Emirato di Granada -Emirate of Granada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Emirato di Granada
إمارة غرﻧﺎﻃﺔ
Imarat Gharnāṭah
1230–1492
Bandiera di Granada
Bandiera
Stemma di Granada
Stemma
Motto: Wa lā gāliba illā-llāh [ fr ] ( arabo : ولا غالب إلا الله, lett . "Non c'è vincitore tranne Dio")
Territorio del Regno dei Nasridi dal XIII al XV secolo
Territorio del Regno dei Nasridi dal XIII al XV secolo
Stato Stato tributario della Corona di Castiglia (intermittente)
Capitale Granata
Lingue comuni Lingua ufficiale:
arabo classico
Altre lingue: arabo andaluso, mozarabico, berbero, ladino
Religione
Religione maggioritaria:
Islam sunnita
Religioni minoritarie:
cattolicesimo romano
ebraismo
Governo Monarchia ereditaria
Sultano
• 1238–1273
Maometto I
• 1487–1492
Maometto XII
Epoca storica Tardo medioevo
• Stabilito
1230
1492
Popolazione
• 1314
200.000
Preceduto da
seguito da
Califfato Almohade
Regno di Granada (Corona di Castiglia)
Oggi parte di

L' Emirato di Granada ( arabo : إمارة غرﻧﺎﻃﺔ, romanizzato : Imārat Ġarnāṭah ), noto anche come Regno dei Nasridi di Granada ( spagnolo : Reino Nazarí de Granada ), era un regno islamico nell'Iberia meridionale durante il tardo medioevo . Era l'ultimo stato musulmano indipendente nell'Europa occidentale .

I musulmani erano presenti nella penisola iberica, che chiamavano Al-Andalus, fin dall'inizio dell'VIII secolo. Nella sua massima estensione geografica, il territorio controllato dai musulmani occupava la maggior parte della penisola e parte dell'attuale Francia meridionale . Dal IX al X secolo, sotto il Califfato di Cordova, la regione fu una delle più prospere e avanzate d'Europa. Il conflitto con i regni cristiani del nord era ricorrente, mentre il crescente conflitto civile portò a una frammentazione degli stati musulmani all'inizio dell'XI secolo. Ciò segnò un precipitoso declino del potere musulmano e facilitò la secolare Reconquista cristiana .

Nel 1230, il califfato almohade in Marocco governava i restanti territori musulmani nell'Iberia meridionale, che corrispondevano grosso modo alle moderne province spagnole di Granada, Almería e Málaga . Sfruttando il conflitto dinastico degli Almohadi, l'ambizioso Muhammad ibn al-Ahmar salì al potere e fondò la dinastia dei Nasridi su queste terre. Nel 1250, l'emirato era l'ultimo sistema politico musulmano nella penisola. Sebbene effettivamente un vassallo della nascente Corona di Castiglia, per oltre due secoli Granada godette di una notevole prosperità culturale ed economica; gran parte del famoso complesso del palazzo dell'Alhambra fu costruito durante questo periodo e i Nasridi sarebbero stati la dinastia musulmana più longeva in Iberia.

Il nascente potere cristiano in Iberia significava che l'esistenza di Granada era sempre precaria. Nel 1491, dopo un decennio di guerre intermittenti note come Guerra di Granada, l'emirato fu costretto a capitolare ai monarchi cattolici . L'anno successivo, Muhammad XII, l'ultimo sovrano nasride di Granada, rinunciò formalmente alla sua sovranità e cedette i suoi territori alla Castiglia, trasferendosi infine in Nord Africa in esilio. Ciò segnò la fine del dominio musulmano indipendente in Iberia.

Storia

Formazione e conflitti

Con la Reconquista in pieno svolgimento dopo la conquista di Cordova nel giugno 1236, Mohammed I ibn Nasr allineò Granada con Ferdinando III di Castiglia nel 1246, rendendola così uno stato tributario, o taifa, sotto la Corona di Castiglia . Granada rimase uno stato tributario per i successivi 250 anni, con gli emiri nasridi che rendevano omaggio ( paria ) ai re castigliani principalmente sotto forma di oro dell'attuale Mali e Burkina Faso, portato in Iberia dalle rotte mercantili nel Sahara . I Nasridi fornirono anche assistenza militare alla Castiglia per le sue altre conquiste.

