Johannes Vermeer -Johannes Vermeer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Johannes Vermeer
Versione ritagliata di Jan Vermeer van Delft 002.jpg
Particolare del dipinto The Procuress ( c.  1656 ), ritenuto un autoritratto di Vermeer
Nato
Joannis Vermeer

battezzato il 31 ottobre 1632
Morto 15 dicembre 1675 (1675-12-15)(43 anni)
Delft, Olanda, Repubblica olandese
Conosciuto per La pittura
Lavoro notevole
34 opere universalmente attribuite
Movimento Barocco olandese dell'età dell'oro

Johannes Vermeer ( / v ər ˈ m ɪər, v ər ˈ m ɛər / vər- MEER, vər- MAIR , olandese : [vərˈmeːr], vedi sotto ; noto anche come Jan Vermeer ; ottobre 1632 - 15 dicembre 1675) era un barocco olandese Pittore d' epoca specializzato in scene di interni domestici della vita borghese . Durante la sua vita, fu un pittore di genere provinciale di discreto successo, riconosciuto a Delft e L'Aia. Tuttavia, ha prodotto relativamente pochi dipinti ed evidentemente non era ricco, lasciando moglie e figli indebitati alla sua morte.

Vermeer lavorava lentamente e con grande cura e usava spesso pigmenti molto costosi . È particolarmente rinomato per il suo trattamento magistrale e l'uso della luce nel suo lavoro.

"Quasi tutti i suoi dipinti", scrisse Hans Koningsberger, "sono apparentemente ambientati in due stanze piccole nella sua casa di Delft; mostrano gli stessi mobili e decorazioni in varie disposizioni e spesso ritraggono le stesse persone, per lo più donne".

La sua modesta celebrità ha lasciato il posto all'oscurità dopo la sua morte. Fu a malapena menzionato nel principale libro di Arnold Houbraken sulla pittura olandese del XVII secolo ( Grand Theatre of Dutch Painters and Women Artists ) e fu quindi omesso dalle successive indagini sull'arte olandese per quasi due secoli. Nel 19° secolo, Vermeer fu riscoperto da Gustav Friedrich Waagen e Théophile Thoré-Bürger, che pubblicarono un saggio attribuendogli 66 immagini, sebbene oggi solo 34 dipinti gli siano universalmente attribuiti. Da quel momento, la reputazione di Vermeer è cresciuta e ora è riconosciuto come uno dei più grandi pittori dell'età dell'oro olandese .

Simile ad altri importanti artisti olandesi dell'età dell'oro come Frans Hals e Rembrandt, Vermeer non andò mai all'estero. Inoltre, come Rembrandt, era un appassionato collezionista d'arte e mercante.

Pronuncia del nome

In olandese si pronuncia Vermeer[vərˈmeːr] e Johannes Vermeer come[joːˈɦɑnəs fərˈmeːr], con /v/ assimilabile alla precedente /s/ sorda come [f] . La pronuncia inglese usuale è / v ər ˈ m ɪər / vər- MEER, con / v ɜːr ˈ m ɪər / vur- MEER, con una prima vocale lunga, presente anche nel Regno Unito. / v ər ˈ m ɛər / vər- MAIR è anche documentato. Un'altra pronuncia, / v ɛər ˈ m ɪər / vair - MEER, è attestata dal Regno Unito.

Vita

Delft nel 1649, dal cartografo Willem Blaeu
La Chiesa dei Gesuiti sull'Oude Langendijk a Delft, 1730 circa, pennello con inchiostro grigio, di Abraham Rademaker, coll. Stadsarchief Delft

Fino a poco tempo si sapeva relativamente poco della vita di Vermeer. Sembra fosse dedito esclusivamente alla sua arte, vivendo la sua vita nella città di Delft. Fino al XIX secolo le uniche fonti di informazione erano alcuni registri, documenti ufficiali e commenti di altri artisti; per questo motivo Thoré-Bürger lo chiamò "La Sfinge di Delft". John Michael Montias ha aggiunto dettagli sulla famiglia dagli archivi della città di Delft nel suo Artists and Artisans in Delft: A Socio-Economic Study of the Seventeenth Century (1982).

