NASCAR -NASCAR

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Associazione nazionale per le corse automobilistiche Stock Car, LLC
NASCAR logo 2017.svg
Sport Corse automobilistiche
Categoria Corse di stock car Corse di
auto sportive ( IMSA )
Abbreviazione NASCAR
Fondato 21 febbraio 1948 ; 74 anni fa ( 1948-02-21 )
Affiliazione ACCUS-FIA
Sede centrale Daytona Beach, Florida, Stati Uniti (principale)
Charlotte, Carolina del Nord, Stati Uniti
Presidente Steve Phelps
Peter Jung ( Vicepresidente, CMO )
Presidente Jim Francia
Presidente Mike Helton ( Vicepresidente )
Amministratore delegato Jim Francia
Altro personale chiave
  • Steve O'Donnell ( CRDO )
  • Jill Gregory ( CMO )
  • Gary Crotty ( CLO )
  • Ed Bennett ( CAO )
  • R. Todd Wilson ( CFO )
Sito ufficiale
nascar.com _

La National Association for Stock Car Auto Racing, LLC ( NASCAR ) è una società americana che sanziona e gestisce le corse automobilistiche che è meglio conosciuta per le corse di stock car . La società privata è stata fondata da Bill France Sr. nel 1948 e suo figlio, Jim France, è l'amministratore delegato dall'agosto 2018. La società ha sede a Daytona Beach, in Florida . Ogni anno, la NASCAR sanziona oltre 1.500 gare su oltre 100 circuiti in 48 stati degli Stati Uniti, nonché in Canada, Messico ed Europa.

Storia

Le prime corse di stock car

Foto del 1985 di Junior Johnson, pilota NASCAR degli anni '50 che iniziò come pilota contrabbandiere dalla contea di Wilkes, nella Carolina del Nord

Negli anni '20 e '30, Daytona Beach ha soppiantato Francia e Belgio come luogo preferito per i record mondiali di velocità su terra . Dopo una gara storica tra Ransom Olds e Alexander Winton nel 1903, furono stabiliti 15 record su quello che divenne il Daytona Beach Road Course tra il 1905 e il 1935. Daytona Beach era diventata sinonimo di auto veloci nel 1936. I piloti gareggiarono su 4,1 miglia (6,6 km), costituito da un tratto di spiaggia di 1,5–2,0 miglia (2,4–3,2 km) come uno rettilineo e una stretta autostrada sul lungomare, la strada statale A1A, come l'altra. I due rettilinei erano collegati da due curve strette, profondamente solcate e ricoperte di sabbia a ciascuna estremità.

Le corse di stock car negli Stati Uniti hanno le loro origini nel contrabbando durante il proibizionismo, quando i conducenti gestivano whisky contrabbandato prodotto principalmente nella regione degli Appalachi degli Stati Uniti. I contrabbandieri avevano bisogno di distribuire i loro prodotti illeciti e in genere usavano veicoli piccoli e veloci per eludere meglio la polizia. Molti dei conducenti modificherebbero le loro auto per velocità e maneggevolezza, oltre a una maggiore capacità di carico.

L' abrogazione del proibizionismo nel 1933 prosciugò alcuni dei loro affari, ma a quel punto i meridionali avevano sviluppato un gusto per il chiaro di luna e un certo numero di conducenti continuarono a "correre a brillare", questa volta eludendo i "venditori" che stavano tentando di tassare i loro operazioni. Le auto continuarono a migliorare e alla fine degli anni '40 le gare con queste auto si svolgevano per orgoglio e profitto. Queste gare erano un intrattenimento popolare nelle zone rurali del sud degli Stati Uniti e sono strettamente associate alla regione della contea di Wilkes nella Carolina del Nord . La maggior parte delle gare a quei tempi erano di auto modificate. I veicoli stradali sono stati alleggeriti e rinforzati.

Persone significative

William France Sr.

Il meccanico William France Sr., si trasferì a Daytona Beach, in Florida, da Washington, DC, nel 1935 per sfuggire alla Grande Depressione . Conosceva la storia della zona dai tentativi di record di velocità su terra. La Francia partecipò all'evento di Daytona del 1936, finendo quinta. Ha assunto la direzione del corso nel 1938. Ha promosso alcune gare prima della seconda guerra mondiale.

La Francia aveva l'idea che le persone si sarebbero divertite a guardare le gare di stock car . I conducenti sono stati spesso vittime di promotori senza scrupoli che avrebbero lasciato gli eventi con tutti i soldi prima che i conducenti fossero pagati. Il 14 dicembre 1947, la Francia iniziò i colloqui con altri influenti corridori e promotori presso l'Ebony Bar presso lo Streamline Hotel di Daytona Beach, in Florida, che si conclusero con la formazione della NASCAR il 21 febbraio 1948.

Erwin "palla di cannone" Baker

Il primo commissario della NASCAR è stato Erwin "Cannonball" Baker, un ex pilota di stock car, motocicletta e pilota a ruote scoperte che ha gareggiato nella 500 Miglia di Indianapolis e ha stabilito oltre cento record di velocità su terra. Baker si è guadagnato la maggior parte della sua fama per le sue corse di velocità transcontinentali e avrebbe dimostrato il valore di un'auto guidandola da New York a Los Angeles. Dopo la sua morte, la famosa corsa transcontinentale " Cannonball Run " e il film che ne è stato ispirato sono stati entrambi chiamati in suo onore. Baker è sancito nella Automotive Hall of Fame, nella Motorcycle Hall of Fame e nella Indianapolis Motor Speedway Hall of Fame. Questo livello di onore e successo in ogni diversa associazione di corse è valso a Baker il titolo di "King of the Road".

