Formica tessitrice -Weaver ant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

formica tessitrice
Gamma temporale:47–0 ma Eocene – Recente
Red Weaver Ant, Oecophylla smaragdina.jpg
Formica tessitrice ( Oecophylla smaragdina ) grande operaia ( India ).
Red Weaver Ant, Oecophylla longinoda.jpg
Formica tessitrice ( Oecophylla longinoda ) grande operaia ( Tanzania )
Classificazione scientifica e
Regno: Animalia
Phylum: Artropodi
Classe: Insetto
Ordine: Imenotteri
Famiglia: Formicidi
Sottofamiglia: Formicine
Tribù: Oecophyllini
Emery, 1895
Genere: Oecophylla
Smith, 1860
Tipo specie
Formica virescens (sinonimo minore di Oecophylla smaragdina )
Diversità
2 specie esistenti
13 specie estinte
Mappa che mostra la gamma di Oecophylla
Mappa della gamma di Oecophylla .
Oecophylla longinoda in blu, Oecophylla smaragdina in rosso.

Le formiche tessitrici o formiche verdi ( genere Oecophylla ) sono insetti eusociali della famiglia Formicidae (ordine Hymenoptera ). Le formiche tessitrici vivono sugli alberi (sono obbligatoriamente arboree ) e sono note per il loro comportamento unico di costruzione del nido in cui i lavoratori costruiscono nidi intrecciando le foglie usando la seta larvale . Le colonie possono essere estremamente grandi, costituite da più di cento nidi che si estendono su numerosi alberi e contengono più di mezzo milione di lavoratori. Come molte altre specie di formiche, le formiche tessitrici predano piccoli insetti e integrano la loro dieta con melata ricca di carboidrati escreta da piccoli insetti ( Hemiptera ). I lavoratori delle formiche tessitrici mostrano una chiara distribuzione dimensionale bimodale, con quasi nessuna sovrapposizione tra le dimensioni dei lavoratori minori e maggiori. I lavoratori maggiori sono lunghi circa 8–10 mm (0,31–0,39 pollici) e i minori sono lunghi circa la metà delle major. I lavoratori principali foraggiano, difendono, mantengono ed espandono la colonia, mentre i lavoratori minori tendono a rimanere all'interno dei nidi dove si prendono cura della covata e delle cocciniglie "latte" dentro o vicino ai nidi.

Regina della formica tessitrice morta portata da una formica operaia

Le formiche tessitrici variano di colore dal rossastro al marrone giallastro a seconda della specie. Oecophylla smaragdina trovata in Australia ha spesso gasters verde brillante . Le formiche tessitrici sono altamente territoriali e i lavoratori difendono aggressivamente i loro territori dagli intrusi. Poiché predano insetti dannosi per i loro alberi ospiti, le formiche tessitrici vengono talvolta utilizzate dagli agricoltori indigeni, in particolare nel sud-est asiatico, come agenti di biocontrollo naturale contro i parassiti agricoli. Sebbene le formiche tessitrici non abbiano una puntura funzionale, possono infliggere morsi dolorosi e spesso spruzzare acido formico direttamente sulla ferita del morso con conseguente intenso disagio.

Specie

Specie esistenti:

Specie estinte:

Tassonomia

Scambio di liquidi alimentari ( trofallassi ) in O. smaragdina

Le formiche tessitrici appartengono al genere di formiche Oecophylla (sottofamiglia Formicinae) che contiene due specie viventi strettamente imparentate: O. longinoda e O. smaragdina . Sono provvisoriamente collocati in una loro tribù, gli Oecophyllini . Il genere di formiche tessitrici Oecophylla è relativamente antico e sono state trovate 15 specie fossili dall'Eocene al Miocene. Anche altri tre generi di formiche intrecciatrici, Polyrhachis, Camponotus e Dendromyrmex, usano la seta larvale nella costruzione del nido, ma la costruzione e l'architettura dei loro nidi sono più semplici di quelle di Oecophylla .

Due O. smaragdina che trasferiscono cibo alla loro colonia

Le caratteristiche comuni del genere includono un primo segmento funicolare allungato, presenza di lobi propodeali, helcio a metà altezza del segmento addominale 3 e gaster in grado di riflettere sul mesosoma. I maschi hanno artigli pretarsali vestigiali .

Distribuzione e habitat

O. longinoda è distribuito negli Afrotropici e O. smaragdina dall'India e dallo Sri Lanka nell'Asia meridionale, attraverso l'Asia sudorientale fino all'Australia settentrionale e alla Melanesia . In Australia, Oecophylla smaragdina si trova nelle aree costiere tropicali fino a Broome nell'Australia occidentale e attraverso i tropici costieri del Territorio del Nord fino a Yeppoon nel Queensland .

