La caccia allo snark -The Hunting of the Snark

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

La caccia allo snark
La caccia allo snark (copertina).jpg
Copertina della prima edizione
Autore Lewis Carroll
Illustratore Enrico vacanze
Artista della copertina Enrico vacanze
Paese Regno Unito
Lingua inglese
Genere Poesia senza senso
Editore Editori Macmillan
Data di pubblicazione
29 marzo 1876
OCLC 2035667
Testo La caccia allo Snark su Wikisource

The Hunting of the Snark, sottotitolato An Agony in 8 Fits, è una poesia dello scrittore inglese Lewis Carroll . Di solito è classificato come una poesia senza senso . Scritto tra il 1874 e il 1876, prende in prestito l'ambientazione, alcune creature e otto parole portmanteau dal precedente poema di Carroll " Jabberwocky " nel romanzo per bambini Through the Looking-Glass (1871).

La narrazione segue un equipaggio di dieci persone che cerca di dare la caccia allo Snark, una creatura che potrebbe rivelarsi un Boojum molto pericoloso . L'unico membro dell'equipaggio a trovare lo Snark svanisce silenziosamente, portando il narratore a spiegare che lo Snark era dopotutto un Boojum. La poesia è dedicata alla giovane Gertrude Chataway, che Carroll incontrò nella località balneare inglese di Sandown nell'Isola di Wight nel 1875. Incluso in molte copie della prima edizione della poesia c'era il trattato religioso di Carroll, An Easter Greeting to Every Child Who Loves "Alice" .

The Hunting of the Snark è stato pubblicato da Macmillan nel Regno Unito nel marzo 1876, con illustrazioni di Henry Holiday . Aveva recensioni contrastanti da parte dei revisori, che l'hanno trovato strano. La prima stampa di The Hunting of the Snark consisteva in 10.000 copie. C'erano due ristampe entro la fine dell'anno; in totale, la poesia fu ristampata 17 volte tra il 1876 e il 1908. Carroll spesso negava di conoscere il significato dietro la poesia; tuttavia, in una risposta del 1896 a una lettera, era d'accordo con un'interpretazione del poema come un'allegoria per la ricerca della felicità. Henry Holiday, l'illustratore della poesia, considerava la poesia una "tragedia". Gli studiosi hanno trovato vari significati nel poema, tra cui l'angoscia esistenziale, un'allegoria per la tubercolosi e una presa in giro del caso Tichborne . The Hunting of the Snark è stato adattato per musical, opera, opere teatrali e musica.

Complotto

Collocamento

The Hunting of the Snark condivide la sua ambientazione immaginaria con la precedente poesia di Lewis Carroll " Jabberwocky " pubblicata nel suo romanzo per bambini del 1871 Through the Looking-Glass . Otto parole senza senso da "Jabberwocky" compaiono in The Hunting of the Snark : bandersnatch, beamish, frumious, galumphing, jubjub, mimsiest (che in precedenza era apparso come mimsy in "Jabberwocky"), outgrabe e uffish . In una lettera alla madre della sua giovane amica Gertrude Chataway, Carroll descrisse il dominio dello Snark come "un'isola frequentata dal jubjub e dal bandersnatch - senza dubbio l'isola stessa dove fu ucciso il jabberwock".

Caratteri

L'equipaggio è composto da dieci membri, le cui descrizioni iniziano tutte con la lettera B: un fattorino, il capo; un "Stivali" (l'unico membro dell'equipaggio senza illustrazione); un produttore di cofani e cappucci; un avvocato, che risolve le discussioni tra l'equipaggio; un Broker, che può valutare i beni dell'equipaggio; un marcatore di biliardo, che è molto abile; un banchiere, che possiede tutti i soldi dell'equipaggio; un Macellaio, che può uccidere solo i castori; un castoro, che fa merletti e ha salvato più volte l'equipaggio dal disastro; e un fornaio, che sa solo cuocere la torta nuziale, dimentica le sue cose e il suo nome, ma possiede coraggio.

Sommario

Illustrazione della caccia di Henry Holiday. Nota che accompagna Hope (al centro, con ancora) e Care (sullo sfondo, avvolta).