Gioventù e patrimonio

Johannes Vermeer fu battezzato all'interno della Chiesa Riformata il 31 ottobre 1632. Sua madre, Digna Baltens (c. 1596 – 1670), era di Anversa . Il padre di Digna, Balthasar Geerts, o Gerrits, (nato ad Anversa intorno al 1573) condusse una vita intraprendente e fu arrestato per contraffazione. Il padre di Vermeer, di nome Reijnier Janszoon, era un operaio di seta o caffa (un misto di seta e cotone o lana) della classe media. Era il figlio di Jan Reyersz e Cornelia (Neeltge) Goris. Come apprendista ad Amsterdam, Reijnier visse nell'elegante Sint Antoniesbreestraat, una strada con molti pittori residenti all'epoca. Nel 1615 Reijnier sposò Digna. La coppia si trasferì a Delft e ebbe una figlia di nome Gertruy che fu battezzata nel 1620. Nel 1625, Reijnier fu coinvolto in una rissa con un soldato di nome Willem van Bylandt che morì per le ferite riportate cinque mesi dopo. In questo periodo, Reijnier iniziò a occuparsi di dipinti. Nel 1631 affittò una locanda, che chiamò "The Flying Fox". Nel 1635 visse in Voldersgracht 25 o 26. Nel 1641 acquistò una locanda più grande sulla piazza del mercato, dal nome della città fiamminga " Mechelen ". L'acquisizione della locanda costituiva un notevole onere finanziario. Quando Reijnier morì nell'ottobre 1652, Vermeer rilevò l'attività artistica della famiglia.

Matrimonio e famiglia

Nell'aprile del 1653 Johannes Reijniersz Vermeer sposò una donna cattolica, Catharina Bolenes (Bolnes). La benedizione ha avuto luogo nel tranquillo villaggio vicino di Schipluiden . La nuova suocera di Vermeer, Maria Thins, era inizialmente contraria al matrimonio poiché era significativamente più ricca di lui, e probabilmente fu lei a insistere affinché Vermeer si convertisse al cattolicesimo prima del matrimonio il 5 aprile. Anche il fatto che il padre di Vermeer fosse molto indebitato non ha aiutato nelle discussioni sul matrimonio. Leonaert Bramer, che era lui stesso cattolico, mise una buona parola per Vermeer e fu questo che portò Maria ad abbandonare le sue opposizioni. Secondo lo storico dell'arte Walter Liedtke, la conversione di Vermeer sembra essere avvenuta con convinzione. Il suo dipinto L'allegoria della fede, realizzato tra il 1670 e il 1672, poneva meno enfasi sulle consuete preoccupazioni naturalistiche degli artisti e più sulle applicazioni religiose simboliche, compreso il sacramento dell'Eucaristia . Walter Liedtke in Dutch Paintings in the Metropolitan Museum of Art suggerisce che sia stato realizzato per un dotto e devoto mecenate cattolico, forse per il suo schuilkerk, o "chiesa nascosta". Ad un certo punto, la coppia si trasferì con la madre di Catharina, che viveva in una casa piuttosto spaziosa a Oude Langendijk, quasi accanto a una chiesa nascosta dei gesuiti . Qui Vermeer visse per il resto della sua vita, producendo dipinti nella stanza d'ingresso al secondo piano. Sua moglie ha dato alla luce 15 figli, quattro dei quali sono stati sepolti prima di essere battezzati, ma sono stati registrati come "figli di Johan Vermeer". I nomi di 10 figli di Vermeer sono noti da testamenti scritti da parenti: Maertge, Elisabeth, Cornelia, Aleydis, Beatrix, Johannes, Gertruyd, Franciscus, Catharina e Ignatius. Molti di questi nomi hanno una connotazione religiosa e il più giovane (Ignazio) è stato probabilmente chiamato dopo il fondatore dell'ordine dei Gesuiti .