Bob "Barky" Barkhimer

All'inizio degli anni '50, la Marina degli Stati Uniti stazionava Bill France Jr., al Moffett Federal Airfield nel nord della California. Suo padre gli chiese di cercare Bob Barkhimer a San Jose, in California . Barkhimer è stato una star delle corse automobilistiche nane dell'era della seconda guerra mondiale e in seguito ha corso circa 22 diverse speedway come capo della California Stock Car Racing Association. Il giovane Bill ha sviluppato una relazione con Bob Barkhimer e la sua partner, Margo Burke. È andato agli eventi con loro, è rimasto con loro nei fine settimana e generalmente ha acquisito molta familiarità con le corse sulla costa occidentale. "Barky", come veniva chiamato dai suoi amici, si recò a Daytona Beach e incontrò Bill France Sr. Nella primavera del 1954, la NASCAR divenne un ente sanzionatorio per le stock car sulla costa del Pacifico sotto Barky.

Wendell Scott

Wendell Scott è stato il primo afroamericano a vincere una gara della Grand National Series, il livello più alto della NASCAR. È stato inserito postumo nella NASCAR Hall of Fame a Charlotte, nella Carolina del Nord, il 30 gennaio 2015.

Logo utilizzato dal 1976 al 2016

Fondazione

L'8 marzo 1936, una raccolta di conducenti si riunì a Daytona Beach, in Florida . I piloti hanno portato coupé, hardtop, decappottabili e auto sportive per competere in un evento per determinare le auto più veloci e i migliori piloti. Per tutta la gara, le auto più pesanti si sono impantanate nella sabbia, mentre le Ford leggere hanno navigato nei solchi del percorso, conquistando infine i primi 6 piazzamenti per la gara. Delle 27 auto che hanno iniziato l'evento, solo 10 sono riuscite a sopravvivere al calvario, poiché i funzionari hanno interrotto l'evento a 10 miglia (16 km) dalla distanza programmata di 250 miglia (400 km). Il pilota Milt Marion è stato dichiarato vincitore e un giovane Bill France si è piazzato 5° alla fine della giornata.

All'inizio del 1947, Bill France vide il potenziale per una serie unificata di concorrenti da corsa. La Francia ha annunciato la fondazione del "National Championship Stock Car Circuit", altrimenti noto come NCSCC. La Francia si è rivolta all'American Automobile Association, o AAA, nella speranza di ottenere un sostegno finanziario per l'impresa. Quando l'AAA ha rifiutato il sostegno all'impresa, la Francia ha annunciato una serie di regole e premi per l'NCSCC. La Francia dichiarò che il vincitore della stagione NCSCC del 1947 avrebbe ricevuto $ 1000,00 e un trofeo. La stagione sarebbe iniziata nel gennaio 1947 sulla pista di Daytona Beach e si sarebbe conclusa a Jacksonville il dicembre successivo. Quasi 40 eventi sono stati registrati durante la stagione e la partecipazione spesso ha superato la capacità della sede. I concorrenti sono stati pagati come promesso e alla fine della stagione, il pilota Fonty Flock è stato dichiarato campione della stagione dopo aver vinto 7 eventi dei 24 a cui ha partecipato. Bill France ha consegnato il trofeo da $ 1000 e alto 4 piedi a Flock alla fine della stagione, insieme a $ 3000 di montepremi ad altri piloti che hanno gareggiato per tutta la stagione.

Lo Streamline Hotel a Daytona Beach, in Florida, dove è stata fondata NASCAR

Alla fine della stagione 1947, Bill France annunciò che si sarebbero tenuti una serie di incontri presso lo Streamline Hotel in Florida, a partire dal 14 dicembre 1947. Alle 13:00, la Francia chiamò all'ordine i 35 uomini che rappresentavano la NCSCC all'ultimo piano dell'hotel. L'incontro è stato il primo di quattro seminari in cui la Francia avrebbe delineato la sua visione di un gruppo organizzato di piloti di auto da corsa. Il nome originariamente scelto per la serie era National Stock Car Racing Association ; quando è stato fatto notare che quel nome era già in uso da un ente sanzionatorio rivale, come nome dell'organizzazione è stata scelta "Associazione Nazionale Stock Car Auto Racing", proposta dal meccanico Red Vogt .

NASCAR è stata fondata da William France, Sr. il 21 febbraio 1948 con l'aiuto di molti altri piloti dell'epoca. I piani originali per NASCAR includevano tre divisioni distinte: Modified, Roadster e Strictly Stock. Le classi Modified e Roadster sono state viste come più attraenti per i fan. Si è scoperto che i fan della NASCAR non volevano avere nulla a che fare con le roadster, che i fan percepivano come una serie del nord-est o del Midwest. La divisione roadster è stata rapidamente abbandonata, mentre la divisione modificata ora opera come NASCAR Whelen Modified Tour . La divisione Strictly Stock fu sospesa poiché le case automobilistiche americane non erano in grado di produrre berline familiari abbastanza rapidamente per tenere il passo con la domanda del secondo dopoguerra. Il programma del 1948 prevedeva 52 gare su sterrato modificate . L'organismo sanzionatorio ha ospitato il suo primo evento a Daytona Beach il 15 febbraio 1948. Red Byron ha battuto Marshall Teague nella gara di divisione modificata. Byron ha vinto il campionato nazionale 1948. Le cose erano cambiate radicalmente nel 1949 e la divisione Strictly Stock è stata in grado di debuttare con una mostra di 20 miglia (32 km) a febbraio vicino a Miami.

