Assedio di Calais (1346–1347) -Siege of Calais (1346–1347)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Assedio di Calais
Parte della campagna di Crécy durante la Guerra dei Cent'anni
Una colorata rappresentazione medievale di una fortificazione che viene assalita
Una rappresentazione del XV secolo di un assalto alla città
Data 4 settembre 1346 - 3 agosto 1347
Posizione
Calais, Francia
50°57′29″N 1°51′11″E / 50.9580°N 1.8530°E / 50.9580; 1.8530 Coordinate : 50.9580°N 1.8530°E50°57′29″N 1°51′11″E /  / 50.9580; 1.8530
Risultato vittoria inglese
belligeranti
Armi reali d'Inghilterra (1340-1367).svg Regno d'Inghilterra Blason paga fr FranceAncien.svg Regno di Francia
Comandanti e leader
Armi reali d'Inghilterra (1340-1367).svg Edoardo III Jean de Vienne
Forza
  • Tra 5.000 e 32.000 soldati in tempi diversi
  • Fino a 20.000 alleati fiamminghi
  • Fino a 24.000 marinai nella flotta di supporto
  • Dimensione della guarnigione: sconosciuta
  • Esercito da campo: fino a 20.000

L' assedio di Calais (4 settembre 1346 - 3 agosto 1347) avvenne al termine della campagna di Crécy . Un esercito inglese al comando del re Edoardo III d'Inghilterra assediò con successo la città francese di Calais durante la fase edoardiana della Guerra dei Cent'anni .

L'esercito inglese di circa 10.000 uomini era sbarcato nel nord della Normandia il 12 luglio 1346. Si imbarcò in un'incursione su larga scala, o chevauchée, che devastò gran parte della Francia settentrionale. Il 26 agosto 1346, combattendo su un terreno di loro scelta, gli inglesi inflissero una pesante sconfitta a un grande esercito francese guidato dal re Filippo VI nella battaglia di Crécy . Una settimana dopo gli inglesi investirono il porto ben fortificato di Calais, che aveva una forte guarnigione al comando di Jean de Vienne . Edward fece diversi tentativi infruttuosi di violare le mura o di prendere d'assalto la città, sia dalla terraferma che dal mare. Durante l'inverno e la primavera i francesi poterono rifornirsi e rinforzi via mare, ma alla fine di aprile gli inglesi stabilirono una fortificazione che consentiva loro di comandare l'ingresso al porto e interrompere l'ulteriore flusso di rifornimenti.

Il 25 giugno Jean de Vienne scrisse a Filippo affermando che il loro cibo era esaurito. Il 17 luglio Filippo marciò verso nord con un esercito stimato tra 15.000 e 20.000 uomini. Di fronte a una forza inglese e fiamminga ben radicata di oltre 50.000, si ritirò. Il 3 agosto Calais capitolò. Fornì agli inglesi un importante alloggio strategico per il resto della Guerra dei Cent'anni e oltre. Il porto non fu riconquistato dai francesi fino al 1558.

Sfondo

Dalla conquista normanna del 1066, i monarchi inglesi avevano detenuto titoli e terre all'interno della Francia, il cui possesso li rese vassalli dei re di Francia. Lo status dei feudi francesi del re inglese fu una delle principali fonti di conflitto tra le due monarchie per tutto il Medioevo . I monarchi francesi cercarono sistematicamente di controllare la crescita del potere inglese, strappando via terre quando se ne presentava l'opportunità. Nel corso dei secoli, i possedimenti inglesi in Francia avevano dimensioni variabili, ma nel 1337 era rimasta solo la Guascogna nel sud-ovest della Francia. I guasconi preferivano la loro relazione con un lontano re inglese che li lasciava soli, a quella con un re francese che avrebbe interferito nei loro affari. A seguito di una serie di disaccordi tra Filippo VI di Francia ( r. 1328–1350 ) ed Edoardo III d'Inghilterra ( r. 1327–1377 ), il 24 maggio 1337 il Gran Consiglio di Filippo a Parigi concordò che la Guascogna e Ponthieu dovessero essere riportati nella casa di Filippo mani sulla base del fatto che Edward aveva violato i suoi obblighi di vassallo. Questo segnò l'inizio della Guerra dei Cent'anni, che sarebbe durata 116 anni.