Nel 1306 Granada conquistò Ceuta, ma perse il controllo della città nel 1309 a favore del Regno di Fez, assistito dalla Corona d'Aragona . Granada riconquistò Ceuta un anno dopo, ma la perse di nuovo nel 1314. Granada tenne nuovamente la città dal 1315 al 1327. Nel 1384, Granada riconquistò nuovamente Ceuta ma la perse infine al Regno di Fez nel 1386. Ceuta sarebbe stata presa dall'impero portoghese nel 1415 e passò all'impero spagnolo nel 1580.

Granada e gli stati circostanti nel 1360

La pace di Granada con la Castiglia si è interrotta in varie occasioni. Granada perse territorio a favore della Castiglia nella battaglia di Teba nel 1330. Nel 1340, Granada sotto Yusuf I, sostenne la fallita invasione marinara della penisola iberica, che terminò nella battaglia di Río Salado .

Granada servì anche come rifugio per i musulmani in fuga durante la Reconquista . Indipendentemente dalla sua relativa prosperità, il conflitto intra-politico era costante. Le scaramucce lungo il confine di Granada si verificarono frequentemente e il territorio fu gradualmente perso a favore della Castiglia.

Caduta di Granada

La guerra di Granada avrebbe offerto a Ferdinando e Isabella l'opportunità di imbrigliare l'irrequieta nobiltà castigliana contro un nemico comune e instillare nei sudditi un senso di lealtà alla corona. L'attacco dell'Emirato alla città di frontiera castigliana di Zahara nel dicembre 1481 portò a una guerra prolungata. La guerra di Granada iniziò nel 1482, con le forze cristiane che catturarono l' Alhama de Granada nel febbraio 1482. Questo segnò l'inizio di una dura guerra di 10 anni. La forza cristiana era composta da truppe fornite da nobili castigliani, città e Santa Hermandad, oltre a mercenari svizzeri. La Chiesa cattolica ha anche incoraggiato altri paesi cristiani a offrire le loro truppe e le loro finanze allo sforzo bellico. Nel frattempo, a Granada scoppiò la guerra civile a causa delle lotte per la successione nella casa regnante dei Nasridi. La Castiglia ha sfruttato questo conflitto interno come un'opportunità per spingersi ulteriormente a Granada. Nel 1491 la stessa città di Granada era sotto assedio. Il 25 novembre 1491 fu firmato il Trattato di Granada, che stabiliva le condizioni per la resa. Il 2 gennaio 1492, l'ultimo leader musulmano, Muhammad XII, noto come Boabdil dagli spagnoli, cedette il controllo completo di Granada a Ferdinando e Isabella, Los Reyes Católicos ("I monarchi cattolici").

Conseguenze

La cacciata cristiana del dominio musulmano sulla penisola iberica con la conquista di Granada non estinse lo spirito della Reconquista . Isabella ha esortato i cristiani a perseguire una conquista dell'Africa. Si pensa che circa 200.000 musulmani siano emigrati in Nord Africa dopo la caduta di Granada. Inizialmente, alle condizioni della resa, ai musulmani rimasti venivano garantite proprietà, leggi, costumi e religione. Questo, tuttavia, non è stato il caso, in quanto i musulmani si sono ribellati contro i loro governanti cristiani, culminati con una rivolta nel 1500 . La ribellione fu vista come un'opportunità per porre fine formalmente al trattato di Granada e i diritti di musulmani ed ebrei furono ritirati. Ai musulmani della zona è stata data la possibilità di scegliere tra l'espulsione o la conversione. Nel 1568–1571, i discendenti dei musulmani convertiti si ribellarono di nuovo, portando alla loro espulsione dall'ex Emirato in Nord Africa e Anatolia .

Anche per gli ebrei, il periodo di tolleranza religiosa sotto il dominio musulmano in Spagna terminò con la loro espulsione da parte della monarchia cristiana nel 1492.

Economia

Moneta d'oro coniata da Muhammad V.

Lo status di Granada come stato tributario e la sua posizione geografica favorevole, con la Sierra Nevada come barriera naturale, hanno contribuito a prolungare il dominio dei Nasridi e hanno permesso all'Emirato di prosperare come emporio regionale con il Maghreb e il resto dell'Africa. La città di Granada è stata una delle città più grandi in questo periodo: ha accolto numerosi profughi musulmani espulsi dalle aree controllate dai cristiani, raddoppiando le dimensioni della città e diventando persino la città più grande d'Europa nel 1450 in termini di popolazione. Durante questo periodo c'erano 137 moschee nella Medina di Granada .