La prima gara NASCAR "Strictly Stock" si è tenuta al Charlotte Speedway, sebbene questa non sia la stessa pista del Charlotte Motor Speedway che è un appuntamento fisso nell'attuale programma NASCAR. La gara si tenne il 19 giugno 1949 e vinse dal pilota Jim Roper quando Glenn Dunaway fu squalificato dopo la scoperta delle sue molle posteriori alterate. Inizialmente, le auto erano conosciute come "Strictly Stock Division" e gareggiavano praticamente senza modifiche sui modelli di fabbrica. Questa divisione fu ribattezzata divisione "Grand National" a partire dalla stagione 1950. Per un periodo di oltre un decennio, sono state consentite modifiche sia per la sicurezza che per le prestazioni e, verso la metà degli anni '60, i veicoli erano auto da corsa appositamente costruite con una carrozzeria che sembrava di serie.

All'inizio della storia della NASCAR, i produttori stranieri avevano mostrato interesse a entrare nella serie; la casa automobilistica britannica, MG, ha trovato alcuni dei suoi veicoli iscritti, con alcuni piazzamenti. Ad esempio, il 16 agosto 1963 nell'International 200, Smokey Cook ha guidato una MG al 17 ° posto.

La prima competizione NASCAR tenutasi al di fuori degli Stati Uniti fu in Canada, dove il 1 luglio 1952 Buddy Shuman vinse una gara di 200 giri su una pista sterrata di mezzo miglio (800 m) a Stamford Park, Ontario, vicino alle Cascate del Niagara .

Serie sanzionata

Serie nazionale

Serie di coppe

L'inizio della Daytona 500 2015 .

La NASCAR Cup Series (NCS) è il più alto livello di competizione professionistica dello sport. Di conseguenza è la serie NASCAR più popolare e redditizia. Dal 2001, la stagione della Cup Series è stata composta da 36 gare in 10 mesi. Scrittori e fan usano spesso "Cup" per riferirsi all'NCS e l'uso ambiguo di "NASCAR" come sinonimo della serie è comune. Il campione NCS 2021 è Kyle Larson . Il record per la maggior parte dei campionati è 7, detenuto da tre piloti: Richard Petty, Dale Earnhardt e Jimmie Johnson . Johnson ha il record per il maggior numero di campionati consecutivi per piloti della Cup Series dal 2006 al 2010. In precedenza, il maggior numero di campionati consecutivi era stato tre di fila da Cale Yarborough alla fine degli anni '70, l'unica altra volta in cui un pilota ne ha vinti tre o più campionati NASCAR Cup Series di fila.

La Cup Series ha avuto il suo primo title sponsor nel 1972. RJ Reynolds Tobacco Company, che era stata bandita dalla pubblicità televisiva, ha trovato una base di consumatori popolare e demograficamente adatta nei fan della NASCAR e ha assunto la NASCAR come sbocco promozionale. Come risultato di quella sponsorizzazione, la Grand National Series divenne nota come la Winston Cup Series a partire dal 1971, con un nuovo sistema di punti e alcuni significativi vantaggi in denaro per competere per i punti del campionato. Nel 1972, la stagione è stata ridotta da 48 gare (di cui due su sterrato ) a 31. Il 1972 è spesso riconosciuto come l'inizio dell '"era moderna" della NASCAR. Il livello competitivo successivo, chiamato Late Model Sportsman, ottenne il titolo di "Grand National" tramandato dalla massima divisione e presto trovò uno sponsor in Busch Beer .

Dale Earnhardt Jr. (in basso) e la squadra in corsia della vittoria nel 2004

Nel 2004, Nextel Communications ha assunto la sponsorizzazione della serie premier e l'ha formalmente ribattezzata Nextel Cup Series. È stato anche sviluppato un nuovo sistema di punti per il campionato, la " Chase for the Nextel Cup " (ribattezzata "Chase for the Sprint Cup" nel 2008), che azzera la classifica a punti a dieci gare dalla fine, portando solo i piloti tra i primi dieci o entro 400 punti dal leader idoneo a vincere il campionato. Nel 2007, NASCAR ha annunciato che stava espandendo "The Chase" da dieci a dodici piloti, eliminando il limite di 400 punti e dando un bonus di dieci punti ai primi dodici piloti per ciascuna delle gare che hanno vinto delle prime 26 Le vittorie durante tutta la stagione guadagnerebbero anche cinque punti in più rispetto alle stagioni precedenti. Nel 2008, il nome del titolo della serie principale è diventato la Sprint Cup Series, come parte della fusione tra Nextel e Sprint .

Nel 2011, NASCAR ha annunciato una serie di importanti modifiche alle regole, la più significativa è stata l'abbandono del sistema a punti. Il vincitore di una gara riceve ora 43 punti, con un decremento di un punto per ogni posizione successiva (42 per la seconda, 41 per la terza e così via). Il vincitore riceve anche 3 punti bonus e punti bonus singoli vengono assegnati a tutti i piloti che conducono un giro, più il pilota che conduce il maggior numero di giri. Un altro cambiamento significativo riguarda il processo di qualificazione per l'Inseguimento. Il numero di piloti qualificati rimarrà a 12, ma solo i primi 10 si qualificheranno esclusivamente con i punti della stagione regolare. I restanti due piloti Chase saranno i due piloti nei prossimi 10 della classifica a punti (dall'11° al 20°) con il maggior numero di vittorie in gara nella stagione regolare.

Nel 2014, NASCAR ha annunciato un altro rinnovamento del formato Chase, ampliando il pool Chase a 16 piloti ed eliminando quattro piloti ogni tre gare, lasciando quattro piloti a competere per il campionato al finale di stagione a Homestead . Inoltre, è stata data maggiore enfasi alle vittorie, con i 16 piloti con il maggior numero di vittorie (15 se il leader dei punti è senza vittorie; il leader dei punti riceverà un posto automatico) che hanno guadagnato un posto nell'inseguimento. Se ci sono meno di 16 vincitori, i posti rimanenti verranno occupati in base al sistema a punti convenzionale.

