Uccisione di Ayman al-Zawahiri -Killing of Ayman al-Zawahiri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Uccisione di Ayman al-Zawahiri
Parte della guerra globale al terrorismo
Il presidente Biden incontra la sua squadra di sicurezza nazionale riguardo a Ayman al-Zawahiri.jpg
Il presidente Biden incontra la sua squadra di sicurezza nazionale per discutere dell'operazione antiterrorismo per eliminare al-Zawahiri.
Data 31 luglio 2022 ( 2022-07-31 )
Volta c.  6:18 ( UTC+04:30 )
Posizione Sherpur, Kabul, Afghanistan
Coordinate 34°32′03″N 69°10′33″E / 34.53417°N 69.17583°E / 34.53417; 69.17583 Coordinate: 34°32′03″N 69°10′33″E / 34.53417°N 69.17583°E / 34.53417; 69.17583
Tipo Colpo di droni
Eseguito da Cia

Ayman al-Zawahiri, il leader del gruppo jihadista salafita al-Qaeda, è stato ucciso da un attacco di droni statunitensi il 31 luglio 2022 a Kabul, in Afghanistan. Era il successore di Osama bin Laden, ucciso dalle forze statunitensi in Pakistan il 2 maggio 2011. Al-Zawahiri, che aveva contribuito a pianificare gli attacchi dell'11 settembre contro gli Stati Uniti, si era nascosto in seguito agli attacchi ed era stato localizzato dalla Central Intelligence Agency (CIA) mesi prima della sua morte. Dopo aver ricevuto l'autorizzazione dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden ad avviare l'attacco, la CIA ha lanciato due missili Hellfire sul balcone della casa di al-Zawahiri, uccidendolo.

Lo sciopero è avvenuto quasi un anno dopo la conclusione della guerra in Afghanistan . Funzionari statunitensi hanno definito la presenza di al-Zawahiri in Afghanistan una violazione dell'accordo per il ritiro delle forze americane dal Paese, in base al quale i talebani non avrebbero concesso alcun rifugio ai membri di al-Qaeda. Dopo lo sciopero, i membri della rete Haqqani hanno tentato di nascondere la morte di al-Zawahiri, anche se gli Stati Uniti sono stati in grado di confermarlo. In risposta allo sciopero, Biden ha rilasciato una dichiarazione in cui annunciava la morte di al-Zawahiri, definendo lo sciopero una "liberazione della giustizia".

Sfondo

Ayman al-Zawahiri era un leader dell'organizzazione militante estremista al-Qaeda e vice del suo leader Osama bin Laden . Aveva pianificato gli attentati dell'11 settembre, perpetrati contro gli Stati Uniti l'11 settembre 2001, insieme a bin Laden. Dopo gli attacchi, il presidente americano George W. Bush ha pubblicato un elenco dei terroristi più ricercati del Federal Bureau of Investigation, indicando al-Zawahiri come il secondo più ricercato dietro a bin Laden. Mentre bin Laden guidava al-Qaeda, molti osservatori consideravano al-Zawahiri il responsabile delle sue operazioni. Tuttavia è sfuggito a una caccia all'uomo internazionale ea tentativi di omicidio sotto i presidenti Bush, Barack Obama e Donald Trump .

Alla fine del 2001, bin Laden e al-Zawahiri sfuggirono alla presa delle forze americane durante la loro invasione dell'Afghanistan, che al - Qaeda utilizzò come base sotto il dominio dei talebani . Bin Laden è stato ucciso in un raid americano ad Abbottabad, in Pakistan, nel 2011, con al-Zawahiri che ha preso il controllo di al-Qaeda indebolita dopo anni di operazioni militari contro di essa. Nel 2016, è stato riferito che aveva fatto di tutto per eludere le forze americane e i funzionari americani credevano che si stesse nascondendo nell'area lungo la linea Durand, il confine tra Afghanistan e Pakistan, usando uno schermo verde per mascherare l'ambiente circostante mentre trasmetteva video messaggi.

Dopo quasi 20 anni di guerra, il governo degli Stati Uniti ha negoziato un accordo di ritiro con i talebani in base al quale i talebani hanno accettato di non fornire un rifugio sicuro alle persone coinvolte con al-Qaeda e altre organizzazioni terroristiche. Quando le forze americane hanno iniziato a ritirarsi, i talebani hanno riconquistato rapidamente l'Afghanistan nel 2021. Un attacco di droni a Kabul, effettuato dagli Stati Uniti durante l' evacuazione, ha causato la morte di dieci civili. Mentre gli Stati Uniti inizialmente hanno negato l'errore, sono stati costretti a riconoscerlo dopo una denuncia del New York Times . Fonti dell'amministrazione hanno detto al Times che da allora "hanno preso maggiori precauzioni per prevenire vittime civili negli scioperi".