Dopo aver attraversato il mare guidati dalla mappa dell'Oceano del fattorino (un foglio di carta bianco), il gruppo di cacciatori arriva in una terra sconosciuta e il fattorino dice loro i cinque segni con cui è possibile identificare uno snark . Il fattorino li avverte che alcuni snark sono boojum altamente pericolosi; sentendo questo, il panettiere sviene. Una volta rianimato, il fornaio ricorda che suo zio lo aveva avvertito che se lo Snark si rivela essere un boojum, il cacciatore "svanirà dolcemente e improvvisamente e non sarà mai più incontrato". Il fornaio confessa che questa possibilità lo terrorizza.

Inizia la caccia:

Lo cercavano con i ditali, lo cercavano con cura;
Lo perseguirono con forchette e speranza;
Hanno minacciato la sua vita con una quota ferroviaria ;
Lo hanno incantato con sorrisi e sapone.

Lungo la strada, il Macellaio e il Castoro, in precedenza reciprocamente diffidenti, diventano subito amici dopo aver sentito il grido di un giuggiolo e il Macellaio finisce per dare al Castoro una lezione di matematica e zoologia. L'avvocato, nel frattempo, dorme e sogna di assistere a un processo a carico di un maiale accusato di aver abbandonato il suo porcile, con uno sarcasmo come avvocato difensore.

Durante la caccia, il banchiere viene attaccato da un bandersnatch e perde la sua sanità mentale dopo aver tentato di corrompere la creatura.

Il panettiere si precipita davanti alla festa e grida di aver trovato uno scherzo, ma quando arrivano gli altri, è misteriosamente scomparso.

Cacciarono finché non venne l'oscurità, ma non trovarono
un bottone, né una piuma, né un segno,
da cui potessero dire che si trovavano a terra
dove il Fornaio aveva incontrato lo Snark.

Nel bel mezzo della parola che stava cercando di dire,
nel mezzo delle sue risate e della sua gioia,
Egli era svanito dolcemente e all'improvviso —
Perché lo Snark era un Boojum, vedete.

Sviluppo

Sono state offerte due spiegazioni di quale evento nella vita di Carroll abbia dato origine a The Hunting of the Snark . Il biografo Morton N. Cohen collega la creazione di The Hunting of the Snark con la malattia del cugino e figlioccio di Carroll, il ventiduenne Charlie Wilcox. Il 17 luglio 1874 Carroll si recò a Guildford, nel Surrey, per prendersi cura di lui per sei settimane, mentre il giovane lottava contro la tubercolosi . Il giorno successivo, mentre faceva una passeggiata al mattino dopo solo poche ore di sonno, Carroll pensò al verso finale della poesia: "Perché lo Snark era un boojum, vedi".

Fuller Torrey e Judy Miller suggeriscono che l'evento che ha ispirato la poesia sia stata la morte improvvisa dell'amato zio di Carroll, Robert Wilfred Skeffington Lutwidge, causata da un paziente nel 1873 durante il periodo di Lutwidge come ispettore dei manicomi. Supportano la loro analisi con parti della poesia, come il consiglio dello zio del fornaio di cercare lo snark con "ditali, forchette e sapone", che, secondo Torrey e Miller, erano tutti oggetti che gli ispettori del manicomio controllavano durante le loro visite.

Holiday e Carroll hanno avuto alcuni disaccordi sull'opera d'arte. Carroll inizialmente si oppose alla personificazione della speranza e della cura di Holiday, ma accettò il cambiamento, quando Holiday spiegò che intendeva solo aggiungere un altro livello di significato alla parola "con". Tuttavia, Carroll rifiutò la sua illustrazione del boojum, preferendo che la creatura andasse senza una rappresentazione, e gli fece cambiare la sua rappresentazione iniziale dell'Ombra, poiché avrebbe potuto essere percepita come antisemita .

Quando fu finalmente pubblicata, la poesia comprendeva 141 strofe di quattro versi ciascuna, con rime interne nella prima e nella terza riga di stanze irregolari che apparivano nella poesia dal secondo episodio in poi. Martin Gardner ha annotato in The Hunting of the Snark che Elizabeth Sewell ha sottolineato in The Field of Nonsense (1973) che un verso nella poesia di Carroll ha una somiglianza con un verso in un limerick ("C'era un vecchio di Port Grigor ... ") di Edward Lear.

