l'avanzata. Alla luce del giorno del 3 agosto, le forze tedesche, austriache e ottomane avevano occupato Katia e si trovavano a breve distanza da Romani, Dueidar, dalla collina 70 e dal Canale di Suez. La loro linea correva a nord-est e sud-ovest dalla laguna di Bardawil a est di Katia, con il loro fianco sinistro ben in avanti.

Piani

L'obiettivo tedesco e ottomano non era quello di attraversare il canale, ma di catturare rom e stabilire una posizione di artiglieria pesante fortemente trincerata di fronte a Kantara, da cui bombardare le navi sul canale. Il piano di Kress von Kressenstein per l'attacco ai rom era di bombardare la linea delle ridotte difensive con artiglieria pesante e impiegare contro di loro solo deboli distaccamenti di fanteria, mentre la sua forza principale lanciava attacchi contro la destra e la parte posteriore della posizione rom.

Difese rom al calar della notte 3 agosto 1916: dettagli delle ridotte numerate da 1 a 11 e da 21 a 23

I difensori si aspettavano che l'attacco tedesco e ottomano fosse di contenimento contro la loro linea di difesa preparata e un attacco a tutto campo a destra a sud di Katib Gannit. Hanno anche apprezzato che un tale attacco avrebbe esposto il fianco sinistro tedesco e ottomano. Il piano di Murray era in primo luogo ritardare gli attaccanti e rendere molto difficile per loro guadagnare terreno a sud di Katib Gannit, e in secondo luogo, solo quando le forze tedesche e ottomane erano state totalmente impegnate, per poi disorganizzare il loro attacco sul fianco con un attacco delle truppe della sezione a Hill 70 e Dueidar, con la 3a Brigata di Cavalli Leggeri e la Colonna Mobile che operano più ampiamente contro il fianco e le retrovie.

Chauvel aveva selezionato una posizione per la difesa dei Romani, che si estendeva per 4 miglia (6,4 km) tra Katib Gannit e Hod el Enna, con una seconda posizione di ripiego che copriva una serie di canaloni paralleli che correvano a sud-est e nord-ovest dando accesso all'area di sabbia soffice alle spalle delle difese rom. Non furono costruite opere visibili, ma insieme a Chauvel, i comandanti delle due brigate di cavalli leggeri, il cui compito sarebbe stato quello di trattenere gli attaccanti su questo terreno fino all'inizio dell'attacco di fianco, studiarono da vicino la zona.

Battaglia il 4 agosto

Poco prima della mezzanotte del 3/4 agosto, tre colonne del Pascià I tedesco e della 4a armata ottomana, composte da circa 8.000 uomini, iniziarono il loro attacco su una linea di avamposti tenuta dalla 1a Brigata di cavalli leggeri tre ore e mezza dopo il ritorno della 2a brigata di cavalli leggeri dalla loro regolare pattuglia diurna. Oltre alle consuete pattuglie ufficiali lasciate durante la notte per monitorare le posizioni nemiche, Chauvel decise di lasciare fuori per la notte l'intera 1a Brigata di cavalli leggeri per mantenere una linea di avamposto di circa 3 miglia (4,8 km), coprendo tutti gli ingressi a l'altopiano sabbioso che formava la posizione dei rom e che non era protetto da postazioni di fanteria. Uno o due colpi sparati nel deserto a sud-est della loro posizione misero in allerta la lunga linea di piquet del 1 ° e 2 ° reggimento di cavalli leggeri (1a brigata di cavalli leggeri) verso mezzanotte, quando il 3 ° reggimento di cavalli leggeri (1 ° reggimento di cavalli leggeri ) Horse Brigade) è stato chiamato in prima linea. L'avanzata austriaca, tedesca e ottomana si fermò dopo aver trovato i canaloni tenuti dai cavalieri leggeri, ma verso l'01:00 un'improvvisa e pesante raffica di fuoco lungo l'intero fronte iniziò l'attacco delle forze ottomane e tedesche notevolmente superiori, e entro le 02:00 :00 in molti luoghi erano avanzati entro 50 iarde (46 m) dalla linea australiana.

Posizioni dal 19 luglio al 9 agosto. Le linee britanniche in rosso e ottomane avanzano e attaccano il 3 e 4 agosto in verde

Il centro ottomano e le colonne di sinistra furono abilmente guidate lungo il fianco aperto delle trincee della fanteria e verso il campo e la ferrovia. Dopo che la luna era tramontata intorno alle 02:30, tedeschi e ottomani effettuarono una carica alla baionetta sul monte Meredith. Sebbene ampiamente in inferiorità numerica, i cavalieri leggeri hanno combattuto un'efficace azione di ritardo da vicino, ma sono stati costretti ad abbandonare lentamente il terreno e alla fine ad evacuare la posizione entro le 03:00. Senza il beneficio della luce lunare, i cavalieri leggeri avevano sparato ai bagliori dei fucili nemici fino a quando non erano stati abbastanza vicini da usare le baionette. La 1a brigata di cavalli leggeri fu infine respinta; ritirandosi lentamente, le truppe coprono le truppe con un fuoco preciso e costante, respingendo un attacco generale con la baionetta nella loro posizione di ripiego; una grande duna di sabbia est/ovest chiamata Wellington Ridge all'estremità meridionale dell'accampamento rom. Durante il ritiro a Wellington Ridge, furono attaccati anche gli squadroni di copertura a sinistra vicino a Katib Gannit, così come lo squadrone a destra, che fu preso sul fianco e subì notevoli perdite, ma riuscì a mantenere la posizione fino alla posizione nella sua la parte posteriore era occupata. Entro le 03:30, tutti i cavalieri leggeri a sud del monte Meredith erano stati costretti a tornare ai loro cavalli guidati ed erano riusciti a disimpegnarsi e ricadere nella loro seconda posizione. Subito dopo, una mitragliatrice ottomana stava abbattendo il cavallo leggero dal monte Meredith.

Chauvel aveva fatto affidamento sulla fermezza della 1a Brigata di cavalli leggeri, che aveva comandato durante la campagna di Gallipoli, per tenere la linea contro numeri notevolmente superiori per quattro ore fino all'alba, quando la situazione generale poteva essere valutata. Daylight ha rivelato la debolezza dei difensori a cavallo leggero nella loro seconda posizione su Wellington Ridge e che la loro destra era aggirata dalle forti forze tedesche e ottomane. Alle 04:30, la 2a brigata di cavalli leggeri, comandata dal colonnello JR Royston, ricevette l'ordine di salire da Chauvel da Etmaler ed entrò in azione di fronte al monte Royston per supportare e prolungare il fianco destro della 1a brigata di cavalli leggeri risalendo la 6a e 7° reggimento di cavalli leggeri in prima linea. L'artiglieria tedesca, austriaca o ottomana ora apriva il fuoco sulle difese della fanteria e sui campi nella parte posteriore; le schegge hanno inflitto alcune perdite, ma i proiettili ad alto esplosivo sono stati soffocati dalla sabbia soffice. Gli aggressori sono riusciti a costringere il cavallo leggero al largo di Wellington Ridge, che li ha collocati entro 700 metri (2.300 piedi) dal campo rom. Tuttavia, non furono in grado di premere ulteriormente, poiché ora furono esposti al fuoco di mitragliatrici e fucili della fanteria trincerata della 52a divisione (di pianura) e ai bombardamenti dell'artiglieria a cavallo che supportava la decisa difesa dei cavalieri leggeri.

Essendo state trattenute a sud di Romani, le forze tedesche e ottomane tentarono un'ulteriore manovra di aggiramento a ovest, concentrando 2.000 truppe attorno al monte Royston, un'altra duna di sabbia, a sud-ovest di Romani. Alle 05:15, il 31 ° reggimento di fanteria ottomano si spinse in avanti; poi il 32° e il 39° reggimento di fanteria girarono intorno a sinistra e nella parte posteriore britannica. Questo movimento di aggiramento procedeva costantemente lungo le pendici del Monte Royston e svoltava a destra della 2a Brigata di cavalli leggeri, il cui terzo reggimento, i Wellington Mounted Rifles, era ora impegnato anche in prima linea.

Le due brigate di cavalleria leggera continuarono a ritirarsi gradualmente, facendo perno sull'estrema destra della postazione di fanteria, che copriva il fianco sinistro e la retroguardia dei Romani. Furono respinti tra Wellington Ridge e Mount Royston, a circa 2,25 miglia (3,62 km) a ovest del primo; gli attaccanti spingono continuamente indietro il fianco destro. Tra le 05:00 e le 06:00, furono costretti a ritirarsi lentamente anche da questa cresta, sebbene il 6 ° e il 7 ° reggimento di cavalli leggeri (2a brigata di cavalli leggeri) mantenessero ancora il bordo occidentale. Alle 06:15, a Meredith fu ordinato di ritirare la 1a Brigata di Cavalli Leggeri dietro la linea occupata dal 7° Reggimento di Cavalli Leggeri a nord del campo di Etmaler. Alle 07:00, il 6° e il 7° reggimento di cavalli leggeri si ritirò, squadrone per squadrone, dal resto di Wellington Ridge. Verso le 08:00, il fuoco tedesco, austriaco e ottomano dalla sommità del crinale fu diretto nel campo a poche centinaia di metri di distanza, ma le batterie dell'Ayrshire e del Leicester fermarono rapidamente questo attacco di artiglieria.