Monster Energy è diventato lo sponsor principale nel 2017, cambiando il nome della serie in Monster Energy NASCAR Cup Series. Con la sponsorizzazione del titolo di Monster Energy, NASCAR ha anche abbandonato il nome "The Chase" e ora si riferisce alle ultime 10 gare semplicemente come "i playoff" simili alla maggior parte degli altri sport.

Dopo la stagione 2019, la NASCAR ha rifiutato l'offerta di Monster Energy per rimanere lo sponsor principale della serie top. Il 5 dicembre, la NASCAR ha rivelato il suo nuovo modello di sponsorizzazione. Invece di un unico title sponsor, quattro "premier partner" ( Coca-Cola, Xfinity, Busch Beer e GEICO ) sarebbero stati strettamente affiliati alla serie top, che è stata semplicemente ribattezzata NASCAR Cup Series.

Serie Xfinity

Il campo della serie Busch (ora Xfinity) dopo la pace car alla O'Reilly 300 al Texas Motor Speedway nel 2007.

La NASCAR Xfinity Series è il secondo livello più alto di competizione professionale in NASCAR. L'ultimo campione della serie è Daniel Hemric nel 2021.

L'incarnazione moderna di questa serie è iniziata nel 1982, con la sponsorizzazione del marchio Budweiser di Anheuser - Busch Brewing . Nel 1984 è stata ribattezzata Busch Grand National Series, poi solo Busch Series. La sponsorizzazione Anheuser-Busch è scaduta alla fine del 2007, sostituita da Nationwide Insurance dal 2008 al 2014, e la serie è ora sponsorizzata da Comcast attraverso il suo marchio Xfinity .

La serie Nationwide (ora Xfinity) a Road America nel 2011, utilizzando il design Car of Tomorrow .

La stagione di solito ha meno gare rispetto alla Cup Series e il montepremi è significativamente inferiore. Tuttavia, negli ultimi anni, un certo numero di piloti della Cup Series hanno corso sia gli eventi Xfinity che Cup Series ogni fine settimana, utilizzando la gara Xfinity come riscaldamento per l'evento Cup nella stessa struttura. Inoltre, diversi piloti non solo hanno partecipato agli eventi Cup e Busch/Nationwide/Xfinity nello stesso fine settimana, ma hanno anche iniziato a competere in entrambe le serie a tempo pieno. Kevin Harvick è stato il primo pilota della serie Cup a competere a tempo pieno nella Busch Series e vincere un titolo, in realtà facendolo due volte; nel 2001, lo fece per la Richard Childress Racing, ma lo fece solo per necessità poiché la morte di Dale Earnhardt lo costrinse a partecipare alla serie Cup prima del programma previsto per lui da RCR. La sua vittoria nel 2006, dove ha corso con tre auto separate per la RCR e la sua squadra di corse, è stata il primo di cinque titoli consecutivi nella NBS/NNS vinti dai clienti abituali della serie Cup.

La pratica ha ricevuto critiche perché si pensava desse un vantaggio ingiusto ai team della Cup Series e che la presenza dei piloti della Cup Series spreme i concorrenti della Nationwide Series che altrimenti sarebbero in grado di qualificarsi. Questi piloti della doppia serie sono stati etichettati come " Buschwhackers ", un gioco di parole che combina il nome dello sponsor della serie originale con l'idea di essere bocciati. Nel maggio 2007, il direttore della NNS Joe Balash ha confermato che la NASCAR stava esplorando le opzioni per affrontare la controversia Buschwhacker. Una delle proposte più citate era che i piloti della Cup Series che partecipavano alla Nationwide Series non ricevessero punti per la loro partecipazione a una gara Nationwide. Nel 2007, il presidente della NASCAR Brian France ha indicato che tutte le opzioni, tranne il divieto assoluto dei concorrenti di Coppa, erano ancora in considerazione. L'11 gennaio 2011, NASCAR.com ha riferito che a partire dalla stagione 2011, i piloti sarebbero stati autorizzati a competere per il campionato solo in una delle tre serie nazionali NASCAR in una determinata stagione, sebbene potessero continuare a correre in più serie. Questo cambiamento è stato ufficialmente confermato dalla Francia in una conferenza stampa meno di due settimane dopo e da allora è rimasto nelle regole della NASCAR.

A partire dal 2010, le vetture Nationwide si sono adattate in qualche modo all'attuale design " Car of Tomorrow " (o COT) utilizzato dalle vetture Cup, con carrozzerie diverse dalla Cup Series.

Nel 2016, il formato Chase è stato esteso sia alla serie Xfinity che alla serie Truck. Invece del formato a quattro round e 10 gare utilizzato nella Cup Series, la Chase in ciascuna delle due serie di supporto è composta da tre round e sette gare in tutto, con ogni round preliminare composto da tre gare. L'Xfinity Series Chase coinvolge 12 piloti invece dei 16 partecipanti alla Cup Series Chase. Quattro piloti vengono eliminati alla fine di ogni round preliminare della Chase nella Xfinity Series, che rispecchia anche la Cup Series Chase. Ciò significa che quattro piloti possono accedere al titolo della serie accedendo alla gara finale, come nella Cup Series. Simile a Cup, a partire dal 2017 il soprannome "The Chase" è stato abbandonato e le ultime sette gare sono ora denominate Xfinity Playoffs.

