Marta Wolfenstein -Martha Wolfenstein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Marta Wolfenstein
Martha Wolfenstein.png
Nato ( 1869-08-05 )5 agosto 1869
Insterburg, Gumbinnen, Regno di Prussia
Morto 17 marzo 1906 (1906-03-17)(36 anni)
Cleveland, Ohio, Stati Uniti
Luogo di riposo Cimitero di Willet Street [ Wikidata ], Cleveland
Occupazione Autore

Martha Wolfenstein (5 agosto 1869-17 marzo 1906) è stata un'autrice prussiana americana . Una volta è stata descritta come "la migliore sceneggiatrice ebrea d'America".

Primi anni di vita

Martha Wolfenstein nacque nel 1869 a Insterburg, nella Prussia orientale, figlia maggiore del dottor Samuel Wolfenstein (1841–1921) e Bertha Brieger (  1844–1885 circa ). Suo padre, che prestò servizio come rabbino in quella città dal 1865 al 1870, aveva ricevuto l'ordinazione rabbinica sotto Zvi Mecklenburg . Durante la sua infanzia la famiglia emigrò negli Stati Uniti, dopo che l'elezione del padre a direttore della locale Höhere Töchterschule fu rovesciata dal governo prussiano. Alla fine si stabilirono a Cleveland, Ohio, dove prestò servizio come sovrintendente del Jewish Orphan Asylum. Risiedeva all'orfanotrofio e ricevette un'istruzione nella scuola pubblica.

Carriera

Le prime pubblicazioni di Wolfenstein furono traduzioni dal tedesco di racconti di Leopold Kompert . Ha continuato a scrivere racconti basati sulle esperienze di suo padre in una Judengasse morava, a cui ha contribuito a molti dei principali giornali ebraici americani e ad altre riviste come McClure's e Lippincott's . Tra i suoi scritti c'erano A Priest from the Ghetto e A Sinner in Israel (in Lippincott's ) e The Renegade (in Outlook ).

Nel 1901 la Jewish Publication Society of America pubblicò il suo primo romanzo, Idyls of the Gass . Una traduzione tedesca è stata successivamente pubblicata su Die Zeit di Vienna. È noto per i suoi forti personaggi femminili e per la rappresentazione comprensiva degli ebrei del ghetto. Il lavoro ha ricevuto elogi da Henrietta Szold, Israel Zangwill, Simon Wolf, Kaufmann Kohler e altri intellettuali pubblici ebrei.

Al momento della sua morte, stava lavorando a un'opera teatrale.

Morte ed eredità

Wolfenstein morì di tubercolosi il 17 marzo 1906, dopo una prolungata malattia. La Conferenza centrale dei rabbini americani ha esteso le condoglianze ufficiali alla sua famiglia in riconoscimento dei suoi talenti letterari. Martha House, una residenza per donne e ragazze povere, è stata fondata in sua memoria l'anno successivo dal Cleveland Council of Jewish Women.

Bibliografia

  • Gli idilli del gas . Filadelfia: The Jewish Publication Society of America. 1901.
  • Un rinnegato e altri racconti . Filadelfia: The Jewish Publication Society of America. 1905.

Riferimenti

Questo articolo incorpora il testo di una pubblicazione ora di pubblico dominio : Adler, Cyrus; Haneman, Frederick T. (1906). "Wolfenstein, Marta" . In Cantante, Isidoro ; et al. (a cura di). L'Enciclopedia Ebraica . vol. 12. New York: Funk e Wagnall. p. 550.

link esterno