Carriera

Replica della St. Luke Guildhouse su Voldersgracht a Delft

Non è chiaro dove e con chi Vermeer abbia fatto l'apprendista come pittore. Si ipotizza che Carel Fabritius possa essere stato il suo insegnante, sulla base di un'interpretazione controversa di un testo scritto nel 1668 dallo stampatore Arnold Bon. Gli storici dell'arte non hanno trovato prove concrete a sostegno di ciò. L'autorità locale Leonaert Bramer ha agito come un amico, ma il loro stile di pittura è piuttosto diverso. Liedtke suggerisce che Vermeer abbia imparato da solo a usare le informazioni provenienti da una delle connessioni di suo padre. Alcuni studiosi pensano che Vermeer si sia formato sotto il pittore cattolico Abraham Bloemaert . Lo stile di Vermeer è simile a quello di alcuni dei Caravaggisti di Utrecht, le cui opere sono raffigurate come dipinti all'interno di dipinti sugli sfondi di molte delle sue composizioni.

Una veduta di Delft dopo l'esplosione del 1654, di Egbert van der Poel

Il 29 dicembre 1653 Vermeer divenne membro della Gilda di San Luca, un'associazione di categoria per pittori. I registri della gilda chiariscono che Vermeer non ha pagato la solita quota di ammissione. Fu un anno di peste, guerra e crisi economica; Vermeer non era il solo a vivere difficili circostanze finanziarie. Nel 1654, la città subì la terribile esplosione nota come Delft Thunderclap, che distrusse gran parte della città. Nel 1657, potrebbe aver trovato un mecenate nel collezionista d'arte locale Pieter van Ruijven, che gli ha prestato dei soldi. Sembra che Vermeer si sia ispirato all'arte dei fijnschilders di Leida. Vermeer stava rispondendo al mercato dei dipinti di Gerard Dou, che vendeva i suoi dipinti a prezzi esorbitanti. Dou potrebbe aver influenzato anche Pieter de Hooch e Gabriel Metsu . Vermeer ha anche addebitato prezzi superiori alla media per il suo lavoro, la maggior parte dei quali è stata acquistata da un collezionista sconosciuto.

Veduta di Delft (1660–61): "Prese una realtà turbolenta e la fece sembrare il paradiso in terra".

L'influenza di Johannes Vermeer su Metsu è inconfondibile: la luce da sinistra, il pavimento di marmo. (A. Waiboer, tuttavia, suggerisce che Metsu richieda un coinvolgimento più emotivo dello spettatore.) Vermeer probabilmente gareggiò anche con Nicolaes Maes, che produsse opere di genere in uno stile simile. Nel 1662, Vermeer fu eletto capo della corporazione e fu rieletto nel 1663, 1670 e 1671, prova che lui (come Bramer) era considerato un artigiano affermato tra i suoi coetanei. Vermeer lavorò lentamente, probabilmente producendo tre dipinti all'anno su ordinazione. Balthasar de Monconys lo visitò nel 1663 per vedere alcune delle sue opere, ma Vermeer non aveva dipinti da mostrare. Il diplomatico ei due sacerdoti francesi che lo accompagnavano furono mandati da Hendrick van Buyten, un fornaio che aveva in garanzia un paio dei suoi dipinti.

Nel 1671, Gerrit van Uylenburgh organizzò l'asta della collezione di Gerrit Reynst e offrì 13 dipinti e alcune sculture a Federico Guglielmo, elettore di Brandeburgo . Federico li accusò di essere contraffatti e ne aveva rispediti 12 su consiglio di Hendrick Fromantiou . Van Uylenburg organizzò quindi una controvalutazione, chiedendo a un totale di 35 pittori di pronunciarsi sulla loro autenticità, tra cui Jan Lievens, Melchior de Hondecoeter, Gerbrand van den Eeckhout e Johannes Vermeer.