Illustrazioni

Per illustrare la poesia Carroll scelse Henry Holiday, che aveva incontrato nel 1869 o 1870. All'epoca Carroll gli si avvicinò per chiedergli se poteva creare tre illustrazioni per la poesia, Carroll aveva completato tre "adattamenti", come chiamava le parti di la sua poesia - fit può significare canto o convulsione - "The Landing", "The Hunting" e "The Vanishing". Intendeva intitolarlo The Boojum e includerlo nel suo romanzo fantasy Sylvie e Bruno, che all'epoca era incompiuto. Tuttavia, alla fine di ottobre 1875, Carroll pensò di farlo pubblicare durante il periodo natalizio ; ciò si è rivelato impossibile, poiché l'incisione su legno per le illustrazioni ha richiesto tre mesi per essere completata. Quando Holiday aveva completato gli schizzi e li aveva inviati a Carroll, Carroll aveva già creato un nuovo adattamento che richiedeva un'illustrazione. Hanno funzionato in questo modo fino a quando Holiday non ha creato nove illustrazioni oltre alla copertina anteriore e posteriore del libro. Pertanto, tra le dieci illustrazioni mostrate di seguito, un'illustrazione non è di Holiday. L'"Ocean Chart" è un'arte tipografica, mentre gli elettrotipi realizzati dalle incisioni xilografiche di Joseph Swain sono stati utilizzati per stampare le illustrazioni di Holiday.

Non vi è alcuna rappresentazione dello Snark, né di Boots. Tuttavia, sulla base di una bozza di Carroll, lo snark è stato autorizzato a comparire in un'illustrazione di Holiday, dove è apparso in un sogno dell'avvocato.

L'illustrazione del capitolo The Banker's Fate potrebbe contenere riferimenti pittorici all'incisione The Image Breakers di Marcus Gheeraerts il Vecchio, al dipinto di William Sidney Mount The Bone Player e a una fotografia di Benjamin Duchenne usata per un disegno nel libro di Charles Darwin del 1872 L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali .

Storia della pubblicazione

Cinta di un abito fanciullesco per un compito fanciullesco
Desiderosa brandisce la sua vanga: eppure ama anche
Riposa su un ginocchio amichevole, intenta a chiedere
La favola che ama raccontare.

Spiriti maleducati della ribollente contesa esteriore,
Insoddisfatti nel leggere il suo puro e semplice allegria, Considerate
, se si elenca, tali ore uno spreco di vita
Vuota di ogni piacere!

Continua a chiacchierare, dolce cameriera, e salva dagli infastiditi
Hearts che con discorsi più saggi non vengono ingannati.
Ah, beato colui che possiede quella gioia più tenera,
L'amore di cuore di un bambino!

Via i pensieri affettuosi e non irritare più la mia anima!
Il lavoro reclama le mie notti sveglie, i miei giorni occupati,
sebbene ricordi luminosi di quel cortometraggio illuminato dal sole
, tuttavia ossessionano il mio sguardo sognante!

—Lewis Carroll, La caccia allo snark

Alla stampa del libro il 29 marzo 1876, Carroll regalò ottanta copie firmate ai suoi giovani amici preferiti; in modo tipico, li firmava con brevi poesie, molte delle quali acrostici del nome del bambino. Dedicò La caccia allo snark a Gertrude Chataway, con la quale aveva stretto amicizia nell'estate del 1875 nella cittadina balneare inglese di Sandown sull'isola di Wight . Ha terminato la dedica un mese dopo aver stretto amicizia con lei, un doppio poema acrostico che non solo scriveva il suo nome, ma conteneva una sillaba del suo nome nella prima riga di ogni strofa. La strofa della sua prima bozza concludeva " Riposa su un ginocchio amichevole, la storia da chiedere / Che si diletta a raccontare ". La poesia è stata stampata in The Hunting of the Snark con il permesso della madre di Chataway.

Incluso in molte copie della prima edizione di The Hunting of the Snark c'era il volantino religioso di tre pagine di Carroll per i suoi giovani lettori, Un saluto pasquale a ogni bambino che ama "Alice" . Scritto in gran parte il 5 febbraio 1876, An Easter Greeting esplora il concetto di innocenza e vita eterna attraverso allusioni bibliche e allusioni letterarie agli scrittori romantici William Blake e William Wordsworth . Gardner suggerisce che Carroll abbia incluso il volantino come un modo per bilanciare il tono scuro della poesia. Lo studioso Selwyn Goodacre ipotizza che, poiché molte copie della prima edizione del poema contengono il trattato, esiste la possibilità che tutte le prime edizioni avessero originariamente una copia di An Easter Greeting .