Anche con le restrizioni che limitavano i punti guadagnati a una serie nazionale, i piloti della Coppa stavano ancora correndo e vincendo la stragrande maggioranza delle gare della serie Xfinity fino al 2015. A partire dal finale di stagione 2015, la NASCAR ha iniziato ad aggiungere ulteriori restrizioni per quanto riguarda i piloti della Coppa che correvano le gare Xfinity. A partire dalla stagione 2020, i piloti della Coppa con più di tre anni di esperienza nelle serie top sono stati limitati a cinque gare a stagione. Inoltre, quegli stessi piloti non sono idonei a correre il finale di stagione regolare, le gare di playoff NXS o le gare di Dash 4 Cash .

Campeggi World Truck Series

La Truck Series al Martinsville Speedway nel 2018.

La NASCAR Camping World Truck Series presenta camioncini modificati . È una delle tre divisioni nazionali della NASCAR, insieme alla Xfinity e alla Cup Series. L'ultimo campione della serie è Ben Rhodes (pilota da corsa) nel 2021

Nel 1994, NASCAR ha annunciato la formazione della NASCAR SuperTruck Series presentata da Craftsman . La prima gara della serie è seguita nel 1995. Nel 1996, la serie è stata ribattezzata NASCAR Craftsman Truck Series per sottolineare il coinvolgimento di Craftsman. La serie è stata inizialmente considerata una sorta di stranezza o un "tour senior" per i piloti NASCAR, ma alla fine è cresciuta in popolarità e ha visto i piloti passare direttamente alla Cup Series senza correre un'intera stagione nella competizione NASCAR Xfinity Series . Questi includono Kurt Busch e Carl Edwards (che hanno entrambi corso per Roush Racing ). Inoltre, i piloti veterani che hanno avuto solo un discreto successo negli altri due livelli di questo sport hanno rivitalizzato le loro carriere nelle serie di camion, tra cui Ron Hornaday Jr., Todd Bodine, Mike Skinner e Johnny Benson .

A partire dal 2009, la serie è diventata la Camping World Truck Series. Nel 2019, in base a una richiesta di branding avanzata da Camping World, la serie è stata rinominata NASCAR Gander Outdoors Truck Series.

Come notato in precedenza, il formato Chase è stato esteso alla Truck Series nel 2016. Il formato è identico a quello utilizzato nella Xfinity Series, tranne per il fatto che solo otto piloti si qualificano per Chase (invece di 12 nella Xfinity Series) e solo due piloti vengono eliminati alla fine di ogni turno preliminare (anziché quattro nella serie Xfinity). Come sia nella Cup Series che nella Xfinity Series, quattro piloti possono accedere al titolo della serie accedendo alla gara finale. Simile a Cup, a partire dal 2017 il soprannome "The Chase" è stato abbandonato e ora viene semplicemente chiamato Truck Series Playoffs.

L'8 maggio 2018, NASCAR e Camping World hanno annunciato che lo sponsor principale della Truck Series sarebbe stato trasferito alla sussidiaria di Camping World Gander Outdoors a partire dal 2019. Il contratto fino al 2022 dovrebbe continuare come previsto. La serie è stata ribattezzata nuovamente nel 2020 in NASCAR Gander RV & Outdoors Truck Series prima di tornare al nome Camping World Truck Series nel 2021.

Serie ARCA Menards

L'ARCA Menards Series è una serie di corse che gareggia su grandi circuiti di serie da turismo e circuiti di serie di corse locali. È principalmente una serie degli Stati Uniti del Midwest. NASCAR ha acquisito la serie il 27 aprile 2018 dopo essere stata di proprietà privata per 60 anni.

Serie internazionale

La serie di Pinty

Le auto della NASCAR Pinty's Series all'Autodromo Chaudiere nel 2015

La NASCAR Pinty's Series è una serie di corse NASCAR in Canada che deriva dalla vecchia CASCAR Super Series (fondata nel 1981 e rilevata dalla NASCAR nel 2006). La nuova serie ha gare attraverso sei delle province canadesi per un totale di 13 eventi con copertura televisiva su TSN . Molti piloti si accontentano di girare in Canada, mentre altri passano a serie NASCAR più grandi tra cui JR Fitzpatrick e DJ Kennington . Le auto sono un po' diverse dalle auto viste in America, essendo più simili a un modello recente, sebbene i corpi sagomati con telaio in tubi d'acciaio alimentati da motori V8 siano ancora la norma.

Serie PEAK Messico

Nel dicembre 2006, NASCAR ha anche annunciato la creazione di una nuova serie in Messico, la NASCAR Corona Series (ora PEAK Mexico Series), in sostituzione dell'esistente Desafío Corona Series, che inizierà nel 2007.

Nel 2004, NASCAR iniziò anche a sanzionare una serie di corse di mini stock in Messico, nota come Mexico T4 Series.

Whelen Euro Series

All'inizio del 2012, NASCAR ha annunciato che avrebbe sanzionato l'attuale Racecar Euro Series con sede in Europa come "NASCAR Touring Series". Il 1 luglio 2013, con la partnership di NASCAR Whelen Engineering, la serie è stata ribattezzata NASCAR Whelen Euro Series.

Serie di corse regionali

Oltre alle sei principali serie nazionali, NASCAR gestisce diverse altre divisioni di corse sotto lo stendardo NASCAR Roots.

Serie settimanale

Molti circuiti locali negli Stati Uniti e in Canada corrono sotto lo stendardo della NASCAR Advance Auto Parts Weekly Series, dove i piloti locali vengono confrontati l'uno contro l'altro in una formula in cui il miglior campione di pista locale della nazione vince la Whelen All-American Weekly Series National Campionato. La serie Whelen All-American è suddivisa in quattro divisioni automobilistiche, nonché campionati statali e su pista separatamente. Ogni campione di divisione riceve un pagamento in denaro in punti e ancora di più va al campione nazionale (pilota con il maggior numero di punti sui quattro vincitori di divisione). La Whelen All-American Series è la base per le corse di stock car, sviluppando nomi NASCAR come Clint Bowyer, Jimmy Spencer, Tony Stewart, i fratelli Bodine e molti altri lungo la strada.