Ontogenesi delle colonie e organizzazione sociale

Formiche tessitrici che collaborano per tirare insieme le foglie del nido

Le colonie di formiche tessitrici sono fondate da una o più femmine accoppiate ( regine ). Una regina depone la sua prima covata di uova su una foglia e protegge e nutre le larve fino a quando non si trasformano in operaie mature. Gli operai quindi costruiscono nidi di foglie e aiutano ad allevare la nuova covata deposta dalla regina. Con l'aumento del numero di lavoratori, vengono costruiti più nidi e la produttività e la crescita delle colonie aumentano in modo significativo. I lavoratori svolgono compiti essenziali per la sopravvivenza della colonia, tra cui il foraggiamento, la costruzione di nidi e la difesa della colonia. Lo scambio di informazioni e la modulazione del comportamento dei lavoratori che si verificano durante le interazioni lavoratore-lavoratore sono facilitati dall'uso di segnali di comunicazione chimici e tattili. Questi segnali sono usati principalmente nei contesti di foraggiamento e difesa delle colonie. I raccoglitori di successo tracciano tracce di feromoni che aiutano a reclutare altri lavoratori verso nuove fonti di cibo. Le tracce di feromoni vengono utilizzate anche dai pattugliatori per reclutare lavoratori contro intrusi territoriali. Insieme ai segnali chimici, i lavoratori utilizzano anche segnali di comunicazione tattile come l'attenzione e il tremolio del corpo per stimolare l'attività nei destinatari del segnale. La comunicazione multimodale nelle formiche tessitrici di Oecophylla contribuisce in modo importante all'auto-organizzazione della colonia . Come molte altre specie di formiche, i lavoratori di Oecophylla mostrano un comportamento di portamento sociale come parte del processo di reclutamento, in cui un lavoratore trasporterà un altro lavoratore nelle sue mandibole e lo trasporterà in un luogo che richiede attenzione.

Comportamento nella costruzione del nido

Nido di formiche tessitrici su un albero di mango

Le formiche tessitrici di Oecophylla sono note per il loro comportamento cooperativo utilizzato nella costruzione di nidi. Forse la prima descrizione del comportamento nella costruzione del nido della formica tessitrice fu fatta dal naturalista inglese Joseph Banks, che prese parte al viaggio del capitano James Cook in Australia nel 1768. Un estratto dal Joseph Banks' Journal (citato in Hölldobler e Wilson 1990) è incluso di seguito:

Le formiche... una verde come una foglia, e che viveva sugli alberi, dove costruiva un nido, di dimensioni comprese tra quella della testa di un uomo e il suo pugno, piegando insieme le foglie e incollandole con sostanze cartacee biancastre che le tenevano saldamente insieme. Nel fare ciò la loro gestione era molto curiosa: piegano quattro foglie più larghe della mano di un uomo e le posizionano nella direzione che preferiscono. Ciò richiede una forza molto più grande di quella di cui questi animali sembrano capaci; molte migliaia infatti sono impiegate nel lavoro congiunto. Ne ho visti quanti potevano stare l'uno accanto all'altro, tenendo una tale foglia, ciascuno tirando giù con tutte le sue forze, mentre altri dentro erano adoperati per fissare la colla. Come l'avessero piegata non ebbi modo di vedere, ma era trattenuto da una forza maggiore, lo provai facilmente disturbando una parte di loro, su cui la foglia sbocciando dal resto, tornò alla sua situazione naturale, e io Ho avuto l'opportunità di provare con il dito la forza di questi animaletti deve aver usato per abbatterlo.

La capacità della formica tessitrice di costruire nidi capienti con foglie vive ha innegabilmente contribuito al loro successo ecologico. La prima fase nella costruzione del nido coinvolge i lavoratori che rilevano le potenziali foglie di nidificazione tirando i bordi con le mandibole. Quando alcune formiche hanno piegato con successo una foglia su se stessa o tirato il bordo verso un'altra, altri lavoratori nelle vicinanze si uniscono allo sforzo. La probabilità che un lavoratore si unisca allo sforzo concertato dipende dalle dimensioni del gruppo, con i lavoratori che mostrano una maggiore probabilità di aderire quando la dimensione del gruppo è ampia. Quando l'intervallo tra due foglie è fuori dalla portata di una singola formica, i lavoratori formano catene con i loro corpi afferrandosi l'un l'altro il picciolo (vita). Molteplici catene intricate che lavorano all'unisono vengono spesso utilizzate per unire insieme grandi foglie durante la costruzione del nido. Una volta che i bordi delle foglie sono stati uniti, altri lavoratori recuperano le larve dai nidi esistenti usando le loro mandibole. Dopo aver raggiunto una cucitura da unire, questi lavoratori battono la testa delle larve intrappolate, che le fa espellere la seta . Possono produrre solo così tanta seta, quindi la larva dovrà impuparsi senza un bozzolo. I lavoratori quindi manovrano tra le foglie in modo altamente coordinato per legarle insieme. I nidi delle formiche tessitrici sono solitamente di forma ellittica e di dimensioni variabili da una singola piccola foglia piegata e legata su se stessa a grandi nidi costituiti da molte foglie e misurano oltre mezzo metro di lunghezza. Il tempo necessario per costruire un nido varia a seconda del tipo di foglia e delle eventuali dimensioni, ma spesso un grande nido può essere costruito in meno di 24 ore. Sebbene i nidi delle formiche tessitrici siano forti e impermeabili all'acqua, i lavoratori delle grandi colonie costruiscono continuamente nuovi nidi per sostituire i vecchi nidi morenti e quelli danneggiati dalle tempeste.