Accoglienza ed eredità

La prima stampa di The Hunting of the Snark consisteva in 10.000 copie. Alla conclusione del 1876 aveva visto due ristampe, con un totale di 18.000 o 19.000 copie circolanti. In totale, la poesia fu ristampata diciassette volte tra il 1876 e il 1908.

The Hunting of the Snark ha ricevuto recensioni in gran parte contrastanti dai revisori contemporanei di Carroll. Andrew Lang dell'Accademia ha criticato la decisione di Carroll di usare la poesia invece della prosa e il suo titolo troppo accattivante. L'Athenaeum l' ha descritta come "la più sconcertante della poesia moderna", chiedendosi "se sia stato semplicemente ispirato a ridurre all'idiozia quanti più lettori e soprattutto revisori possibile". Secondo Vanity Fair, il lavoro di Carroll era progressivamente peggiorato dopo Alice's Adventures in Wonderland (1865), con The Hunting of the Snark che era la peggiore delle sue opere e "non degno [del] nome di sciocchezze". Mentre The Spectator ha scritto che il verso finale della poesia aveva il potenziale per diventare un proverbio, ha criticato la poesia definendola "un fallimento" che avrebbe potuto avere successo con più lavoro dell'autore. Il Saturday Review ha scritto che la poesia offriva "speculazioni infinite" sulla vera identità dello Snark, sebbene il recensore senza nome ritenesse che la natura familiare delle sciocchezze di Carroll ne indebolisse l'effetto per il lettore. Al contrario, The Graphic ha elogiato la poesia come un gradito allontanamento dai libri di Alice e l'ha definita "una gloriosa sciocchezza", che potrebbe piacere a tutti i fan di Alice .

"The Hunting of the Snark" ha alcuni elementi in comune con le altre opere di Carroll. Condivide l'amore del suo autore per i giochi di parole sulla parola "adattarsi" con Alice's Adventures in Wonderland, e le menzioni di "mozziconi di candela" e "formaggio tostato" con il suo poema soprannaturale Phantasmagoria . Inoltre tutte e tre le opere includono il numero "42". Un altro dei romanzi per bambini di Carroll, Sylvie e Bruno Concluded (1893) fa riferimento al Boojum.

Altri illustratori di The Hunting of the Snark includono Peter Newell (1903), Edward A. Wilson (1932), Mervyn Peake (1941), Aldren Watson (1952), Tove Jansson (1959), Helen Oxenbury (1970), Byron Sewell ( 1974), John Minnion (1974), Harold Jones (1975), Ralph Steadman (1975), Quentin Blake (1976), Frank Hinder (1989) e Brian Puttock (1997).

Impatto culturale

L' albero di Boojum in Baja California, Messico, prende il nome dalla poesia.

The Hunting of the Snark ha visto vari adattamenti in musical, opera, teatro, opere teatrali e musica, tra cui un pezzo per trombone del compositore norvegese Arne Nordheim (1975) un'interpretazione jazz (2009) e (nella traduzione francese - La chasse au Snark ) con musiche di Michel Puig per cinque attrici, otto attori e un ensemble strumentale di cinque musicisti, è stato presentato per la prima volta al Festival d'Avignon nel 1971. La poesia è stata trasformata in un musical del West End con un budget di 2 milioni di sterline The Hunting of the Snark di Mike Batt.

La poesia ha ispirato la letteratura, come The Cruise of the Snark (1911) di Jack London, il racconto di fantascienza "Chaos, Coordinated" (1947) di John MacDougal, With Forks and Hope (1964) di Elspeth Huxley e il titolo del romanzo di Kate Wilhelm "With Thimbles, with Forks and Hope". L'autrice americana Edith Wharton (1862-1937) amava la poesia da bambina.

Inoltre, è stato anche accennato a in

Analisi

Secondo alcuni studiosi, nell'illustrazione di Holiday per l' attacco finale di The Hunting of the Snark, si possono vedere il volto nascosto del fornaio e alcune parti del Boojum.