Guerre e morte

La piccola strada (1657–58)
Memoriale (2007) di Johannes Vermeer a Oude Kerk. Delft, Paesi Bassi

Nel 1672, una grave recessione economica (l '" Anno del disastro ") colpì i Paesi Bassi, dopo che Luigi XIV e un esercito francese invasero la Repubblica olandese da sud (nota come la guerra franco-olandese ). Durante la terza guerra anglo-olandese, una flotta inglese e due vescovi tedeschi alleati attaccarono il paese da est, causando ulteriori distruzioni. Molte persone sono andate nel panico; tribunali, teatri, negozi e scuole sono stati chiusi. Passarono cinque anni prima che le circostanze migliorassero. Nel 1674 Vermeer fu elencato come membro delle guardie civiche . Nell'estate del 1675, Vermeer prese in prestito 1.000 fiorini ad Amsterdam da Jacob Romboutsz (nonno di Hendrick Sorgh ), un commerciante di seta di Amsterdam, usando la proprietà di sua suocera come garanzia .

Il 15 dicembre 1675 Vermeer morì dopo una breve malattia all'età di 43 anni. Fu sepolto nell'antica chiesa protestante il 15 dicembre 1675. In una petizione ai suoi creditori, sua moglie in seguito descrisse la sua morte come segue:

... durante la rovinosa guerra con la Francia non solo non fu in grado di vendere nessuna delle sue opere ma anche, a suo grande detrimento, fu lasciato seduto con i dipinti di altri maestri con cui aveva a che fare. Di conseguenza ea causa del grande peso dei suoi figli non avendo mezzi propri, cadde in un tale decadimento e decadenza, che s'era tanto preso a cuore che, come se fosse caduto in delirio, in un giorno e mezzo passò dall'essere sano a essere morto.

Catharina Bolnes ha attribuito la morte del marito allo stress delle pressioni finanziarie. Il crollo del mercato dell'arte ha danneggiato l'attività di Vermeer sia come pittore che come mercante d'arte. Ha dovuto crescere 11 figli e quindi ha chiesto all'Alta Corte di sollevarla dai debiti nei confronti dei creditori di Vermeer. Il microscopista olandese Antonie van Leeuwenhoek, che ha lavorato per il consiglio comunale come geometra, è stato nominato fiduciario . La casa aveva otto stanze al primo piano, il cui contenuto era elencato in un inventario preso pochi mesi dopo la morte di Vermeer. Nel suo studio c'erano due sedie, due cavalletti da pittore, tre tavolozze, 10 tele, una scrivania, un tavolino in rovere, una piccola credenza in legno con cassetti e "rovistare non degna di essere dettagliata". Diciannove dei dipinti di Vermeer furono lasciati in eredità a Catharina e sua madre. La vedova vendette altri due dipinti a Hendrick van Buyten per ripagare un ingente debito.

Vermeer era stato un artista rispettato a Delft, ma era quasi sconosciuto al di fuori della sua città natale. Un mecenate locale di nome Pieter van Ruijven aveva acquistato gran parte della sua produzione, il che riduceva le possibilità che la sua fama si diffondesse. Diversi fattori hanno contribuito al suo corpo limitato di lavoro. Vermeer non ha mai avuto allievi, anche se uno studioso ha suggerito che Vermeer abbia insegnato a dipingere la figlia maggiore Maria. Inoltre, i suoi obblighi familiari con così tanti bambini potrebbero aver preso molto del suo tempo, così come agire sia come mercante d'arte che come oste nella gestione delle attività di famiglia. Il suo tempo trascorso a servire come capo della corporazione e la sua straordinaria precisione come pittore potrebbero anche aver limitato la sua produzione.

Stile

La Lattaia (1658 circa), Rijksmuseum di Amsterdam

Vermeer potrebbe aver eseguito per la prima volta i suoi dipinti in modo tonale come la maggior parte dei pittori del suo tempo, utilizzando sfumature monocromatiche di grigio (" grisaille ") o una tavolozza limitata di marroni e grigi ("colorazione morta"), su cui avrebbe applicato colori più saturi ( rossi, gialli e blu) sotto forma di smalti trasparenti. Nessun disegno è stato attribuito positivamente a Vermeer e i suoi dipinti offrono pochi indizi sui metodi preparatori.