Preludio

Una mappa del sud-est dell'Inghilterra e del nord-est della Francia che mostra un percorso da Portsmouth, attraverso il canale fino alla Bretagna, prima di spostarsi lungo e su per la costa fino a Calais
Mappa del percorso della chevauchée di Edoardo III del 1346

Sebbene la Guascogna fosse la causa della guerra, Edward riuscì a risparmiare poche risorse per essa; ogni volta che un esercito inglese aveva fatto una campagna nel continente, aveva operato nel nord della Francia. Nel 1346 Edoardo sollevò un esercito in Inghilterra e la più grande flotta mai assemblata dagli inglesi fino a quella data, 747 navi. La flotta sbarcò il 12 luglio a St. Vaast la Hogue, a 20 miglia (32 km) da Cherbourg . Secondo gli storici moderni, l'esercito inglese era composto da circa 10.000 soldati inglesi e gallesi e da un piccolo numero di mercenari e alleati tedeschi e bretoni . Gli inglesi ottennero una completa sorpresa strategica e marciarono verso sud.

L'obiettivo di Edward era quello di condurre una chevauchée, un raid su larga scala, attraverso il territorio francese per ridurre il morale e la ricchezza del suo avversario. I suoi soldati rasero al suolo ogni città sul loro cammino e saccheggiarono tutto ciò che potevano dalla popolazione. La flotta inglese seguiva la rotta dell'esercito e le squadre di sbarco devastarono il paese fino a 5 miglia (8 km) nell'entroterra, prendendo grandi quantità di bottino; dopo che i loro equipaggi hanno riempito le loro stive, molte navi hanno disertato. Catturarono o bruciarono anche più di 100 navi francesi; 61 di questi erano stati convertiti in navi militari. Caen, il centro culturale, politico, religioso e finanziario della Normandia nord-occidentale, è stata presa d'assalto il 26 luglio . La maggior parte della popolazione fu massacrata, vi fu un'orgia di stupri da ubriachi e la città fu saccheggiata per cinque giorni. L'esercito inglese marciò verso la Senna il 1° agosto.

Hanno devastato il paese alla periferia di Rouen prima di lasciare un'ondata di distruzione, rapine e massacri lungo la riva sinistra della Senna fino a Poissy, a 20 miglia (32 km) da Parigi. Il duca Giovanni di Normandia, il figlio maggiore ed erede di Filippo, era stato a capo del principale esercito francese, facendo una campagna nella provincia della Guascogna occupata dagli inglesi, nel sud-ovest della Francia; Filippo gli ordinò di andare a nord, per rinforzare l'esercito di fronte a Edoardo. Nel frattempo, gli inglesi si erano rivolti a nord e erano rimasti intrappolati in un territorio che i francesi avevano privato del cibo. Sono fuggiti combattendo attraverso la Somme contro una forza di blocco francese. Due giorni dopo, il 26 agosto 1346, combattendo su un terreno di loro scelta, gli inglesi inflissero una pesante sconfitta ai francesi nella battaglia di Crécy .

Assedio

Un'immagine di Filippo VI, che indossa una veste rossa, un mantello grigio, una fascia d'oro, una corona d'oro e con in mano uno scettro d'oro
Filippo VI di Francia, come immaginato nel XIX secolo

Dopo aver riposato per due giorni e aver seppellito i morti, gli inglesi, richiedendo rifornimenti e rinforzi, marciarono verso nord. Continuarono a devastare la terra e rasero al suolo diverse città, tra cui Wissant, il normale porto di sbarco per le navi inglesi nel nord-est della Francia. Fuori dalla città in fiamme, Edoardo tenne un consiglio, che decise di catturare Calais . La città era un entrepôt ideale dal punto di vista inglese e vicino al confine tra le Fiandre e gli alleati fiamminghi di Edoardo. Gli inglesi arrivarono fuori città il 4 settembre e la assediarono.

Calais era fortemente fortificata: vantava un doppio fossato, possenti mura cittadine e la sua cittadella nell'angolo nord-ovest aveva un proprio fossato e fortificazioni aggiuntive. Era circondato da vaste paludi, alcune delle quali di marea, che rendevano difficile trovare piattaforme stabili per trabucchi e altre artiglierie, o per minare le mura. Era adeguatamente presidiato e rifornito, ed era sotto il comando dell'esperto Jean de Vienne . Potrebbe essere prontamente rinforzato e rifornito via mare. Il giorno dopo l'inizio dell'assedio, le navi inglesi arrivarono al largo e rifornirono, riequipaggiarono e rinforzarono l'esercito inglese. Gli inglesi si stabilirono per un lungo soggiorno, stabilendo un fiorente campo a ovest, Nouville, o "Città Nuova", con due giorni di mercato alla settimana. Un'importante operazione di approvvigionamento attingeva a fonti in Inghilterra e Galles per rifornire gli assedianti, nonché via terra dalle vicine Fiandre. Un totale di 853 navi, con equipaggio di 24.000 marinai, furono coinvolte nel corso dell'assedio; uno sforzo senza precedenti. Stanco di nove anni di guerra, il Parlamento accettò a malincuore di finanziare l'assedio. Edward lo dichiarò una questione d'onore e dichiarò la sua intenzione di rimanere fino alla caduta della città. Due cardinali in qualità di emissari di papa Clemente VI, che avevano tentato senza successo di negoziare la fine delle ostilità dal luglio 1346, continuarono a viaggiare tra gli eserciti, ma nessuno dei due re volle parlare con loro.

