Neolitico -Neolithic

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Neolitico
Il Neolitico è caratterizzato da insediamenti umani fissi e dall'invenzione dell'agricoltura a partire dal 10.000 aC circa. Ricostruzione di alloggi pre-ceramici del neolitico B ad Aşıklı Höyük, nella Turchia moderna .
Periodo Ultimo periodo dell'età della pietra
Date 10.000–4.500 aC
Preceduto da Mesolitico, Epipaleolitico
Seguito da Calcolitico
Pittura murale neolitica da Tell Bouqras al Museo Deir ez-Zor, Siria

Il periodo neolitico è la divisione finale dell'età della pietra, con un'ampia serie di sviluppi che sembrano essere sorti indipendentemente in diverse parti del mondo. Viene visto per la prima volta circa 12.000 anni fa, quando i primi sviluppi dell'agricoltura apparvero nel Vicino Oriente epipaleolitico e successivamente in altre parti del mondo. Il Neolitico durò (in quella parte del mondo) fino al periodo di transizione del Calcolitico a partire da circa 6.500 anni fa (4500 aC), segnato dallo sviluppo della metallurgia, fino all'Età del Bronzo e all'Età del Ferro .

In altri luoghi il Neolitico seguì il Mesolitico e poi durò fino a tardi. Nell'antico Egitto, il periodo neolitico durò fino al periodo protodinastico, c. 3150 a.C. In Cina durò fino al 2000 aC circa con l'ascesa della cultura pre-Shang Erlitou, mentre nel Nord Europa il Neolitico durò fino al 1700 aC circa. Alcune altre parti del mondo (compresa l'Oceania e le regioni settentrionali delle Americhe) rimasero sostanzialmente nella fase di sviluppo neolitica fino al contatto europeo .

Il Neolitico introdusse la Rivoluzione Neolitica o "pacchetto neolitico", comprendente una progressione di caratteristiche e cambiamenti comportamentali e culturali, soprattutto l' introduzione dell'allevamento e dell'uso di animali domestici .

Il termine Neolitico è moderno, basato sul greco νέος néos 'nuovo' e λίθος líthos 'pietra', letteralmente 'Nuova età della pietra'. Il termine fu coniato da Sir John Lubbock nel 1865 come perfezionamento del sistema delle tre età .

Origine

Centri approssimativi di origine dell'agricoltura nella rivoluzione neolitica e nella sua diffusione nella preistoria: la Mezzaluna Fertile (11.000 a.C. ), i bacini dei fiumi Yangtze e Giallo (9.000 a.C.) e gli altopiani della Nuova Guinea (9.000–6.000 a.C.), Messico centrale (5.000 –4.000 a.C.), Sud America settentrionale (5.000–4.000 a.C.), Africa subsahariana (5.000–4.000 a.C., posizione esatta sconosciuta), Nord America orientale (4.000–3.000 a.C.).

Seguendo la cronologia ASPRO, il Neolitico iniziò intorno al 10.200 aC nel Levante, derivante dalla cultura natufia, quando l'uso pionieristico dei cereali selvatici si sviluppò nell'agricoltura precoce . Il periodo natufiano o "proto-neolitico" durò dal 12.500 al 9.500 a.C. e si pensa che si sovrapponga al neolitico pre-ceramico ( PPNA ) del 10.200–8800 a.C. Poiché i Natufiani erano diventati dipendenti dai cereali selvatici nella loro dieta e tra loro era iniziato uno stile di vita sedentario, si pensa che i cambiamenti climatici associati al Younger Dryas (circa 10.000 aC) abbiano costretto le persone a sviluppare l'agricoltura.

Entro il 10.200–8.800 aC comunità agricole erano sorte nel Levante e si erano diffuse in Asia Minore, Nord Africa e Mesopotamia settentrionale . La Mesopotamia è il luogo dei primi sviluppi della rivoluzione neolitica intorno al 10.000 a.C.

L'agricoltura del primo Neolitico era limitata a una ristretta gamma di piante, sia selvatiche che domestiche, che includeva il grano monococco, il miglio e il farro e l'allevamento dei cani . Intorno all'8000 aC comprendeva pecore e capre addomesticate, bovini e maiali .

Non tutti questi elementi culturali caratteristici del Neolitico apparivano ovunque nello stesso ordine: le prime società agricole del Vicino Oriente non utilizzavano la ceramica. In altre parti del mondo, come l' Africa, l'Asia meridionale e il sud-est asiatico, gli eventi di addomesticamento indipendenti hanno portato alle loro culture neolitiche distintive a livello regionale, che sono sorte in modo completamente indipendente da quelle in Europa e nel sud-ovest asiatico. Le prime società giapponesi e altre culture dell'Asia orientale usavano la ceramica prima di sviluppare l'agricoltura.

Periodi per regione

Asia sudoccidentale

Una serie di manufatti neolitici, inclusi braccialetti, teste d'ascia, scalpelli e strumenti per lucidare.