Non c'è nessun altro artista del 17° secolo che abbia impiegato il pigmento esorbitantemente costoso lapislazzuli ( oltremare naturale ) né così generosamente né così all'inizio della sua carriera. Vermeer lo ha utilizzato non solo negli elementi che sono naturalmente di questo colore; i colori della terra terra d' ombra e ocra dovrebbero essere intesi come luce calda all'interno dell'interno fortemente illuminato di un dipinto, che riflette i suoi molteplici colori sulla parete. In questo modo creò un mondo più perfetto di qualsiasi altro avesse visto. Questo metodo di lavoro molto probabilmente è stato ispirato dalla comprensione di Vermeer delle osservazioni di Leonardo secondo cui la superficie di ogni oggetto partecipa del colore dell'oggetto adiacente. Ciò significa che nessun oggetto viene mai visto interamente nel suo colore naturale.

Un uso comparabile ma ancora più notevole, ma efficace, del blu oltremare naturale è in La ragazza con il bicchiere di vino . Le ombre dell'abito di raso rosso sono sottoverniciate in blu oltremare naturale e, grazie a questo strato di vernice blu sottostante, la miscela rossa di lacca e vermiglio applicata su di esso acquisisce un aspetto leggermente viola, fresco e nitido che è molto potente.

Anche dopo il presunto crollo finanziario di Vermeer in seguito al cosiddetto rampjaar (anno del disastro) nel 1672, continuò a impiegare generosamente oltremare naturale, come in Lady Seated at a Virginal . Ciò potrebbe suggerire che Vermeer sia stato fornito di materiali da un collezionista e coinciderebbe con la teoria di John Michael Montias secondo cui Pieter van Ruijven era il mecenate di Vermeer.

Le opere di Vermeer sono in gran parte pezzi di genere e ritratti, ad eccezione di due paesaggi urbani e due allegorie . I suoi soggetti offrono uno spaccato della società olandese del diciassettesimo secolo, che va dal ritratto di una semplice lattaia al lavoro, al lusso e allo splendore di ricchi notabili e mercanti nelle loro spaziose case. Oltre a questi argomenti, nella sua opera si possono trovare anche commenti religiosi, poetici, musicali e scientifici.

Materiali per la pittura

Un aspetto della sua meticolosa tecnica pittorica era la scelta dei pigmenti di Vermeer. È meglio conosciuto per il suo uso frequente del costosissimo blu oltremare ( La lattaia ), e anche giallo piombo ( Una signora che scrive una lettera ), lago robbia ( Cristo nella casa di Marta e Maria ) e vermiglio . Dipinse anche con ocra, nero d'ossa e azzurrite . L'affermazione secondo cui ha utilizzato il giallo indiano in Woman Holding a Balance è stata smentita da successive analisi del pigmento.

Nell'opera di Vermeer sono stati rilevati solo circa 20 pigmenti. Di questi 20 pigmenti, sette pigmenti principali che Vermeer impiegava comunemente includono bianco piombo, giallo ocra, vermiglio, lago di robbia, terra verde, terra d'ombra grezza e avorio o nero osso.

Teorie dell'aiuto meccanico

Le tecniche pittoriche di Vermeer sono state a lungo fonte di dibattito, data la loro attenzione quasi fotorealistica ai dettagli, nonostante Vermeer non avesse una formazione formale e nonostante solo prove limitate che Vermeer avesse creato schizzi o tracce preparatorie per i suoi dipinti.

Nel 2001, l'artista britannico David Hockney ha pubblicato il libro Secret Knowledge: Rediscovering the Lost Techniques of the Old Masters, in cui sosteneva che Vermeer (tra gli altri artisti rinascimentali e barocchi tra cui Hans Holbein e Diego Velázquez ) usava l'ottica per ottenere un posizionamento preciso nel loro composizioni, e in particolare alcune combinazioni di specchi curvi, camera oscura e camera lucida . Questa divenne nota come tesi di Hockney-Falco, dal nome di Hockney e Charles M. Falco, un altro sostenitore della teoria.