... il loro coraggio, slancio e resistenza sono al di là di ogni descrizione. Non mi riferisco solo agli australiani e ai neozelandesi, ma anche ai Territoriali dell'artiglieria a cavallo... abbiamo combattuto e vinto una grande battaglia e i miei uomini hanno messo in scena una performance che è al di là di ogni precedente, anche se sfinita dal guardare e molestare un avanzando nemico giorno e notte per quindici giorni ... I combattimenti la mattina presto del 4 sono stati la cosa più strana che abbia mai affrontato. Era sopra dune di sabbia ondulate e il nemico che era a migliaia, a piedi, poteva vedere i nostri cavalli prima che potessimo vederli nella penombra ed era terribilmente difficile trovare loro riparo ... Le nostre perdite sono state pesanti, di certo, ma assolutamente nulla in confronto a quanto ottenuto.

La lettera del generale Chauvel alla moglie datata 13 agosto

Divenne evidente che la colonna di destra tedesca e ottomana (31° reggimento di fanteria) stava tentando un attacco frontale alle ridotte detenute dalla fanteria nella 52a divisione (di pianura). I difensori sono stati in grado di resistere, ma durante il giorno sono stati sottoposti a pesanti bombardamenti di artiglieria. Gli attacchi frontali iniziarono con un pesante fuoco tedesco o austriaco da parte della loro artiglieria che tentava di violare la linea difensiva della fanteria. Intorno alle 08:00, venivano effettuati attacchi alle ridotte numero 4 e 5 che iniziarono con un pesante fuoco di artiglieria, ma gli attacchi si ruppero completamente quando il 31 ° reggimento di fanteria ottomana si trovava a meno di 150 iarde (140 m) dalla ridotta n. 4; tentativi successivi hanno avuto meno successo. Intorno alle 10:00, Chauvel contattò il generale di brigata ES Girdwood, al comando della 156a brigata di fanteria, chiedendo alla sua brigata di alleviare temporaneamente le brigate di cavalli leggeri fino a quando non avessero abbeverato i loro cavalli in preparazione per un contrattacco a cavallo. Girdwood rifiutò perché la sua brigata era tenuta in riserva per supportare un attacco previsto verso est da parte della fanteria nella 52a divisione (di pianura).

Il cavallo leggero si era gradualmente ritirato fino a quando, verso le 11:00, il principale attacco tedesco e ottomano fu fermato dal fuoco ben diretto delle batterie di artiglieria a cavallo reale della divisione a cavallo Anzac e dal fuoco di fucili a cavallo leggero e mitragliatrice, a cui la 52a divisione (di pianura) ha contribuito con una notevole potenza di fuoco. Gli attaccanti sembravano essersi esauriti, ma hanno tenuto la loro posizione mentre l'artiglieria austriaca e ottomana di vari calibri, inclusi cannoni da 5,9 "e 10,5 cm, ha sparato sui difensori e sui loro campi, e aerei tedeschi e ottomani hanno bombardato gravemente i difensori. I tre colonne della forza d'attacco tedesca, austriaca e ottomana furono bloccate dalla difesa coordinata, concertata e determinata della 1a e 2a brigata di cavalli leggeri e della 52a divisione (di pianura).

L'avanzata ottomana era bloccata ovunque. Dopo una lunga marcia notturna, le truppe tedesche e ottomane affrontarono una giornata difficile sotto il sole del deserto senza poter rifornire l'acqua ed esposte al fuoco dell'artiglieria dei rom. In questo momento, le forze d'attacco tenevano una linea che andava da Bardawil (sulla costa mediterranea) verso sud lungo la parte anteriore delle trincee della 52a divisione di fanteria e poi verso ovest attraverso e includendo le grandissime dune di sabbia del Monte Meredith e del Monte Royston. Ma dalla loro posizione sul monte Royston, le forze tedesche, austriache e ottomane dominavano l'area del campo di Romani e minacciavano la linea ferroviaria.

Rinforzi

Chaytor, comandante della Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda, era stato informato dell'avanzata austriaca, tedesca e ottomana contro i rom alle 02:00. Alle 05:35, Lawrence nel suo quartier generale del Settore di difesa del canale n. 3 settentrionale a Kantara era stato informato dell'attacco in corso. Riconobbe che il colpo principale stava cadendo sui Rom e ordinò alla 5a Brigata Yeomanry a cavallo sulla collina 70 di spostarsi verso il Monte Royston. Erano guidati da un reggimento composito, che si allontanò immediatamente, mentre il resto della brigata si preparava a seguirlo. Alle 07:25, Lawrence ordinò alla Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda composta dal quartier generale della brigata e dal reggimento di fucili a cavallo di Canterbury (meno i fucili a cavallo di Auckland e l'annesso 5 ° reggimento di cavalli leggeri, 2a brigata di cavalli leggeri), di spostarsi verso Mount Royston via Dueidar e lì, prendi l'Auckland Mounted Rifles Regiment. Le brigate Yeomanry e Nuova Zelanda erano state entrambe di stanza a Hill 70, a 12 miglia (19 km) da Romani, quando furono ricevuti i loro ordini di muoversi. I neozelandesi dovevano "operare vigorosamente in modo da tagliare il nemico, che sembra aver aggirato la destra della divisione a cavallo di Anzac".

Nel frattempo, la 3a brigata di cavalli leggeri a Ballybunion fu indirizzata a spostarsi verso la collina 70 e inviare un reggimento a Dueidar, mentre il GHQ ordinò alla Colonna Mobile di marciare verso Mageibra.

Contrattacco del Monte Royston

L'attacco tedesco, austriaco e ottomano al monte Royston fu controllato a nord dal 3° e 6° reggimento di cavalli leggeri (1a e 2a brigata di cavalli leggeri), e sotto il costante bombardamento dell'artiglieria a cavallo e dell'artiglieria pesante della fanteria del 52° (Lowland ) Divisione. Alle 10:00, il fronte tenuto dalle due brigate di cavalli leggeri era rivolto a sud da un punto a 700 iarde (640 m) a nord-ovest del n. 22 Redoubt a nord di Wellington Ridge fino alle colline di sabbia a nord di Mount Royston. Poiché la linea era ricaduta, il 2° e il 3° reggimento di cavalli leggeri (1a brigata di cavalli leggeri) erano entrati tra il 6° e il 7° reggimento di cavalli leggeri (2a brigata di cavalli leggeri); da destra a sinistra, la linea era ora detenuta dal 6°, 3°, 2° e 7° Light Horse e dai Wellington Mounted Rifles Regiments, mentre a 1 miglio (1,6 km) a nord-ovest di Mount Royston, "D" Squadron of the Royal Gli ussari del Gloucestershire (un reggimento della 5a Brigata a cavallo) mantenne la sua posizione.

La battaglia dei Romani, che si sarebbe potuta chiamare la seconda battaglia di Pelusium ... consistette nel grande attacco turco e nel nostro contrattacco.

C. Guy Powles

Segnalatore australiano con eliografo in Egitto nel 1916

Il piano prevedeva che la 1a e la 2a brigata di cavalli leggeri, la 5a brigata di fucili a cavallo e la brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda oscillassero attorno al fianco sinistro degli attaccanti e li avvolgessero. I primi rinforzi ad arrivare furono il Reggimento Composito della 5a Brigata a cavallo; salirono sul fianco del loro reggimento a cavallo; lo squadrone "D" degli ussari del Royal Gloucestershire 1.500 iarde (1.400 m) a ovest del monte Royston, che era stato attaccato da un forte corpo di soldati ottomani. Il reggimento attaccò gli ottomani in infilata e li respinse.

Quando il quartier generale della Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda e il reggimento di fucili a cavallo di Canterbury si trovavano entro 1 miglio (1,6 km) da Dueidar sulla vecchia strada delle carovane, fu ordinato loro di trasferirsi direttamente a Canterbury Hill, l'ultima posizione difendibile di fronte alla ferrovia, a est della stazione di Pelusium, poiché il forte attacco tedesco e ottomano minacciava di prendere la ferrovia e i rom. L'Auckland Mounted Rifles Regiment arrivò con la sua brigata tra le 11:00 e le 11:30 per trovare il Composite Yeomanry Regiment (5a Mounted Yeomanry Brigade) in contatto con le forze tedesche e ottomane sul lato sud-ovest del Monte Royston.