Granada era strettamente integrata nelle reti commerciali del Mediterraneo e pesantemente finanziata dai banchieri genovesi con l'obiettivo di ottenere il controllo del commercio dell'oro effettuato attraverso le rotte commerciali transahariane. Tuttavia, dopo che il Portogallo aprì rotte commerciali dirette verso l'Africa subsahariana via mare nel XV secolo, Granada divenne meno importante come centro commerciale regionale. Con l' unione di Castiglia e Aragona nel 1469, questi regni puntarono all'annessione di Granada.

Cultura

Letteratura

Ibn al-Khatib era un poliedrico e poeta del periodo nasride . È autore di molte opere in vari campi e la sua poesia è scolpita nelle pareti del palazzo dell'Alhambra.

Architettura

Particolare dello stemma dell'Emirato di Granada scolpito nelle pareti del palazzo dell'Alhambra .

L'architettura di Nasrid Granada abbracciava un'ampia decorazione della superficie in legno, stucco e piastrellatura zillij, oltre a fare uso di elaborate sculture muqarnas in molti edifici. L'eredità architettonica più famosa dei Nasridi è l' Alhambra, un quartiere di palazzi in cima a una collina protetto da pesanti fortificazioni e contenente alcuni dei palazzi più famosi e meglio conservati dell'architettura islamica occidentale, tra cui quello che oggi è conosciuto come il Palazzo Comares e il Cortile del Leoni . Il complesso del palazzo si sviluppò durante tutto il periodo, ma alcuni dei contributi più importanti furono generalmente forniti durante il governo di Yusuf I e Maometto V durante il XIV secolo. Anche il palazzo estivo e i giardini conosciuti come il Generalife sono stati creati nelle vicinanze, in una tradizione che ricorda i Giardini Agdal di Marrakech dell'epoca almohade e i Giardini reali Marinidi di Fes. Altri edifici e strutture degni di nota noti di quest'epoca sono la Madrasa al-Yusufiyya (ora conosciuta come Palacio del Madraza), il Funduq al-Jadida (ora noto come Corral del Carbón ), parti delle mura della città di Granada, l' Alcázar Genil, e il Cuarto Real de Santo Domingo a Granada, oltre a molte altre fortificazioni e monumenti minori nel territorio dell'ex emirato.

Musica

La musica Gharnati ( الطرب الغرناطي ) è una varietà di musica andalusa che ha avuto origine a Granada e si è trasferita in Nord Africa dove è sopravvissuta fino ad oggi.

Militare

Muhammad I di Granada alla guida delle sue truppe durante la rivolta mudéjar del 1264–1266, illustrata nelle contemporanee Cantigas de Santa Maria .

Costantemente minacciata sia dai regni cristiani a nord che dal Sultanato Marinide musulmano a sud, la popolazione dell'Emirato di Granada sviluppò una "mentalità d'assedio". Il paese di conseguenza ha mantenuto un forte esercito. I suoi territori di confine erano costellati di castelli mantenuti da guerrieri di frontiera ( thagri ) guidati da guerrieri corazzati d'élite che furono influenzati e paragonabili ai cavalieri cristiani . Tuttavia, il nucleo dell'esercito dell'emirato era costituito da cavalleria leggera altamente mobile e fanteria leggera.

L'esercito granadino era etnicamente e culturalmente misto. Una gran parte è stata reclutata localmente attraverso il sistema jund in cui le famiglie con obblighi militari venivano registrate e arruolate per il servizio. Inoltre, i sovrani granadani incoraggiarono i guerrieri nordafricani a migrare nel paese e servire come ghazi . Questi immigrati erano per lo più berberi Zenata (o Zanata) e alla fine si organizzarono come Volontari della Fede, un'unità effettivamente autonoma e molto potente all'interno dell'esercito granadino. Gli Zenata fungevano da cavalleria leggera, da cui nacque il termine spagnolo jinete (derivato dal nome 'Zenata'), che denotava questo tipo di cavalleria leggera. Costituivano la spina dorsale dell'esercito granadino, servendo sia in battaglie cruciali che in regolari incursioni all'interno del territorio cristiano. Erano molto mobili sul campo, armati di lance, giavellotti e piccoli scudi rotondi noti per la loro flessibilità, e usavano il loro caratteristico set di tattiche. A volte servivano anche come ausiliari negli eserciti castigliani, inviati dagli emiri nasridi di Granada per aiutare i loro alleati. Furono reclutati e guidati da membri esiliati della famiglia Marinid e si stabilirono nel regno di Granada. Il loro comandante Marinid era conosciuto come lo shaykh al-ghuzāt ("capo dei ghazi "), ma nel 1374 Maometto V soppresse questo ufficio a causa della loro interferenza politica, dopo di che furono comandati da un generale Nasrid o Andalusi.