Il professor Philip Steadman ha pubblicato il libro Vermeer's Camera: Uncovering the Truth behind the Masterpieces nel 2001 in cui affermava specificamente che Vermeer aveva usato una camera oscura per creare i suoi dipinti. Steadman ha notato che molti dei dipinti di Vermeer erano stati dipinti nella stessa stanza e ha trovato sei dei suoi dipinti che hanno esattamente le dimensioni giuste se fossero stati dipinti dall'interno di una camera oscura nella parete di fondo della stanza.

I sostenitori di queste teorie hanno indicato prove in alcuni dei dipinti di Vermeer, come i riflessi perlati scintillanti spesso discussi nei dipinti di Vermeer, che sostengono siano il risultato della lente primitiva di una camera oscura che produce aloni . È stato anche ipotizzato che una camera oscura fosse la causa meccanica della prospettiva "esagerata" vista in The Music Lesson (Londra, Royal Collection ).

Nel 2008, l'imprenditore e inventore americano Tim Jenison ha sviluppato la teoria secondo cui Vermeer aveva utilizzato una camera oscura insieme a uno "specchio comparatore", che è simile nel concetto a una camera lucida ma molto più semplice e rende facile abbinare i valori dei colori. In seguito ha modificato la teoria per coinvolgere semplicemente uno specchio concavo e uno specchio comparatore. Ha trascorso i successivi cinque anni a testare la sua teoria tentando di ricreare lui stesso The Music Lesson usando questi strumenti, un processo catturato nel film documentario del 2013 Tim's Vermeer .

Diversi punti sono stati evidenziati da Jenison a sostegno di questa tecnica: il primo è stata la resa iper-accurata di Vermeer della diminuzione della luce lungo il muro. Il neurobiologo Colin Blakemore, in un'intervista con Jenison, osserva che la visione umana non può elaborare le informazioni sulla luminosità assoluta di una scena. Un'altra è stata l'aggiunta di diverse luci e contorni coerenti con l'abbinamento degli effetti dell'aberrazione cromatica, particolarmente evidenti nell'ottica primitiva. L'ultima, e forse la più significativa, è una notevole curvatura nella resa del dipinto originale delle volute sul virginale . Questo effetto corrispondeva esattamente alla tecnica di Jenison, causato dalla duplicazione esatta della vista vista da uno specchio curvo.

Questa teoria rimane controversa. Non ci sono prove storiche sull'interesse di Vermeer per l'ottica, a parte il riflesso speculare accuratamente osservato sopra la signora ai virginali in The Music Lesson . L'inventario dettagliato degli effetti personali dell'artista redatto dopo la sua morte non include una camera oscura o qualsiasi dispositivo simile. Tuttavia, Vermeer era in stretto contatto con il pioniere del produttore di lenti Antonie van Leeuwenhoek e Leeuwenhoek era il suo esecutore testamentario dopo la morte.

Lavori

Vermeer ha prodotto un totale di meno di 50 dipinti, di cui 34 sono sopravvissuti. Solo tre dipinti di Vermeer furono datati dall'artista: La Procura (1656; Gemäldegalerie, Dresda); L'Astronomo (1668; Musée du Louvre, Parigi); e Il geografo (1669; Städelsches Kunstinstitut, Francoforte).

La suocera di Vermeer, Maria Thins, possedeva l'olio su tela del 1622 di Dirck van Baburen La Procura (o una sua copia), che appare sullo sfondo di due dipinti di Vermeer. Lo stesso soggetto è stato dipinto anche da Vermeer. Quasi tutti i dipinti di Vermeer sono di soggetti contemporanei in un formato più piccolo, con una tavolozza più fresca dominata da blu, gialli e grigi. A questo periodo appartengono praticamente tutte le sue opere superstiti, generalmente interni domestici con una o due figure illuminate da una finestra sulla sinistra. Sono caratterizzati da un senso di equilibrio compositivo e ordine spaziale, unificato da una luce perlacea. Le banali attività domestiche o ricreative sono intrise di una poetica atemporalità (ad es. Ragazza che legge una lettera a una finestra aperta, Dresda, Gemäldegalerie). A questo periodo sono stati attribuiti anche i due paesaggi urbani di Vermeer : ​​Veduta di Delft (L'Aia, Mauritshuis) e Una strada a Delft (Amsterdam, Rijksmuseum).