La 1a e la 2a brigata di cavalli leggeri entrarono in contatto per la prima volta con la brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda tramite eliografo, dopodiché Royston, al comando della 2a brigata di cavalli leggeri, attraversò al galoppo per spiegare la situazione. Chaytor spostò quindi i reggimenti di fucili a cavallo di Auckland e Canterbury, supportati dalla Somerset Battery, su un'altura tra la destra del cavallo leggero e lo Yeomanry, a cui poco dopo si unì il resto della 5a Brigata a cavallo sotto il comando del generale di brigata Wiggin. Nel periodo più critico dei combattimenti della giornata, quando la forza tedesca e ottomana di 2.000 uomini dominava l'area rom dal monte Royston, le cinque brigate a cavallo (ancora meno il 5° reggimento di cavalli leggeri) iniziarono il contrattacco alle 14:00 da ovest verso Monte Royston.

Posizione alle 16:00 del 4 agosto 1916

I fucilieri della Nuova Zelanda presero presto piede sul Monte Royston, aiutati dal tiro preciso e rapido della Somerset Royal Horse Artillery Battery. Entro le 16:00, l'attacco era proceduto al punto in cui Chaytor organizzò con la 5a Brigata a cavallo uno squadrone di ussari del Royal Gloucestershire e due truppe del Worcestershire Yeomanry al galoppo contro lo sperone meridionale del Monte Royston. Hanno preso facilmente lo sperone, i difensori non hanno aspettato l'assalto della carica a cavallo. Dalla cresta dello sperone, lo squadrone del Gloucestershire abbatté le squadre di cavalli di una batteria di cannoni da soma austriaca, tedesca o ottomana concentrata nella cavità dietro lo sperone e la forza d'attacco iniziò ad arrendersi. Il fucile a cavallo della Nuova Zelanda e la 5a brigata a cavallo furono supportati dai principali battaglioni di fanteria della 127a brigata (di Manchester) (che era appena arrivata) quando i soldati ottomani e tedeschi iniziarono ad arrendersi in massa. Intorno alle 18:00, 500 prigionieri, due mitragliatrici e la batteria del pacco furono catturati e il fianco esterno della forza d'attacco fu completamente messo in rotta.

Nel frattempo, il fianco interno delle forze tedesche e ottomane su Wellington Ridge fece un ultimo sforzo per avanzare attraverso la cresta, ma fu respinto dal fuoco dell'artiglieria. Nuovi attacchi frontali lanciati contro il principale sistema di ridotte di fanteria britannica si ruppero completamente. Alle 17:05, il maggiore generale Smith ordinò alla fanteria della 156a brigata (fucili scozzesi) di attaccare le forze nemiche su Wellington Ridge a sinistra del cavallo leggero e in coordinamento con il contrattacco sul Monte Royston. Un bombardamento di artiglieria di Wellington Ridge iniziò alle 18:45. Poco prima delle 19:00, la fanteria del 7° e 8° Cameronian (fucili scozzesi) si spostò a sud da dietro il n. 23 Redoubt; l'8th Scottish Rifles avanzava entro 100 iarde (91 m) dalla cresta di Wellington Ridge, prima di essere fermato da un pesante fuoco di fucile.

Quando l'oscurità pose fine ai combattimenti, la 1a e la 2a brigata di cavalli leggeri stabilirono una linea di avamposti e trascorsero la notte sul campo di battaglia, mentre i fucili a cavallo della Nuova Zelanda e la 5a brigata a cavallo si ritirarono per acqua e razioni alla stazione di Pelusium, dove il nuovo le brigate di fanteria arrivate della 42a divisione si stavano radunando. La 3a brigata di cavalli leggeri si fermò a Hill 70, mentre la Mobile Force aveva raggiunto l'Hod el Bada, 14 miglia (23 km) a sud della stazione di Romani. Alle 19:30, quando il fucile a cavallo della Nuova Zelanda e la 5a brigata a cavallo si spostarono dalle posizioni che avevano conquistato per innaffiare e riposare a Pelusium, l'area fu consolidata dalla fanteria nella 127a brigata (Manchester), 42a divisione. Il generale di brigata Girdwood ordinò alla fanteria del 7° e 8° battaglione di fucilieri scozzesi di mantenere la posizione su Wellington Ridge fino all'alba, ma di mantenere uno stretto contatto con il nemico durante la notte nella speranza di catturare un gran numero di soldati stanchi e disorganizzati al mattino. Circa 1.200 prigionieri illesi furono catturati durante il giorno e inviati alla stazione ferroviaria di Pelusium.

Battaglia il 5 agosto

Entro 24 ore, i comandanti britannici furono in grado di concentrare una forza di 50.000 uomini nell'area rom, un vantaggio di tre a uno. Questa forza includeva le due divisioni di fanteria - la 52a e la 42a appena arrivata - quattro brigate a cavallo, due delle quali erano in servizio attivo dal 20 luglio e due pesantemente impegnate in prima linea il giorno prima, e potrebbero aver incluso la 3a La brigata di cavalli leggeri, sebbene fosse ancora alla collina 70, e la colonna mobile a Hod el Bada. In questo momento, il comando della 5a Brigata a cavallo passò dalla Divisione a cavallo Anzac alla divisione di fanteria; la 42a divisione, suggerendo che gli ordini richiedessero che la divisione a cavallo Anzac rimanesse in posizione e che la 3a brigata di cavalli leggeri da sola doveva effettuare un attacco di fianco.

Tuttavia, gli ordini di Lawrence per un'avanzata generale il 5 agosto a partire dalle 04:00 includevano un'avanzata della Divisione a cavallo Anzac. I suoi ordini dicevano:

  • Anzac Mounted Division per avanzare con la sua destra sull'Hod el Enna e la sua sinistra in stretto contatto con la fanteria della 156a brigata (fucili scozzesi), 52a divisione (pianura), avanzando sulla linea Katib Gannit verso il monte Meredith.
  • La 3a Brigata di Cavalli Leggeri si sposterà verso Bir el Nuss e attaccherà Hod el Enna da sud mantenendosi in stretto contatto con la Divisione a cavallo Anzac.
  • 5a brigata a cavallo, agli ordini della 42a divisione di fanteria di assistere il collegamento della 3a brigata di cavalli leggeri con la destra della divisione a cavallo Anzac.
  • La 42a divisione si sposterà sulla linea Canterbury Hill–Mount Royston–Hod el Enna e respingerà qualsiasi opposizione all'avanzata delle truppe a cavallo a stretto sostegno del fianco destro della divisione a cavallo di Anzac.
  • La 52a divisione (pianura) di muoversi in stretto sostegno del fianco sinistro della divisione a cavallo di Anzac verso il monte Meredith e di prepararsi per un'avanzata generale verso Abu Hamra che non sarebbe stata intrapresa fino a ulteriori ordini di Lawrence al quartier generale della sezione n. 3.

Nel frattempo, le forze tedesche, austriache e ottomane erano ora sparse dalla collina 110 quasi a Bir en Nuss, ma con il fianco sinistro non protetto. Non avrebbero potuto essere in buona forma dopo aver combattuto tutto il giorno precedente in un intenso caldo di mezza estate e aver dovuto rimanere in posizione durante la notte, lontano dall'acqua e molestati dalla fanteria britannica. La loro situazione era ora precaria, poiché la loro principale forza d'attacco era ben oltre la destra delle principali posizioni di fanteria britannica; la fanteria della 52a divisione (di pianura) era più vicina alla fonte d'acqua controllata dal nemico più vicina a Katia rispetto alla maggior parte della forza d'attacco. Se la fanteria britannica avesse lasciato prontamente le trincee e avesse attaccato in direzione sud-est, le forze di von Kressenstein avrebbero avuto grandi difficoltà a fuggire.