In Medio Oriente, le culture identificate come neolitiche iniziarono ad apparire nel X millennio a.C. Il primo sviluppo avvenne nel Levante (es . Neolitico preceramico A e Neolitico preceramico B ) e da lì si diffuse verso est e verso ovest. Le culture neolitiche sono attestate anche nell'Anatolia sud-orientale e nella Mesopotamia settentrionale intorno all'8000 a.C.

Neolitico preceramico A

Il periodo del Neolitico 1 (PPNA) iniziò all'incirca intorno al 10.000 aC nel Levante . Un'area del tempio nella Turchia sudorientale a Göbekli Tepe, datata intorno al 9500 aC, può essere considerata l'inizio del periodo. Questo sito è stato sviluppato da tribù nomadi di cacciatori-raccoglitori, come dimostra la mancanza di alloggi permanenti nelle vicinanze, e potrebbe essere il più antico luogo di culto creato dall'uomo conosciuto. Almeno sette cerchi di pietre, che coprono 25 acri (10 ettari), contengono pilastri di pietra calcarea scolpiti con animali, insetti e uccelli. Strumenti di pietra furono usati forse da centinaia di persone per creare i pilastri, che avrebbero potuto sostenere i tetti. Altri primi siti PPNA risalenti al 9500-9000 aC circa sono stati trovati a Tell es-Sultan (l'antica Gerico), Israele (in particolare Ain Mallaha, Nahal Oren e Kfar HaHoresh ), Ghilgal nella Valle del Giordano e Byblos, Libano . L'inizio del Neolitico 1 si sovrappone in una certa misura ai periodi Tahuniano e Neolitico Pesante .

Il principale progresso del Neolitico 1 fu la vera agricoltura. Nelle culture natufiane proto-neolitiche, i cereali selvatici venivano raccolti e forse si verificava la selezione e la risemina precoci dei semi. Il grano è stato macinato in farina. Il farro veniva addomesticato e gli animali venivano allevati e addomesticati ( allevamento di animali e allevamento selettivo ).

Nel 2006 sono stati scoperti resti di fichi in una casa a Gerico datata 9400 a.C. I fichi sono di una varietà mutante che non può essere impollinata dagli insetti, e quindi gli alberi possono riprodursi solo per talea. Questa evidenza suggerisce che i fichi sono stati la prima coltura coltivata e segnano l'invenzione della tecnologia dell'agricoltura. Ciò avvenne secoli prima della prima coltivazione dei cereali.

Gli insediamenti divennero più permanenti, con case circolari, molto simili a quelle dei Natufiani, con stanze singole. Tuttavia, queste case furono per la prima volta fatte di mattoni di fango . L'insediamento aveva un muro di cinta in pietra e forse una torre in pietra (come a Gerico). Il muro serviva come protezione dai gruppi vicini, come protezione dalle inondazioni o per tenere gli animali in gabbia. Alcuni dei recinti suggeriscono anche la conservazione di grano e carne.

Neolitico preceramico B

Figurine femminili e maschili; 9000–7000 aC; gesso con intarsi in bitume e pietra; da Tell Fekheriye ( governatorato di Al-Hasakah della Siria ); Istituto Orientale dell'Università di Chicago (USA)

Il Neolitico 2 (PPNB) iniziò intorno all'8800 aC secondo la cronologia ASPRO nel Levante ( Gerico, Cisgiordania). Come per le date PPNA, ci sono due versioni degli stessi laboratori sopra indicati. Questo sistema di terminologia, tuttavia, non è conveniente per l' Anatolia sudorientale e gli insediamenti del bacino dell'Anatolia media. Un insediamento di 3.000 abitanti è stato trovato alla periferia di Amman, in Giordania . Considerato uno dei più grandi insediamenti preistorici del Vicino Oriente, chiamato 'Ain Ghazal, fu abitato ininterrottamente dal 7250 aC circa al 5000 aC circa.

Gli insediamenti hanno case rettangolari di mattoni di fango dove la famiglia viveva insieme in stanze singole o multiple. I reperti funerari suggeriscono un culto degli antenati in cui le persone conservavano i teschi dei morti, che erano intonacati di fango per creare i lineamenti del viso. Il resto del cadavere avrebbe potuto essere lasciato fuori dall'insediamento a decadere fino a quando non erano rimaste solo le ossa, quindi le ossa sono state sepolte all'interno dell'insediamento sotto il pavimento o tra le case.

Neolitico preceramico C

Il lavoro nel sito di 'Ain Ghazal in Giordania ha indicato un successivo periodo del Neolitico C pre-ceramico . Juris Zarins ha proposto che un complesso pastorale nomade Circum Arabian si sia sviluppato nel periodo dalla crisi climatica del 6200 a.C., in parte a causa di una crescente enfasi nelle culture PPNB sugli animali domestici e di una fusione con i cacciatori-raccoglitori harifiani nel Levante meridionale, con legami di affiliazione con le culture del Fayyum e del deserto orientale dell'Egitto . Le culture che praticano questo stile di vita si sono diffuse lungo la costa del Mar Rosso e si sono spostate a est dalla Siria all'Iraq meridionale .

