Juris Hartmanis -Juris Hartmanis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Juris Hartmanis
Juris Hartmanis(2002).jpg
Nato ( 1928-07-05 )5 luglio 1928
Riga, Lettonia
Morto 29 luglio 2022 (2022-07-29)(94 anni)
Alma Mater
Premi Premio Turing (1993)
Carriera scientifica
Campi Informatica
Istituzioni
Consulente di dottorato Robert P. Dilworth
Studenti di dottorato Allan Borodin (1969), Dexter Kozen (1976), Neil Immerman (1980), Jin-Yi Cai (1986)

Juris Hartmanis (5 luglio 1928 - 29 luglio 2022) è stato uno scienziato informatico e teorico computazionale americano di origine lettone che, con Richard E. Stearns, ha ricevuto l' ACM Turing Award nel 1993 "in riconoscimento del loro documento seminale che ha gettato le basi per il campo della teoria della complessità computazionale ”.

Vita e carriera

Hartmanis è nato in Lettonia il 5 luglio 1928. Era figlio di Mārtiņš Hartmanis [ lv ], generale dell'esercito lettone, e fratello del poeta Astrid Ivask . Dopo che l'Unione Sovietica occupò la Lettonia nel 1940, Mārtiņš Hartmanis fu arrestato dai sovietici e morì in una prigione. Più tardi, durante la seconda guerra mondiale, la moglie ei figli di Mārtiņš Hartmanis lasciarono la Lettonia nel 1944 come rifugiati, temendo per la loro sicurezza se l'Unione Sovietica avesse ripreso il controllo della Lettonia.

Si trasferirono prima in Germania, dove Juris Hartmanis ricevette l'equivalente di un master in fisica presso l' Università di Marburg . Si trasferì poi negli Stati Uniti, dove nel 1951 conseguì un master in matematica applicata presso l'Università di Kansas City (ora conosciuta come University of Missouri-Kansas City ) e nel 1955 un dottorato di ricerca. in matematica al Caltech sotto la supervisione di Robert P. Dilworth . L'Università del Missouri-Kansas City lo ha insignito del titolo di dottore honoris causa in lettere umane nel maggio 1999. Dopo aver insegnato matematica alla Cornell University e alla Ohio State University, Hartmanis è entrato a far parte del General Electric Research Laboratory nel 1958. Mentre era alla General Electric, ha sviluppato molti principi della teoria della complessità computazionale. Nel 1965 divenne professore alla Cornell University. È stato uno dei fondatori e il primo presidente del suo dipartimento di informatica (che è stato uno dei primi dipartimenti di informatica al mondo).

Hartmanis ha contribuito in molti modi agli sforzi nazionali per far progredire l'informatica e l'ingegneria (CS&E). Più significativamente, ha presieduto lo studio del Consiglio nazionale delle ricerche che ha portato alla pubblicazione del 1992 Computing the Future - A Broad Agenda for Computer Science and Engineering, che ha formulato raccomandazioni basate sulle sue priorità per sostenere lo sforzo principale in CS&E, per ampliare il campo e per migliorare l'istruzione universitaria in CS&E. È stato vicedirettore della National Science Foundation (NSF) Directorate of Computer and Information Science and Engineering (CISE) dal 1996 al 1998.

Nel 1989, Hartmanis è stato eletto membro della National Academy of Engineering per i contributi fondamentali alla teoria della complessità computazionale e alla ricerca e all'istruzione in informatica. È stato membro dell'Association for Computing Machinery e dell'American Mathematical Society, nonché membro della National Academy of Sciences . È stato anche membro straniero dell'Accademia lettone delle scienze, che gli ha conferito la Gran Medaglia [ lv ] nel 2001 per i suoi contributi all'informatica.

Insieme a RE Stearns, Hartmanis ha ricevuto nel 1993 il Turing Award per un documento in cui hanno introdotto le classi di complessità temporale TIME(f(n)) e hanno dimostrato il teorema della gerarchia temporale . Un altro articolo di Hartmanis del 1977, con Leonard Berman, ha introdotto la congettura Berman-Hartmanis ancora irrisolta che tutti i linguaggi NP-completi sono isomorfi del tempo polinomiale.

Hartmanis è morto il 29 luglio 2022. Gli sopravvivono i suoi tre figli Reneta, Martin e Audrey.

Premi

Pubblicazioni selezionate

Libri
  • Teoria della struttura algebrica delle macchine sequenziali 1966 (con RE Stearns )
  • Calcoli fattibili e proprietà di complessità provabile 1978
  • Teoria della complessità computazionale (a cura di) 1989
  • Computing the Future: un'agenda più ampia per l'informatica e l'ingegneria (a cura di) 1992 (con Herbert Lin)
Articoli selezionati
  • "Complessità computazionale di sequenze ricorsive" 1964 (con RE Stearns )
  • "Classificazioni dei calcoli in base ai requisiti di tempo e memoria" 1965 (con PM Lewis e RE Stearns )
  • "Gerarchie di calcoli a memoria limitata" 1965 (con PM Lewis e RE Stearns )
  • "Sulla complessità computazionale degli algoritmi" 1965 (con RE Stearns )
  • Limiti di memoria per il riconoscimento di linguaggi privi di contesto e sensibili al contesto 1965 (con PM Lewis e RE Stearns )
  • "Sugli isomorfismi e la densità di NP e altri insiemi completi" 1977 (con L. Berman)
  • "Osservazioni sullo sviluppo dell'informatica teorica" ​​1981

Interviste

Juris Hartmanis è stato intervistato quattro volte. I video sono disponibili per due di loro. Il più ampio è quello di William Aspray.

  • William Aspray intervista Hartmanis per le interviste di ACM Oral History, 2009
  • David Gries intervista Hartmanis per la collezione Cornell ecommons, 2010
  • Len Shustek intervista Hartmanis in un articolo su CACM, 2015
  • David Gries intervista Hartmanis come destinatario dell'ACM Turing Award, 2018

Riferimenti

link esterno