Gli inglesi conquistano Wellington Ridge

All'alba, la fanteria dell'8a brigata di fucili scozzesi, 156a brigata (di fucili scozzesi), 52a divisione (di pianura)) avanzò con il 7o reggimento di fucili a cavallo e Wellington Mounted Rifles (2a brigata di cavalli leggeri), coperta dalla fanteria nella 7a brigata di fucili scozzesi, 156a brigata (fucili scozzesi), 52a divisione (pianura) a sinistra, che aveva portato 16 mitragliatrici e pistole Lewis in una posizione da cui potevano spazzare la cresta e invertire i pendii di Wellington Ridge. Il Wellington Mounted Rifle Regiment, con il 7th Light Horse Regiment e supportato a sinistra da postazioni di fanteria degli Scottish Rifles, baionette fisse e assalto a Wellington Ridge. Hanno incontrato pesanti colpi di fucile e mitragliatrice, ma si sono precipitati su per il pendio sabbioso e hanno rapidamente sfondato la linea del fronte tedesca e ottomana. Dopo aver liberato Wellington Ridge, i fucilieri a cavallo, i cavalieri leggeri e i fanti si spinsero in avanti da un crinale all'altro senza sosta. Queste truppe si abbatterono su un corpo di circa 1.000-1.500 soldati ottomani, che si demoralizzò. Come risultato di questo attacco, fu issata una bandiera bianca e alle 05:00 i soldati tedeschi e ottomani che avevano ostinatamente difeso le loro posizioni su Wellington Ridge, dominando i campi di Romani, furono catturati. Un totale di 1.500 divennero prigionieri nel quartiere di Wellington Ridge; 864 soldati si arresero alla fanteria nel solo 8th Scottish Rifles, mentre altri furono catturati dai reggimenti di cavalli leggeri e fucili a cavallo. Alle 05:30, la principale forza tedesca e ottomana era in ritirata disorganizzata verso Katia, con la 1a e la 2a brigata di cavalli leggeri e le batterie dell'Ayrshire e del Leicestershire non molto indietro. Alle 06:00, altri 119 uomini si arresero alla fanteria nella Ridotta n. 3; mentre questi prigionieri venivano trattati, divenne evidente che facevano parte di una retroguardia e che era in corso una ritirata completa. Alle 06:30, Lawrence ordinò a Chauvel di prendere il comando di tutte le truppe e di avviare una vigorosa avanzata generale verso est.

Avanzata britannica sulla retroguardia ottomana a Katia

Romani dal 19 luglio al 9 agosto - mostra l'avanzata ottomana il 19, 20, 28, 30 luglio, l'attacco e la ritirata ottomana

La fanteria della 42a divisione era arrivata durante la battaglia il giorno prima in treno dalla collina 70, collina 40 e dalla stazione di Gilban, e insieme alla fanteria della 52a divisione (di pianura), fu ordinato di spostarsi a sostegno dell'australiano a cavallo, New Brigate Zealand e British Yeomanry. Alla 42a divisione fu ordinato di avanzare a Hod el Enna; la loro 127a brigata (Manchester) marciò alle 07:30 e raggiunse Hod el Enna tra le 09:30 e le 10:00, mentre la loro 125a brigata (fucilieri del Lancashire) arrivò alle 11:15. Sono stati supportati dall'Egyptian Camel Transport Corps, che ha lavorato con il Army Service Corps per fornire loro acqua potabile. In grande pericolo nelle sabbie cocenti di mezza estate, la fanteria della 42a divisione marciò molto lentamente e lontano nella parte posteriore. Anche la 52a divisione (di pianura) ha avuto difficoltà; sebbene Lawrence abbia ordinato alla divisione di trasferirsi alle 06:37, gli uomini non hanno lasciato le trincee fino a quasi mezzogiorno, raggiungendo l'obiettivo di Abu Hamra in tarda serata. Di conseguenza, Kress von Kressenstein è stato in grado di districarsi durante il giorno dalla maggior parte delle sue truppe e dei suoi cannoni pesanti dall'area di battaglia immediata. Sebbene sia stato affermato che "le riserve britanniche hanno martellato" i tedeschi e gli ottomani fino all'arresto il 5 agosto, sembra che una delle divisioni di fanteria fosse riluttante a lasciare le proprie difese; nessuna delle due divisioni di fanteria fu addestrata alla guerra nel deserto e trovò le dune di sabbia estremamente difficili da negoziare. Non potevano eguagliare il ritmo e la resistenza della forza tedesca e ottomana ben addestrata e furono ostacolati da problemi di approvvigionamento idrico.

Alle 06:30, quando Lawrence ordinò a Chauvel di prendere il comando di tutte le truppe a cavallo (esclusa la colonna mobile), i fucili a cavallo della Nuova Zelanda, la 5a brigata a cavallo e la 3a brigata di cavalli leggeri erano alquanto dispersi. Alle 08:30, la Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda aveva raggiunto Bir en Nuss; lì trovarono la 3a Brigata di cavalli leggeri, a cui era stato ordinato di spostarsi prima su Hamisah e poi di partire verso Katia per cooperare in un attacco generale. L'avanguardia si è mossa per evadere questi ordini alle 09:00. Alle 10:30 iniziò l'avanzata generale a cavallo ea mezzogiorno era su una linea da ovest di Bir Nagid a sud di Katib Gannit; al centro la Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda si stava avvicinando al margine sud-ovest dell'oasi di Katia; alla loro sinistra la 1a, la 2a brigata di cavalli leggeri, la 5a brigata a cavallo e la fanteria della 52a divisione (di pianura) stavano attaccando Abu Hamra, a nord della vecchia strada delle carovane, mentre la 3a brigata di cavalli leggeri era in viaggio per i neozelandesi a destra, a sud della vecchia strada delle carovane, attaccando le unità tedesche e ottomane a Bir el Hamisah.

Tra le 12:00 e le 13:00, i comandanti del fucile a cavallo della Nuova Zelanda, del 1° e 2° cavallo leggero e della 5a brigata a cavallo hanno esplorato la posizione di retroguardia tedesca, austriaca e ottomana a 2 miglia (3,2 km) a ovest di Katia. Fu deciso che le tre brigate di cavalli leggeri sarebbero avanzate a cavallo con lo Yeomanry per attaccare il fianco destro tedesco e ottomano. La forza di retroguardia ha preso una posizione molto determinata su una linea ben preparata, che si estendeva da Bir El Hamisah a Katia e poi ad Abu Hamra. La loro artiglieria e mitragliatrici erano ben piazzate nei palmi delle mani che delimitavano il lato orientale di una grande palude piatta, che si estendeva proprio di fronte alla loro posizione, dando loro un eccellente campo di fuoco.

Un attacco generale a cavallo è iniziato alle 14:30. Alle 15:30, la Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda e la 1a e la 2a Brigata di cavalli leggeri stavano avanzando al galoppo su Katia. Quando raggiunsero il bordo del gesso bianco, le brigate di cavalli leggeri e fucili a cavallo formarono una linea, fissarono le baionette e caricarono il paese esposto. Galopparono in una lunga fila di cavalli alla carica, attraverso proiettili e proiettili, impugnando baionette fisse. All'estrema sinistra, l'intensità del fuoco della retroguardia, rese necessario per la 5a Brigata a cavallo di spada che trasportava Yeomanry, rimandare indietro i cavalli e avanzare smontando. Mentre tutte le brigate che caricavano, alla fine furono costrette ad attaccare anche smontate, quando il terreno divenne troppo paludoso. Furono accolti da un fuoco di artiglieria tedesco, austriaco e ottomano ben diretto e pesante, che superò completamente le batterie di supporto dell'Ayrshire e del Somerset; al tramonto, l'avanzata delle brigate a cavallo dell'Impero britannico era stata interrotta. Il 9 ° reggimento di cavalli leggeri (3a brigata di cavalli leggeri) all'estrema destra è stato trattenuto da una determinata retroguardia tedesca e ottomana e non è stato in grado di aggirare il fianco destro di quella posizione. Ma dopo aver galoppato fino a poche centinaia di metri dalla linea della retroguardia, hanno effettuato un attacco alla baionetta smontati sotto la copertura del fuoco delle mitragliatrici e della batteria di Inverness. Di conseguenza, le forze tedesche e ottomane abbandonarono la loro posizione, lasciando 425 uomini e sette mitragliatrici da catturare. Ma, invece di mantenere la posizione, si ritirarono e questo ritiro portò a un forte contrattacco tedesco e ottomano che cadde sul reggimento di fucili a cavallo di Canterbury.

L'oscurità ha finalmente posto fine alla battaglia. Durante la notte, tedeschi, austriaci e ottomani si ritirarono a Oghrantina, mentre la Divisione a cavallo Anzac abbeverava i Romani, lasciando una truppa dell'Auckland Mounted Rifle Regiment come postazione d'ascolto sul campo di battaglia.

La battaglia di due giorni per i Rom e il Canale di Suez era stata vinta dalla fanteria britannica e dalle truppe a cavallo australiane, britanniche e neozelandesi. Catturarono circa 4.000 combattenti tedeschi e ottomani e ne uccisero più di 1.200, ma la principale forza nemica riuscì a fuggire con tutta la sua artiglieria, ad eccezione di una batteria catturata, e si ritirò a Oghratina dopo aver combattuto con successo un'azione di retroguardia a Katia.

Dopo aver sopportato il peso delle lunghe giornate di pattugliamento, ricognizione e scontri minori con l'avanzata delle colonne austriache, tedesche e ottomane prima della battaglia, la 1a e la 2a brigata di cavalli leggeri avevano resistito all'attacco da sola dalla mezzanotte del 3/4 agosto fino all'alba il 4 agosto, oltre a continuare a combattere durante le lunghe giornate di battaglia. Entro la fine del 5 agosto erano completamente esausti; i loro ranghi impoveriti tornarono incespicando alle loro linee di bivacco a Romani ed Etmaler dove fu ordinato loro di riposare un giorno.