Neolitico tardo

Il tardo neolitico iniziò intorno al 6.400 aC nella Mezzaluna Fertile . A quel punto emersero culture distintive, con ceramiche come Halafian (Turchia, Siria, Mesopotamia settentrionale) e Ubaid (Mesopotamia meridionale). Questo periodo è stato ulteriormente suddiviso in PNA (Pottery Neolithic A) e PNB (Pottery Neolithic B) in alcuni siti.

Il periodo Calcolitico (Pietra-Bronzo) iniziò intorno al 4500 aC, poi iniziò l' età del Bronzo intorno al 3500 aC, sostituendo le culture neolitiche.

Mezzaluna fertile

Le statue di 'Ain Ghazal, trovate ad 'Ain Ghazal in Giordania, sono considerate una delle prime rappresentazioni su larga scala della forma umana risalenti al 7250 a.C. circa.

Intorno al 10.000 aC apparvero nella Mezzaluna Fertile le prime culture neolitiche completamente sviluppate appartenenti alla fase Pre-Pottery Neolithic A (PPNA). Intorno al 10.700–9400 aC fu stabilito un insediamento a Tell Qaramel, 16 km a nord di Aleppo . L'insediamento comprendeva due templi risalenti al 9650 aC. Intorno al 9000 aC durante la PPNA, una delle prime città del mondo, Gerico, apparve nel Levante. Era circondato da un muro di pietra, potrebbe aver contenuto una popolazione fino a 2.000-3.000 persone e conteneva una massiccia torre di pietra. Intorno al 6400 aC la cultura Halaf apparve in Siria e nella Mesopotamia settentrionale.

Nel 1981, un team di ricercatori della Maison de l'Orient et de la Méditerranée, tra cui Jacques Cauvin e Oliver Aurenche, divise la cronologia del Neolitico del Vicino Oriente in dieci periodi (da 0 a 9) in base a caratteristiche sociali, economiche e culturali. Nel 2002, Danielle Stordeur e Frédéric Abbès hanno avanzato questo sistema con una divisione in cinque periodi.

  1. Natufiano tra il 12.000 e il 10.200 a.C.,
  2. Khiamian tra il 10.200 e l'8800 a.C., PPNA : Sultanian (Gerico), Mureybetian,
  3. PPNB iniziale ( PPNB ancien ) tra l'8800 e il 7600 a.C., PPNB medio ( PPNB moyen ) tra il 7600 e il 6900 a.C.,
  4. PPNB tardo ( PPNB récent ) tra il 7500 e il 7000 aC,
  5. Una fase di transizione PPNB (a volte chiamata PPNC) ( PPNB finale ) in cui Halaf e ceramica brunita dalla faccia scura iniziano ad emergere tra il 6900 e il 6400 a.C.

Hanno anche avanzato l'idea di una fase di transizione tra PPNA e PPNB tra l'8800 e l'8600 aC in siti come Jerf el Ahmar e Tell Aswad .

Mesopotamia meridionale

Pianure alluvionali ( Sumer / Elam ). Le scarse precipitazioni rendono necessari i sistemi di irrigazione . Cultura Ubaid dal 6.900 a.C.

Nord Africa

Pitture rupestri algerine raffiguranti scene di caccia

L'addomesticamento di pecore e capre raggiunse l' Egitto dal Vicino Oriente forse già nel 6000 a.C. Graeme Barker afferma: "La prima prova indiscutibile di piante e animali domestici nella valle del Nilo non risale all'inizio del quinto millennio a.C. nel nord dell'Egitto e mille anni dopo più a sud, in entrambi i casi come parte di strategie che facevano ancora molto affidamento sulla pesca, caccia e raccolta di piante selvatiche" e suggerisce che questi cambiamenti di sussistenza non erano dovuti alla migrazione degli agricoltori dal Vicino Oriente, ma era uno sviluppo indigeno, con cereali indigeni o ottenuti attraverso lo scambio. Altri studiosi sostengono che lo stimolo principale per l'agricoltura e gli animali domestici (così come l'architettura in mattoni di fango e altre caratteristiche culturali neolitiche) in Egitto provenisse dal Medio Oriente.

Africa sub-sahariana

Il Neolitico pastorale si riferisce a un periodo della preistoria dell'Africa che segnò l'inizio della produzione alimentare nel continente dopo la tarda età della pietra . In contrasto con il Neolitico in altre parti del mondo, che vide lo sviluppo delle società agricole, la prima forma di produzione alimentare africana fu la pastorizia mobile, ovvero stili di vita incentrati sulla pastorizia e sulla gestione del bestiame. Il termine "neolitico pastorale" è usato più spesso dagli archeologi per descrivere i primi periodi pastorali nel Sahara, così come nell'Africa orientale .