Preparazione

Dopo la caduta di Kabul in mano ai talebani, la famiglia di al-Zawahiri si è trasferita in un rifugio della città secondo i funzionari americani, che ne erano venuti a conoscenza nel 2022. Hanno iniziato a rintracciare la sua famiglia sei o sette mesi prima dell'assassinio e alla fine hanno appreso che Anche al-Zawahiri si era trasferito lì dal Pakistan. Non ha mai lasciato il rifugio dopo essere arrivato lì e le sue abitudini quotidiane sono state monitorate per mesi dalla comunità di intelligence degli Stati Uniti, in modo che potessero confermare che era davvero lui. L'edificio si trova a Sherpur, un quartiere del centro di Kabul che un tempo era abbandonato, ma è stato convertito in un'area benestante e strettamente controllata dopo la sua acquisizione da parte del Ministero della Difesa afgano .

Jonathan Finer, il vice consigliere per la sicurezza nazionale di Biden, ed Elizabeth Sherwood-Randall, il consigliere per la sicurezza nazionale, sono stati i primi a essere informati sulla posizione di al-Zawahiri all'inizio di aprile 2022. Successivamente altri funzionari sono stati informati e il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan è stato informato Biden poco dopo. Nei mesi di maggio e giugno, funzionari americani hanno verificato le informazioni e hanno preparato varie opzioni per Biden per eseguire l'assassinio.

Dopo aver appreso che ad al-Zawahiri piaceva sedersi sul balcone di casa sua, i funzionari americani hanno costruito un modello in scala dell'edificio per prepararsi allo sciopero ed evitare danni agli altri occupanti. È stato mostrato a Biden il 1 ° luglio. Funzionari tra cui William J. Burns, direttore della Central Intelligence Agency, Avril Haines, direttore dell'intelligence nazionale, Christine Abizaid, direttrice del National Counterterrorism Center, hanno discusso dell'attacco con Biden durante la giornata. Il 25 luglio ha ricevuto un briefing finale e tutti i funzionari coinvolti nella decisione di effettuare lo sciopero hanno dato la loro approvazione unanime.

attacco

Il 31 luglio 2022, alle 6:18 ora locale, un drone statunitense ha lanciato due missili AGM-114 Hellfire contro al-Zawahiri mentre si trovava fuori sul balcone di casa sua. Al-Zawahiri è stato ucciso, ma gli altri occupanti della casa sono rimasti illesi. Si ipotizzava che la variante Hellfire fosse l' R9X, armata con una testata cinetica con lame a scomparsa invece di esplosivi, e usata contro specifici bersagli umani per ridurre al minimo i danni collaterali ; è stata chiamata la "bomba ninja" e il " ginsu volante ".

Il New York Times, citando un analista americano, ha riferito che la casa colpita era di proprietà di un alto collaboratore di Sirajuddin Haqqani, un alto funzionario del governo talebano . Funzionari statunitensi non hanno detto da quale paese o luogo è stato lanciato il drone, secondo NPR tuttavia è stato probabilmente lanciato da una grande distanza, prima di raggiungere Kabul .

La notizia dell'evento è arrivata due giorni dopo lo sciopero, dopo che l'intelligence ha confermato che al-Zawahiri era morto. Un alto funzionario dell'amministrazione Biden ha confermato ai giornalisti che un attacco di droni aveva avuto luogo in Afghanistan e che aveva eliminato un obiettivo di al-Qaeda. Biden ha confermato di aver autorizzato l'attacco una settimana prima e che la comunità di intelligence degli Stati Uniti aveva rintracciato al-Zawahiri all'inizio del 2022 mentre si trasferiva a Kabul.

Reazioni

politici statunitensi

Il presidente Biden rilascia osservazioni confermando che l'esercito americano ha eseguito un'uccisione mirata di al-Zawahiri.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in un discorso televisivo ha affermato che "la giustizia è stata consegnata" e le forze americane avrebbero trovato ed eliminato chiunque fosse una minaccia per gli Stati Uniti, citando come giustificazione il coinvolgimento di al-Zawahiri negli attacchi dell'11 settembre.

Il segretario di Stato Antony Blinken ha accusato i talebani di "violare gravemente" l'accordo di ritiro dando rifugio ad al-Zawahiri. Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby ha avvertito i talebani di rispettare l'accordo se volessero riconoscimento e finanziamento internazionale.

Il 2 agosto il Dipartimento di Stato ha emesso un "Avviso di cautela mondiale", avvertendo di un maggiore potenziale di simpatizzanti di al-Qaeda che attaccano gli americani dopo lo sciopero e esortando i cittadini americani che viaggiano in altri paesi a rimanere cauti.

I membri del Partito Democratico hanno elogiato attivamente le azioni di Biden, tra cui la presidente della Camera Nancy Pelosi, il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer e vari membri del Congresso.

Senatori appartenenti al Partito Repubblicano hanno elogiato le azioni di Biden, tra cui Marco Rubio e Joni Ernst . Il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell ha esortato l'amministrazione di Biden ad adottare un piano di sicurezza globale in Afghanistan.

L'ex presidente Barack Obama ha applaudito l'uccisione su Twitter, proclamando che "le notizie di stasera sono anche la prova che è possibile sradicare il terrorismo senza essere in guerra in Afghanistan. E spero che fornisca un po' di pace alle famiglie dell'11 settembre e a tutti altro che ha sofferto per mano di al-Qaeda".