Disordine francese

Filippo vacillò: il giorno in cui iniziò l'assedio di Calais sciolse la maggior parte del suo esercito per risparmiare denaro, convinto che Edward avesse finito la sua chevauchée e si sarebbe recato nelle Fiandre e avrebbe spedito il suo esercito a casa. Il 7 settembre o poco dopo, il duca Giovanni prese contatto con Filippo, avendo già sciolto il suo stesso esercito. Il 9 settembre Filippo annunciò che l'esercito si sarebbe riunito a Compiègne il 1 ottobre, un intervallo incredibilmente breve, e poi avrebbe marciato in soccorso di Calais. Tra le altre conseguenze, questo equivoco permise alle forze inglesi nel sud-ovest, sotto il duca di Lancaster, di lanciare offensive nel Quercy e nei Bazadais ; e lancia una grande incursione a 160 miglia (260 km) a nord attraverso Saintonge, Aunis e Poitou, catturando numerose città, castelli e luoghi fortificati più piccoli e prendendo d'assalto la ricca città di Poitiers . Queste offensive interruppero completamente le difese francesi e spostarono il fulcro dei combattimenti dal cuore della Guascogna a 60 miglia (97 km) o più oltre i suoi confini. Poche truppe francesi erano arrivate a Compiègne entro il 1 ottobre e mentre Filippo e la sua corte aspettavano che i numeri aumentassero, giunsero notizie delle conquiste di Lancaster. Si credeva che Lancaster si stesse dirigendo verso Parigi e per bloccarlo i francesi cambiarono il punto di raccolta per tutti gli uomini non già impegnati a Compiègne a Orléans, e li ha rafforzati con alcuni di quelli già radunati. Dopo che Lancaster si voltò a sud per tornare in Guascogna, quei francesi già a Orléans o diretti verso Orléans furono reindirizzati a Compiègne; La pianificazione francese è crollata nel caos.

Da giugno Filippo aveva chiesto agli scozzesi di adempiere ai loro obblighi secondo i termini dell'Alleanza Auld e di invadere l'Inghilterra. Il re scozzese, David II, convinto che le forze inglesi fossero concentrate interamente sulla Francia, obbligarono il 7 ottobre. Fu portato in battaglia a Neville's Cross il 17 ottobre da una forza inglese più piccola reclutata esclusivamente dalle contee dell'Inghilterra settentrionale. La battaglia si concluse con la disfatta degli scozzesi, la cattura del loro re e la morte o cattura della maggior parte dei loro capi. Strategicamente questo liberò le risorse inglesi per la guerra contro la Francia e le contee di confine inglesi furono in grado di proteggersi dalla restante minaccia scozzese con le proprie risorse.

Anche se a Compiègne si erano radunati solo 3.000 uomini d'arme, il tesoriere francese non riuscì a pagarli. Filippo annullò tutti gli accordi offensivi il 27 ottobre e disperse il suo esercito. Le recriminazioni erano all'ordine del giorno: il maresciallo di Francia, Charles de Montmorency, fu licenziato; funzionari a tutti i livelli della Chambre des Comptes (il tesoro francese) furono licenziati; tutti gli affari finanziari furono affidati a un comitato di tre abati anziani ; il consiglio del re si adoperò per incolpare a vicenda le disgrazie del regno; Il duca Giovanni litigò con suo padre e si rifiutò di frequentare la corte per diversi mesi; Giovanna di Navarra, figlia di un precedente re di Francia ( Luigi X ) e in precedenza strenuo sostenitore di Filippo, dichiarò la neutralità, firmò una tregua privata con Lancaster e negò a Filippo l'accesso alle fortificazioni navarresi - Filippo fu notevolmente dispiaciuto, ma incapace di contrastare questo.