Tour modificato di Whelen

Il Whelen Modified Tour gareggia con auto "modificate" a ruote scoperte nelle divisioni nord e sud . Questa è la divisione più antica della NASCAR e la divisione moderna opera dal 1985 come Winston Modified Series e successivamente nel 1994 come Featherlite Trailers Modified Series.

Serie ARCA Menards Est e Ovest

Le divisioni feeder della serie ARCA Menards, che consistono in divisioni est e ovest, auto da corsa pro-stock simili alle vecchie auto della serie Nationwide, sebbene siano meno potenti. La divisione est era originariamente divisa nella serie Busch North, che correva negli stati del nord-est, e nella Busch East Series, che correva negli stati del sud-est e del Medio Atlantico. La divisione ovest era originariamente conosciuta come Winston West Series e gareggiava negli stati del sud-ovest e del Pacifico costiero. Nel 2008, la serie si è riunita nelle divisioni est e ovest sotto la sponsorizzazione di Camping World come Camping World Series. K&N Filters ha assunto la sponsorizzazione nel 2010. Il 2019 è stata l'ultima stagione per entrambe le serie prima che andassero sotto lo stendardo ARCA nel 2020 come parte dell'unificazione della NASCAR K&N Pro Series East e West e della ARCA Menards Series. La serie è diventata nota come ARCA Menards Series East e ARCA Menards Series West a partire dal 2020, il che significa che il 2019 è stato anche l'ultimo anno di K&N come sponsor principale della serie.

AutoZone Elite e altre divisioni

In passato, la NASCAR ha anche sanzionato l'AutoZone Elite Division, che gareggiava con auto di ultima generazione più leggere e meno potenti delle auto della Cup Series, ed era originariamente divisa in quattro divisioni: Northwest, Southwest, Southeast e Midwest. Alla fine del 2005, NASCAR ha annunciato che la produzione della divisione AutoZone Elite sarebbe stata interrotta dopo la stagione 2006 a causa di problemi nell'assicurare le piste autorizzate dalla NASCAR per ospitare con successo gli eventi della divisione AutoZone Elite, oltre all'aumento dei costi di competizione e ridimensionamento della divisione negli ultimi anni . Nel 2003, la NASCAR ha standardizzato le regole per le serie turistiche regionali delle divisioni AutoZone Elite e Grand National in modo da consentire alle auto di una serie di gareggiare contro le auto di un'altra serie della stessa divisione. I primi 15 (Grand National) o 10 (AutoZone Elite) di ogni serie gareggeranno in un playoff di una gara, chiamato NASCAR Toyota All-Star Showdown, per determinare i campioni annuali di AutoZone Elite e Grand National. Questo evento è stato ospitato all'Irwindale Speedway in California sin dal suo inizio.

Molti piloti avanzano nella serie prima di raggiungere la Cup Series. Nel 2002, oltre 9.000 piloti avevano licenze NASCAR per correre a tutti i livelli.

I vincitori dell'All-American Series National Championship, dei campionati K&N Pro Series East e West, delle due Whelen Modified e Grand National Division e delle tre serie nazionali sono invitati a Las Vegas a dicembre per partecipare alle cerimonie della Champions Week.

Serie di corse online

eNASCAR Coca-Cola iRacing Series

Nel 2010, NASCAR ha ufficialmente approvato la sua prima serie di eSports di corse sim, collaborando con iRacing per formare la NASCAR iRacing.com Series. Questa serie di corse sim è composta da cinque divisioni "Amateur Series", la NASCAR iRacing.com Pro Series e la PEAK Antifreeze NASCAR iRacing Series (NPAiS), una delle World Championship Series di iRacing. Ogni anno, il campione della NASCAR iRacing.com World Championship Series è invitato al NASCAR's Championship Weekend all'Homestead-Miami Speedway per ricevere un premio in denaro di $ 10.500 e un trofeo del campionato NASCAR in pista.

Nel 2018, iRacing ha annunciato un nuovo sistema di scale di qualificazione approvato per la NPAiS, la serie Road to Pro, utilizzando Chevrolet e Toyota Camping World Trucks virtuali. Allo stesso tempo, la NASCAR iRacing Pro Series passerà all'utilizzo dei modelli Xfinity Series Camaro, Mustang e Camry, al fine di replicare la progressione alle auto della serie Cup nella vita reale utilizzate nella NPAiS.

Nel 2020, Coca-Cola è diventata lo sponsor del diritto della serie ed è stata ribattezzata eNASCAR Coca-Cola iRacing Series . Con la sponsorizzazione, il montepremi è aumentato a $ 300.000. Inoltre, sei gare saranno trasmesse in televisione su NBCSN .

eNASCAR Ignite Series

La serie è stata creata come campionato di sviluppo da NASCAR e iRacing per aspiranti giocatori di età compresa tra 13 e 16 anni. Il simulatore inizia con le auto US Legends prima di passare alle auto del tour modificato.