Il Neolitico pastorale della savana o SPN (precedentemente noto come Stone Bowl Culture ) è una raccolta di società antiche apparse nella Rift Valley dell'Africa orientale e nelle aree circostanti durante un periodo noto come Neolitico pastorale . Erano pastori di lingua cuscitica meridionale, che tendevano a seppellire i loro morti negli ometti mentre il loro kit di attrezzi era caratterizzato da ciotole di pietra, pestelli, macine e pentole di terracotta. Attraverso l'archeologia, la linguistica storica e l'archeologia, sono stati convenzionalmente identificati con i primi coloni di lingua afroasiatica dell'area. La datazione archeologica di ossa di bestiame e ometti funerari ha anche stabilito il complesso culturale come il primo centro di pastorizia e costruzione in pietra della regione.

Europa

Figura femminile di Tumba Madžari, Macedonia del Nord
Mappa che mostra la distribuzione di alcuni dei principali complessi culturali dell'Europa neolitica, c. 3500 a.C
Skara Brae, Scozia. Prove di arredi per la casa (scaffali)

Nell'Europa sudorientale le società agrarie apparvero per la prima volta nel VII millennio a.C., attestato da uno dei primi siti agricoli d'Europa, scoperto a Vashtëmi, nel sud-est dell'Albania e risalente al 6500 a.C. Nella maggior parte dell'Europa occidentale è seguito nei duemila anni successivi, ma in alcune parti dell'Europa nordoccidentale è molto più tardi, durando poco meno di 3.000 anni dal c. 4500 a.C.–1700 a.C.

Statuette antropomorfe sono state trovate nei Balcani dal 6000 a.C. e nell'Europa centrale intorno al 5800 a.C. ( La Hoguette ). Tra i primi complessi culturali di quest'area ci sono la cultura Sesklo in Tessaglia, che in seguito si espanse nei Balcani dando origine a Starčevo-Körös (Cris), Linearbandkeramik e Vinča . Attraverso una combinazione di diffusione culturale e migrazione di popoli, le tradizioni neolitiche si diffusero verso ovest e verso nord fino a raggiungere l'Europa nord-occidentale intorno al 4500 a.C. La cultura Vinča potrebbe aver creato il primo sistema di scrittura, i segni Vinča, anche se l'archeologo Shan Winn crede che molto probabilmente rappresentassero pittogrammi e ideogrammi piuttosto che una forma di scrittura veramente sviluppata.

La cultura Cucuteni-Trypillian costruì enormi insediamenti in Romania, Moldova e Ucraina dal 5300 al 2300 aC. I complessi di templi megalitici di Ġgantija sull'isola mediterranea di Gozo (nell'arcipelago maltese) e di Mnajdra (Malta) sono notevoli per le loro gigantesche strutture neolitiche, le più antiche delle quali risalgono al 3600 aC circa. L' Ipogeo di Ħal-Saflieni, Paola, Malta, è una struttura sotterranea scavata intorno al 2500 aC; originariamente un santuario, divenne una necropoli, l'unico tempio sotterraneo preistorico al mondo, e mostra un grado di abilità artistica nella scultura in pietra unico nella preistoria delle isole maltesi. Dopo il 2500 aC, queste isole si spopolarono per diversi decenni fino all'arrivo di un nuovo afflusso di immigrati dell'età del bronzo, una cultura che cremava i suoi morti e introdusse a Malta strutture megalitiche più piccole chiamate dolmen . Nella maggior parte dei casi sono presenti piccole camere, con la copertura costituita da una grande lastra posta su pietre verticali. Si dice che appartengano a una popolazione diversa da quella che costruì i precedenti templi megalitici. Si presume che la popolazione sia arrivata dalla Sicilia per la somiglianza dei dolmen maltesi con alcune piccole costruzioni ivi rinvenute.

Asia meridionale e orientale

La vita stabile, che comprende il passaggio dal foraggiamento all'agricoltura e alla pastorizia, iniziò nell'Asia meridionale nella regione del Belucistan, in Pakistan, intorno al 7.000 a.C. Nel sito di Mehrgarh, Belucistan, è documentata la presenza dell'addomesticamento del grano e dell'orzo, seguito rapidamente da quello di capre, pecore e bovini. Nell'aprile 2006, è stato annunciato sulla rivista scientifica Nature che la più antica (e la prima prova del Neolitico antico ) per la perforazione dei denti in vivo (usando trapani ad arco e punte di selce ) è stata trovata a Mehrgarh.

石杯, 新石器時代
Coppa in pietra, periodo neolitico, cultura manciuriana

Nell'India meridionale, il Neolitico iniziò nel 6500 a.C. e durò fino al 1400 a.C. circa, quando iniziò il periodo di transizione megalitico. Il Neolitico dell'India meridionale è caratterizzato da cumuli di cenere del 2500 a.C. nella regione del Karnataka, ampliati successivamente nel Tamil Nadu .