Vari temi sono stati suggeriti dagli studiosi. Secondo la biografa Florence Becker Lennon, il " motivo della perdita del nome o dell'identità" della poesia è tipico dell'opera di Carroll. Richard Kelly scrive che la poesia contiene un "tema dell'annientamento". Inoltre, Edward Giuliano ritiene che lo Snark rientri nella tradizione senza senso di Thomas Hood e, in particolare, di WS Gilbert, il librettista della famosa squadra di Gilbert e Sullivan . Secondo lui, si può sostenere un'influenza diretta delle Bab Ballads di Gilbert in The Hunting of the Snark, sulla base del fatto che Carroll conosceva bene la scrittura comica e il teatro della sua epoca.

In risposta a varie lettere che chiedevano il significato della poesia, Carroll rispondeva spesso che non lo sapeva. Tuttavia, in una risposta del 1896 a una lettera, era d'accordo con un'interpretazione del poema come un'allegoria per la ricerca della felicità.

Sono state suggerite interpretazioni ampiamente diverse di The Hunting of the Snark : un'allegoria per la tubercolosi, una presa in giro del caso Tichborne, una satira delle controversie tra religione e scienza, la repressione della sessualità di Carroll e un pezzo contro la vivisezione, tra gli altri. Secondo Cohen, la poesia rappresenta un "viaggio della vita", con la scomparsa del Fornaio causata dalla sua violazione delle leggi della natura, sperando di svelarne i misteri. Lennon vede The Hunting of the Snark come "una tragedia di frustrazione e sconcerto", paragonabile alle prime commedie dell'attore britannico Charlie Chaplin .

Secondo Kelly, The Hunting of the Snark è "l'interpretazione comica di Carroll delle sue paure del disordine e del caos, con la commedia che funge da difesa psicologica contro l'idea devastante di annientamento personale". Kelly scrive che la regola del tre di Bellman e l'inizio del nome di ogni personaggio con la lettera B sono "tentativi notevoli di creare un senso di ordine e significato fuori dal caos".

FCS Schiller, scrivendo sotto lo pseudonimo di "Snarkophilus Snobbs", interpreta la poesia come un'allegoria del tentativo dell'uomo di comprendere "l'Assoluto" e i membri dell'equipaggio rappresentano diversi approcci culturali al problema. La sua interpretazione del Sixth Fit, "The Barrister's Dream" è particolarmente degna di nota: legge il processo al maiale per aver abbandonato il suo porcile come un simbolo del dibattito etico sul fatto che il suicidio debba essere condannato come un'azione immorale o colpevole. Il maiale che abbandona il suo porcile rappresenta la persona suicida che abbandona la vita. (Come il maiale, è colpevole, ma essere morto non è punibile.)

Martin Gardner vede la poesia come incentrata sull'angoscia esistenziale e afferma che il panettiere potrebbe essere la satira di se stesso di Carroll, indicando il fatto che il panettiere prendeva il nome da un amato zio, come lo era Carroll, e che i due avevano più o meno la stessa età al momento della stesura del poema. In alternativa, Larry Shaw della rivista di fan Inside e Science Fiction Advertiser suggerisce che gli Boots, essendo lo Snark, abbiano effettivamente ucciso il Baker.

Erano stati suggeriti anche riferimenti a questioni religiose, come le 42 scatole di Baker's come riferimento ai Quarantadue articoli di Thomas Cranmer con un focus sull'ultimo articolo sulla dannazione eterna e l'illustrazione di Holiday all'ultimo capitolo contenente un'allusione pittorica alla ardente.

Guarda anche

SnarkRear.svg

Appunti

Riferimenti

Fonti

Ulteriori letture

  • Faimberg, Haydée (2005) [1977]. "The Telescoping of Generations: 'Lo Snark era un Boojum'". Lettura di Lewis Carroll . pp. 117–128. ISBN 1-58391-752-7.
  • Schweitzer, Louise (2012). "In circa un quarto della tesi di dottorato di Schweitzer, diversi capitoli sono dedicati a The Hunting of the Snark (pagine 197-257)". Un fiore selvatico . Londra, Regno Unito: Austin e Macauley. ISBN 978-1-84963-146-4.
  • Soto, Fernando (autunno 2001). "Il consumo dello snark e il declino delle sciocchezze: una lettura medico-linguistica di 'Fitful Agony' di Carroll". Il Carrolliano (8): 9–50. ISSN 1462-6519 .

link esterno