Alcuni dei suoi dipinti mostrano un certo indurimento dei modi e generalmente si pensa che rappresentino le sue ultime opere. Di questo periodo provengono The Allegory of Faith (1670 circa; Metropolitan Museum of Art, New York) e The Love Letter (1670 circa; Rijksmuseum, Amsterdam).

Eredità

In origine, le opere di Vermeer furono in gran parte trascurate dagli storici dell'arte per due secoli dopo la sua morte. Un numero selezionato di intenditori nei Paesi Bassi ha apprezzato il suo lavoro, ma anche così, molte delle sue opere sono state attribuite ad artisti più noti come Metsu o Mieris . La riscoperta moderna del maestro di Delft iniziò intorno al 1860, quando il direttore del museo tedesco Gustav Waagen vide L'arte della pittura nella galleria Czernin di Vienna e riconobbe l'opera come un Vermeer, sebbene a quel tempo fosse attribuita a Pieter de Hooch . La ricerca di Théophile Thoré-Bürger culminò nella pubblicazione del suo catalogo ragionato delle opere di Vermeer sulla Gazette des Beaux-Arts nel 1866. Il catalogo di Thoré-Bürger attirò l'attenzione internazionale su Vermeer ed elencò più di 70 sue opere, comprese molte che considerava quanto incerto. Il numero accettato di dipinti di Vermeer oggi è 34.

Dopo la riscoperta del lavoro di Vermeer, diversi importanti artisti olandesi hanno modellato il loro stile sul suo lavoro, tra cui Simon Duiker . Altri artisti che sono stati ispirati da Vermeer includono il pittore danese Wilhelm Hammershoi e l'americano Thomas Wilmer Dewing . Nel 20° secolo, gli ammiratori di Vermeer includevano Salvador Dalí, che dipinse la sua versione de La merlettaia (su commissione del collezionista Robert Lehman ) e contrapponeva grandi copie dell'originale a un rinoceronte in alcuni esperimenti surrealisti. Dali ha anche celebrato il maestro in Il fantasma di Vermeer di Delft che può essere usato come tavolo, 1934.

Han van Meegeren è stato un pittore olandese del 20° secolo che ha lavorato nella tradizione classica. Divenne un maestro falsario, motivato da una miscela di ragioni estetiche e finanziarie, creando e vendendo molti nuovi "Vermeer" prima di denunciarsi per falso per evitare di essere accusato di tradimento capitale per collaborazione con i nazisti, in particolare per la vendita di ciò che era stato creduto di essere un'opera d'arte originale per i nazisti.

La sera del 23 settembre 1971, un cameriere d'albergo di 21 anni, Mario Pierre Roymans, rubò la Lettera d'amore di Vermeer dal Palazzo delle Belle Arti di Bruxelles dove era in prestito dal Rijksmuseum per la mostra Rembrandt e la sua età .

Per celebrare il 26° anniversario dell'apertura di una mostra alla National Gallery of Art di Washington, DC, con il suo lavoro, ha onorato Vermeer con un Doodle il 12 novembre 2021.

Nella cultura popolare

La reputazione e le opere di Vermeer sono state descritte sia nella letteratura che nei film. Il romanzo di Tracy Chevalier La ragazza con l'orecchino di perla (1999) e l' omonimo film del 2003 presentano un resoconto di fantasia della creazione di Vermeer del famoso dipinto e del suo rapporto con la modella altrettanto immaginaria.

Molti artisti si ispirano al famoso pittore, ad esempio, la fotografa culinaria Aimee Twigger attinge al chiaroscuro di Vermeer per i suoi viaggi gustativi attraverso le ricette.

Galleria di opere selezionate

Appunti

Riferimenti

Fonti

Ulteriori letture

link esterno