Ascia di pietra, periodo neolitico, cultura della Manciuria
石斧,新石器時代早期
Grande ascia di pietra, Neolitico antico, Cultura della Manciuria
石錛, 圓形, 新石器時代
Zappa di pietra rotonda, Neolitico antico, Cultura della Manciuria

Nell'Asia orientale, i primi siti includono la cultura Nanzhuangtou intorno al 9500–9000 aC, la cultura Pengtoushan intorno al 7500–6100 aC e la cultura Peiligang intorno al 7000–5000 aC. Il sito preistorico di Beifudi vicino a Yixian nella provincia di Hebei, in Cina, contiene reliquie di una cultura contemporanea alle culture Cishan e Xinglongwa di circa 6000–5000 aC, culture neolitiche a est dei monti Taihang, colmando un divario archeologico tra le due culture della Cina settentrionale . L'area totale scavata è di oltre 1.200 iarde quadrate (1.000 m 2 ; 0,10 ha) e la raccolta di reperti neolitici nel sito comprende due fasi.

Il "Neolitico" (definito in questo paragrafo come l'uso di strumenti in pietra levigata) rimane una tradizione vivente in piccole, estremamente remote e inaccessibili sacche della Papua occidentale (Nuova Guinea indonesiana). Ascia e asce in pietra levigata sono utilizzate ai giorni nostri (a partire dal 2008) nelle aree in cui la disponibilità di strumenti metallici è limitata. È probabile che cesserà del tutto nei prossimi anni quando la generazione più anziana si estinguerà e prevarranno lame d'acciaio e motoseghe.

Nel 2012 è stata pubblicata la notizia di un nuovo sito agricolo scoperto a Munam-ri, Goseong, provincia di Gangwon, Corea del Sud, che potrebbe essere il primo terreno agricolo conosciuto fino ad oggi nell'Asia orientale. "Nessun resto di un campo agricolo del periodo neolitico è stato trovato prima in nessun Paese dell'Asia orientale, ha affermato l'istituto, aggiungendo che la scoperta rivela che la storia della coltivazione agricola almeno è iniziata durante il periodo nella penisola coreana ". La fattoria è stata datata tra il 3600 e il 3000 aC. Sono state trovate anche ceramiche, punte di proiettili in pietra e possibili case. "Nel 2002, i ricercatori hanno scoperto terracotta preistorica, orecchini di giada, tra gli altri oggetti della zona". Il team di ricerca eseguirà la datazione della spettrometria di massa con acceleratore (AMS) per recuperare una data più precisa per il sito.

Le Americhe

In Mesoamerica, una serie simile di eventi (ad esempio, addomesticamento delle colture e stili di vita sedentari) si verificò intorno al 4500 aC, ma forse già tra l'11.000 e il 10.000 aC. Queste culture di solito non sono indicate come appartenenti al Neolitico; in America vengono usati termini diversi come Stadio formativo invece di Neolitico medio-tardo, Era arcaica invece di Neolitico antico e Paleo-indiano per il periodo precedente.

La fase formativa è equivalente al periodo della rivoluzione neolitica in Europa, Asia e Africa. Negli Stati Uniti sudoccidentali si verificò dal 500 al 1200 d.C. quando ci fu un drammatico aumento della popolazione e lo sviluppo di grandi villaggi supportati dall'agricoltura basata sull'allevamento di mais nelle zone aride e, successivamente, fagioli, zucca e tacchini domestici. In questo periodo furono introdotti anche l'arco e le frecce e la ceramica. In periodi successivi si svilupparono città di notevoli dimensioni e nel 700 a.C. una certa metallurgia.

Australia

L'Australia, a differenza della Nuova Guinea, è stata generalmente ritenuta non aver avuto un periodo neolitico, con uno stile di vita di cacciatori-raccoglitori che è continuato fino all'arrivo degli europei. Questo punto di vista può essere contestato in termini di definizione di agricoltura, ma "Neolitico" rimane un concetto usato raramente e non molto utile nella discussione della preistoria australiana .

Caratteristiche culturali

Organizzazione sociale

Figurina neolitica antropomorfa
Figurina antropomorfa in ceramica neolitica

Durante la maggior parte dell'età neolitica dell'Eurasia, le persone vivevano in piccole tribù composte da più bande o lignaggi. Ci sono poche prove scientifiche di una stratificazione sociale sviluppata nella maggior parte delle società neolitiche; la stratificazione sociale è più associata alla tarda età del bronzo . Sebbene alcune società del tardo neolitico eurasiatico formassero complessi chiefdom stratificati o addirittura stati, generalmente gli stati si sono evoluti in Eurasia solo con l'ascesa della metallurgia e la maggior parte delle società neolitiche nel complesso erano relativamente semplici ed egualitarie. Al di là dell'Eurasia, tuttavia, durante il Neolitico locale si formarono stati in tre aree, vale a dire nelle Ande preceramiche con la Civiltà Norte Chico, la Mesoamerica formativa e le Antiche Hawai'i . Tuttavia, la maggior parte delle società neolitiche erano notevolmente più gerarchiche delle culture del Paleolitico superiore che le hanno precedute e delle culture di cacciatori-raccoglitori in generale.