Inizia l'inseguimento

Von Kressenstein aveva preparato linee di difesa successive durante la sua avanzata verso i rom e, nonostante avesse perso una batteria di artiglieria e più di un terzo dei suoi soldati, combatté una serie di efficaci azioni di retroguardia che rallentarono l'inseguimento da parte delle truppe a cavallo dell'Impero britannico e permisero alle sue forze di ritirarsi a El Arish.

Kantara a El Arish che mostra il capolinea ferroviario di Ballah tra Kantara e Ferdan

Durante la notte tra il 5 e il 6 agosto, la fanteria della 155a brigata (scozzese meridionale) e la 157a brigata (fanteria leggera delle Highland) erano ad Abu Hamra, la 127a brigata (Manchester) (42a divisione) a Hod el Enna, la 125a (Lancashire Fucilieri) Brigata (42a divisione) alla sua sinistra in contatto con la 156a brigata (fucilieri scozzesi), (52a divisione) che aveva la sua sinistra sulla ridotta n. 21. La mattina successiva, alla fanteria della 42a divisione fu ordinato di avanzare verso est a 04:00 e occupare una linea da Bir el Mamluk a Bir Katia, mentre la 52a divisione (di pianura) doveva avanzare da Abu Hamra e prolungare la linea di fanteria della 42a divisione a nord-est. Sebbene abbiano eseguito i loro ordini durante la marcia di due giorni dalla stazione di Pelusium a Katia, la fanteria della 127a brigata (Manchester) ha perso 800 uomini, vittime della sete e del sole; altre brigate di fanteria hanno sofferto in modo simile. Divenne chiaro che la fanteria non poteva andare avanti e smisero di essere impiegate nell'avanzata. In effetti, era necessario che i distaccamenti Bikanir Camel Corps e Yeomanry, così come i servizi medici, cercassero nel deserto coloro che erano rimasti indietro.

La Colonna Mobile a sud, composta dalla Imperial Camel Brigade, dall'11th Light Horse e dal City of London Yeomanry Regiments a cavallo (meno due squadroni), avanzò da Ferdan e dalla stazione ferroviaria di Ballah per attaccare il fianco sinistro tedesco e ottomano, lavorando attraverso Bir El Mageibra, Bir El Aweidia e Hod El Bayud. Hanno trovato Mageibra evacuato il 5 agosto. Dopo essersi accampati lì per la notte, il giorno successivo hanno combattuto forti forze ostili tra Bayud e Mageibra, ma non hanno potuto fare impressione. Alcuni giorni dopo, l'8 agosto, la Colonna Mobile riuscì ad aggirare il fianco ottomano, ma era troppo debole per avere alcun effetto e si ritirò a Bir Bayud.

Avanzamento verso Oghratina – 6 agosto

Le forze dell'Impero britannico si accamparono nell'oasi di Oghratina

Durante la notte precedente, le forze tedesche e ottomane hanno evacuato Katia e si stavano muovendo verso Oghratina quando Chauvel ha ordinato alla Divisione a cavallo di Anzac di continuare l'attacco. Alle Brigate di fucili a cavallo della Nuova Zelanda e alla 5a Brigata a cavallo fu ordinato di catturare Oghratina. Nonostante i tentativi di queste due brigate di girare il fianco nemico, furono costrette ad attaccare frontalmente a retroguardie fortemente trincerate in posizioni che favorivano i difensori e che erano supportate da artiglieria accuratamente posizionata. Nel frattempo, le due divisioni di fanteria si trasferirono a presidiare Katia e Abu Hamra e Lawrence spostarono il suo quartier generale in avanti da Kantara a Romani. La 3a brigata di cavalli leggeri a destra avanzò verso Badieh, ma poté fare solo piccoli progressi, contro le posizioni saldamente tenute dalle forze tedesche e ottomane.

La brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda si era trasferita all'alba, seguita dalla 5a brigata a cavallo senza il supporto dell'ambulanza, poiché l'ambulanza da campo neozelandese non era tornata dai romani e la 5a ambulanza da campo a cavallo non era ancora arrivata. Fortunatamente le vittime sono state lievi ed entrambe le ambulanze sono arrivate in serata. La 3a ambulanza da campo di cavalli leggeri, aveva formato una stazione di medicazione a Bir Nagid, a sud di Romani, curando i feriti dell'impegno della 3a brigata di cavalli leggeri a Bir el Hamisah, un convoglio che aveva portato ottomani feriti da un hod a sud di Romani, e Durante la giornata sono stati trattati 150 casi di esaurimento da calore da parte della fanteria della 42a divisione.

Stiamo ancora inseguendo ma è stato per forza lento poiché i cavalli sono finiti e il nemico, avanzando, si è trincerato in vari punti ... il che gli ha permesso di combattere un'azione di retroguardia molto magistrale ... Mentre vado avanti, devo chiudere

—  Lettera del generale Chauvel alla moglie del 13 agosto

Oghratina è entrata il 7 agosto

Le stesse tre brigate - un fucile a cavallo, un cavallo leggero e uno Yeomanry, con il 10 ° reggimento di cavalli leggeri (3a brigata di cavalli leggeri) a supporto degli Yeomanry - si mossero per attaccare la posizione tedesca e ottomana a Oghratina, ma fu nuovamente trovata la posizione di retroguardia essere troppo forte. Mancando il supporto di fanteria o artiglieria pesante, la forza a cavallo era troppo piccola per catturare questa forte posizione di retroguardia, ma la minaccia dell'avanzata a cavallo era sufficiente per costringere la forza ostile ad evacuare la posizione. Durante la notte, le forze tedesche e ottomane si ritirarono a Bir el Abd, dove erano state tre settimane prima, il 20 luglio, quando stabilirono una base con un deposito per rifornimenti e provviste.

Il 7 agosto il Greater Bairam (un giorno festivo che celebra la fine dell'anno islamico) ha coinciso con l'ordine al Corpo egiziano di trasporto di cammelli a Romani di trasferirsi con i rifornimenti per le truppe in avanzamento, ma 150 uomini, la maggior parte dei quali avevano superato la fine dei loro contratti e diritto di essere rescisso, rifiutarono l'ordine di riempire le loro bottiglie d'acqua, trarre le loro razioni e sellare. Un uomo fu colpito alla testa con il calcio di una pistola ei dissidenti furono dispersi in piccoli gruppi e riassegnati a varie unità della divisione di fanteria; la 52a divisione (di pianura).

Debabis fu occupata l'8 agosto

La Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda ha raggiunto Debabis l'8 agosto. Quando si avvicinò la 3a Brigata di cavalli leggeri, superarono molti ottomani morti e Yeomanry; un cecchino ottomano morto aveva accanto a sé un mucchio di centinaia di cartucce vuote. Nel frattempo, il Bikanir Camel Corps e uno squadrone di aerei hanno continuato a cercare uomini scomparsi nelle sabbie del deserto.

Azione di Bir el Abd – dal 9 al 12 agosto

Chauvel pianificò, con l'approvazione di Lawrence, di catturare la retroguardia ottomana nella loro base avanzata di Bir El Abd, 20 miglia (32 km) a est di Romani. La posizione era fortemente detenuta da un numero notevolmente superiore di tedeschi, austriaci e ottomani, supportati da un'artiglieria ben piazzata, ma la guarnigione fu vista bruciare negozi ed evacuare i campi.

Chauvel schierò la Divisione a cavallo di Anzac per l'avanzata, con la Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda al centro seguendo la linea telegrafica. Alla loro destra, con un divario di 1 miglio (1,6 km), c'era la 3a Brigata di cavalli leggeri, che era in contatto con una piccola colonna volante; la Colonna Mobile della City of London Yeomanry, l'11th Light Horse Regiments e la Imperial Camel Brigade, che doveva tentare di nuovo di aggirare il fianco sinistro tedesco e ottomano e tagliare la loro ritirata. L'avanzata della 3a brigata a cavallo e delle Brigate a cavallo della Nuova Zelanda da Oghratina a Bir el Abd doveva iniziare alla luce del giorno il 9 agosto, con la 5a brigata a cavallo che formava la riserva. A sinistra dei neozelandesi, la colonna di Royston; un composto della 1a e 2a brigata di cavalli leggeri esauriti, era andato a Katia per abbeverare e poi aveva marciato per tutta la notte fino a Hod Hamada 4 miglia (6,4 km) a nord-ovest di Bir el Abd, dove arrivarono alle 03:00 il 9 agosto. Dovevano bivaccare per un'ora e mezza prima di avanzare a un punto 2 miglia (3,2 km) a nord-est di Bir el Abd, per cooperare con l'attacco della Brigata dei fucili a cavallo della Nuova Zelanda alla posizione di retroguardia alle 06:30. Poiché l'attacco, supportato da sole quattro batterie di artiglieria a cavallo, era su una posizione preparata, tenuta con una forza superiore, forte di mitragliatrici e coperta da un numero doppio di cannoni, compresi gli obici pesanti, era una sorta di azzardo. L'unico vantaggio della forza d'attacco era la sua mobilità.