Maometto V ridusse lo status dei Volontari e riformò l'esercito, rafforzando invece le componenti andaluse dell'esercito granadino. La parte più piccola dell'esercito regolare di Granada era costituita da cristiani ed ex cristiani che erano stati assunti dagli emiri o avevano disertato da loro. Questi erano spesso cavalieri spagnoli e chiamati mamelucchi ; questi guerrieri erano organizzati come guardie del corpo d'élite da alcuni emiri. Per aumentare il loro esercito, i granadani assoldarono anche mercenari stranieri.

Per quanto riguarda la sua organizzazione, l'esercito granadino era formalmente guidato dall'emiro e diviso in più unità. Le aree di frontiera erano possibilmente comandate da rais, mentre ogni importante guarnigione di frontiera era guidata da uno shaykh khassa . L'esercito era diviso in divisioni principali, ciascuna guidata da un wali, sotto il quale gli emiri militari servivano come capi per 5.000 soldati, seguiti da qaid che guidava 1.000, naqib che guidava 200 e infine nazir guidava otto. I Volontari della Fede furono inizialmente comandati dallo shaykh al-ghuzat . Inoltre, esisteva una shurta simile alla gendarmeria nella città di Granada, comandata dal sahib al- shurta . L'esercito granadino era solitamente accompagnato da un corpo di guide ( dalil ), figure religiose che si occupavano del morale, armieri, medici e alcuni poeti oltre che oratori.

Elenco dei sultani di Granada

Anni Governate Regno
1238–1272 Muhammad I ibn Nasr
1273–1302 Muhammad II al-Faqih
1302–1309 Maometto III
1309–1314 Nasr
1314–1325 Ismail I
1325–1333 Maometto IV
1333–1354 Yusuf I
1354–1359 Muhammad V
1359–1360 Ismail II
1360–1362 Maometto VI
1362–1391 Muhammad V Secondo
1391–1392 Yusuf II
1392–1408 Maometto VII
1408–1417 Yusuf III
1417–1419 Maometto VIII
1419–1427 Maometto IX
1427–1429 Maometto VIII Secondo
1430–1431 Maometto IX Secondo
1432-1432 Yusuf IV
1432–1445 Maometto IX Terzo
1445–1446 Yusuf V
1447–1448 Ismail III
1446–1448 Muhammad X
1448–1453 Maometto IX Il quarto
1453–1454 Maometto XI
1454–1461 Triste
1462–1463 Ismail IV
1462–1463 Yusuf V Secondo
1464–1482 Ali Abu'l-Hasan
1482–1483 Muhammad XII Abu Abdallah
1483–1485 Ali Abu'l-Hasan Secondo
1485–1486 Muhammad XIII Abu Abdallah
1486–1492 Muhammad XII Abu Abdallah Secondo

Guarda anche

Riferimenti

Lavori citati

Ulteriori letture

  • Watt, W. Montgomery (1965). Una storia della Spagna islamica . Stampa dell'Università di Edimburgo. ISBN 0-7486-0847-8.
  • Arié, Rachel (1990). L'Espagne musulmane au Temps des Nasrides (1232–1492) (in francese) (2a ed.). De Boccard. ISBN 2-7018-0052-8.
  • Bueno, Francisco (2004). Los Reyes de la Alhambra. Entre la historia y la leyenda (in spagnolo). Miguel Sanchez. ISBN 84-7169-082-9.
  • Cortés Peña, Antonio Luis; Vincent, Bernard (1983–1987). Storia di Granata. 4 voll (in spagnolo). Editoriale Don Quijote.
  • Cristobal Torrez Delgado (1982). El Reino Nazari de Granada (in spagnolo).
  • Fernández Puertas, Antonio (1997). L'Alhambra. Vol 1. Dal IX secolo a Yusuf I (1354) . Libri Saqi. ISBN 0-86356-466-6.
  • Fernández Puertas, Antonio (1997). L'Alhambra. vol. 2. (1354–1391) . Libri Saqi. ISBN 0-86356-467-4.
  • Harvey, Leonard Patrick (1992). Spagna islamica dal 1250 al 1500 . Stampa dell'Università di Chicago. ISBN 0-226-31962-8.
  • Kennedy, Hugh (1996). Spagna musulmana e Portogallo: una storia politica di al-Andalus . Longman.
  • O'Callaghan, Joseph F. L'ultima crociata in Occidente: Castiglia e conquista di Granada . Stampa dell'Università della Pennsylvania.

link esterno

Coordinate : 37°10′39″N 03°35′24″W / 37.17750°N 3.59000°W / 37.17750; -3.59000