Figurina umana in argilla (dea della fertilità) Tappeh Sarab, Kermanshah ca. 7000-6100 aC, periodo neolitico, Museo Nazionale dell'Iran

L' addomesticamento di grandi animali (c. 8000 aC) provocò un drammatico aumento della disuguaglianza sociale nella maggior parte delle aree in cui si verificò; La Nuova Guinea è una notevole eccezione. Il possesso di bestiame ha consentito la concorrenza tra le famiglie e ha portato a disuguaglianze ereditarie di ricchezza. I pastori neolitici che controllavano grandi mandrie acquisirono gradualmente più bestiame e questo rese più pronunciate le disuguaglianze economiche. Tuttavia, le prove della disuguaglianza sociale sono ancora controverse, poiché insediamenti come Catal Huyuk rivelano una sorprendente mancanza di differenze nelle dimensioni delle case e dei luoghi di sepoltura, suggerendo una società più egualitaria senza prove del concetto di capitale, sebbene alcune case appaiano leggermente più grande o decorato in modo più elaborato rispetto ad altri.

Le famiglie e le famiglie erano ancora ampiamente indipendenti economicamente e la famiglia era probabilmente il centro della vita. Tuttavia, gli scavi nell'Europa centrale hanno rivelato che le prime culture della ceramica lineare neolitica (" Linearbandkeramik ") stavano costruendo grandi disposizioni di fossati circolari tra il 4800 e il 4600 aC. Queste strutture (e le loro controparti successive come recinti rialzati, tumuli funerari e henge ) hanno richiesto molto tempo e manodopera per essere costruite, il che suggerisce che alcuni individui influenti fossero in grado di organizzare e dirigere il lavoro umano, sebbene il lavoro non gerarchico e volontario rimanga una possibilità .

C'è un ampio corpus di prove per insediamenti fortificati nei siti Linearbandkeramik lungo il Reno, poiché almeno alcuni villaggi furono fortificati per qualche tempo con una palizzata e un fossato esterno. Insediamenti con palizzate e ossa traumatizzate da armi, come quelle trovate nella fossa della morte di Talheim, sono stati scoperti e dimostrano che "... la violenza sistematica tra gruppi" e la guerra erano probabilmente molto più comuni durante il Neolitico che nel precedente periodo Paleolitico . Ciò ha soppiantato una precedente visione della cultura della ceramica lineare come di uno "stile di vita pacifico e non fortificato".

Il controllo del lavoro e il conflitto tra i gruppi è caratteristico dei gruppi tribali con rango sociale che sono guidati da un individuo carismatico – un ' omone ' o un protocapo – che funge da capo di un gruppo di lignaggio. È discutibile se esistesse un sistema di organizzazione non gerarchico e non ci sono prove che suggeriscano esplicitamente che le società neolitiche funzionassero sotto qualsiasi classe o individuo dominante, come avveniva nei chiefdom della prima età del bronzo europea . Sono emerse teorie per spiegare l'apparente egualitarismo implicito delle società neolitiche (e paleolitiche), in particolare il concetto marxista di comunismo primitivo .

Rifugio e sedentismo

Ricostruzione della casa neolitica a Tuzla, Bosnia ed Erzegovina

Il rifugio dei primi popoli cambiò radicalmente dal Paleolitico superiore al Neolitico. Nel Paleolitico, le persone normalmente non vivevano in costruzioni permanenti. Nel Neolitico iniziarono ad apparire case in mattoni di fango rivestite di intonaco. La crescita dell'agricoltura ha reso possibili case permanenti. Sul tetto sono state realizzate delle porte, con scale posizionate sia all'interno che all'esterno delle case. Il tetto era sostenuto da travi dall'interno. Il terreno accidentato era coperto da piattaforme, stuoie e pelli su cui dormivano i residenti. Gli insediamenti palafitticoli erano diffusi nell'area alpina e nella pianura padana ( Terramare ). Resti sono stati trovati, ad esempio, nella palude di Lubiana in Slovenia e nei laghi Mondsee e Attersee nell'Alta Austria .

agricoltura

maiale di terracotta, cultura Xinglongwa, primo periodo neolitico
Cibo e oggetti da cucina recuperati in un sito del Neolitico europeo: macine, pane carbonizzato, cereali e piccole mele, una pentola di terracotta e contenitori di corna e legno
Coppa rossa, terracotta, primo periodo neolitico, Xinglongwa Cultur

Un cambiamento significativo e di vasta portata nella sussistenza umana e nello stile di vita doveva essere determinato nelle aree in cui furono inizialmente sviluppate la coltivazione e la coltivazione dei raccolti: la precedente dipendenza da una tecnica di sussistenza essenzialmente nomade di cacciatori-raccoglitori o transumanza pastorale fu dapprima integrata, e poi sempre più sostituito da una dipendenza dagli alimenti prodotti dalle terre coltivate. Si ritiene inoltre che questi sviluppi abbiano notevolmente incoraggiato la crescita degli insediamenti, poiché si può supporre che la maggiore necessità di dedicare più tempo e manodopera nella cura dei campi coltivati ​​richiedesse abitazioni più localizzate. Questa tendenza sarebbe continuata nell'età del bronzo, dando infine origine a città agricole stabilite in modo permanente, e successivamente città e stati le cui popolazioni più numerose potrebbero essere sostenute dall'aumento della produttività delle terre coltivate.