Rapporto con l'uomo

In agricoltura

O. smaragdina che si prende cura delle cocciniglie

Grandi colonie di formiche tessitrici di Oecophylla consumano quantità significative di cibo e i lavoratori uccidono continuamente una varietà di artropodi (principalmente altri insetti ) vicino ai loro nidi. Gli insetti non vengono consumati solo dai lavoratori, ma questa fonte proteica è necessaria per lo sviluppo della covata. Poiché i lavoratori delle formiche tessitrici cacciano e uccidono gli insetti che sono parassiti delle piante potenzialmente dannosi, gli alberi che ospitano le formiche tessitrici traggono vantaggio dall'avere livelli ridotti di erbivori . Sono stati tradizionalmente utilizzati nel controllo biologico negli agrumeti cinesi e del sud-est asiatico almeno dal 400 d.C. Molti studi hanno dimostrato l'efficacia dell'uso delle formiche tessitrici come agenti di biocontrollo naturale contro i parassiti agricoli. L'uso delle formiche tessitrici come agenti di biocontrollo è stato particolarmente efficace per l'agricoltura frutticola, in particolare in Australia e nel sud-est asiatico . Gli alberi da frutto che ospitano le formiche tessitrici producono frutti di qualità superiore, mostrano meno danni alle foglie da parte degli erbivori e richiedono meno applicazioni di pesticidi sintetici . D'altra parte, proteggono le cocciniglie che "mungono" per la melata . In molti casi l'uso delle formiche tessitrici si è tuttavia dimostrato più efficiente dell'applicazione di insetticidi chimici e allo stesso tempo più economico, lasciando agli agricoltori un reddito netto maggiore e un controllo dei parassiti più sostenibile.

L'allevamento delle formiche tessitrici è spesso praticato nel sud-est asiatico, dove gli agricoltori forniscono riparo, cibo e costruiscono corde tra alberi popolati da formiche tessitrici per proteggere le loro colonie da potenziali concorrenti.

Le colonie di Oecophylla potrebbero non essere del tutto benefiche per le piante ospiti. Gli studi indicano che la presenza di colonie di Oecophylla può anche avere effetti negativi sulle prestazioni delle piante ospiti riducendo la rimozione dei frutti da parte di mammiferi e uccelli e quindi riducendo la dispersione dei semi e abbassando il tasso di visita dei fiori degli insetti volanti, compresi gli impollinatori. Le formiche tessitrici hanno anche un effetto negativo sulla produttività degli alberi proteggendo gli insetti che nutrono la linfa come le cocciniglie e le cicaline da cui raccolgono la melata . Proteggendo questi insetti dai predatori, aumentano la loro popolazione e aumentano i danni che provocano agli alberi.

Cibo e medicina

I pacchetti di foglie di larve a Isaan vengono generalmente venduti per circa 20 baht thailandesi ciascuno (circa 0,65 USD)

Le formiche tessitrici sono uno dei tipi più apprezzati di insetti mangiati dall'uomo ( entomofagia ). Oltre ad essere utilizzate come agente di controllo biologico per aumentare la produzione vegetale, le formiche tessitrici possono essere utilizzate direttamente come fonte di proteine ​​e cibo poiché le formiche (in particolare le larve di formiche) sono commestibili per l'uomo e ricche di proteine ​​e acidi grassi. In alcuni paesi la formica tessitrice è una prelibatezza molto apprezzata, raccolta in grandi quantità e in questo modo contribuisce alla socioeconomia locale. Nella Thailandia nord-orientale il prezzo delle larve di formiche tessitrici è il doppio del prezzo della carne bovina di buona qualità e in una singola provincia thailandese vengono raccolte larve di formiche per un valore di 620.000 dollari USA ogni anno. È stato inoltre dimostrato che la raccolta delle formiche tessitrici può essere mantenuta mentre allo stesso tempo si utilizzano le formiche per il biocontrollo degli insetti nocivi nelle piantagioni tropicali, poiché le larve e le pupe regina, che sono l'obiettivo principale del raccolto, non sono vitali per la colonia sopravvivenza.

Le larve delle formiche tessitrici vengono anche raccolte commercialmente come mangime costoso per gli uccelli insettivori in Indonesia, e le formiche operaie sono utilizzate nella medicina tradizionale, ad esempio in India e Cina.

Guarda anche

Riferimenti

link esterno