Operazioni militari

Una colorata immagine contemporanea di una città medievale sotto assalto
Una città medievale sotto assalto; miniatura da una cronaca di Jean Froissart

Durante l'inverno del 1346–47 l'esercito inglese si ridusse, forse fino a 5.000 uomini in alcuni punti. Ciò era dovuto a: scadenza del servizio di molti soldati; una deliberata riduzione da parte di Edward per motivi economici; un focolaio di dissenteria a Neuville che ha causato gravi perdite di vite umane; e diserzione diffusa. Nonostante il suo numero ridotto, tra la metà di novembre e la fine di febbraio Edoardo fece diversi tentativi di sfondare le mura con trabucchi o cannoni, o di prendere d'assalto la città, sia dalla terra che verso il mare; tutti non hanno avuto successo. Durante l'inverno i francesi fecero grandi sforzi per rafforzare le loro risorse navali. Ciò includeva galee francesi e mercenarie italiane e navi mercantili francesi, molte adattate per uso militare. Durante marzo e aprile, più di 1.000 tonnellate lunghe (1.000 t) di rifornimenti sono state portate a Calais senza opposizione. Filippo tentò di scendere in campo con il suo esercito alla fine di aprile, ma la capacità francese di riunirsi in modo tempestivo non era migliorata dall'autunno ea luglio non si era ancora completamente radunata. Le tasse si sono rivelate sempre più difficili da riscuotere, con molte città che utilizzavano tutti i fondi disponibili per rinforzare le proprie mura o equipaggiare la propria milizia, e gran parte della nobiltà paralizzata dai debiti accumulati per pagare i precedenti nove anni di guerra. Diversi nobili francesi hanno suggerito a Edward di poter cambiare la loro fedeltà. Combattimenti inconcludenti si verificarono in aprile e maggio: i francesi tentarono senza riuscirci di tagliare la rotta di rifornimento inglese alle Fiandre, mentre gli inglesi tentarono senza riuscirci di catturare Saint-Omer e Lille . A giugno i francesi tentarono di assicurarsi il loro fianco lanciando una grande offensiva contro i fiamminghi; questo fu sconfitto a Cassel .

All'inizio del 1347 Edoardo prese provvedimenti per aumentare sostanzialmente le dimensioni del suo esercito; in gran parte fu in grado di farlo perché la minaccia dell'esercito scozzese al nord dell'Inghilterra e la minaccia della marina francese al sud erano molto ridotte. È noto, ad esempio, che ordinò il reclutamento di 7.200 arcieri; questo è quasi tanti uomini quanto l'intera forza di invasione dell'anno precedente. Alla fine di aprile gli inglesi stabilirono una fortificazione all'estremità della lingua di sabbia a nord di Calais, che consentiva loro di comandare l'ingresso al porto e impedire che ulteriori rifornimenti raggiungessero la guarnigione. A maggio, giugno e luglio i francesi hanno tentato di forzare i convogli attraverso, senza successo. Il 25 giugno il comandante della guarnigione di Calais scrisse a Filippo affermando che il loro cibo era esaurito e suggerendo che avrebbero potuto ricorrere al cannibalismo. Nonostante le crescenti difficoltà finanziarie, gli inglesi rafforzarono costantemente il loro esercito fino al 1347, raggiungendo un picco di forza di 32.000; il più grande esercito inglese schierato all'estero prima del 1600. 20.000 fiamminghi furono radunati entro un giorno di marcia da Calais. La navigazione inglese gestiva un efficace servizio di traghetti per l'assedio dal giugno 1347, portando rifornimenti, equipaggiamenti e rinforzi.

Il 17 luglio Filippo guidò l'esercito francese a nord. Avvisato di ciò, Edward chiamò i fiamminghi a Calais. Il 27 luglio i francesi sono entrati in vista della città, a 6 miglia (10 km) di distanza. Il loro esercito era composto da 15.000 a 20.000 uomini; un terzo delle dimensioni degli inglesi e dei loro alleati, che avevano preparato terrapieni e palizzate a ogni approccio. La posizione inglese era chiaramente inattaccabile. Nel tentativo di salvare la faccia, Filippo ora ammise in udienza gli emissari del papa. A loro volta organizzarono colloqui, ma dopo quattro giorni di discussioni questi non ebbero successo. Il 1° agosto la guarnigione di Calais, dopo aver osservato per una settimana l'esercito francese apparentemente a portata di mano, fece segno di essere sul punto di arrendersi. Quella notte l'esercito francese si ritirò. Il 3 agosto 1347 Calais si arrese. L'intera popolazione francese fu espulsa. Una grande quantità di bottino è stata trovata all'interno della città. Edward ha ripopolato la città con coloni inglesi.