Le profonde differenze nelle interazioni umane e nei metodi di sussistenza associati all'inizio delle prime pratiche agricole nel Neolitico sono state chiamate Rivoluzione Neolitica, termine coniato negli anni '20 dall'archeologa australiana Vere Gordon Childe .

Un potenziale vantaggio dello sviluppo e della crescente sofisticazione della tecnologia agricola era la possibilità di produrre raccolti in eccesso, in altre parole, forniture alimentari in eccesso rispetto ai bisogni immediati della comunità. Le eccedenze potrebbero essere immagazzinate per un uso successivo o eventualmente scambiate con altre necessità o lussi. La vita agricola offriva garanzie che la vita nomade non poteva e le popolazioni agricole sedentarie crebbero più velocemente di quelle nomadi.

Tuttavia, anche i primi agricoltori furono colpiti negativamente in tempi di carestia, che potrebbero essere causati da siccità o parassiti . Nei casi in cui l'agricoltura era diventata lo stile di vita predominante, la sensibilità a queste carenze poteva essere particolarmente acuta, colpendo le popolazioni agrarie in una misura che altrimenti non sarebbe stata sperimentata di routine dalle precedenti comunità di cacciatori-raccoglitori. Tuttavia, le comunità agrarie si sono generalmente rivelate vincenti e la loro crescita e l'espansione del territorio coltivato sono continuate.

Un altro cambiamento significativo subito da molte di queste nuove comunità agrarie è stato quello della dieta . Le diete preagrarie variavano per regione, stagione, risorse vegetali e animali locali disponibili e grado di pastorizia e caccia. La dieta post-agraria era limitata a un pacchetto limitato di cereali, piante e, in misura variabile, animali domestici e prodotti animali coltivati ​​con successo. L'integrazione della dieta mediante caccia e raccolta è stata in misura variabile preclusa dall'aumento della popolazione al di sopra della capacità di carico della terra e da un'elevata concentrazione di popolazione locale sedentaria. In alcune culture, ci sarebbe stato uno spostamento significativo verso un aumento dell'amido e delle proteine ​​vegetali. I benefici e gli svantaggi nutrizionali relativi di questi cambiamenti nella dieta e il loro impatto complessivo sullo sviluppo sociale iniziale sono ancora dibattuti.

Inoltre, l'aumento della densità di popolazione, la diminuzione della mobilità della popolazione, la maggiore vicinanza continua agli animali domestici e l'occupazione continua di siti relativamente densi di popolazione avrebbero alterato le esigenze igienico -sanitarie e i modelli di malattia .

Tecnologia litica

La caratteristica identificativa della tecnologia neolitica è l'uso di strumenti in pietra levigata o levigata, in contrasto con gli strumenti in pietra a scaglie utilizzati durante il Paleolitico.

Le persone del Neolitico erano abili agricoltori, che producevano una gamma di strumenti necessari per la cura, la raccolta e la lavorazione dei raccolti (come lame di falce e mole ) e la produzione alimentare (es . ceramiche, strumenti in osso). Erano anche abili produttori di una gamma di altri tipi di strumenti e ornamenti in pietra, tra cui punte di proiettili, perline e statuette . Ma ciò che consentiva il disboscamento su larga scala era l' ascia di pietra levigata al di sopra di tutti gli altri strumenti. Insieme alle adze, che modellavano legno per riparo, strutture e canoe per esempio, questo ha permesso loro di sfruttare i loro terreni agricoli appena conquistati.

Anche i popoli neolitici del Levante, dell'Anatolia, della Siria, della Mesopotamia settentrionale e dell'Asia centrale erano abili costruttori, utilizzando mattoni di fango per costruire case e villaggi. A Çatalhöyük, le case sono state intonacate e dipinte con scene elaborate di esseri umani e animali. In Europa furono costruite lunghe case costruite con canne e fango . Furono costruite tombe elaborate per i morti. Queste tombe sono particolarmente numerose in Irlanda, dove ne esistono ancora molte migliaia. Il popolo neolitico nelle isole britanniche costruì lunghi tumuli e tombe a camera per i loro campi morti e rialzati, henge, miniere di selce e monumenti cursus . Era anche importante trovare modi per conservare il cibo per i mesi futuri, ad esempio modellando contenitori relativamente ermetici e usando sostanze come il sale come conservanti.

I popoli delle Americhe e del Pacifico mantennero per lo più il livello neolitico della tecnologia degli strumenti fino al momento del contatto europeo. Le eccezioni includono accette di rame e punte di lancia nella regione dei Grandi Laghi .