Attacco il 9 agosto

Mappa degli schizzi di Falls 10 fasi della battaglia dei Romani a Bir el Abd

La 3a Brigata di cavalli leggeri partì per trovare e girare a sinistra tedesca e ottomana, mentre alle 04:00 la Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda si diresse direttamente verso Bir el Abd lungo la vecchia via delle carovane. Alle 05:00 si erano spinti negli avamposti nemici e avevano raggiunto un'altura che dominava Bir el Abd. La Colonna di Royston si mosse alle 05:00 con l'intenzione di avvolgere la destra ottomana, mentre i neozelandesi attaccarono al centro; le quattro brigate coprono un fronte di 5 miglia (8,0 km).

Le truppe avanzate della retroguardia tedesca e ottomana, che tenevano un fronte di circa 10 miglia (16 km), furono respinte a Bir el Abd dai neozelandesi. In questo momento, gli aggressori sembravano avere successo, poiché si erano saldamente stabiliti attraverso la linea telegrafica e la vecchia strada delle carovane, supportati dalle batterie Somerset e Leicester. Ma la retroguardia tedesca, austriaca e ottomana si rese presto conto di quanto fosse sottile la linea di attacco e alle 09:00 avanzò dalle loro trincee per contrattaccare. Questa mossa aggressiva è stata bloccata solo dal fuoco dell'artiglieria della batteria del Somerset efficacemente combinato con il fuoco delle mitragliatrici. Il successivo scontro a fuoco rese estremamente difficile il mantenimento della posizione dei fucilieri a cavallo e sui fianchi furono trattenuti anche i cavalli leggeri. La fanteria tedesca e ottomana rinnovarono il loro attacco verso un divario tra i neozelandesi e la 2a brigata di cavalli leggeri, ma il 5 ° reggimento di cavalli leggeri colpì il divario e l'avanzata tedesca e ottomana fu interrotta.

Chauvel ordinò alla 3a Brigata di cavalli leggeri, che non era stata in grado di girare il fianco tedesco e ottomano, di muoversi verso i neozelandesi che rinnovarono i loro sforzi, ma riuscirono solo a esporre i loro fianchi, poiché gli australiani non erano in grado di conformarsi al loro attacco movimento. Alle 10:30, tutti i progressi si erano fermati. La Brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda ha continuato a resistere al centro, mentre entrambi i fianchi sono stati piegati all'indietro dalla pressione delle forti forze tedesche e ottomane. Il risultato fu che i neozelandesi finirono per mantenere una linea saliente molto esposta sulle pendici anteriori delle colline che dominano l'Hod. Freschi rinforzi tedeschi o ottomani da El Arish, hanno quindi lanciato un feroce contrattacco su un fronte di circa 2,5 miglia (4,0 km), al centro. Ciò cadde sui reggimenti di Canterbury e Auckland e su uno squadrone del Warwickshire Yeomanry della 5a Brigata a cavallo sotto il comando di Chaytor. I neozelandesi erano supportati da mitragliatrici; una sezione, assegnata al reggimento di fucili a cavallo di Canterbury, ha sparato con tutti i suoi cannoni direttamente sui soldati che avanzavano, fermandoli quando erano entro 100 iarde (91 m) dalla posizione della Nuova Zelanda.

A mezzogiorno, l'avanzata era stata completamente ostacolata da determinati contrattacchi supportati da fresche truppe tedesche o ottomane di El Arish. Ancor più che a Katia il 5 agosto, questi soldati erano più numerosi, pronti, pieni di combattimento e più fortemente supportati da cannoni austriaci e ottomani ben piazzati che fornivano fuoco sia pesante che preciso. In questo momento, la retroguardia lanciò un altro pesante contrattacco con due colonne di 5.000 e 6.000 soldati tedeschi e ottomani contro i reggimenti di Canterbury e Auckland e lo squadrone del Warwickshire Yeomanry. Alle 14:00, l'attacco si era esteso al fianco sinistro della forza a cavallo, dove la batteria dell'Ayrshire con la colonna di Royston fu gravemente tagliata da questo fuoco, perdendo 39 cavalli uccisi e rendendo estremamente difficile spostare i cannoni. Furono costretti a ritirarsi per quasi 1 miglio (1,6 km) e anche la 3a Brigata di cavalli leggeri, dopo essere avanzata sul fianco destro, fu costretta a cedere terreno dalla precisione dei proiettili nemici.

Un ulteriore ritiro da parte della 3a brigata di cavalli leggeri ha reso critica la posizione della brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda e alle 17:30 Chauvel ha dato l'ordine di un ritiro generale. Il disimpegno si è rivelato una sfida; furono solo la tenacia dei neozelandesi e il calare della notte a salvarli da una cattura certa. Alla fine, il Machine Gun Squadron aveva tutti i suoi cannoni in linea, alcuni dei quali sparavano a una distanza di 100 iarde (91 m); erano supportati da squadroni della 5a Brigata a cavallo, che insieme coprirono con successo il ritiro dei neozelandesi.

Dopo questa giornata di aspri combattimenti, che è stata descritta come l'azione più combattuta dell'intera campagna del Sinai, l'avanzata della Divisione a cavallo di Anzac fu effettivamente interrotta. Chauvel ordinò alla divisione di tornare in acqua a Oghratina, nonostante il desiderio di Lawrence che bivaccassero vicino a Bir el Abd, ma Chauvel concluse che la sua forza non era in condizioni di rimanere alla portata di questa forza nemica forte e aggressiva. Inoltre, la divisione a cavallo Anzac aveva perso una parte significativa della loro forza; oltre 300 vittime, inclusi otto ufficiali e altri 65 gradi uccisi.

Attacco pianificato per il 12 agosto

Alla luce del giorno del 10 agosto, forti pattuglie sono andate avanti e sono rimaste in contatto con le forze di Bir el Abd per tutto il giorno, ma senza truppe fresche non è stato possibile effettuare un attacco in forza.

L'11 agosto non si sono verificati combattimenti seri, ma le forze di von Kressenstein a Bir el Abd sono state osservate e molestate e sono stati fatti piani per un attacco il 12 agosto. L'avanzata della divisione a cavallo Anzac iniziò alla luce del giorno, ma subito dopo le pattuglie avanzate riferirono che la guarnigione di Bir el Abd si stava ritirando. La forza a cavallo seguì gli austriaci, i tedeschi e gli ottomani fino a Salmana, dove un'altra azione di retroguardia ritardò la forza a cavallo, poiché il ritiro del nemico continuò fino a El Arish.

Le linee di comunicazione della divisione a cavallo Anzac erano ora completamente estese e le difficoltà di rifornire le truppe a cavallo dai romani rendevano impossibile per le forze a cavallo dell'Impero britannico prendere in considerazione un'ulteriore avanzata in quel momento. Furono presi accordi per tenere e presidiare il paese definitivamente vinto da questa serie di scontri indecisi, da Katia verso est a Bir El Abd.

Von Kressenstein è riuscito a ritirare la sua forza maltrattata da una situazione potenzialmente fatale; sia la sua avanzata in rom che il ritiro furono notevoli risultati di pianificazione, leadership, lavoro del personale e resistenza.

Vittime

Secondo la storia medica ufficiale australiana, le vittime totali dell'Impero britannico furono:

Ucciso Morto per le ferite Feriti Totale
Britannico 79 27 259 365
australiano 104 32 487 623
Nuova Zelanda 39 12 163 214
Totale 222 71 909 1202

Altre fonti stimano il totale delle vittime a 202, con tutte le vittime a 1.130, di cui 900 della divisione a cavallo di Anzac.

Si stima che le vittime dell'esercito ottomano siano state 9.000; 1.250 furono sepolti dopo la battaglia e 4.000 furono fatti prigionieri.

Le vittime sono state assistite da ufficiali sanitari, barellieri, cammellieri e conducenti di carri delle sabbie che hanno lavorato instancabilmente, spesso sulla linea di tiro, coprendo enormi distanze in condizioni difficili e facendo di tutto per alleviare le sofferenze dei feriti. Le vittime venivano trasportate su cacolet su cammelli o su carri di sabbia alle ambulanze da campo, poiché la sabbia pesante rendeva impossibile l'uso di ambulanze a motore o trainate da cavalli. Tra il 4 e il 9 agosto, le cinque ambulanze da campo della divisione a cavallo dell'Anzac hanno portato 1.314 pazienti, di cui 180 feriti nemici.