Sicurezza del conducente

Sebbene NASCAR pubblicizzi spesso le misure di sicurezza che impone ai conducenti, storicamente queste caratteristiche sono state adottate solo molto tempo dopo essere state sviluppate inizialmente e solo in risposta a un infortunio o alla morte. Le tute ignifughe erano necessarie solo anni dopo la morte di Fireball Roberts, morto per complicazioni dovute alle ustioni subite in un incidente quando le fiamme hanno avvolto la sua auto durante una gara di Charlotte. Solo dopo la morte di Adam Petty, Kenny Irwin e Tony Roper nel 2000 e Dale Earnhardt nel 2001, la NASCAR ha rivisitato l'idea di ridurre le forze G sostenute da un pilota durante un incidente. Altri esempi di funzionalità di sicurezza disponibili che sono state lente da implementare includono l'acceleratore "kill switch", che è stato imposto dopo la morte di Adam Petty, insieme ai requisiti di una vescica anti-fuoriuscita nelle celle a combustibile. La " Barriera SAFER " che assorbe gli urti era in uso già nel 1998, ma NASCAR esitò a installare quei muri per timore che potessero causare conseguenze indesiderate aggravando gli incidenti, e forse a causa dello sforzo necessario per ripulire il detriti dalle pareti danneggiate. Dale Earnhardt ha subito una frattura alla base del cranio dopo che la sua auto è andata a sbattere contro il muro di cemento nella Daytona 500 del 2001 . La morte di Earnhardt ha spinto la NASCAR a implementare la barriera SAFER e a considerare miglioramenti drastici per la sicurezza dei conducenti. Uno di questi richiederebbe a tutti i conducenti di utilizzare il " dispositivo HANS " (Head And Neck Support Device), un dispositivo che impedisce al collo del conducente di andare in avanti in un naufragio. Il mandato è arrivato in ottobre dopo che Blaise Alexander, in corsa per la serie ARCA, è morto in un incidente che ha provocato le stesse ferite riportate come Earnhardt. NASCAR ha ridisegnato il veicolo da corsa con miglioramenti della sicurezza, chiamandolo l' Auto del domani, che ha debuttato nel 2007. L'auto aveva un tetto più alto, un abitacolo più ampio e il sedile del conducente era posizionato più verso il centro del veicolo.

La morte di Dale Earnhardt è stata vista come un campanello d'allarme per la NASCAR. La NASCAR è stata molto più aggressiva con i cambiamenti di sicurezza dalla morte di Earnhardt e dal 2021 nessun pilota NASCAR è stato coinvolto in un incidente mortale da allora.

Critica

NASCAR è stato oggetto di critiche su vari argomenti da varie fonti. Alcuni critici notano le differenze significative tra i veicoli NASCAR di oggi e le vere auto "di serie". Altri citano spesso il predominio della famiglia France nella struttura aziendale, nelle politiche e nel processo decisionale della NASCAR. Di recente, l'aumento del numero di piloti della Coppa che gareggiano costantemente nelle gare della Xfinity Series è stato oggetto di accesi dibattiti. Un'altra area critica generale, non solo della NASCAR ma anche di altri sport motoristici, include domande sul consumo di carburante, sulle emissioni e sull'inquinamento e sull'uso di additivi al piombo nella benzina. Originariamente prevista per il 2008, NASCAR ha adottato l'uso di carburante senza piombo in tutte e tre le sue serie top nel 2007. Nel 2011, NASCAR è passata al carburante "verde" E15 (15% etanolo e 85% benzina) per tutte e tre le serie da turismo.

Poiché la NASCAR ha fatto delle mosse per migliorare il suo fascino nazionale, ha iniziato a correre su nuovi circuiti e ha smesso di correre su alcuni tradizionali, un punto dolente per la base di fan tradizionale. Più di recente, la NASCAR è stata contestata sui tipi e sulla frequenza delle segnalazioni di attenzione, con alcuni critici che suggeriscono che l'esito delle gare viene manipolato e che l'intenzione non è la sicurezza, come sostiene la NASCAR, ma una corsa più ravvicinata. Ci sono stati alcuni incidenti che hanno coinvolto i fan durante le gare e anche alcuni fuori pista, ma nessuno spettatore è mai rimasto ucciso durante una gara in un incidente relativo alla gara, sebbene un tifoso sia stato ucciso da un fulmine nel 2012 dopo la Pennsylvania del 2012 400 a Pocono è stato chiamato corto a causa del temporale. Nel 2008 è stato rivelato che una causa per omicidio colposo contro la NASCAR derivante dall'incidente di un aereo aziendale è stata liquidata per $ 2,4 milioni.

Per anni, la NASCAR è stata oggetto di critiche per aver consentito di sventolare la bandiera confederata durante le gare. L'ex presidente Brian France ha cercato di vietare lo sventolare delle bandiere confederate sugli ippodromi nel 2015, provocando rabbia tra i fan. In precedenza aveva chiesto ai fan di smettere volontariamente di sventolare la bandiera dopo la sparatoria nella chiesa di Charleston del 2015, ma questo non ha posto fine alla pratica. Bubba Wallace, l'unico pilota afroamericano del circuito NASCAR di punta, ha guidato la gara di Martensville della primavera 2020 in un'auto con la livrea Black Lives Matter ed è apparso in un video contro il razzismo con un certo numero di piloti bianchi. Il 10 giugno 2020, sulla scia delle proteste legate all'omicidio di George Floyd, la NASCAR ha annunciato che l'esposizione della bandiera confederata sarà vietata in tutti i suoi eventi e proprietà.

Espansione globale

Nel 2006, Toyota ha annunciato che si sarebbe unita ai ranghi della NASCAR. La Toyota ha ottenuto un successo iniziale vincendo diverse gare grazie alle esibizioni di Denny Hamlin e Kyle Busch . Qualsiasi aumento della concorrenza straniera dovrebbe aumentare il prezzo della messa in pista di un'auto.

Un altro argomento sul circuito NASCAR è l'aumento dei piloti nati all'estero e gli effetti che potrebbero avere sul futuro della NASCAR. Juan Pablo Montoya, Patrick Carpentier e Dario Franchitti sono tra i big nati all'estero che sono passati dalla Formula 1 e dal circuito di Indy . Questi piloti hanno avuto un impatto sulla NASCAR non solo vincendo gare e dominando i percorsi su strada, ma ampliando il punto di vista della NASCAR.