Reazioni talebane

Una dichiarazione dei talebani ha condannato l'operazione e ha affermato che l'attacco è stato condotto su una casa residenziale nella zona di Sherpur a Kabul. Un portavoce dei talebani ha affermato: "Tali azioni sono una ripetizione delle esperienze fallite degli ultimi 20 anni e sono contrarie agli interessi degli Stati Uniti d'America, dell'Afghanistan e della regione".

Secondo un alto funzionario americano, membri della rete Haqqani, che fa parte del governo talebano, avevano cercato di nascondere che al-Zawahiri era stato a casa e ne avevano limitato l'accesso, tuttavia gli Stati Uniti hanno potuto confermare la sua morte da più fonti di intelligence. Ha anche affermato che il gruppo ha trasferito la famiglia di al-Zawahiri in un altro luogo dopo lo sciopero.

I talebani non hanno confermato la morte di al-Zawahiri dopo l'attacco. Sebbene i funzionari talebani abbiano inizialmente confermato l'attacco, hanno affermato che la casa era vuota. Secondo quanto riferito, l'organizzazione si trovava in un dilemma politico dopo lo sciopero a causa del suo desiderio di essere riconosciuta dalla comunità internazionale, che potrebbe essere messa a rischio se avesse intrapreso azioni aggressive, e ha dovuto affrontare pressioni all'interno dei suoi ranghi per rispondere al NOI

Suhail Shaheen, il capo dell'ufficio politico dei talebani a Doha, ha affermato di non essere a conoscenza della presenza di al-Zawahiri a Kabul ed è in corso un'indagine per verificare le accuse. Zabiullah Mujahid, il principale portavoce dei talebani, ha assicurato che l'Afghanistan non sarebbe diventato un rifugio per il terrorismo contro nessun paese e ha insistito sul fatto che l'organizzazione avrebbe onorato l'accordo di ritiro, avvertendo gli Stati Uniti di smettere di violarlo. In seguito ha affermato di non aver trovato un corpo sul sito.

Governi internazionali

Gli alleati degli Stati Uniti dentro e fuori la NATO hanno elogiato la morte di al-Zawahiri. Il primo ministro australiano Anthony Albanese ha affermato di sperare che le vittime degli attacchi terroristici trovino un "piccolo conforto" nella morte di al-Zawahiri, mentre il primo ministro canadese Justin Trudeau ha twittato "La morte di Ayman al-Zawahiri è un passo verso un mondo più sicuro. Canada continuerà a lavorare con i nostri partner globali per contrastare le minacce terroristiche, promuovere la pace e la sicurezza e mantenere le persone qui a casa e in tutto il mondo al sicuro".

Il ministero degli Esteri dell'Arabia Saudita ha affermato che "al-Zarahwi è considerato uno dei leader del terrorismo che ha guidato la pianificazione e l'esecuzione di efferate operazioni terroristiche negli Stati Uniti e in Arabia Saudita".

Il Ministero degli Affari Esteri cinese ha reagito alla morte di al-Zawahiri, affermando che è contro ogni forma di terrorismo, ma allo stesso tempo si oppone a "doppi standard" sulle operazioni di antiterrorismo ea "spesa della sovranità" di altri Paesi.

Individui

Greg Barton, presidente di Global Islamic Politics presso l' Alfred Deakin Institute for Citizenship and Globalization presso la Deakin University, ha dichiarato a Sky News Australia che al-Zawahiri potrebbe essere sostituito da un "leader più efficace e più capace".

L'attacco è stato criticato dall'editorialista conservatore Marc Thiessen per essere stato condotto a distanza, rispetto all'azione dei Navy SEALs degli Stati Uniti che hanno ucciso Osama bin Laden in Pakistan. Thiessen ha scritto che l'attacco dei droni non ha lasciato alcuna possibilità di ottenere informazioni utili, come aveva fatto la precedente operazione in Pakistan, e ha confrontato la giustificazione dell'azione di Biden con i commenti di Blinken nell'agosto 2021 sulla caduta dell'Afghanistan ai talebani, in cui ha chiamato i restanti Gli agenti di Al-Qaeda "resti".

Il professore tedesco di diritto internazionale Christoph Safferling su Tagesschau ha considerato l'omicidio una violazione del diritto internazionale, perché non considera Al Qaeda una "organizzazione armata". L'esperto legale Robert Chesney ha affermato che lo sciopero era legale ai sensi del diritto nazionale statunitense e internazionale, poiché la legge sui conflitti armati si applicherebbe a Zawahiri a causa del continuo coinvolgimento di Al Qaeda nella pianificazione di attacchi violenti contro gli Stati Uniti.

Al-Qaeda deve ancora nominare un successore di al-Zawahiri. Lo sciopero ha messo in discussione la sicurezza di Mark Frerichs, un ingegnere civile di 60 anni ritenuto trattenuto dai rapitori di Haqqani e l'unico noto ostaggio americano in Afghanistan. Il 5 agosto sono scoppiate proteste antiamericane in Afghanistan, con centinaia di afgani che hanno condannato gli Stati Uniti per lo sciopero.

Guarda anche

Riferimenti