L'evacuazione in treno dai Romani è stata effettuata in un modo che ha causato molte sofferenze e shock ai feriti. Non fu effettuato fino alla notte del 6 agosto - essendo il trasporto dei prigionieri di guerra preceduto su quello dei feriti - erano disponibili solo camion scoperti senza paglia. Le esigenze militari richiedevano manovre e molto ritardo, sicchè cinque ore furono occupate nel viaggio di venticinque miglia. Sembrava una vergogna crudele manovrare un treno pieno di feriti su camion aperti, ma doveva essere fatto. Ogni urto nel nostro treno senza molle era estremamente doloroso.

—  Estratto dal diario di un ufficiale medico yeomanry che è stato gravemente ferito a Katia il 5 agosto.

In assenza di ordini che coordinassero l'evacuazione dalle ambulanze sul campo, il vicedirettore dei servizi medici (ADMS) ha preso le proprie disposizioni. L'ADMS, Anzac Mounted Division, organizzò con le sue controparti nelle due divisioni di fanteria una stazione di sgombero presso la stazione ferroviaria a 4 miglia (6,4 km) oltre i Romani. Questa stazione era formata da unità mediche delle Divisioni Anzac Mounted, 42nd e 52nd (Lowland). Senza ordini dal quartier generale della sezione n. 3 sul metodo di evacuazione delle vittime delle tre divisioni, i prigionieri di guerra furono trasportati in treno a Kantara prima dei feriti, generando tra tutti i ranghi un sentimento di risentimento e sfiducia nei confronti del comando superiore che durò a lungo.

Conseguenze

La battaglia dei Romani fu la prima vittoria su larga scala a cavallo e di fanteria dell'Impero britannico nella prima guerra mondiale. Accadde in un momento in cui le nazioni alleate non avevano sperimentato altro che la sconfitta, in Francia, a Salonicco e alla capitolazione di Kut in Mesopotamia. La battaglia è stata ampiamente riconosciuta come una vittoria strategica e un punto di svolta nella campagna per ripristinare l'integrità territoriale e la sicurezza dell'Egitto e ha segnato la fine della campagna di terra contro il Canale di Suez.

Romani fu la prima vittoria decisiva ottenuta dalle forze di terra britanniche e cambiò l'intero volto della campagna in quel teatro, strappando al nemico l'iniziativa che non ottenne mai più. Ha anche reso possibile lo sgombero delle sue truppe dal territorio egiziano.

—  Generale Chauvel

Questa serie di operazioni di fanteria e a cavallo britanniche di successo portò alla completa sconfitta dei 16.000-18.000 forti tedeschi, austriaci e ottomani, circa la metà dei quali furono uccisi o feriti e quasi 4.000 fatti prigionieri. Fu catturata anche una batteria di cannoni da montagna di quattro cannoni pesanti, nove mitragliatrici, un'azienda completa di mitragliatrici a cammello , 2.300 fucili e un milione di munizioni, due ospedali da campo completi con tutti gli strumenti, accessori e farmaci, mentre una grande quantità dei negozi nel deposito di approvvigionamento di Bir el Abd è stato distrutto. Tutte le armi e l'equipaggiamento catturati furono fabbricati in Germania e l'equipaggiamento della compagnia di mitragliatrici a cammello era stato appositamente progettato per la guerra nel deserto. Molti dei fucili erano dell'ultimo modello e fatti di acciaio inossidabile . Murray ha stimato il totale delle vittime tedesche e ottomane a circa 9.000, mentre una stima tedesca ha stimato la perdita a un terzo della forza (da 5.500 a 6.000), che sembra bassa considerando il numero di prigionieri.

Le tattiche impiegate dalla Divisione a cavallo Anzac si sarebbero dimostrate efficaci durante le prossime campagne nel Sinai e nel Levante (noto anche all'epoca come Palestina). La chiave per i fucili montati e l'approccio del cavallo leggero era spostarsi rapidamente su un terreno tattico e quindi operare efficacemente come fanteria una volta smontata. In difesa, l'artiglieria e le mitragliatrici devastavano gli attacchi nemici e durante l'avanzata a cavallo coprirono e supportarono le forze a cavallo dell'Impero britannico.

Questa battaglia fu combattuta in condizioni estreme nel deserto del Sinai nella calura estiva per molti giorni, causando molte sofferenze all'uomo e alla bestia e richiedendo tenacia e resistenza da parte di tutti i partecipanti.

La battaglia dei Romani segnò la fine della campagna tedesca e ottomana contro il Canale di Suez; l'offensiva era passata decisamente nelle mani della forza dell'Impero britannico guidata dalla Divisione a cavallo Anzac. Dopo la battaglia, le forze di von Kressenstein furono respinte attraverso la penisola del Sinai, per essere battute nella battaglia di Magdhaba nel dicembre 1916 e di nuovo al confine della Palestina controllata dall'impero ottomano per essere sconfitte nella battaglia di Rafa nel gennaio 1917, che assicurò efficacemente la penisola egiziana del Sinai. Questa campagna di successo dell'Impero Britannico, durata sette mesi, iniziata a Romani in agosto, si concluse con la prima battaglia di Gaza nel marzo 1917.

Alcune critiche

La battaglia dei Romani, tuttavia, è stata circondata da polemiche e critiche. È stato suggerito che, come l' attacco al Canale di Suez nel 1915, fosse semplicemente un'incursione per interrompere il traffico marittimo piuttosto che un tentativo determinato di ottenere il controllo del canale. Che l'intenzione dell'Impero Ottomano fosse di occupare fortemente i Romani e il Kantara è supportato dai preparativi nel territorio meridionale della Palestina adiacente e che si estende nel Sinai. Questi includevano l'estensione del sistema ferroviario della Palestina a Wadi El Arish, con una buona strada automobilistica accanto alla ferrovia. Cisterne e altre opere furono costruite lungo questo percorso per immagazzinare l'acqua ea Wadi El Arish, enormi serbatoi scavati nella roccia erano in costruzione nel dicembre 1916 quando la Divisione a cavallo di Anzac raggiunse quel luogo poco prima della battaglia di Magdhaba.

La battaglia avrebbe dovuto essere di Murray o, se doveva essere di Lawrence, avrebbe dovuto mettere a disposizione di Lawrence tutte le truppe disponibili per essa, nel momento in cui il nemico fosse arrivato in forze a Oghratina.

Generale Chauvel

Murray, Lawrence e Chauvel sono stati tutti criticati per aver lasciato scappare la forza di von Kressenstein. Inoltre, è stato affermato che le tattiche delle truppe a cavallo hanno effettivamente aiutato il ritiro del nemico concentrandosi sugli assalti diretti piuttosto che sugli attacchi ai fianchi. Lo storico ufficiale britannico riconosce la delusione causata dal riuscito ritiro delle forze tedesche, austriache e ottomane, ma nota anche la qualità delle successive posizioni di retroguardia costruite durante l'avanzata e la forza, determinazione e resistenza del nemico. La forza delle retroguardie è stata chiaramente dimostrata a Bir el Abd il 9 agosto, quando la forza a cavallo ha tentato di aggirare la grande forza trincerata. Hanno fallito perché erano notevolmente in inferiorità numerica. In effetti, se la Divisione a cavallo di Anzac fosse riuscita ad aggirare il fianco senza il supporto della fanteria, si sarebbe trovata di fronte a forze di gran lunga superiori e avrebbe potuto essere annientata.

È stato suggerito che il 5 agosto si sia persa l'opportunità di circondare e catturare le forze invasori austriache, tedesche e ottomane quando le fu permesso di ritirarsi a Katia. Le difficoltà della fanteria per quanto riguarda la fornitura di acqua e il trasporto di cammelli combinate con la loro mancanza di addestramento nel deserto, insieme agli ordini confusi di Lawrence alla fanteria della 52a divisione (di pianura) di spostarsi a sud e ad est, impedirono loro di avanzare prontamente per tagliare la forza in ritirata nelle prime ore della battaglia del secondo giorno. Il generale Lawrence è stato criticato per aver corso un rischio grave e inutile facendo affidamento su una sola divisione di fanteria trincerata e due brigate di cavalli leggeri per difendere i rom. Il forte attacco nemico alla 1a e 2a brigata di cavalli leggeri durante la battaglia della prima notte li ha spinti così indietro che l'attacco di fianco pianificato dalla brigata di fucili a cavallo della Nuova Zelanda è diventato quasi un attacco frontale. Lawrence fu anche accusato di essere rimasto nel suo quartier generale a Kantara, che era considerato troppo lontano dal campo di battaglia, e che ciò contribuì alla sua perdita di controllo della battaglia durante il primo giorno, quando la linea telefonica fu interrotta e lui era fuori di contatto con i Rom. Lawrence è stato anche criticato per non essere andato avanti a supervisionare l'esecuzione dei suoi ordini il 5 agosto, quando si è verificato un mancato coordinamento dei movimenti della 3a Brigata di cavalli leggeri e della Colonna Mobile.