NASCAR ha incluso una gara al circuito stradale messicano Autódromo Hermanos Rodríguez nel programma della Nationwide Series dal 2005 al 2008, nonché una gara a Montreal, in Canada, sul circuito Gilles Villeneuve dal 2007 al 2012, con la Camping World Truck Series che ha aggiunto una data a Canadian Tire Motorsport Park nel 2013. Si è parlato di una possibile espansione con gare espositive in Giappone e un ritorno in Canada.

L'espansione nei mercati internazionali potrebbe aumentare la popolarità della NASCAR e consentire a sponsor e produttori stranieri di essere coinvolti nello sport. Alcuni pensano che questa potrebbe essere una mossa molto positiva per NASCAR, che ha visto i suoi ascolti televisivi scendere del 21% tra il 2005 e il 2007. Durante lo stesso periodo di 2 anni, NASCAR ha anche visto il più grande calo dei prezzi dei biglietti osservato in oltre un decennio. Nel 2010, la NASCAR ha registrato un calo degli ascolti televisivi del 10% rispetto all'anno precedente, un calo del 33% rispetto al picco del 2005. Alcuni pensano che un aumento della diversità internazionale si tradurrebbe in crescita e genererebbe maggiori opportunità per i fan della NASCAR.

NASCAR.com

Nell'ottobre 2000, Turner Sports ha acquisito i diritti digitali della NASCAR e successivamente ha rilevato il suo sito Web, che contiene notizie, informazioni e funzionalità interattive (come RaceView e RaceBuddy ) che circondano le sue serie. Sebbene NASCAR avesse esteso il contratto di Turner per la gestione del sito fino al 2016, l'associazione ha annunciato nel gennaio 2012 che avrebbe ripreso la gestione del sito internamente nel 2013. Di conseguenza, il 3 gennaio 2013 è stato lanciato un nuovo NASCAR.com, che presenta un design orientato al multimediale migliorato per fornire un livello più elevato di interazione dei fan e fornire un'esperienza del secondo schermo migliorata per gli spettatori sui dispositivi mobili.

Il 7 maggio 2019, NASCAR ha annunciato una partnership sui contenuti di scommesse sportive con The Action Network per fornire contenuti editoriali e analisi a NASCAR.com, comprese scelte consigliate e scommesse di valore. NASCAR ha affermato che la partnership aveva lo scopo di preparare la diffusione delle scommesse sportive legali negli Stati Uniti a seguito della sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti del 2018 che ha ribaltato il divieto federale di scommesse sportive PASPA . NASCAR ha precedentemente stretto un accordo esclusivo con il fornitore di soluzioni di dati sportivi Genius Sports per sviluppare un'offerta di gioco NASCAR ufficiale per le scommesse sportive legali .

Filiali e organizzazioni "sorelle".

Supporti digitali NASCAR

NASCAR Digital Media è una società di produzione televisiva con sede a Charlotte, North Carolina, Stati Uniti. L'azienda è una sussidiaria della NASCAR e produce programmi progettati per promuovere lo sport delle corse di stock car professionistiche. Gestisce anche il sito Web NASCAR, nonché alcuni siti Web relativi allo sport come Racing-Reference e Jayski's Silly Season Site (a partire dal 2019, dopo che ESPN.com ha smesso di ospitare il sito Web).

International Speedway Corporation

Sebbene originariamente non fosse ufficialmente collegata alla NASCAR, la International Speedway Corporation (ISC) è stata fondata da Bill France Sr. nel 1953 per costruire e gestire le piste in cui la NASCAR tiene le competizioni. Nel maggio 2019, è stato annunciato che la NASCAR avrebbe acquistato ISC ed ereditato 12 tracce. Il 18 ottobre 2019 è stata completata l'acquisizione di ISC da parte della NASCAR. Ciò ha reso l'azienda una divisione all'interno della NASCAR.

ARCA

L' Automobile Racing Club of America è stato acquistato dalla NASCAR nel 2018.

Grand-Am

La Grand American Road Racing Association (Grand-Am) era un ente sanzionatorio delle corse di auto sportive . Sebbene sia stata fondata indipendentemente dalla NASCAR da diversi membri della famiglia France, NASCAR ha rilevato Grand-Am, ma le ha permesso di operare in modo autonomo. La serie si è fusa con l' American Le Mans Series nel 2014 come parte dell'acquisto di IMSA da parte della NASCAR.

IMSA

Formazione scolastica

Il NASCAR Technical Institute con sede a Mooresville, nella Carolina del Nord, è la prima scuola di formazione tecnica del paese a combinare un programma completo di tecnologia automobilistica e un programma di sport motoristici specifico della NASCAR ed è il partner educativo esclusivo della NASCAR.

NASCAR Kinetics è stata fondata nel 2009 con la missione di collegare gli studenti universitari a livello nazionale alla NASCAR e ha fatto da mentore al suo ultimo ciclo di studenti nel 2013.

NASCAR nella cultura

I film sulle corse NASCAR includono Days of Thunder (1990), Herbie: Fully Loaded (2005), Talladega Nights: The Ballad of Ricky Bobby (2006), Ta Ra Rum Pum (2007) e Logan Lucky (2017).

I piloti NASCAR hanno fatto apparizioni in molte serie televisive e film TV, tra cui The Cleveland Show, Sullivan & Son e Last Man Standing .

NASCAR ha collaborato con il popolare gioco Roblox Jailbreak e la partnership è stata lanciata il 5 novembre.

Guarda anche

Appunti

  • Le più grandi piste NASCAR possono ospitare fino a 190.000 persone sugli spalti e sul campo, molto più grandi di qualsiasi altro luogo non motoristico del Nord America.

Riferimenti

link esterno