Attività successive

Un dipinto di testa e spalle di Edoardo III, in armatura e con una spada
Edoardo III d'Inghilterra, un ritratto del XVIII secolo

Non appena Calais capitolò, Edward pagò gran parte del suo esercito e liberò i suoi alleati fiamminghi. Filippo a sua volta ha respinto l'esercito francese. Edward lanciò prontamente forti incursioni fino a 30 miglia (48 km) nel territorio francese. Filippo tentò di richiamare il suo esercito, fissando una data per il 1 settembre, ma incontrò serie difficoltà. Il suo tesoro era esaurito e le tasse per la guerra dovevano essere raccolte in molti luoghi a punta di spada. Nonostante queste esigenze, il denaro pronto non era imminente. L'esercito francese aveva poco stomaco per ulteriori conflitti e Filippo si ridusse a minacciare di confiscare le proprietà dei nobili che si rifiutavano di radunarsi. Ha posticipato di un mese la data di raduno del suo esercito. Edward ha anche avuto difficoltà a raccogliere fondi, in parte a causa dei tempi imprevisti della necessità; ha impiegato misure draconiane, che erano estremamente impopolari. Gli inglesi subirono anche un paio di battute d'arresto militari: una grande incursione fu sbaragliata dalla guarnigione francese di Saint-Omer; e un convoglio di rifornimenti in rotta verso Calais fu catturato dai predoni francesi da Boulogne.

Date le disgrazie militari e l'esaurimento finanziario di entrambe le parti, gli emissari del papa trovarono ora ascoltatori volenterosi. I negoziati iniziarono il 4 settembre e il 28 era stata concordata una tregua. Il trattato favorì fortemente gli inglesi e li confermò in possesso di tutte le loro conquiste territoriali. La tregua di Calais fu concordata per una durata di nove mesi fino al 7 luglio 1348, ma fu prorogata più volte nel corso degli anni fino a quando non fu formalmente annullata nel 1355. La tregua non fermò gli scontri navali in corso tra i due paesi, né i combattimenti in Guascogna e Bretagna. Dopo la ripresa della guerra su vasta scala nel 1355, continuò fino al 1360, quando si concluse con una vittoria inglese con il Trattato di Brétigny . Il periodo della chevauchée, dallo sbarco in Normandia alla caduta di Calais, divenne noto come annus mirabilis (anno delle meraviglie) di Edoardo III.

Conseguenze

Quarto nobile d'oro di Edoardo III coniato a Calais tra il 1361 e il 1369

Calais fu vitale per lo sforzo dell'Inghilterra contro i francesi per il resto della guerra, essendo quasi impossibile sbarcare una grande forza se non in un porto amico. Ha anche consentito l'accumulo di rifornimenti e materiale prima di una campagna. Fu rapidamente costruito un anello di consistenti fortificazioni a difesa dell'accesso a Calais, che segnava il confine di un'area conosciuta come le Pale di Calais . La città aveva una guarnigione permanente estremamente grande di 1.400 uomini, praticamente un piccolo esercito, sotto il comando generale del Capitano di Calais, che aveva numerosi vice e sottoufficiali specializzati. Edoardo concesse a Calais numerose concessioni o privilegi commerciali e divenne il principale porto di ingresso per le esportazioni inglesi nel continente, posizione che mantiene tuttora. Calais fu infine persa dal monarca inglese Maria I, in seguito all'assedio di Calais del 1558 . La caduta di Calais segnò la perdita dell'ultimo possedimento dell'Inghilterra nella Francia continentale.

memoriali

Sei statue in bronzo a grandezza naturale di uomini che indossano vesti ed espressioni di angoscia
I borghesi di Calais di Auguste Rodin

Nel 1884 Calais commissionò una statua di Auguste Rodin ai capi della città al momento della loro resa a Edward. L'opera risultante, The Burghers of Calais, fu completata nel 1889. Un resoconto del cronista contemporaneo Froissart afferma che i borghesi si aspettavano di essere giustiziati, ma le loro vite furono risparmiate dall'intervento della regina d'Inghilterra, Philippa di Hainault, protettrice di Froissart, che persuase il marito a esercitare misericordia.

Note, citazioni e fonti

Appunti

Citazioni

Fonti