Chauvel ha risposto sottolineando che le critiche alla battaglia rischiavano di oscurare il significato della vittoria.

Premi

Murray ha elogiato l'Anzac Mounted Division nei cablogrammi ai Governatori generali dell'Australia e della Nuova Zelanda e nel suo messaggio ufficiale e nelle lettere a Robertson, scrivendo:

Ogni giorno mostrano quanto siano una parte indispensabile delle mie forze ... Non posso parlare troppo bene della galanteria, della fermezza e dell'energia instancabile mostrate da questa raffinata divisione durante le operazioni ... Queste truppe Anzac sono la chiave di volta della difesa di Egitto.

Ma non è riuscito a garantire che le qualità di combattimento di questi soldati guadagnassero loro una quota proporzionata di riconoscimenti e onorificenze. Inoltre, nonostante le affermazioni secondo cui Chauvel da solo aveva una visione chiara della battaglia, che la sua freddezza e abilità erano cruciali per ottenere la vittoria, il suo nome fu omesso dalla lunga lista di onorificenze pubblicata il giorno di Capodanno 1917. Murray offrì a Chauvel un aspetto minore premio (un Distinguished Service Order ) per i Rom che ha rifiutato.

Dopo aver letto la descrizione di Murray nel suo dispaccio ufficiale sulla battaglia e ristampato in un'edizione parigina del "Daily Mail", Chauvel scrisse a sua moglie il 3 dicembre 1916:

Temo che i miei uomini si arrabbieranno molto quando lo vedranno. Non riesco a capire perché il vecchio non possa rendere giustizia a coloro a cui doveva così tanto e il tutto sia così assolutamente incompatibile con quanto aveva già cablato.

Fu solo dopo la vittoria nella battaglia di Rafa che Chauvel fu nominato Cavaliere Comandante dell'Ordine di San Michele e San Giorgio, ma questo particolare ordine viene assegnato per un importante servizio non militare in un paese straniero. Non era solo il suo servizio militare a Romani che non era stato riconosciuto, ma anche il servizio di tutti coloro che combattevano nella divisione a cavallo Anzac a Romani, a El Arish, a Magdhaba ea Rafa. Nel settembre 1917, non molto tempo dopo che il generale Edmund Allenby divenne comandante in capo della forza di spedizione egiziana, Chauvel scrisse al GHQ per sottolineare l'ingiustizia commessa alle sue truppe in prima linea, riconoscendo che era "difficile fare qualcosa ora per riparare questo, ma considera che il comandante in capo dovrebbe sapere che c'è una grande amarezza per questo."

Appunti

Riferimenti

Bibliografia

  • "Diario di guerra della 3a brigata di cavalli leggeri" . Diari della prima guerra mondiale AWM4, 10-3-15 . Canberra: Australian War Memorial. Aprile 1916 Archiviata dall'originale il 21 marzo 2011.
  • I nomi ufficiali delle battaglie e altri impegni combattuti dalle forze militari dell'Impero britannico durante la Grande Guerra, 1914-1919, e la terza guerra afgana, 1919: Rapporto del Comitato per la nomenclatura delle battaglie approvato dal Consiglio dell'esercito presentato al Parlamento per comando di Sua Maestà . Londra: tipografo governativo. 1921. OCLC 29078007 .
  • Bostock, Harry P. (1982). The Great Ride: The Diary of a Light Horse Brigade Scout World War 1 . Perth: Artlook Books. OCLC 12024100 .
  • Bou, Jean (2009). Light Horse: una storia del braccio a cavallo dell'Australia . Storia dell'esercito australiano. Porto di Melbourne: Cambridge University Press. OCLC 320896150 .
  • Bowman-Manifold, MGE (1923). Uno schema delle campagne egiziane e palestinesi, dal 1914 al 1918 (2a ed.). Catham: The Institute of Royal Engineers, W. & J. Mackay & Co. OCLC 224893679 .
  • Bruce, Anthony (2002). L'ultima crociata: la campagna di Palestina nella prima guerra mondiale . Londra: John Murray. ISBN 978-0-7195-5432-2.
  • Carver, Michael, feldmaresciallo Lord (2003). The National Army Museum Libro del fronte turco 1914–1918: le campagne a Gallipoli, in Mesopotamia e in Palestina . Londra: Pan Macmillan. ISBN 978-0-283-07347-2.
  • Cutlack, Frederic Morley (1941). L'Australian Flying Corps nei teatri di guerra occidentali e orientali, 1914–1918 . Storia ufficiale dell'Australia nella guerra del 1914-1918. vol. VIII (11a ed.). Canberra: Australian War Memorial. OCLC 220900299 .
  • Dennis, Pietro; Jeffrey Grey; Ewan Morris; Robin Prior; Jean Bou (2008). The Oxford Companion to Australian Military History (2a ed.). Melbourne: Oxford University Press, Australia e Nuova Zelanda. OCLC 489040963 .
  • Downes, Rupert M. (1938). "La campagna in Sinai e Palestina". In Butler, Arthur Graham (a cura di). Gallipoli, Palestina e Nuova Guinea . Storia ufficiale dei servizi medici dell'esercito australiano, 1914–1918: volume 1 parte II (2a ed.). Canberra: Australian War Memorial. pp. 547–780. OCLC 220879097 .
  • Erickson, Edward J. (2001). Ordered to Die: una storia dell'esercito ottomano nella prima guerra mondiale. Attaccante del generale Hüseyiln Kivrikoglu . N. 201 Contributi in studi militari. Westport Connecticut: Greenwood Press. OCLC 43481698 .
  • cade, Cirillo; G. MacMunn (1930). Operazioni militari Egitto e Palestina: dallo scoppio della guerra con la Germania al giugno 1917 . Storia Ufficiale della Grande Guerra Basata su Documenti Ufficiali a cura della Direzione della Sezione Storica del Comitato di Difesa Imperiale. vol. 1. Londra: Ufficio di cancelleria HM. OCLC 610273484 .
  • Gullett, Henry S. (1941). La forza imperiale australiana nel Sinai e in Palestina, 1914–1918 . Storia ufficiale dell'Australia nella guerra del 1914-1918. vol. VII (11a ed.). Canberra: Australian War Memorial. OCLC 220900153 .
  • Hill, Alec Jeffrey (1978). Chauvel del cavallo leggero: una biografia del generale Sir Harry Chauvel, GCMG, KCB . Melbourne: Melbourne University Press. ISBN 978-0-522-84146-6.
  • Keogh, ad esempio; Joan Graham (1955). Suez ad Aleppo . Melbourne: Direzione dell'addestramento militare di Wilkie & Co. OCLC 220029983 .
  • Kinloch, Terry (2007). Devils on Horses: Nelle parole degli Anzacs in Medio Oriente 1916–19 . Auckland: Exisle Publishing. OCLC 191258258 .
  • McPherson, Joseph William (1983). Barry Carman; John McPherson (a cura di). L'uomo che amava l'Egitto: Bimbashi McPherson. Selezione e compilazione di 26 volumi di lettere scritte da Joseph McPherson alla sua famiglia tra il 1901 e il 1946 . Ariel Books British Broadcasting Corporation. OCLC 10372447 .
  • Moore, A. Briscoe (1920). I fucilieri a cavallo nel Sinai e in Palestina: la storia dei crociati della Nuova Zelanda . Christchurch: Whitcombe e tombe. OCLC 561949575 .
  • Powles, C. Guy; A. Wilkie (1922). I neozelandesi nel Sinai e in Palestina . Storia ufficiale Lo sforzo della Nuova Zelanda nella Grande Guerra. vol. III. Auckland: Whitcombe e tombe. OCLC 2959465 .
  • Preston, RMP (1921). Il corpo a cavallo del deserto: un resoconto delle operazioni di cavalleria in Palestina e Siria 1917–1918 . Londra: Constable & Co. OCLC 3900439 .
  • Pugsley, Christopher (2004). L'esperienza Anzac: Nuova Zelanda, Australia e Impero nella prima guerra mondiale . Auckland: Reed Books. OCLC 56521474 .
  • Wavell, feldmaresciallo Earl (1968) [1933]. "Le campagne in Palestina". In Sheppard, Eric William (a cura di). Una breve storia dell'esercito britannico (4a ed.). Londra: Constable & Co. OCLC 35621223 .
  • Woodward, David R. (2006). L'inferno in Terra Santa: la prima guerra mondiale in Medio Oriente . Lexington: The University Press of Kentucky. ISBN 978-0-8131-2383-7.

Ulteriori letture

link esterno

Coordinate : 30.992°N 32.648°E 30°59′31″N 32°38′53″E /  / 30.992; 32.648