Vestiario

La maggior parte degli indumenti sembra essere stata realizzata con pelli di animali, come indicato dai ritrovamenti di un gran numero di spille in osso e corna che sono ideali per fissare la pelle. Il tessuto di lana e il lino potrebbero essere diventati disponibili durante il tardo Neolitico, come suggerito dai ritrovamenti di pietre perforate che (a seconda delle dimensioni) potrebbero essere servite come fuseruole o pesi da telaio .

Elenco dei primi insediamenti

Ricostruzione di una capanna Cucuteni-Trypillian, nel Museo Tripilliano, Ucraina
sito archeologico di Çatalhöyük nella pianura di Konya in Turchia

Gli insediamenti umani neolitici includono:

nome Posizione data iniziale (BC) data di fine (BC) Commenti
Dillo a Qaramel Siria 10.700 9400
Grotta Francthi Grecia 10.000 rioccupata tra il 7500 e il 6000 a.C
Gobekli Tepe Tacchino 9600 8000
Nanzhuangtou Hebei, Cina 9500 9000
Byblos Libano 8800 7000
Gerico ( Tell es-Sultan ) Cisgiordania 9500 derivante dalla precedente cultura natufiana epipaleolitica
Insediamento Pulli Estonia 8500 5000 il più antico insediamento conosciuto della cultura Kunda
Asıklı Höyük Anatolia centrale, Turchia, insediamento aceramico del periodo neolitico 8200 7400 correlando con l'E/MPPNB nel Levante
Nevali Cori Tacchino 8000
Bhirranà India 7600 7200 Articoli Hakra
Cultura Pengtoushan Cina 7500 6100 i residui di riso erano datati al carbonio-14 tra l'8200 e il 7800 aC
Çatalhoyük Tacchino 7500 5700
Mentesh Tepe e Kamiltepe Azerbaigian 7000 3000
'Ain Ghazal Giordania 7250 5000
Chogha Bonut Iran 7200
Jhusi India 7100
Mozza Israele 7000
Ganj Dareh Iran 7000
Lahuradewa India 7000 presenza di coltivazioni di riso, ceramiche ecc.
Jiahu Cina 7000 5800
Cnosso Creta 7000
Chirokizia Cipro 7000 4000
Mehrgarh Pakistan 7000 5500 cultura aceramica ma elaborata che include mattoni di fango, case, agricoltura ecc.
Sesklo Grecia 6850 con un margine di errore di 660 anni
Pianura di Horton Sri Lanka 6700 coltivazione di avena e orzo già nell'11.000 a.C
Porodin Macedonia del Nord 6500
Grotte di Padah-Lin Birmania 6000
Petnica Serbia 6000
Stara Zagora Bulgaria 5500
Cultura Cucuteni-Trypillian Ucraina, Moldavia e Romania 5500 2750
Dillo a Zeidan Siria settentrionale 5500 4000
Complesso della grotta di Tabon Quezon, Palawan, Filippine 5000 2000
Cultura Hemudu, piantagione di riso su larga scala Cina 5000 4500
I templi megalitici di Malta Malta 3600
Knap di Howar e Skara Brae Orcadi, Scozia 3500 3100
Brú na Boinne Irlanda 3500
Lough Gur Irlanda 3000
Insediamento Shengavit Armenia 3000 2200
Civilta Norte Chico, 30 insediamenti aceramici del periodo neolitico Perù costiero settentrionale 3000 1700
Tichit villaggio neolitico sull'altopiano di Tagant Mauritania centro-meridionale 2000 500
Oaxaca, stato Messico sudoccidentale 2000 nel 2000 aC villaggi sedentari neolitici erano stati stabiliti nella regione delle valli centrali di questo stato.
Laia Cina 2000
Periodo della ceramica di Mumun Penisola Coreana 1800 1500
Rivoluzione neolitica Giappone 500 300

La più antica strada costruita al mondo, la Post Track in Inghilterra, risale al 3838 aC e la struttura indipendente più antica del mondo è il tempio neolitico di Ġgantija a Gozo, Malta .

Elenco di culture e siti

Nota: le date sono molto approssimative e vengono fornite solo per una stima approssimativa; consultare ciascuna cultura per periodi di tempo specifici.

Neolitico antico
Periodizzazione: Il Levante : 9500–8000 aC; Europa : 5000–4000 aC; Altrove: varia notevolmente, a seconda della regione.

Neolitico medio
Periodizzazione: Il Levante : 8000–6000 aC; Europa : 4000–3500 aC; Altrove: varia notevolmente, a seconda della regione.

Neolitico successivo
Periodizzazione : 6500–4500 aC; Europa : 3500–3000 aC; Altrove: varia notevolmente, a seconda della regione.

Calcolitico

Periodizzazione: Vicino Oriente : 4500–3300 aC; Europa : 3000–1700 aC; Altrove : varia notevolmente, a seconda della regione. Nelle Americhe, l'Eneolitico terminò per alcuni popoli fino al XIX secolo d.C.

Cronologia comparativa

Guarda anche

Appunti

Riferimenti

Citazioni

Fonti

link esterno